Luigi Di Maio vuole Virginia Raggi nel suo nuovo partito

Luigi Di Maio vuole Virginia Raggi: nelle ultime ore sta rimbalzando una notizia che sarebbe clamorosa per gli assetti politici tra partiti.

(Domenico Iovane – lanotiziagiornale.it) – Luigi Di Maio vuole Virginia Raggi dalla sua parte: secondo alcune voci e rumors politici, l’ex sindaca di Roma sarebbe finiti nel mirino del leader di Insieme per il futuro. Conte ancora una volta deve guardarsi le spalle dagli attacchi nemici ed amici.Luigi Di Maio vuole Virginia Raggi nel suo nuovo partito: un altro attacco a Conte e al Movimento 5Stelle

Luigi Di Maio starebbe corteggiando l’ex sindaca di Roma Virginia Raggi per inserirla nel suo nuovo partito. La Raggi attualmente è consigliere comunale al Campidoglio per i 5 Stelle, oltre che presidente speciale della commissione per la candidatura di Roma a Expo 2030.

Tuttavia, lo smacco delle ultime elezioni nella Capitale e la mancata rielezione al Campidoglio avrebbe smosso qualcosa nella Raggi, soprattutto dopo le ultime evoluzioni riguardanti il termovalorizzatore. La Repubblica ha pubblicato dei messaggi della chat dei 5Stelle in cui la Raggi sembrerebbe molto adirata: “Quindi ricapitoliamo: a Roma adesso arrivano i fondi extra per il Giubileo, i fondi per la Capitale, i poteri straordinari per la Capitale, i poteri commissariali al sindaco sui rifiuti e i poteri da commissario per il Giubileo. Potrebbe arrivare anche Mazinga… Se li stavano a tenere tutti in canna…”, ha scritto nel gruppo “Quelli che l’M5S”. “Che non sembri brutto al Pd è ovvio, il punto è che non sembra brutto neanche al Movimento adesso”.

Un altro attacco a Conte

Se effettivamente la Raggi dovesse passare con Di Maio, il Ministro degli Esteri affonderebbe un doppio colpo a Giuseppe Conte e al Movimento 5Stelle. La Raggi, nonostante i risultati deludenti nelle ultime lezioni in Campidoglio, rappresenta ancora un perno importante nel Movimento e dunque un suo allontanamento non farebbe il bene del pentastellati.

Di Maio ha bisogno di portare voti al suo partito e l’ex sindaca di Roma avrebbe con lei un seguito che può far comodo al leader di Insieme per il futuro. Inoltre, per la Raggi potrebbero aprirsi della porte in Parlamento alle prossime elezioni politiche. Per ora sono solo voci di salotto politico e nulla più ma i corteggiamenti potrebbero farsi più insistenti nelle prossime settimane.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

36 replies

  1. Aspetto Giggino la trottola al PD, se la Raggi lo raggiunge è peggio per lei: la gente si smaschera sempre alla lunga. Giggino non è stato una delusione, la Raggi lo sarebbe, ma alla fine ce ne faremo una ragione…vorrà dire che alle prossime politiche andranno a votare il 20/25 % dei sopravvissuti a COVID, siero e inflazione.

    Piace a 1 persona

  2. Mai! Virginia non tradirmi anche tu. Ti ho sempre sostenuta e sono sempre stato al tuo fianco. Non darmi l’ultima delusione. G. Mazz.

    "Mi piace"

  3. non so, ma dove stava e dov’è GIGGINO quando:

    “Quindi ricapitoliamo: a Roma adesso arrivano i fondi extra per il Giubileo, i fondi per la Capitale, i poteri straordinari per la Capitale, i poteri commissariali al sindaco sui rifiuti e i poteri da commissario per il Giubileo. Potrebbe arrivare anche Mazinga… Se li stavano a tenere tutti in canna…”

    Piace a 2 people

  4. Se Virginia Raggi avrà la sfrontatezza di aggregarsi ai traditori significa che non c’è più alcuna speranza per il (fu) m5* e per la politica in generale.
    Una ulteriore mazzata ai cittadini che credono ancora che con il voto le cose possano cambiare. Virginia Raggi è una delle più amate personalità del movimento delle origini. Da me sicuramente.

