Quante svastiche volete per condannare l’Azov?

I nostri giornali ne vanno pazzi. Li trattano con i guanti, ricorrendo a vellutati eufemismi (soldati “in nero”, “ultras”, “irriducibili”); per il Secolo d’Italia sono “come gli Spartani alle Termopili”. Trattasi dei ragazzoni del Battaglione Azov […]

(DI DANIELA RANIERI – Il Fatto Quotidiano) – I nostri giornali ne vanno pazzi. Li trattano con i guanti, ricorrendo a vellutati eufemismi (soldati “in nero”, “ultras”, “irriducibili”); per il Secolo d’Italia sono “come gli Spartani alle Termopili”. Trattasi dei ragazzoni del Battaglione Azov, intrisi di letture kantiane (in foto, secondo alcuni siti di fact checking, Artyom “Bonov” Zalesov, in Azov fino al 2014 e protagonista delle battaglie nel Donbass, per cui l’OSCE li ritiene responsabili dell’uccisione di massa di prigionieri, di occultamento di cadaveri nelle fosse comuni e tortura fisica e psicologica. Famoso per la frase hegeliana “Giocherò a calcio con le teste dei soldati ceceni”, secondo alcuni è scappato da Mariupol per rifugiarsi in Polonia; oggi pare venda magliette e faccia l’esaltato su YouTube). Comunque, una buona compagnia (basta digitare Azov+nazi su Google). Forse ingenui, forse idealisti, questi ragazzi sono, come scrive l’intelligente e anticonformista Giuliano Ferrara sul Foglio, “eroi da leggenda” che “meritano solo rispetto”. Secondo la Cnn, dopo la sua integrazione nella Guardia Nazionale ucraina il Battaglione Azov avrebbe negato i legami col nazismo, dicendo che la “N” sullo stemma e sui tank vuol dire “Nazionalismo” e la svastica e il sole nero sono un richiamo alla mitologia norrena e ad antichi riti druidici (“SS” dev’essere un omaggio alla targa di Sassari o alla Società Sportiva Lazio). Il Guardian ha intervistato uno di loro, Dmitry, che nega l’Olocausto e fa l’elogio di Hitler, ma così, per goliardia. A ogni buon conto, Zelensky avrebbe nominato eroe nazionale il capo di Azov Denis Projipenko, notizia mai smentita.

Dopo l’elogio di Azov fatto da Gramellini in prima serata e il panegirico di Ferrara, ci siamo affezionati a questi romantici eroi byroniani. Si tenga conto che l’antisemita è Vauro, e che l’Anpi, invocando la pace, svilisce la Resistenza.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

86 replies

  1. Mentana ha detto GIURO, che l’Azov non può essere nazzzista perché è integrato nell’esercito ucraino.

    E non solo: se volete farvi venire un pò di acidosi, c’é pure ATTIVISSIMO che ha la faccia di debunkare la dichiarazione di nazzzista degli azoviani.

    Qui. Andate, se volete, a dirgliene 4 anche per me, perché purtroppo il VILE mi ha bloccato nei commenti.

    Mi sono ripromesso di tenermi fuori dal teatrino dei complottismi intorno all’invasione russa dell’Ucraina, ma faccio un’eccezione per questo servizio di Ros Atkins, della BBC, che spiega e smonta bene la polemica artificiosa sul presunto neonazismo che, secondo i russi, dominerebbe in Ucraina e in particolare nel cosiddetto “battaglione Azov”. Notate come si fa a comunicare bene, con parole nette, dati concreti, fonti esperte, toni pacati e soprattutto difesa della realtà pura e semplice, senza troppi giri di parole. Nove minuti che valgono novanta minuti di qualunque logorroico talk-show con ospiti chiamati a creare polemica e battibecco invece di informare.

    https://attivissimo.blogspot.com/2022/03/lucraina-la-denazificazione-secondo-i.html?msclkid=9f966e28bdd411ec9f47676a176e3350

    Tra Attivissimo e Wikipedia, chi è il più DISINFORMATORE?

    "Mi piace"

  2. Ecco la trascrizione che il Vile ha fatto del prestigioso giornalista debunkatore della BBC:

    ATKINS: Vladimir Putin has given several reasons for his invasion of Ukraine. This is one of them.

    PUTIN: We will be aiming at demilitarization and de-Nazification of Ukraine.

