I pistola scarichi

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Non ci sono parole, ma solo parolacce, per commentare i ricatti tentati da Draghi e dalle sue cheerleader per trattenere i 5Stelle. Anzitutto perché, dopo la scissione dimaiana, il governo ha la maggioranza anche senza il M5S. Ma soprattutto perché partiti e giornali governisti attaccano ogni giorno i 5Stelle, le loro riforme, il loro programma, […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

54 replies

  1. I pistola scarichi

    (di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Non ci sono parole, ma solo parolacce, per commentare i ricatti tentati da Draghi e dalle sue cheerleader per trattenere i 5Stelle. Anzitutto perché, dopo la scissione dimaiana, il governo ha la maggioranza anche senza il M5S. Ma soprattutto perché partiti e giornali governisti attaccano ogni giorno i 5Stelle, le loro riforme, il loro programma, la loro stessa esistenza: quindi non si capisce perché tengano tanto alla loro presenza al governo. Anzi, si capisce: vogliono continuare a demolire le loro leggi e proposte per poterli insultare meglio fino alle elezioni (“hanno cambiato idea su tutto, svendono le loro idee per qualche poltrona”). Ma questo è il motivo principale per cui i 5Stelle dovrebbero fuggire al più presto. Conte ha consegnato a Draghi 9 proposte che non riguardano il M5S, ma gli italiani. Se il premier pensa davvero che “il governo non esiste senza i 5Stelle”, trasformi quei 9 punti in altrettanti decreti e il governo col M5S continua. Sennò lui e i suoi reggicoda dovrebbero piantarla coi ricatti: pistole scariche che non spaventano nessuno. Draghi minaccia di salire al Quirinale se i 5Stelle non votano la fiducia in Senato sul dl Aiuti (in cui ha infilato l’inceneritore di Roma, estraneo agli Aiuti, solo per umiliarli), poi ci sale già ieri. E chissenefrega: tanto poi scende. E il governo, avendo la maggioranza anche senza di loro, resta in piedi. Salvo che sia Draghi a dimettersi e a rovesciarlo: nel qual caso, affari suoi.

    I giornaloni annunciano che, se Conte esce, altri 10 o 20 deputati vanno con Di Maio: e richissenefrega. Il M5S deve recuperare voti fra i cittadini, non fra i peones che fra sei mesi spariranno nel nulla da cui vengono: gli unici guai li avrà Di Maio, dovendo garantire loro quei posti sicuri che non ha neppure per sé e i suoi cari; non certo il M5S, che più trasformisti perde, più voti guadagna. Il Pd minaccia che, se Conte molla, non si allea più con lui, ma con Di Maio. E strachissenefrega: a parte che Di Maio ha meno elettori che candidati, la prima vittima dell’ideona sarebbe il Pd che, col Rosatellum, perderebbe tutti gli uninominali; e, col proporzionale, regalerebbe al M5S l’occasione d’oro di ripresentarsi da solo contro le destre e la presunta sinistra, raccogliendo gl’incazzati dell’una e dell’altra. Ma il ricatto più esilarante è il mantra “guai a chi fa cadere il governo in un momento come questo”. Per cadere, il governo dovrebbe esistere e, dalle Quirinarie in poi, non esiste più. In un momento come questo dovrebbe fare un sacco di cose, invece non fa nulla. E la gente se n’è accorta: con una maggioranza del 90%, il consenso di Draghi è precipitato al 48%. Chi vuole evitare che la Meloni si pappi tutto il restante 52% sa cosa deve fare.

    Piace a 8 people

    • Oh mamma!
      C’è sempre qualcuno che si dispiace di qualcosa che, a suo dire, non è stata chiesta o fatta.
      Ho letto commenti simili a questo con riguardo al trattamento degli animali.
      Il M5S lo ha sempre chiesto ed è nel suo programma elettorale fin dall’inizio. Ora non è che per accontentare tutti disattenti e superficiali, i 5Stelle in coro, ogni giorno, a tutte le ore e minuti, devono stare ad urlare e snocciolare tutto su tutto lo scibile umano e non anche perché i media non lo riporterebbero e per l’italiota medio, la gente comune non lo ha detto o fatto, perché non li sente e non se ne interessa veramente.
      Sono i cittadini che, come hanno sempre detto i 5Stelle, devono attivarsi e diventare consapevoli.