    Il potere procura un male oscuro che spinge i pazienti al viaggio della speranza: al centro.
    Solo chi vi è nato ne conosce i segreti (vedi casini). Tutti gli altri rimangono ammassati con le braccia tese per prendere un pacco di aiuti umanitari: poltrona e 15 mila cucuzze al mese.

    "Mi piace"

    • Già mi ha deluso rimanendo nel M5Stelle dopo l’entrata nel governo Draghi,poi mi ha deluso rimanendo nel partito di Conte,se addirittura andasse con Di Maio, stenterei a credere che sia ancora lei

      "Mi piace"

  5. Tra un po’ scriveranno che il guappo di cartone chiederà a Conte e Grillo di entrare in Insieme per il suo futuro e organizzerà una seduta spiritica per evocare l’anima di Casaleggio e chiedergli se ci sta. Se poi vogliamo abbassarci al mercato delle vacche la Raggi ha più probabilità di entrare in parlamento con M5S che bene o male un 10 per cento lo porta a casa piuttosto che Insieme per il suo futuro che al massimo arriva al nulla per cento.
    Giuseppi non arretrare se la stanno facendo sotto.

    Piace a 1 persona

  6. Se le parole hanno un senso, e io credo che in bocca a Virginia lo abbiano, chi ha scritto l’articolo non ha la capacità di comprendere Le parole. Quando parla del movimento 5 Stelle non mira a quei pochi rimasti nel movimento contiano ma a tutti i miracolati, compreso Di Maio, che non ebbero il coraggio di difenderla dagli attacchi dei piddini e dei loro media. Tutto potrebbe accadere, ma mai Virginia potrebbe aderire a “Insieme per il futuro (di Di Maio).

    "Mi piace"

    • Secondo me sono tutte voci che mettono in giro ad arte per indurre Conte a fare macchina indietro. Se e ripeto se Conte ha ricevuto da Grillo il mandato di andare avanti fino alle estreme conseguenze (uscita dal governo) andrà avanti.

      Piace a 1 persona

  7. Che Di Maio la voglia è una cosa (sarebbe stupido non provare ad imbarcarla, e Giggino ha già dimostrato di essere tutto meno che stupido, checché ne dicano i suoi detrattori). Che lei ci stia veramente pensando è un’altra cosa (non è nemmeno una supposizione, al momento), e che alla fine lei eventualmente accetti è un’altra ancora.

    Ciò premesso, a mio avviso farebbe benissimo ad accettare. La masochistica regola dei due mandati rischia di privare non solo i pentastellati, ma l’Italia intera di un amministratore competente, onesto e preparato come Virginia Raggi, e questo sarebbe un vero peccato.
    Di Maio l’ha capito e non ha perso tempo, segnando un altro punto a suo favore, mentre gli altri ancora si interrogano se valga o no la pena di essere coerenti fino alla coglioneria.

    P.S.: a tutti i delusi, traditi e malpancisti: se dopo decenni ininterrotti di governo del malaffare siete delusi da quanto prodotto dai 5stelle alla loro prima esperienza, il problema non è la politica ma è dentro di voi.

    "Mi piace"

    • Ma per favore..
      Col 32% in tasca?
      Quello che hanno fatto va bene.
      Il problema molto grosso è quello che avrebbero potuto fare in più.
      Si sono letteralmente arresi. Vista l’aria che tirava nel governo draghi, il (fu) m5* doveva piazzare dei paletti irremovibili e assumere l’atteggiamento che sembra avere oggi: o queste cose o salta tutto.
      Mancanza totale di strategia e coraggio.
      Fine.

      Piace a 1 persona

      • @ Giansenio: anche se fosse vero che si sono arresi (a me non sembra, e comunque ho ancora fiducia nelle qualità di Conte), ne sarebbe comunque valsa la pena.

