Il comandante del Battaglione Azov: “La resa? Non è un’opzione”

(L. Cr. – il Corriere della Sera) – «Resa? Non ne abbiamo mai neppure parlato. I russi possono tranquillamente fare a meno dei loro ultimatum. Gli eroi combattenti di Mariupol si batteranno sino all’ultimo uomo, non cercano il martirio ma sono pronti a morire. Ma i rinforzi arriveranno prima».

Resta quasi interdetto il comandante Michail Pirog quando gli si chiede dell’eventualità che gli ucraini accerchiati da quasi due mesi scelgano di arrendersi per avere salva la vita: «Non è un’opzione contemplata», spiega calmo. A 55 anni, Pirog guida il quarto Battaglione dei volontari della formazione nazionalista Azov, circa mille uomini nel distretto di Zaporizhzhia, la città del Centro-Sud più prossima a Mariupol.

Quanti sono gli ucraini accerchiati che ancora combattono?

«Sono dati riservati. Posso dirle che ci sono Marine della 36esima e 503esima Brigata, soldati della Guardia nazionale e tanti volontari della Azov. Sono unità ancora operative, siamo riusciti a inviare loro rinforzi di armi e munizioni sino a poche settimane fa.

Possono ancora resistere per settimane, ma gli mancano cibo e acqua come ai civili».

Qui negli ambienti militari si parla di circa mille soldati ucraini accerchiati contro 10.000 russi. Ha senso?

«Sì, direi che la proporzione è quella. Non so però dire con precisione quali quartieri siano ancora nelle loro mani oltre alla zona delle acciaierie Azovstal, anche perché le posizioni cambiano di continuo: stiamo parlando di una battaglia tra le vie di una grande zona urbana. I posti di resistenza sono parecchi e rendono complicata l’avanzata russa».

Una classica guerriglia urbana con bombe molotov e cecchini?

«Direi più di così. I nostri posseggono ancora razzi, armi anticarro, mortai leggeri.

Sono soldati di un esercito, non guerriglieri urbani».

Cosa risponde a chi, anche tra i Paesi europei alleati dell’Ucraina, accusa la Azov di essere una formazione neonazista e razzista?

«Noi siamo patrioti che combattono per la libertà e la democrazia. La propaganda russa falsifica la realtà e ci accusa di nazismo, mentre sono proprio i soldati russi a uccidere civili, a rubare e violentare. Sono loro i nuovi hitleriani. Noi ci battiamo anche per difendere le democrazie europee contro il fascismo espansionista di Putin».

E le vostre origini cosacche? Siete figli delle stesse unità che stavano a fianco delle SS durante la Seconda guerra mondiale.

«Lo sa che c’erano un mucchio di russi collaborazionisti tra le guardie dei lager nazisti? Ma l’Armata Rossa era un’altra cosa. Per noi l’anima cosacca è oggi sinonimo di libertà contro la dittatura oppressiva di Putin. Altro che razzisti! Con noi ci sono ebrei, azeri, tartari di Crimea, armeni, cattolici, musulmani».

Chi vi critica menziona la svastica sulle vostre uniformi e bandiere.

«La svastica è un antico simbolo slavo, pan-europeo, persino indiano. Per noi non ha alcun rapporto col nazismo. Accusereste mai gli indiani per le svastiche antiche millenni? Ma sono discorsi che davvero oggi non hanno senso. La realtà è che ci stiamo difendendo da un’aggressione violenta e fanatica. Abbiamo bisogno di tutto il vostro aiuto».