    ATKINS: At a recent Putin rally, a banner declared “for a world without Nazism” and Putin has described a “gang of drug addicts and neo-Nazis, who settled in Kyiv and took the entire Ukrainian people hostage”. But Russia’s claims about Nazis in Ukraine are a mix of falsehoods and distortions. For a start, Ukrainians are not being held hostage by Nazis. Their president’s Volodymyr Zelensky; he’s Jewish, he has relatives who died in the Holocaust and he’s president because he won 73% of the vote in 2019. The main far-right candidate reached 1.6% and that result is part of a broader shift. In the 2012 parliamentary election, the main far-right party won 10%. In 2014 it was 6%; in 2019 it was 2%. No far-right groups have any formal political power in Ukraine and based on polling and results, the far right’s much less popular in Ukraine than, for example, the leader of the far-right in France, Marine Le Pen. Far-right groups, though, do exist in Ukraine and Russia’s focus on them is not new.

    IZABELLA TAVAROVKSY (Wilson Center): The word “de-Nazify”, the idea that Ukraine has been overrun by the Nazis, is something that Russian propaganda has been talking about for eight years, since the first invasion of Ukraine in 2014.

    ATKINS: Ukraine wasn’t and isn’t being overrun by Nazis. But what happened eight years ago is relevant here. That’s because in late 2013, under pressure from Putin, Ukraine’s then president Victor Yanukovych backed out of a cooperation deal with the EU. Huge protests followed, as would a crackdown. In time, Yanukovych would flee to Russia. This was a challenge to Putin’s ability to influence Ukraine, and he retaliated. First, Russia annexed Crimea; then it backed separatists in parts of eastern Ukraine. And this is where the story connects back to the far right, because in 2014 the Ukrainian military was much smaller than it is now. It was struggling, and brigades of volunteers joined the fight against the separatists. Some of them had far-right elements. The most high profile was this one: the Azov battalion. It was set up by this man, Andre Baletsky, who has a history of racist and anti-semitic views and in 2014 the BBC’s Steve Rosenberg spoke to him.

    ROSENBERG: Much has been written about Azov. About it being ultranationalist and even neo-Nazi. What is Azov’s ideology?

    BALETSKY: Yes, we’re nationalists. We’ve never hidden that. Our whole ideology is in our symbol. It’s a combination of the letters I and N. It means “Idea of the Nation”.

    ATKINS: This is the Azov emblem being shown to Steve there. It’s a pagan symbol known as “Wolfsangel”, and a version of it was used by some SS units in Nazi Germany. Andreas Umland is an expert on Ukrainian nationalism. He’s looked at this, writing “The Wolfsangel has far-right connotations… but it’s not considered a fascist symbol by the population in Ukraine.” That may be, but back in 2015 Azov acknowledged that some of its fighters held Nazi views. A spokesperson told USA Today that only 10 to 20 percent of the group’s members are Nazis, and he sought to make a distinction using one fighter as an example. “I know Alex is a Nazi”, he said, “but it’s his personal ideology, it has nothing to do with the official ideology of the Azov”. Now the degree of Nazi sentiment in Azov is impossible to verify, but this 2015 quote is relevant, because by this time Azov had become part of Ukraine’s National Guard. It was under government command, and there was one main reason for that happening.

    KACPER REKAWEK (University of Oslo): We have to be honest, they were just good fighters in 2014, and they seem to be pretty good fighters now in Mariupol. That’s why they were taken on the books.

    ATKINS: And in 2014, with Russia backing separatists, urgent military considerations trumped all others. Ukraine was under attack and its then president Petro Poroshenko called Azov “our best warriors”. But when in 2015 he was asked by the BBC about the group’s far-right links, his reply was blunt.

    POROSHENKO: Please, don’t listen to Russian propaganda.

    ATKINS: Russia has used Azov in its propaganda for years, and as we assess claims about Azov’s role in Ukraine, context is vital here. Ukraine’s armed forces total 250,000 plus 50,000 National Guard. Azov is part of the National Guard, with around a thousand volunteer fighters. It’s a tiny fraction of the Ukrainian military. It’s also not the same force as it was in 2014.

    ADRIEN NONJON (National Institute of Oriental Languages & Civilizations): Azov opened its recruitment to the whole of Ukrainian society and eventually this radical core was drowned out by the mass of newcomers who joined the regiment because it was an elite unit.

