Per Zelensky si avvicina il giorno del giudizio

(Daily Beast) – Nei giorni scorsi il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e i suoi consiglieri hanno sostenuto di non voler cedere alcun territorio alla Russia nella guerra in corso in Ucraina. E sebbene questa visione sia ampiamente condivisa in Ucraina, potrebbe farli finire nelle sabbie mobili della politica.

La posizione di Zelensky, che lui e i suoi consiglieri hanno ripetuto innumerevoli volte, è certamente ben supportata in tutto il paese. La stragrande maggioranza degli ucraini non vuole cedere alcuna terra alla Russia: secondo un sondaggio dell’Istituto internazionale di sociologia di Kiev condotto a maggio, l’82% degli ucraini è contrario.

Zelensky ha sostenuto che i combattenti ucraini sono in grado di respingere le forze russe e ha persino suggerito di voler riportare la Russia non solo ai limiti pre-febbraio 2022, ma anche di tornare indietro fino all’incursione del 2014.

Ma secondo Steven Pifer, ex ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina, se Zelensky e i suoi consiglieri dovessero un giorno confrontarsi con la realtà della guerra, avvicinarsi di nuovo a un tavolo dei negoziati e prendere in considerazione o fare concessioni territoriali, questo potrebbe metterli in un posizione veramente difficile.

«Zelensky dovrà prendere alcune decisioni difficili, dovrà scegliere cosa concedere e su quali posizioni di principio invece non mollare, e che tipo di concessioni potrebbero essere accettabili per il popolo ucraino» ha detto Pifer. «Penso che se arriveranno a un punto in una negoziazione sarà davvero, davvero difficile».  

Eppure, Zelensky sa che è solo questione di “quando” tornare al tavolo delle trattative, e non di “se”. La scorsa settimana il presidente ucraino ha detto di credere che la guerra si deciderà sul campo di battaglia, ma ha ammesso che alla fine cercherà ancora una volta un accordo. «La vittoria deve essere ottenuta sul campo di battaglia», ha detto. Ma «ogni guerra dovrebbe finire al tavolo dei negoziati».

All’inizio della guerra, i funzionari ucraini si sono presentati al tavolo delle trattative con i russi per vedere se fosse possibile raggiungere una qualche tipo di pace o un accordo. Ma la scelta di Zelensky di sedersi a quel tavolo è stata accolta con rimprovero da parte degli ucraini che hanno messo in dubbio il suo giudizio. Siccome la guerra infuria e gli ucraini sono caduti vittime delle atrocità russe, è probabile che gli ucraini stiano puntando i piedi.

«Gli atteggiamenti si sono induriti in Ucraina, sia nel governo che tra il popolo. Anche se Zelensky volesse fare alcune delle concessioni che 10 o 11 settimane fa erano in discussione, non sono sicuro che oggi la popolazione ucraina le accetterebbe», ha detto Pifer.

Le conseguenze per Zelensky potrebbero manifestarsi in diversi modi. Politicamente, la posizione di Zelensky ha cambiato forma dall’inizio del suo mandato. Prima che Putin invadesse l’Ucraina a febbraio, i suoi indici di approvazione interna erano bassi. Durante la fase pre-invasione, ha cercato di negare la serietà dei piani di Putin per l’Ucraina e non ha richiamato rapidamente le sue riserve, suscitando perplessità tra i leader mondiali che hanno messo in dubbio la sua capacità di giudizio.

Ma quando è iniziata la guerra, Zelensky ha saputo cogliere il momento, irrompendo nelle strade e combattendo al fianco dei suoi cittadini. Ed è diventato subito il presidente del popolo.

E anche se ha il polso del popolo ucraino e della sua determinazione a respingere la Russia, non è chiaro per quanto tempo il bagliore residuo dell’eroe politico-bellico lo farà galleggiare, soprattutto quando dovrà iniziare a prendere decisioni politicamente impegnative per il raggiungimento di una vera pace. E se Zelensky dovesse avvicinarsi a un tavolo dei negoziati, il suo futuro politico potrebbe esserne danneggiato, secondo Orysia Lutsevych, il capo del Forum Ucraina nel programma Russia ed Eurasia a Chatham House.

«Se Zelensky iniziasse i negoziati, potrebbe effettivamente essere l’inizio della fine della sua popolarità», ha detto Lutsevych. «Sta camminando su una linea molto sottile». Avviare negoziati politici con la Russia a questo punto sarebbe un suicidio politico, ha convenuto Olena Lennon, professore a contratto di scienze politiche e sicurezza nazionale all’Università di New Haven.

«Se Zelensky iniziasse a fare concessioni ora, conoscendo bene che cosa pensa l’opinione pubblica, ne avrebbe un contraccolpo. Sarebbe la fine della sua carriera», ha detto Lennon, suggerendo che potrebbe venir fuori una classe di veterani a sfidare Zelensky. «Se dovesse fare delle concessioni, ci sarebbe un massiccio movimento sociale contro di lui». Inoltre in caso di accordo, alcuni combattenti potrebbero decidere di proseguire la battaglia nonostante le decisioni di Zelensky.

«Se la leadership politica iniziasse a fare concessioni alla Russia, la guerriglia potrebbe diventare una possibilità reale», ha detto Lennon al Daily Beast. «Un gran numero di ucraini si è unito alle forze di difesa territoriale o si è arruolato nell’esercito. Molti altri sono armati e hanno esperienza militare. Quindi c’è un’alta possibilità che l’amministrazione di Zelensky venga minacciata da un colpo di stato militare se dovesse iniziare a fare concessioni alla Russia».