Categorie:Cronaca, Mondo

Tagged as: , , ,

42 replies

  1. Fab 3000
    È un’arma convenzionale in possesso dei russi e produce questo effetto (gli usa hanno un corrispettivo, il famoso Moab, già usato in Afghanistan):

    "Mi piace"

    • Infatti, l’unico aspetto che non considerano i fomentatori del conflitto a ogni costo, è che la “resistenza” sta difendendo macerie…..dell’Ucraina che conoscevamo, può rimanere polvere.
      Il problema sono gli ucraini che continuano a appoggiare Zelensky che li sta portando alla tomba.
      Se Putin è un pazzo, criminale, con mire espansionistiche fino a Berlino (cit. Zelensky), allora le strade sono quattro: – trattativa di pace, sulla base delle richieste di Putin, già presentate pre-invasione, e integrale accettazione; – resistenza ghandiana della popolazione; – operazione di intelligence e contestuale assassinio a opera di Putin e di Zelensky a opera di agenti segreti; – intervento militare dei Paesi occidentali e conseguentemente terza guerra mondiale; se nessuna delle soluzioni è percorribile, il conflitto continuerà a varie intensità, l’occidente inizierà a disinteressarsi (naturalmente l’opinione pubblica), arriveranno gli effetti di queste politiche sanzionatorie e delle immigrazioni, dirette e indirette…..l’Ucraina finirà in macerie fini, fini, fini, e le armi inviate finiranno in tutto il mondo a rimpolpare mafie, guerre e dittature.
      L’aspettò più interessante è che il nazionalismo dilagherà come un cancro.

      Piace a 3 people

  2. E vi hanno lasciato da soli con pochi aiuti, se non fosse per gli Stati Uniti e l’Inghilterra purtroppo sareste già caduti sotto l’imperialista, quanto tempo devono far passare per rendersi conto che la federazione russa va smembrata?

    "Mi piace"

    • Gentile Paola, non credo siano soli, tutti quelli che nel mondo si riconoscono nella SVASTICA sono con loro fisicamente o spiritualmente.

      Piace a 4 people

      • C’è un reato ancora vigente in Italia e, come tanti, non sanzionato: apologia del fascismo. Chi compie questo reato, usa questi simboli, per i quali mio nonno è finito in un campo di concentramento. Vedi, tu che condividi questo simbolo, ti vorrei far passare quello che ha passato lui. Ma con tutto il cuore

        Piace a 1 persona

      • Esatto! E sono pronti a diffondere il verbo in ogni angolo del globo, se occorre con le armi (quelle gliene diamo noi).

        "Mi piace"

    • “smembrata”…
      terminologia da pura nazista
      continui pure ma credo che, come l’altra volta, ci sarà chi si rompe i denti
      a mordere qualcosa che credeva morbido ed aggredibile
      tedesco o italiano che fosse

      Piace a 1 persona

    • Nazipaola colpisce ancora. Quante statue di Hitler hai in casa tua? Vergognati profondamente, fa ribrezzo ogni tua singola parola. Davvero, ti dovrebbero vietare di scrivere e mandarti di corsa da uno molto bravo. Che orrore.

      "Mi piace"

    • Perché non ti prendi un’oretta di tempo, anche a rate, visto che c’è una bella cronologia (al primo commento), e ti studi bene questa lezione di storia, con tanti filmati e traduzioni?

      "Mi piace"

      • 00:00 Introduzione

        01:43 Le radici storiche

        05:06 Il nazismo ucraino

        08:44 La Guerra Fredda

        13:27 La dissoluzione dell’unione sovietica

        17:04 La filosofia dei Neocons

        22:22 La prima rivoluzione colorata

        29:19 Piazza Maidan

        38:42 Post inneggiante la pulizia etnica dai Russi in Ucraina di Oleh Tjahnybok

        40:39 La nazificazione dell’Ucraina

        44:17 Programma del Presidente Porošenko nei confronti dei degli Ucraini russofoni

        45:13 La secessione della Crimea

        49:19 La Strage di Odessa 2 Maggio 2014

        51:59 La Guerra in Donbass

        57:24 La vittoria di Zelens’kyj

        1:00:44 L’Ucraina entra nella NATO?

        1:13:48 Conclusione
        —–

        Piace a 1 persona

      • Ma cos’è questo video postato in ogni dove? Il nuovo cult movie dei Putin’s trolls?
        Chi me lo spoilera?
        Perché io non vedrò manco i titoli di testa.