    ATKINS: And while the membership, was evolving the founder also left to start a new far-right political party. A party which has failed to achieve any electoral success. But the Azov regiment that he left behind is high-profile and mainstream. This is the view of the Ukrainian government.

    ANTON HERASHCHENKO (Adviser to Ukraine’s Interior Minister): The only Nazi elements we have on the territory of Ukraine now are the Russian fascist army.

    ATKINS: In the last few days, President Zelensky announced that Azov’s commander in Mariupol will receive the highest national military award. But despite this acclaim, despite the evolving membership, questions about neo-Nazi links remain. In January, Buzzfeed’s Christopher Miller reported that he’d seen an Azov veteran wearing white supremacists and Nazi symbols. There is, though, no evidence such sentiment is widespread. Here’s Vitaliy Shevchenko from BBC Monitoring.

    SHEVCHENKO: I was looking at the Azov battalion’s social media activity and its website and all they talk about is fighting the Russian forces, and there’s very little in terms of extremist, anti-migrant or xenophobic rhetoric there.

    ATKINS: And so it is this Azov regiment that is part of Ukraine’s resistance, and just as in 2014 its focus is the Donbass region that includes the two breakaway republics and the city of Mariupol. It is close to the Sea of Azov which gives the regiment its name. It’s also where Azov made its name. Back in 2014, Azov successfully defended the city. As Mariupol is bombarded by the Russians now, alongside other Ukrainian forces, it’s trying to do so again. And Azov’s presence in Mariupol once more makes it central to Russia’s false narratives. You’ll remember the horror of Russia bombing a maternity hospital in the city. Afterwards the Russians said this.

    SERGEI LAVROV (Russian Foreign Minister): At the UN Security Council, facts were proffered by our delegation, saying that the maternity hospital had been taken over by Azov battalion and other radicals.

    ATKINS: But there’s no evidence Azov were based there; no evidence it was a military facility. Then there’s Russia’s attack on a theater in Mariupol that was sheltering civilians. Russia accuses Azov of doing this; there’s absolutely no evidence this is true. And so, while any Azov volunteers having neo-Nazi sympathies is shocking and worthy of note, neo-Nazis are not the threat that Russia describes. But perhaps this is not about an actual threat and rather about something else entirely. The New York Times writes of how the word “Nazi” appears geared towards Russians, for whom remembrance of the Soviet Union’s victory over Nazi Germany remains perhaps the single most powerful element of a unifying national identity. Putin is looking to the past to create motivation in the present. This is the historian Shane O’Rourke.

    SHANE O’ROURKE: What the regime is doing is using the memory of the war, the very deep feelings it arouses, to legitimize its actions not just in Ukraine but but in many other places as well.

    ATKINS: Putin has his reasons to do this, but he doesn’t have the facts. Just after Russia’s invasion, 150 historians who study genocide, Nazism and World War II released a statement. In it, they argue “This rhetoric is factually wrong, morally repugnant and deeply offensive to the memory of millions of victims of nazism and those who courageously fought against it”. The rhetoric is factually wrong: Nazis don’t hold Ukraine hostage, they’re not launching attacks on Ukrainians. There’s no evidence to support this kind of claim.

    SERGEI MAKROV (Former Russian MP): Most of the Ukrainians hate these neo-Nazi groups and they pray for Russia and for somebody else to liberate Ukrainian society from a Nazi group.

    ATKINS: Ukrainians don’t need liberating from Nazis; to their president, this idea is pure fiction.
    (NOTARE BENE: secondo il LORO presidente, che governa con dei nazistoni DICHIARATI, è solo finzione che ci siano nazisti in Ucraina!!!!)

    VOLODYMYR ZELENSKY: It’s already the 25th day of the Russian military trying in vain to find imaginary Nazis from whom they allegedly want to defend our people, just as they’re trying in vain to find Ukrainians who would greet them with flowers.

    ATKINS: That search will continue to be in vain because while the evolution of the Azov regiment deserves scrutiny, neo-Nazis and the far-right do not play the role in Ukraine that Russia falsely describes. They didn’t in 2014; they don’t now.

    NOTARE BENE: bisogna indagare ancora sull’Azov, non è chiaro che solo perché hanno i distintivi delle SS, siano davvero nazzzisti.