        Io penso che sarebbe stato molto difficile ottenere di più, al netto di qualche errore di gioventù, considerato anche che non si è trattato di un 32% “normale”, ma 32 avente contrario tutto l’altro 68 (dato che perfino gli alleati hanno da sempre remato contro), e in quelle condizioni qualunque risultato è quantomeno apprezzabile, comunque rispetto la tua opinione.

        L’appunto che ho sollevato io però è un altro: c’è gente che pare venire da dieci governi Giolitti-De Gasperi consecutivi, e non è mai contenta con la scusa del “si sarebbe potuto fare di più”. Siccome si potrebbe SEMPRE fare qualcosa di più, a me verrebbe da rispondere: pensiamo anche a tutto quello che si sarebbe potuto fare di meno, o ci siamo già dimenticati cosa voglia dire lasciare carta bianca al malaffare (in estrema sintesi, per chi se lo fosse scordato: un peggioramento costante e progressivo in atto da decenni)? Impariamo ad apprezzare chi finalmente ha deciso di rimboccarsi le maniche, invece di essere i primi a scaricarli ad ogni minima difficoltà, che i cambiamenti richiedono sacrifici ma soprattutto tempo.
        Fino a prima della loro comparsa sulla scena politica dei miglioramenti non erano nemmeno ipotizzabili, essendo governati da una casta interamente collusa tra di essa e col malaffare, ancora cinque anni fa sarebbe stato difficilmente ipotizzabile perfino il riuscire a non peggiorare ulteriormente le cose.

        Per me è stato chiaro fin dall’inizio che la loro esperienza sarebbe stata un unicum irripetibile (il sistema lo freghi una volta, poi produce i suoi anticorpi), in ogni caso considero più importante ciò che sarà il lascito, rispetto all’impresa stessa (perché è stata una vera impresa riuscire a mandare della gente comune dove finora aveva albergato solo ed esclusivamente l’elite parassitaria della società, comunque sia andata). Non è il cambiamento che molti hanno sperato, ma indubbiamente è stato un piccolo cambiamento, è questa la cosa più importante: l’idea che un cambiamento è ancora possibile (chiaramente entro certi limiti, dati gli anticorpi di cui sopra).

        "Mi piace"

  8. Mi paro il didietro da eventuali delusioni e non mi stupirei se Virginia Raggi aderisse a Mr.Cadrega,ma la mia domanda interpersonale è: come fai a guardarti allo specchio e non sentirti come un ca..ta di cane .
    Sarò bastian contrario e antisociale,ma a uno come Di Maio (nella vita lavorativa ne ho trovati parecchi)la soddisfazione di negasi non ha prezzo.
    Almeno non mi viene voglia di sputarmi addosso quando mi guardo .
    Virginia non essere l’ennesima delusione

    "Mi piace"

  9. Virginia no, non dovresti neanche perdere tempo a pensarci vista la spudorataggine, l’incoerenza e le menzogne del poltronaro. Sarebbe una delusione immensa per chi , cone me, ti ha sempre sostenuto a spada tratta e non credere che, passando col bibitaro, manterresti il tuo seguito.

    "Mi piace"

    • @ Vortex: visto il risultato che il suo “seguito” le ha tributato alle comunali, il suddetto seguito può anche andare a farsi fottere.
      Che faccia quello che le pare, i suoi meriti le appartengono comunque.

      "Mi piace"

      • @ Jonny.
        Si è vero a Roma è stata una debacle alle ultime amministrative, ma è altrettanto che la campagna mediatica che le hanno scatenato contro ha probabilmente pochi precedenti in Italia.
        Io mi riferivo al maggior consenso di cui gode a livello nazionale, almeno tra i 5S e le persone più oneste intellettualmente, in vista delle politiche, di cui vorrebbe evidentemente trar profitto giggino per incollarsi ulteriormente alla cadrega.
        È altresì palese però che, laddove la Raggi si avvitasse in una giravolta infame al seguito del bibitaro, le stesse oneste intellettualmente la ricoprirebbero di disprezzo.
        Sui suoi meriti acquisiti sono d’accordo, quelli non glieli leva nessuno: è stata un gigante tra branchi di lupi.

