Mauro Corona, un simpatico Bukowski per principianti

“Corona, lei lo sapeva che il bacio è una questione chimica?”. “Certo, Bianchina. Quando ero giovane andavo al sodo, adesso invece mi serve la chimica, ma non nel bacio”. Nuova svolta nella telenovela più appassionante di Rai3 […]

(di Nanni Delbecchi – Il Fatto Quotidiano) – “Corona, lei lo sapeva che il bacio è una questione chimica?”. “Certo, Bianchina. Quando ero giovane andavo al sodo, adesso invece mi serve la chimica, ma non nel bacio”. Nuova svolta nella telenovela più appassionante di Rai3, Un posto a #cartabianca, nata dall’intuizione di Bianca Berlinguer di intercettare Mauro Corona e mutare in cabarettista questo simpatico Bukowski per principianti. Ma andiamo con ordine, come le telenovele esigono. Quattro anni fa, il dialogo Berlinguer-Corona anticipa genialmente l’era della call (oggi se non hai almeno una call sei un poveraccio): ci si incontra e ci si scontra, sì, ma a distanza, perché l’alpigiano non vuol saperne di scendere dalle sue malghe. Si parte sotto i buoni auspici dell’auditel, con il modello dichiarato Fazio-Littizzetto a ruoli invertiti. Ligia e timorata lei, boccalone e smargiasso lui. Con il tempo il siparietto si allarga, Corona si allunga (specialmente i gomiti), finché un bel giorno l’eremita catodico sbotta in un “Zitta, gallina!”, che gli costa la cacciata immediata dal programma. Comincia la toccante fase dickensiana di Un posto a #cartabianca; lui chiede scusa, lei è pronta a perdonarlo ma il duro patrigno Franco Di Mare, direttore di Rai3, continua a tenerli separati. Il caso prende rilevanza nazionale: su metà dei talk si discute se sia giusto riammettere il reprobo, intanto l’altra metà lo ospita al confino. Arriva infine il ricongiungimento. Lui per l’occasione abbandona la canotta per lo smoking e scopre una inedita voglia di tenerezza. Inizia la fase Al Bano-Romina, e forse, un domani, Sandra-Raimondo. Invece, ecco il nuovo colpo di scena. Una settimana fa, le prime avvisaglie: “Bianchina, lei ha mai fatto ritocchi estetici? Io sì. Vuol sapere dove?”. E ora, con la dissertazione sulla geopolitica del bacio, non ci sono più dubbi: Berlinguer-Corona sono entrati nella fase La pupa e il secchione, forse per strappare qualche telespettatore ai dirimpettai di Italia1. Barbara D’Urso è avvisata.

Categorie:Cronaca, Interno, Media

Tagged as: , ,

6 replies

  1. Ma corona a Bukowski neanche le mutande sporche poteva lavargli!
    Charles Bukowski era e rimarrà per sempre un genio assoluto!
    Corona è solo pittoresco.

    "Mi piace"