    DEBUNKERS…. ma andate aff….

    "Mi piace"

  3. Azov e mercenari sono circondati e intrappolati nelle acciaierie Azovstal di Mariupol, ormai senza viveri e munizioni. Hanno ripetutamente richiesto alle autorità di Kiev il permesso per arrendersi ma è stato negato; probabilmente l’ordine è di resistere fino all’ultimo uomo e all’ultima cartuccia (devo averla già sentita anche in un altro contesto).

    Secondo Ria novosti

    Dal ministero della difesa russo è stata fatta pervenire la proposta ad Azov e mercenari di arrendersi entro le 6 del mattino del 17 aprile.
    Qui l’articolo 👇
    https://ria.ru/20220417/azovstal-1783928197.html

    Piace a 1 persona

      • Analista militare statunitense accusa le truppe ucraine di uccisioni a Bucha
        10:09, 7 aprile 2022 (UTC) Фото: Matthew Hatcher/Keystone Press Agency/Global Look Press
        Google News
        Seguici su Google News

        L’analista militare americano, l’ex ispettore delle armi delle Nazioni Unite in Iraq Scott Ritter, ha affermato che le persone morte nella città di Bucha sono state vittime delle forze di sicurezza ucraine. Lo ha detto in un webinar sugli eventi in Ucraina, i cui dati portano RIA Novosti. Citando le dichiarazioni dell’esercito russo, Ritter ha detto che erano in buoni rapporti con la popolazione locale, mentre le truppe ucraine dopo la partenza dei russi hanno condotto un’epurazione tra i presunti collaboratori.

        Purgare significa uccidere. Non per afferrare, ma per uccidere. E lo fanno. E poi vanno a fotografare i cadaveri e dicono che i russi ce l’hanno fatta., — disse Ritter.

        Ha anche osservato che chiunque abbia partecipato allo scambio di razioni secche di soldati russi per prodotti locali era considerato un collaboratore dal punto di vista delle truppe ucraine. Secondo Ritter, dopo la partenza delle truppe russe, i punitori ucraini hanno annunciato l’inizio di un “safari”: hanno sparato ai civili per le strade, hanno bussato alle porte di coloro che hanno collaborato con l’esercito russo e li hanno uccisi. Inoltre, i corpi nel video di Bucha non sembrano essere rimasti per diversi giorni dalla partenza delle truppe russe.

        Queste persone sono state uccise il 1 ° aprile dalla polizia nazionale ucraina. E poi il presidente degli Stati Uniti esce e dice che questo è un crimine di guerra commesso dai russi. Questa è una guerra di propaganda diversa da qualsiasi cosa abbiamo visto nei tempi moderni. Ritter ha concluso.

        Nel Ministero della Difesa della Russia il 3 aprile Negato accuse del regime di Kiev nel presunto omicidio di civili da parte di militari russi nel villaggio di Bucha, nella regione di Kiev. Hanno notato che le dichiarazioni delle autorità ucraine sugli omicidi dei residenti di Bucha sono apparse solo il quarto giorno dopo il ritiro dell’esercito russo dalla città.”

        Piace a 3 people

  4. Brava, e che dovemo fa’, mandiamo le armi all’amico Putin per denazificare l’Ucraina?

    Sull’onda del nuovo antinazismo nazista, rivediamo le menzogne che ci hanno raccontato sulle varie guerre imperialiste ammericane.

    Una succosa notizia per Daniela Ranieri: Hitler voleva invadere l’UK per denazificarla, avendo saputo del partito nazista inglese:

    https://it.wikipedia.org/wiki/Unione_Britannica_dei_Fascisti

    Inoltre “fonti tesdesche” confermano che fu la Polonia a provocare Hitler, che voleva denazificarla con una pacifica operazione speciale, qui le fake news della stampa imperialista al soldo degli ammericani:

    https://it.wikipedia.org/wiki/Incidente_di_Gleiwitz

    Seguira’ versione di T. Capuozzo per coltivare il dubbio.

    Piace a 2 people

    • Non ci si sbaglia mai.

      Quando si prende un pò di formaggio, escono subito i SORCI.

      Vero nazi-Silvio?

      Perché secondo te, l’Azov è una finta unità nazista RUSSA?

      Perché è solo così che il tuo vaneggiamento reggerebbe.