L’amministrazione Biden, dal canto suo, sta cercando di restarne fuori. «Non spingeremo l’Ucraina a fare concessioni e abbiamo costantemente affermato che gli stati sovrani hanno il diritto di scegliere le proprie alleanze e prendere le proprie decisioni sulla propria sicurezza», ha affermato un portavoce del Dipartimento di Stato. «Riteniamo che spetti all’Ucraina definire ciò che considera successo».

«Siamo concentrati sul dare all’Ucraina una mano il più forte possibile sul campo di battaglia e al tavolo dei negoziati», ha affermato il portavoce.

Zelensky ha insinuato che i successi in questa guerra devono prima arrivare sul campo di battaglia, vittorie che però non sono ancora andate a buon fine. Proprio la scorsa settimana, le truppe russe e ucraine hanno combattuto per la città contesa e strategicamente importante di Severodonetsk.

Zelensky è ora in uno spazio politicamente sicuro, perché le concessioni non sono ancora sul tavolo, ha affermato Andrew Lohsen, ex funzionario di monitoraggio presso l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) sulla missione speciale di monitoraggio in Ucraina.

«In questo momento non è in gioco alcun tipo di concessione territoriale ucraina», ha detto a The Daily Beast Lohsen, un ex analista del Dipartimento di Stato. «Fino a quando non arriveremo a una fase in cui l’Ucraina sta davvero affrontando crescenti problemi logistici o l’incapacità di schierare effettivamente una forza difensiva competente, non credo che parleremo molto di concessioni territoriali».

I funzionari ucraini probabilmente non spingeranno per negoziati a breve termine, perché pensano ancora di poter respingere i russi e sono ancora preoccupati di dare a Putin quella che potrebbe sembrare una ricompensa per l’invasione. Lo sostiene Bill Taylor, ex ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina che ha servito come Incaricato d’affari ad interim nel paese dal 2019 al 2020.

«Non sembra che siano pronti per intavolare negoziati», ha detto Taylor a The Daily Beast. «Sanno che alcuni territori ucraini possono essere riconquistati sul campo di battaglia, e sanno anche che per altri territori ucraini, per esempio la Crimea, impiegheranno molto più tempo e sono disposti ad accettarlo».

«La negoziazione a questo punto sancirebbe il controllo russo su porzioni dell’Ucraina sudorientale», ha detto Taylor. «E gli ucraini – Zelensky e il popolo – non sono ancora disposti ad avviarla perché non vogliono rinunciare alle loro rivendicazioni e non vogliono neanche premiare i russi per averli invasi».

11 replies

  1. Gli americani stanno già pensando di sostituire Zelensky con un nazista del battaglione azov. Son cazzi amari per il servitore del popolo

    "Mi piace"

  2. Zelensky ha saputo cogliere il momento, irrompendo nelle strade e combattendo al fianco dei suoi cittadini.
    basta questo per far vomitare
    ma che caxxo dice???

    "Mi piace"

    • Combattendo nelle strade?
      Quello di “combattente” ha solo la mimetica. Il suo lavoro è leggere il copione dalle stanze ricche e sicure del suo palazzo.
      Chi in alto sale, però, cade sovente…ecc…
      Spero glielo avessero detto, ai tempi…

      "Mi piace"

  3. come facciamo a sapere che questa visione sia ampiamente condivisa in Ucraina?… i partiti di oppozione silenziati o messi fuori legge, tutti gli organi di informazioni chiusi a parte il canale governativo, chi dissente viene condannato per alto tradimento, nessuno si può rifiutare di andare a combattere quindi si suppone che siano tutti contenti di andarci, quindi tutti gli ucrani sono d’accordo, non fa una piega

    "Mi piace"

  4. e questi sarebbero degli analisti?

    mi domando: che fine hanno fatto 2 membri della delegazione di mediazione ucraina?
    uno è scomparso
    un altro gli hanno sparato in testa
    un altro ancora hanno tentato di avvelenarlo
    chi si fida più di mediare per l’Ucraina?

    "Mi piace"

  5. Sono curioso di vedere come finirà.

    Immagino che sarà accoppato e impiccato x i piedi.
    Gli auguro di scappare prima nella sua villa al mare in Itaglia.

    "Mi piace"

  6. Ecco a chi stiamo mandando armi e soldi.
    stato riferito che in 2 ore le forze armate ucraine hanno sparato più di 300 razzi e proiettili a Donetsk, l’ospedale di maternità e molte case sono state danneggiate. Un attacco a Donetsk da parte dell’artiglieria delle forze armate ucraine non è, ovviamente, in alcun modo una soglia per un’offensiva delle forze armate ucraine sulla città. In preparazione di un’offensiva contro una difesa fortificata, viene lanciato un attacco di artiglieria contro obiettivi preselezionati su un fronte stretto.
    Qui assistiamo ad un banale atto di terrorismo, senza danni alle strutture militari. Donetsk, quando catturi ancora una volta un artigliere all’aneto catturato, non credere che abbia servito come cuoco o finocchio combattente.

    "Mi piace"

  7. Gli ucraini stanno facendo vedere al mafioso russo i sorci verdi, e se arrivano le armi lo rimandano a calci da dove e’ venuto.

    Se al Putino e ai suoi sgherri servono schiavi gli conviene venire in Itaglia, dove e’ pieno di coglionazzi quinte colonne che gli stenderanno il tappeto rosso.

    "Mi piace"

  8. @Carmen, l’ opinione degli Ucraini non conta. Esattamente come quella dei Russi e la nostra. Qualsivoglia sia.
    Le “opinioni pubbliche” vengono ascoltate e foraggiate solo quando possono essere usate per gli scopi dei decisori, vedi “primavere arabe” che abbiamo ben visto come finiscono quando non servono più.

    "Mi piace"