      Piace a 2 people

  2. Se Conte è capace di circondarsi di persone capaci e di parlare chiaramente dei concreti interessi che intende perseguire, opposti alle lobbies, ai comitati di affari e cerchie di potere deviato, allora avrà il riconoscimento, anche elettorale, della correttezza del percorso finalmente intrapreso.

    Piace a 7 people

      • Si sono fatti più esperti, Caterina.
        Allora non se l’aspettavano. Comunque, già un risultato è stato ottenuto: oggi non si parlava d’altro che del m5s.
        Magari per criticarlo, come all’epoca, ma va bene così!

        "Mi piace"

      • E vero ma anche la gente si è fatta più scafata.
        Berlusconi è stato sgamato dopo un po’ di anni ma mezza Italia non era con lui mentre il cazzaro di Rignano dopo un anno era già a terra.

        Piace a 1 persona

      • Da tutti i tuoi post, che infatti ho, in massima parte, apprezzato, ho riconosciuto la mia stessa positività e capacità di vedere il bicchiere mezzo pieno.
        Speriamo di avere ragione, Caterina! 🤞🏻

        "Mi piace"

      • Ti ringrazio. Io sono convinto che i problemi che ha il M5S siano originati da Grillo che si è sempre intestardito a rimanere dentro. C’è una battuta simpatica che dice se dopo pochi minuti che stai giocando a poker non hai capito chi è il pollo da spennare vuol dire che quel pollo sei tu.
        Ecco io penso che questa volta il pollo sia Grillo solo che ci hanno rimesso i 5S.

        "Mi piace"

      • Ma sai un tizio che nella sua vita precedente ha fatto i miliardi prendendo per il cuxo tutto e tutti trovarsi dalla parte del pollo non deve avergli fatto molto piacere. Grillo è un egoico si considera il più dritto di tutti. Se metti insieme due dritti come lui ci fai un cerchione per la bicicletta. Comunque chiamami Massimo l’account è a nome di mia moglie

        "Mi piace"

      • Ecco perché…
        avevo notato l’uso del maschile, ma inizialmente ho pensato ad un errore di battitura.
        Ok, Massimo, benvenuto!

        "Mi piace"

      • Esatto… E già i “giornalisti” ridacchiavano all’idea del solito penultimatum, pronti a ridicolizzarli oggi… 🤦🏻‍♀️
        Qualsiasi cosa faranno, la gogna mediatica è pronta.

        "Mi piace"

  3. Beh ! Di che stupirsi ? Appena i 5 stelle erano diventati maggioranza di governo é cominciato il sistema Raggi !! Poi hanno fatto tutto da soli e con i consigli di Marco che
    Li esortava alla stretta del boa pd ( e come già scrissi tempo fa , il suo primo amore non lo puo dimenticare) adesso ha evidentemente cambiato parere , ma la cosa é assurda : ha fatto di tutto per buttarli nelle braccia del Pd !!

    Piace a 1 persona

    • Veramente si sono alleati col PD non appena la 5ega li ha paccati. In quel momento era l’unica scelta percorribile. Poi, sì, già dall’inizio Travaglio vedeva meglio un’alleanza col PD, probabilmente perché i toni sguaiati del Carroccio (che pure una volta votò) gli erano indigesti, ma il PD-L gli ha, sempre fatto discretamente schifo. Col senno di poi credo che abbia rivalutato l’esperienza gialloverde.

      "Mi piace"

      • Niente, la nazinonna si è fissata che il primo amore di Travaglio sia stato il pd.
        Lasciala nella sua convinzione, tanto è impossibile che un fatto oggettivo le faccia cambiare idea.