        "Mi piace"

      • Quelli che non lo guarderanno non correranno il rischio di cambiare idea su ciò che NON CONOSCONO, perché è stato accuratamente celato o autocelato.
        Forse non lo guarderanno proprio per quello. Non sia mai…
        Peccato, perché ci sono “bei” filmati che ci raccontano i veri fini dei nostri cari amici Usa, con le intercettazioni chiarificatrici della Nuland, le azioni pedagogiche dei magnifici eroi nazisti e di dolci maestrine di scuola, dei loro poveri bimbi ammaestrati e tanti, tanti documenti che smentiscono tutte le caxxate da VOLONTARI ignoranti e instancabili bevitori di fake targate Usa&tappetini.
        (volontari, sì: sempre per non disturbare le opinioni con i fatti)

        Ps Ad integrazione, posso sopperire alle immagini mancanti, perché ritenute troppo forti dal presentatore, con filmato apposito.
        Tanto siete di stomaco forte, quando si tratta di russofoni.
        Ma vi commuovete come teneri agnellini ai primi piani (!!!) di Mentana sul massacro di Bucha: sinché era attribuito ai russi, nonostante gli evidenti alibi temporali e le fasce bianche al braccio delle vittime, si potevano, anzi si DOVEVANO trasmettere, in tutta la loro crudezza e senza la minima remora, anche in fascia non protetta, tipo al pomeriggio, per provocare il massimo dell’orrore e dell’empatia filoucraina e trascinare gli umori verso l’escalation militare, così fortemente perseguita da anni.
        Peccato che fossero russofoni e/o russofili anche quelli, o, semplicemente, poveretti che avevano accettato i pacchi alimentari russi. Che crimine!
        Traditori della patria!
        E ora, dopo il “rapporto Ritter”?
        O è CASUALMENTE sfuggito anche quello?

        Piace a 1 persona

    • Ma figurarsi! Io ascolto Mentana, Fabbri, Caracciolo ecc. Bisogna saper prendere una posizione netta in questo caso, non fare come quei pivellini dell’Anpi. W i Maneskin che al Coechella hanno urlato “free Ukraine! FUCK Putin!” ✌️

      Piace a 1 persona

      • L’Ucraina libera da Putin e infestata di oligarchi, affaristi, mercenari, mafiosi, contractors, commercianti di carne umana viva o morta, mine antiuomo, bombe a grappolo, missili inesplosi.
        Libera dalle vite di migliaia di vittime civili e militari di entrambi gli schieramenti.
        Libera dall’attività agricola e quindi dai raccolti e dalle scorte di cibo.

        I Maneskin si fottano! La vita di milioni di persone non vale un facile slogan di quattro ragazzetti truccati e con doti musicali.

        "Mi piace"

      • E certo, mica tutti sono nati imparati come la nazzipaola e soci,
        Perché perdere tempo a documentarsi,
        Ultimamente sto rivalutando le zucche senza semi, sono più intelligenti di tanti umani.

        "Mi piace"

      • Fai così… Quindi Mentana (che NEGA l’esistenza dei nazisti, vedi dal minuto 40,39 o, meglio, dall’inizio), Dario Fabbri (che da quando è passato da Limes a Domani e Mentana sembra rimangiarsi tutto), Caracciolo e soprattutto i Maneskin…🤦🏻‍♀️
        Ah, allora sì. Sei a posto.
        Non hai bisogno della Storia.