      "Mi piace"

    • Silvio B. mi chiedo se lei riuscirà a vergognarsi un giorno o l’altro per quello che ha scritto in questo suo commento, sgrammaticato per giunta, oltre che disonesto intellettualmente e moralmente. L’amara nonché orribile storia del battaglione Azov ha scolpito sulla pietra non solo il fanatismo e la quotidiana pericolosità sociale dei suoi adepti, ma anche e soprattutto i crimini contro l’umanità che i medesimi hanno compiuto dal 2014 fino a poche settimane fa soprattutto nei territori del Donbass ucraino, contro la stessa popolazione ucraina russofona o filo russa. Lei, Silvio B., è solo la brutta copia di Mr Gramellini, infiltrato Nato in Italia che fa finta di fare il “giornalista” aizzando la parte peggiore della popolazione nonché quella più debole psicologicamente e culturalmente.

      Piace a 3 people

    • @Silvio B.
      Apprezzo la tua determinazione.
      Ma con i Puntin’s trolls non c’è speranza. Energie sprecate. O meglio: perle ai porci.

      "Mi piace"

    • “Antinazismo nazista”
      È proprio così.
      Putin è un dittatore feroce e come tale molto somigliante a Hitler.
      Lo stesso non si può dire di Zelensky.
      In Ucraina i nazisti hanno un peso irrilevante dal punto di vista politico.
      Meno di quanto ne abbiano i fascisti in Italia, che sono tutt’ora molto rappresentati in Parmalento.

      "Mi piace"

  5. Tranquilli, ragazzi, da ora in poi moriremo “democratici”. Dopo il Report di RAI3 che “svelava i misfatti” di Merkel e C. e dei Nordstream I e II di quei cattivoni dei Tedeschi che cercavano gas migliore al prezzo più basso possibile per loro stessi e per noi( fino a ieri la Russia era certificata come il produttore più affidabile, ora…auguri…) , tutto cambierà.
    Ci affideremo a Paesi africani non proprio…democratici… ma che vuol dire…
    Che ci venderanno gas di qualità minore in minore quantità e a prezzo più alto.
    Ma soprattutto l’ “aiuto” arriverà dalla dipendenza rafforzata con nostri sempiterni salvatori di Oltreoceano, che dopo aver estratto il loro gas mediante la tecnica superinquinante del fraking lo trasformerànno in liquido, lo caricheranno in enormi navi container, lo porteranno fino in Europa per essere rigassificato( rigassificatori costruiti a nostre spese) per poi giungere fino alle nostre case. Questa sì che è una rivoluzione verde ed un “renderci indipendenti”! E che grande risparmio per “le tasche degli Italiani”!
    Noi sì che siamo furbi, mica quei corrotti dei Tedeschi!
    Report certifica, quindi tranquilli…

    Piace a 3 people

  6. Quando la BBC …
    2014 , 2017

    Max Blumenthal
    @Max Blumenthal

    un tweet del giornalista statunitense Max Blumenthal, che riporta anche un video della televisione britannica, Il video del 2017 accompagna immagini di violenza e distruzione con queste testuali parole: “Ecco la milizia nazionale mentre i giornalisti non guardano”.
    Già nel 2017, la BBC ha riferito della collaborazione formale del battaglione neonazista Azov con la polizia nazionale ucraina e della sponsorizzazione ufficiale da parte del ministero dell’Interno del paese. La cosa principale che è cambiata da allora è lo sguardo dei media mainstream.

    https://www.bbc.com/news/world-europe-28329329
    “In una conversazione telefonica da un luogo sconosciuto, il signor Skillt mi ha detto di più sui suoi doveri: “Ho almeno tre scopi nel battaglione Azov: sono il comandante di una piccola unità di ricognizione, sono anche un cecchino e talvolta lavoro come coordinatore speciale per le stanze di sgombero e l’ingresso nelle aree civili”.

    https://www.bbc.com/news/world-europe-26079957

    Crisi in Ucraina: trascrizione della chiamata Nuland-Pyatt trapelata
    Pubblicato7 febbraio 2014

    "Mi piace"