        "Mi piace"

    • E no caro Manna. Fin dal momento in cui sono entrati nel governo dei marci Travaglio ha sempre detto che non ci dovevano entrare.

      "Mi piace"

  4. MT ha ragione, anche se 150 pseudo parlamentari, al grido indennità integra e poltrona assicurata, decidessero di navigare verso altre putride acque, l’importante è che Conte non perda la bussola e pensi ai cittadini, potenziali elettori vecchi e nuovi. Il Movimento non può, non deve più collaborare – è un eufemismo per non dire assoggettarsi – a un governo che non potrebbe essere più anti grillino ( grillino originale, non decadente). E se Draghetto vuole mandare tutti a votare, e lui ritirarsi, si accomodi. Numeri alla mano, il Movimentò non c’entra. FUORI DUNQUE! E subito, prima che sia troppo tardi.

    Piace a 6 people

  5. Non escludo che … in cauda venenum.
    Per chiunque governerà in autunno saranno cavoli amarissimi. e magari al Miugliore conviene defilarsi per tempo. Tanto, di riffa o di raffa, la nostra politica – internas ed estera – non potrebbe cambiare: non la decidiamo noi.
    In mente il famoso “Bisogna che tutto cambi perchè nulla cambi”? Ecco…

    "Mi piace"

  6. E ancora si punta su un brocco per vincere il Gran premio,
    Incredibile come i sogni mistifichino la realtà,
    Di penultimatum in penultimatum mr.tentenna ancora illude i 4 pesciolini rossi che la boccia in cui vivono sia il Danubio.

    Piace a 1 persona

  7. Appare chiaro che Draghi farà di tutto per andarsene “vergine”( accompagnato dal coro dei vedovi inconsolabili) per non accollarsi l’autunno caldo che lui stesso ha contribuito ad accendere, bisognerebbe lasciarlo lì,a bagnomaria, a fare i conti ( dicono sia bravo a farlo) con il gas alla canna e il bilancio senza denari,ma certo è difficile, sarà lui il primo a mollare, tanto vale quindi prepararsi per tempo e cercare di recuperare gli elettori persi e gli astenuti ( magari,se vuole,con di Battista), se per fare questo anche il “marchio”5S dovesse apparire obsoleto o paragonabile al “tanto sono tutti uguali” ( chi comanda è questo che vuole), si potrebbe anche cambiare nome e lasciare il vecchio a di Maio e Grillo,vediamo che combinano…

    Piace a 1 persona

  8. Caro Travaglio, il problema non è quello che farà Draghi (chissenefrega!), ma quello che farà Conte! Crederà come al solito è si accontenterà di qualche briciola, come al solito?

    Piace a 1 persona

    • Io punto sul fatto che Draghi non si dimetterà prima di settembre. Ho azzeccato che non sarebbe diventato presidente della repubblica, vediamo se ci ho visto giusto anche stavolta.

      "Mi piace"

  9. Draghi, Mattarella e buona parte dei parlamentari sono traditori della patria criminali. Il banchiere di Schwab, Gates & C. ha quasi concluso il suo sporco lavoro (Colao sta confezionando il guinzaglio digitale che ci legherà alla catena per sempre) e poi taglierà la corda. La ggente (la maggioranza italica che si abbevera ai pozzi inquinati del mainstream) non lo ha ancora capito. Lo capirà a sue spese e con gravissimo ritardo in autunno. Per Conte e i suoi non sarà sufficiente l’abbandono della nave prima dell’affondamento per rifarsi una verginità.