        "Mi piace"

    • Ma cosa vuoi smembrare pettegola del mainstream, nella Madre Russia hanno abbassato i “PANTALONI” sia Hitler che Napoleone, rilassati con una buona tisana che e’ meglio…

      "Mi piace"

  3. I militari russi hanno offerto, ancora una volta, alle formazioni ucraine a Mariupol di arrendersi
    e sono pronti a dichiarare un regime di silenzio dalle 13:30 ora di Mosca di martedì 19/03.
    (essendo un’ora avanti saranno le 12.30 italiane)
    “A tutti coloro che depongono le armi è garantita la conservazione della vita”
    Per l’attuazione pratica delle misure di questa regolare operazione umanitaria, viene fornito il seguente
    algoritmo di azioni:
    dalle 13:00 (ora di Mosca), viene stabilita una linea di comunicazione continua tra la parte russa e quella ucraina
    per il reciproco scambio di informazioni
    L’inizio effettivo della “modalità silenzio” da entrambe le parti è indicato dall’alzarsi di bandiere su tutto il perimetro
    dell’Azovstal:
    da parte russa – rossa, da parte ucraina – bianca.
    Inoltre, il fatto che le parti siano pronto a introdurre una “modalità silenzio” deve venire confermato attraverso
    tutti i canali di comunicazione
    “l’uscita di tutti senza eccezioni” dalle unità armate ucraine e dai mercenari stranieri senza armi e munizioni
    può aver luogo dalle 14:00 alle 16:00, ora di Mosca, e si garantisce, a ogni soldato ucraino arreso,
    la conservazione della vita e il rispetto di tutte le norme della Convenzione di Ginevra sul trattamento
    dei prigionieri di guerra.

    al contrario di Paolabl che, agli arresi, credo sparerebbe alla nuca

    Piace a 1 persona

    • Spero escano con le mani alzate e si arrendano, sarebbero tutte vite salvate.
      A tempo scaduto la zona dove si trovano verrà letteralmente arata e spianata, con i ceceni a rifinire il lavoro.

      "Mi piace"

    • Da come hanno deciso di combattere gli ucraini, e mi riferisco alle formazioni militari e para-militari, I civili sono stati utilizzati sistematicamente come scudi umani: nessuna battaglia è stata condotta in campo aperto, la contraerea è stata posizionata, come per i lanciarazzi tra i complessi e i palazzi civili, la popolazione è stata invitata a resistere, i mercenari si travestivano all’occorrenza da civili, etc.
      Azov come Pravy Sector, Donbass e co DEVONO usare i civili per combattere, non hanno nessuna possibilità di “resistenza” in campo aperto.

      "Mi piace"

  4. Adesso gli azov stanno dicendo che nell’acciaieria ci sarebbero donne e bambini che si sarebbero rifugiati li.

    Non so se sia vero, ma se lo fosse sarebbe una conferma del fatto che usano scudi umani. A meno di non voler credere che i civili siano così stupidi da cercare riparo proprio nelle postazioni militari che al 100% saranno attaccate/bombardate dal nemico.

    Piace a 3 people

  5. A che punto siamo con la storia (intesa come raccolta di fatti e memorie)?
    Niente, oggi i “progressisti” definiscono “resistenza” una banda di nazisti che rifiuta di arrendersi.

    🎶 Nostalgia nostalgia canagliaaa🎶

    Piace a 1 persona

  6. Nulla da stupirsi, prima della guerra tutti fascisti( Moravia, Scalfari, Bocca… in primis…) poi, girato il vento, tutti partigiani.
    L’ideologia serve solo a fare azzannare tra loro noi poveri sudditi.
    Lassù si va dove porta … cuore ( ieri FI, oggi PD, domani…FdI? Chissà…) E il “cuore” porta sempre al posto giusto e al momento giusto.
    E vorrebbero pure che l’ ANPI appoggiasse i “resistenti” nazisti.

