Medvedev attacca i leader Ue: “Sono di basso livello, è chiaro a tutti che Mario Draghi non è Silvio Berlusconi”

(Niccolò Di Francesco – tpi.it) – “È chiaro a tutti che Mario Draghi non è Silvio Berlusconi”: così Dmitry Medvedev, ex presidente russo e vice capo del consiglio di sicurezza del Paese, ha attaccato nuovamente l’Occidente e i suoi leader giudicati “una pallida riserva dei solisti americani”.

In un lungo post su Telegram, Medvedev ha bocciato senza appello i leader Ue, tra cui il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi.

“Comunico da molto tempo con i leader stranieri e vedo quanto è caduto il livello dei politici occidentali – ha scritto l’ex presidente russo – Negli ultimi vent’anni è accaduto letteralmente davanti ai miei occhi. Ovviamente, in Europa non sono rimasti politici come Helmut Kohl, Jacques Chirac o Margaret Thatcher. Non si tratta, ovviamente, di coloro che a volte vengono definiti filo-russi, anche se i politici forti non sono mai stati russofobi. La questione è completamente diversa”.

“Senza offesa per nessuno, ma è evidente a tutti che Mario Draghi non è Silvio Berlusconi e Olaf Scholz non è Angela Merkel. Si tratta di persone nuove e di una nuova era di governo, a mio avviso tutt’altro che ottimale” ha aggiunto Medvedev.

“L’attuale presidente dell’Ucraina – si chiede ancora l’ex presidente russo – potrebbe presentarsi a un incontro con Jacques Chirac con una maglietta verde? Ovviamente no”.

“Il problema della degenerazione della politica europea è soprattutto legato al fatto che è diventata una pallida riserva dei solisti americani. Charles de Gaulle potrebbe opporsi a qualsiasi presidente americano. E ora quali europei lo faranno senza stringersi la mano? Non pensano al futuro. Sono limitati solo dai loro flaccidi obiettivi elettorali”.

Categorie:Cronaca, Mondo, Politica

Tagged as: , , , ,

12 replies

  1. Premesso che mi sono limitato a leggere il titolo….
    Fantastico!
    Immagino draghi a leggere una frase del genere.
    Gli verrebbe un attacco di bile! 😅
    Comunque non ha tutti i torti……ricordo nel 2011 quando stramaledicevo il berlusca per la benzina a 1,8 euro.
    Draghi in poco più di un anno ha sforato i 2 euro e ho detto tutto.
    Comunque questa è la parte divertente.
    La parte molto meno divertente è che con la sua mania di fare il gradasso , il buon draghi ci ha trasformato nel nemico numero due di Putin subito dopo l’Ucraina.
    Se dovessero partire dei missili i primi saranno per noi. Grazie di tutto draghi…..
    😠

    Piace a 2 people

  2. Questa è la peggiore qualifica che “il migliore” potesse avere. Bisogna considerare il tutto con senso dell’humor altrimenti…Draghi si regge anche grazie allo “statista” di Arcore che opportunisticamente ha detto che non si poteva armare l’Ucraina fino ai denti e pretendere contemporaneamente trattare con i russi. Però, il suo partito non ha minimamente contraddetto le politiche guerrafondaie del ex presidente della Bce. Cosa e quale metodo di giudizio ha spinto Medvedev a fare un complimento così accattivante per il presidente di Mediaset ? Un tentativo estremo di compiacere l’amico di una volta di Putin sollecidandone la vanità e la vanagloria o solo per offendere chi detiene il controllo del governo con grande sottomissione verso il potente president american boy (forse meglio american old,molto old).

    "Mi piace"

  3. certo che essere definito peggio dello psiconano come pdc è forte come offesa.
    Fossi in lui farei partire un pò di missili atomici verso mosca…ha no i missili sono americani, guai a toccarli.
    draghetto fai pena

    "Mi piace"

  4. Anch’io penso che Draghi non sia Berlusconi. Berlusconi, lasciando perdere i vizietti o vizioni, non è uno stupido, ha tenacia e resilienza, sa fiutare l’aria e nascondere la propria arroganza.
    Questo come caratteristiche della persona, indipendentemente da quello che si possa pensare della sua parte politica.
    L’avere favorito ( certo non solo lui) l’entrata della Russia nel G8 è stata una gran cosa. Poi ovviamente c’è stato tutto il resto, ma non mi sembra che il “dopo” sia stato e sia assai migliore. Anche lui doveva “pagare pegno” al nostro Padrone per rimanere lassù ( vedi Diaz e Bolzaneto).
    Con questo non l’ho certamente mai votato, mi riferivo solo alla sua personalità.
    ( Per inciso: non sono assolutamente interessata a ciò che chiunque fa nel privato, purché tra consenzienti, quindi i “festini” mi interessavano fino ad un certo punto: molto più grave il “kapò” a Scholz e quell ‘ indegno commento sul Cancelliere Merkel, entrambi atti pubblici.)
    Insomma, non è che con Monti e Renzi c’è la siamo cavata molto meglio. E mi pare che anche con Draghi…

    "Mi piace"

    • @Etuligalia & Carolina
      👍
      Avete solo scordato di citare il suo odioso e inascoltabile tono di voce pieno di sospiri.
      Per far passare le minchiate che dice ( e poi fa perchè è un monarca assoluto) per ovvietà non accessibili all’insignificante cervello di noi comuni mortali.

      "Mi piace"

  5. basta lodi sperticate al berlusca, la guerra è tutta colpa sua.
    ha detto a putin di farsi l’ucraina e lui ha frainteso

    "Mi piace"

    • Penso occorra dividere il pubblico dal privato. La famiglia Kennedy tra tradimenti, feste eleganti, attrici da “,incontrare” ed elezioni pilotate dalla mafia, non era certo meglio. E anche come politici…
      Ma John sta ancora santificato sui piattini assieme a Giovanni XXIII.

      "Mi piace"

    • @Franco
      🤣😅😂🤣😅
      È vero !!!!!!!
      Il berlusca sarebbe riuscito ad evitare il conflitto tenendo buono Putin a suon di tarallucci e mignotte!!!!

      "Mi piace"

  6. “Non pensano al futuro. Sono limitati solo dai loro flaccidi obiettivi elettorali.”

    👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻

    Il resto sono cazzate alle medvedev, come sempre

    "Mi piace"