    Piace a 2 people

  10. la strategia di Gonde appare identica a quella del Bomba negli ultimi giorni del governo Gonde 2: minacciare spropositi, dichiarare che “non c’è tempo”, che le famiglie hanno bisogno, che bisogna fare le riforme, etc., e consegnare al governo una lista di punti irrinunciabili (anche Renzi lo aveva fatto: remember il ponte sullo stretto?), sapendo benissimo che il governo se ne impiperà.
    e così succederà: Draghi dei 9 punti di Gonde se ne fregherà altamente. farà forse qualche concessione sul reddito (su cui già aveva deciso di puntare) e magari dall’incontro di oggi con le parti sociali caverà fuori qualcosa in tema di salari.
    quindi? le opzioni sono due:
    a) Conte decide di fare il Gonde, e arriva con un suo post a Casalini unificati strombettando la grande vittoria del Movimento, che è riuscito a piegare il governo e a ottenere “rispetto” e l’attuazione dei suoi punti (tralasciando il fatto che, su 9, ne sono stati considerati 1 e mezzo, e che per tutto il resto c’è Mastercard), e cerca di intortare per l’ennesima volta i suoi elettori dicendo di aver vinto tutto e di essere un grande, erigendosi una statua.
    b) Gonde mostra una discreta schiena dritta, e butta tutto per aria uscendo dal governo, come MT gli suggerisce da mesi e mesi. come ha fatto il Bomba. solo che, non avendo alle spalle i giornaloni, il ritorno dello GEDI, i talk show e i salotti buoni, invece di essere salutato come un grande politico, Conte viene tacciato di irresponsabilità e spernacchiato un po’ ovunque, a partire dal PD che cerca di cogliere l’occasione per vampirizzare quello che resta dei suoi voti e poi mandarlo a rottamare.
    MT dice: e chissenefrega se al M5S danno dell’irresponsabile, basta recuperare i voti dellaggente. ma davvero MT pensa che laggente tornerà a votare chi ha piroettato avanti e indietro, governato con Draghi, acconsentito al sistematico smantellamento di tutte le riforme fatte, votato per l’invio delle armi, etc. etc. e poi all’ultimo se ne esce con 9 punti irrinunciabili che vengono pure sbertucciati? io non credo. penso che laggente farà quello che sta facendo sempre più spesso: schifata, non andrà a votare.
    uno stuzzicadenti però lo voglio spezzare a favore del Gonde: uscire dal governo era la strategia giusta, e andava fatto prima. solo che non c’era un momento ideale per farlo, perché questa legislatura è ostaggio di una continua emergenza che, dall’alto, viene invocata per bloccare le cose come sono e impedire cambiamenti (a parte quando fanno comodo: vedi insediamento del governo Draghi).
    semplicemente il M5S non doveva entare nella maggioranza del governo Draghi. lo ha fatto abbagliata da un pifferaio Pagliaccione, che ha sproloquiato di draghi grillini e di cingolani magici, e sulla base dell’assunto che occorreva difendere le riforme del M5S. adesso che il Movimento sta prendendo sberloni da un anno e mezzo e le sue riforme sono state perlopiù smantellate, il pensiero di poter rimediare a tutto questo uscendo dal governo in corner è illusorio.
    è stato un suicidio, e ora è compiuto. amen.

    Piace a 4 people

    • Sociopat, oggi il cazzuolatore è in forma.
      Casalini unificati è stupenda.

      P.s.Paragonare il ponte sullo stretto al salario minimo mi pare un tantinello azzardato, come paragonare quel parvenu senz’arte né parte a Gonde.

      "Mi piace"

      • Commovente anche la storpiatura del cognome, dal vago sapore antimeridionale – a prescindere dalla provenienza del Mazzo, potrebbe anche essere di Lampedusa.
        Però, che mi ricordi, è la prima volta che leggo alcune cose condivisibili in un suo commento.

        Piace a 1 persona

      • Pirgo, ad essere onesti io ho invocato più volte l’esorciccio proprio perché è ormai frequente che mi trovi d’accordo con lui, aldilà del suo odio personale per GONDE, eh!

        Piace a 1 persona

      • Eh sì, grad è proprio in forma e “Casalini unificati” è una margarita… ante…! ahahah

        Debbo dire, contrariamente al cazzuolatore, che è la prima volta che leggo Travaglio diretto e incazzato circa l’uscita dal governo.