        "Mi piace"

      • La campagna mediatica contraria Raggi ce l’avrà sempre, a meno che anche lei non decida di cambiare registro (cosa di cui è perlomeno lecito dubitare, senza evidenze del contrario). La sua eventuale presenza in una formazione di “allineati”, al massimo, potrebbe contribuire a renderla un po’ meno aspra, e questo sarebbe tanto di guadagnato (se il problema fosse solo quello, farebbe benissimo ad accettare).

        Scusa, ma chissenefrega della cadrega di Giggino, che se non fosse occupata da lui lo sarebbe da qualcun altro (che di solito, oltre ad essere altrettanto mediocre se non peggio, ha pure il vizio di rubare).
        Se mai dovesse riuscire a regalare alla nazione altri cinque anni di un rappresentante che tu stesso hai definito un gigante, viva Giggino. Ma non dimentichiamo che tutto questo, al momento, è più una suggestione che un’ipotesi.

        Sempre rimanendo nel campo dell’astrazione, forse non te ne sei accorto ma stai elevando ad esempio d’onestà intellettuale quello che invece è la quintessenza del pregiudizio, ovvero considerare Virginia Raggi degna di stima solo fino ad un momento prima che decidesse (se mai accadrà) di candidarsi con Ipf, dopodiché partirebbe la gara di insulti.
        Mi permetto di osservare che questo tipo di atteggiamento, oltre ad essere decisamente infantile, è soprattutto miope.

        "Mi piace"

  10. Caterina scusa se mi permetto, ma la regola iniziale dei due mandati era valevole per parlamento, consiglio regionale e comunale, dopo, giustamente è stata cambiata. La Raggi ha già avuto una deroga nel 2021, infatti è attualmente consigliere comunale di Roma, dopo esserlo stata dal 2011/2013 al 2016, poi dal 2016 al 2021 come sindaco di Roma, ed ora dal 2021 al 2026 ancora come consigliere comunale…..sono tre mandati, due come consigliere ed uno da sindaco. …se poi fosse eletta in parlamento nel 2023 per 5 anni fino al 2028, lasciando, in deroga ad altra norma, il consiglio comunale di Roma, sarebbero molti più anni di politica, rispetto ai 2 mandati e poi a casa , così caro ai duri e puri del M5S di cui fa parte la Raggi…..quindi le norme vanno rese funzionali al percorso politico e gli esponenti meritevoli devono poter usufruire di deroga, ma questo può affermarlo chi da sempre ha ritenuto regole e norme modificabili, non i puristi radicali alla Raggi …..che pecca di coerenza, evidentemente la politica, istituzionale, piace molto anche a lei oltre che a Gigino! Se poi per raggirare le norme si dovesse gettare fra le braccia di Insieme per la colla, la sua passione/professione politica sarebbe evidentemente collosa. …..Ora che Di Niente ha il suo Insieme, gli iscritti al M5S dovrebbero ragionare seriamente su eventuali deroghe al dogma due mandati, per non perdere risorse importanti!

    "Mi piace"

    • Hai fatto benissimo a correggermi. Se la Raggi dovesse passare a Insieme per le mie poltrone non penso che M5S perderebbe consensi. L’unica a rimetterci sarebbe lei perché si dimostrerebbe allo stesso basso livello del guappo.

      "Mi piace"

  11. Luigi Di Maio è il figlio.illegittimo.di Abdreotti.Se la Raggi lo segue vuol dire che anche lei è una figlia illegittima della DC
    NON credo

    "Mi piace"

  12. Anche il maligno nel deserto tentò di portare il Nazareno dalla sua parte. Ma per quale motivo la Raggi dovrebbe fare una sciocchezza del genere e rovinarsi la reputazione ?

    "Mi piace"