    Piace a 2 people

  7. “La svastica è un antico simbolo slavo, pan-europeo, persino indiano. Per noi non ha alcun rapporto col nazismo. Accusereste mai gli indiani per le svastiche antiche millenni?”
    Cosa?? Se lo metto nella mia bandiera non posso essere accusato di fascismo perché lo usavano i romani. 😂😂 Ma andate a cag@re. Siete dei nazisti e noi vi mandiamo le armi

    "Mi piace"

    • Grazie Cagliostro!
      Condivido l’analisi e, per sommi capi, sposo appieno la tesi che il terrorismo di matrice islamica sia un diretto prodotto della CIA, ho apprezzato moltissimo la crasi “ Saudi-American” e la utilizzerò nel futuro per indicare gli interessi sempre più convergenti tra questi due soggetti economico-politici, non ritengo si tratti di razzismo “positivo” l’empatia mediatica sulle vicende tragiche del popolo ucraino, trovo sia sempre parte della narrativa e della distrazione di massa, e l’autore si corregge lui stesso da questa tesi, ben descrivendo l’uso che l’America sta facendo dell’Ucraina.
      Mi è piaciuta moltissimo la vignetta del somarello che traina il carrarmato Nato…..per essere perfetta però, oltre a posizionare la carota davanti alla bocca, ne avrebbe dovuta posizionare una a minaccia del deretano….giacché il cul de sac in cui l’America ha messo l’Ucraina è senza uscita.
      Più di ogni altro argomento, ritengo centrale la questione del “collasso morale dell’Occidente”, che, nonostante la crisi profonda che lo traversa, e nonostante i risultati della politica estera del post WW2 sia stato fallimentare, si ostina a mettersi in cattedra a voler dare insegnamenti di civiltà e democrazia al resto del mondo.
      Per l’ultima parte, avremmo potuto sostituire il soggetto Libano con quello Italia e avremmo avuto le stesse metodiche premesse e risultanze.
      Non avevo idea, invece, che il Primo Ministro del Pakistan avesse detto all’ambasciatore USA
      “We are not your slaves.”
      Ecco, avrei voluto sentire le stesse parole da qualcuno dei nostri politici europei.
      L’unica nazione che, a tutela dei propri interessi economici e sociali, stà opponendosi all’ideologia sanzionatoria a da suicidio è la Germania……chissà che non inizino a spezzare le catene anche i nostri politicanti italioni (crasi tra italiani e coglioni).

      "Mi piace"

  8. Non c’è nemmeno bisogno di leggere l’articolo:
    Basta il titolo e la foto.
    La resa non è un opzione?
    Bene.
    Meglio così…… sapere presto morti quei luridi nazisti mi riempie di gioia.
    Mi spiace per il Popolo Ucraino, mandato al macello da zelenski il criminale.

    "Mi piace"

    • Non è un criminale ! Di più é decisamente un povero beota , chissà che c.. gli hanno garantito per massacrare il paese e il suo popolo!! Non dimentichiamo che qualcuno ha detto ” fuck the europe” !! Era una delle promesse .. e noi qui a fare gli zerbini !!

      "Mi piace"

  9. 10.000 neonazi wagneriani di Uktin, premiato da Putin con la medaglia al valore di “Eroe del popolo Russo”, cultori delle SS di Himmler e della pura razza ariana.
    Migliaia di estremisti ceceni di Kadyorv, capobastone sanguinario di Putin a Grosny, ben noto per torture, esecuzioni sommarie e persecuzioni di omosessuali.
    Altre migliaia di tagliagole e mercenari assadisti siriani, di ogni ordine e grado, macellai di civili ora come allora, modello Aleppo e Palmira.
    Tutti agli ordini del famigerato generale Dvornikov, deliberatamente scelto per la sua predilezione nel bombardare a tappeto, come già in Siria, obiettivi civili per scatenare il panico nella popolazione.
    E chi pensa questo, è automaticamente un “porko amerikano”. Perché, evidentemente, per tanti ci sono nazi buoni e nazi cattivi.
    Mi viene il vomito.
    Saluto, auguri a chi rimane.

    "Mi piace"

  10. Chi è pagato per uccidere lo fa. Siano sicari o “battaglioni”.
    Sono quei poveracci di coscritti che ne farebbero (faranno? Chissà: c’è una gran voglia di far menare le mani al popolo, di recente…) volentieri a meno.

    "Mi piace"