        Adesso però deve dirlo altrettanto direttamente e “incazzatamente” a Gonde che non nomina mai se non per ungerlo…

        "Mi piace"

    • In ogni caso, meglio tardi che mai. Su questa strada non si va da nessuna parte, ne Conte ne l’Italia

      "Mi piace"

  11. Il fu movimento quand’era vivo ha spaventato moltissimo il potere prendendo un sacco di voti nonostante il fangodotto mediatico, e riuscendo a realizzare risultati importanti nonostante lega e pd attaccati alle caviglie (l’abolizione della prescrizione penso sia la cosa che li ha fatti soffrire di più, si vedevano già dimezzati dalle galere).

    Per questo secondo me il potere gioca ora al gatto col topo col movimento ferito a morte.
    Non gli basta ammazzarlo: lo vuole squartare.
    Per sfogarsi e perchè sia un esempio per tutti.

    E Conte al governo è perfetto per il potere, perchè gliene fanno di tutte sotto il naso e lui le ingoia con una gola che ormai è una galleria, un pozzo, schifando crescentemente i suoi (ex) elettori.

    I cittadini liberi (dalla tv), stufi di questo medioevo moderno, sono tanti, e c’è il rischio che si riaggreghino, quindi vanno convinti\costretti al non voto: sono troppo pericolosi per il potere.

    Roma su Cartagine dopo l’assedio ha sparso il sale.

    Piace a 4 people

    • Lo vuoi apire che in questa situazione il domininus è stato Grillo? Chi ha voluto entrare in questo governo? Conte? No Grillo
      Chi ha voluto Cingolani alla transizione ecologica? Chi si sentiva al telefono con Draghi?
      Conte? No Grillo

      "Mi piace"

      • Caterina per me la cosa non fa molta differenza.
        Se Grillo è il male e Conte il bene, perchè il bene si presta a far tutto quello che dice il male?
        Io non lo farei, per cui Conte è responsabile non essendosi smarcato.

        A meno che non vogliamo giustificare affermazioni tipo “ho eseguito solo degli ordini” come dicevano i nazisti a Norimberga…

        "Mi piace"

      • Non è detto che non lo faccia. Ad un certo punto si stanca e se ne va e magari fonda un suo partito. Tieni presente che ha chiuso il suo studio legale e non insegna causa gli impegni politici. In questo momento non sta guadagnando un euro.

        "Mi piace"

      • Qualcuno regali a Caterina Piretti una bambola voodoo raffigurante Grillo e una serie di spilloni.
        Noi intanto continuiamo a “capire”.

        "Mi piace"

      • E la cosa che mi fa più incazzare è che la situazione si è sbloccata ma non risolta solo perché un presidente del consiglio demente ha detto a un garante lobotomizzato di fare fuori Conte.

        Piace a 2 people

      • @Santo Loquasto
        La bambolina voodoo la vorrei anch’io! Scherzi a parte chiunque voglia essere davvero a servizio della democrazia e del popolo italiano deve sicuramente tenersi a mille miglia da Beppe Grillo, assolutamente colluso con i poteri occulti che ci stanno portando alla rovina. Al di là di ciò che posta nel suo Blog ultimamente con particolare insistenza, le sue azioni hanno svelato il reale ruolo suo e del suo M5S. Sinceramente più che un grillicidio vorrei semplicemente che le forze sane che avevano creduto in lui, e che ancora esistono, trovassero il modo di esprimere una nuova forza politica autonoma dal M5S. Mi piace una frase, che non so che origine abbia, che parla del momento migliore per piantare un albero: il momento migliore era vent’anni fa, il secondo momento migliore è oggi!

        Piace a 3 people

      • Può anche darsi che qualcuno gli abbia mandato un messaggio del tipo “Sappiamo dove abiti guardati sempre alle spalle”. A volte funziona.

        "Mi piace"

  12. “semplicemente il M5S non doveva entare nella maggioranza del governo Draghi. lo ha fatto abbagliata da un pifferaio Pagliaccione, che ha sproloquiato di draghi grillini e di cingolani magici”

    No, per me i 5stelle sono entrati nel governo per non far contare niente Renzi (responsabile della caduta del governo Conte), che sennò sarebbe stato decisivo.

    Probabilmente di questo ha parlato Draghi a Grillo nella famosa telefonata.

    E’ stato un suicidio?

    Sicuro. Ma come quello dello scorpione della favola.

    "Mi piace"

  13. E quando la montagna avrà partorito il topolino vedo già Conte che se lo venderà come una grande vittoria che se non era per noi che abbiamo costretto il governo a cambiare direzione e noi qui e noi la! E niente questo buonuomo non glielafa’ proprio! Travaglio si deve dare pace! Come dicono a Roma gna fa’! Poi hai visto mai che mi sbaglio?

    "Mi piace"

    • Non essere pessimista. E poi come si dice se dalla muffa hanno ricavato la penicillina anche da Conte e Grillo si ricaverà qualcosa.

      "Mi piace"

  14. Conte è stato un buon pdc, visto la pessima condizione di avere nel suo primo governo due gatti attaccati ai coglioni, Salvini e Di Maio, e nel secondo altri due, Renzi e Di Maio, con Di Niente che non è cambiato negli ultimi 5 minuti della storia, ha finto bene e razzolato meglio. …un vero incubo per Conte cui si è aggiunto il cappellaio matto, garante de che? Attaccato da dentro e da fuori, da cui l’ unica domanda da porsi è : ma che c’ ha visto nell’ armata Brancaleone 5 stelle per decidere di diventarne capo politico? Forse valori ed ideali che condivide, come quello della democrazia, fino a prova contraria, rappresentativa parlamentare con un ruolo centrale del Parlamento. …che se poi è costituito da chi è costituito, non è certamente sua responsabilità, forse di chi vota ed elegge i parlamentari? Se poi facciamo un esercizio di memoria, i suoi predecessori sono stati Gentiloni, Renzi, Letta, Monti, Berlusconi, Prodi. …non si coglie la differenza? Certamente non è un leader che buca il video, quello che basta uno slogan : rottamiamo, si i diritti dei lavoratori, o prima gli italiani, quelli ricchi, potenti e che campano di politica da 30 anni, o meno tasse per tutti, soprattutto per me che ho evaso ed eluso il fisco fino a quando non mi hanno beccato per le briciole. …o l’ altra patriota madre dei fasci. ….insomma Conte ha altro stile ed altra dialettica, che certo non significa automaticamente capacità politica, ma le sue condizioni di esprimersi sono state difficili, rispetto a chi era stato designato leader dal garante/fondatore del M5S, eletto a furor di iscritti capo politico del M5S e riconfermato, pluriministro e vicepremier, eppure è riuscito a dimostrarsi il peggio del peggio in condizioni da miracolo. ….Nel giudicare le persone occorre giudizio e bisognerebbe ammettere che abbiamo sbagliato e che prima di commettere altri errori dovremmo imparare a giudicare su fatti e contesto, dove Conte è uno, poi ci sono anche gli altri che noi abbiamo eletto parlamentari a 5 stelle, poi diventati Lega, FdI, Misto, Coraggio, Insieme, Poltrona, Sgabello, ecc……Se Conte riuscirà a mollare il governo Draghi e rigenerare il M5S con persone migliori di quelle scelte, purtroppo, da noi, andrà giudicato su questo, sulle scelte politiche. …non sugli slogan ad effetto che non gli riescono bene, come a Di Maio dal balcone….quelli sotto ad applaudire si sono bagnati, ma non era acqua!

    "Mi piace"

    • Va bene essere scemi, ma mr.tentenna brancaleon giuseppi detto il bradipo campione di penultimatum avesse le pall€ e il carattere del leader avrebbe mandato affanculo grillo e gigino, e magari accasatosi in altra dimora,
      Invece ha e sta dimostrando tutta la sua inconsistenza, meglio se ritorna a scuola,
      Oppure si metta a disposizione, visto che quello di essere un gregario gli si addice meglio, del Dibba e dei fuoriusciti veri 5*

      "Mi piace"