    • Oh finalmente! Una fonte attendibile, era ora… Un’altra fonte attendibile – per quanto non sviluppi l’idea che nazi e fasci sarebbero restati allo stadio se quella schifezza di nazionalismo e guerra non avesse seminato la necessita’ fi personale armato – e’ questa: https://www.youtube.com/watch?v=tKpj8vpIKjg Incredibile? No, poiche’ attendibile lo e’ sempre stato, offrendo tutti i riferimenti a pie’ di video. Ripeto: Giorgio Bianchi non e’ Chris Hedges, no lavora per testate dimostrabilmente capaci di correggere le inesattezze o le ambiguita’ dei propri articoli…

      "Mi piace"

      • … e soprattutto, Tracia, le fonti attendibili non si piluccano solo quando offrono riferimenti compiacenti. La strage di Odessa la racconto’ benissimo il Guardian, per esempio, e riviste come Jacobin o Counterpunch da tempo offrono informazioni – attendibili e non solipsistiche – sui fascisti ed i nazisti in Ucraina, e da tempo. Io offrii riferimenti al fallimento di Zelensky contro i Mastella di la’ e della comunita’ ebraica ucraina sull’aumento di attacchi degli ultimi tempi L’Espresso dal 2015 proponeva i moniti di un certo Lilin che scriveva di Dombass e Luhansk. Posti nei quali coscrizioni forzate, pestaggi, arresti arbitrari ed altri abusi sono la regola. Giansenio, tu poi… rio destino, Ria Novosty…

        Piace a 1 persona

  7. Fascisti e nazisti sono sempre andati bene a tutti, Chiesa compresa, fino a quando conveniva. Tutti Uomini della Provvidenza, compari in buoni affari, utili contro il pericolo bolscevico…
    Non è una novità…
    L’etica è buona solo per appecorare noi, utili idioti.
    Lassù non è mai esistita.
    .

    "Mi piace"

  8. oddio…
    la N sta per Nazionalismo?
    in ucraino?
    sicura di non aver capito male?

    in ucraino la N si scrive H
    (nazionalismo = націоналізм)

    e quella sembra piuttosto la И che se non sbaglio è la I

    direi che è il classico arrampicarsi sugli specchi

    "Mi piace"

  9. Sempre più convinto
    🇷🇺🇷🇺🇷🇺🇷🇺🇷🇺🇷🇺🇷🇺🇷🇺🇷🇺🇷🇺🇷🇺🇷🇺🇷🇺🇪🇺

    "Mi piace"

  10. Ieri ho dichiarato il mio essere filo-Putin. E l’ho fatto specificamente sulle ragioni del conflitto. Che tutti dovrebbero sapere vengono da lontano, da almeno 8 anni. Un conflitto che è armato come guerra preventiva di un Paese ( la Russia) contro un altro ( l’Ucraina) ma che è armato, appunto, da anni come guerra civile. Chiunque abbia un po’ di buon senso e onestà intellettuale, informandosi, saprebbe che le pressioni contro la minoranza di etnia russa, dopo il golpe ( tale è) del 2014 sono state tante e violente. Stiamo parlando di una minoranza di almeno 8 milioni di persone ( un 20% della popolazione totale). Per non dire della violenza di scelte del Parlamento ucraino nel 2019, scelte che penalizzavano quella parte di ucraini russofoni ( cioè che parlano il russo, quindi anche di etnie diverse, e che sono molti di più). Vietare la traduzione o l’esposizione in lingua russa di libri, scritti, film, insegnamento nelle scuole etc. è stato un atto di ostilità che ha portato a ricorsi e proteste, con poco risalto internazionale. Lo scontro nel Donbass è solo una parte del conflitto. Lì con morti, altrove con discriminazioni e clima di intimidazione contro la minoranza russofila. Che fino alla teleguidata rivoluzione di Maidan stava serena e conviveva con le altre etnie, in primis la maggioranza ucraina. Il clima cambiò da allora, e c’è chi soffió sul fuoco per favorire il sentimento antirusso, da poter giocare poi per interessi geopolitici. Sappiamo chi sono. Quello che è stato più ignobile e pericolosissimo è aver allevato, in parte scritturato dall’esterno, una quota rilevante di fanatici, di criminali violenti, armati, per fare le operazioni sporche. Contro i filorussi e spesso contro i russofoni. Questa manovalanza, forse sfuggita di mano, ha esaltato il suo ruolo, rivestendolo di un nazionalismo estremo, si è abbeverata a miti nazisti, facendoli propri in ottica moderna, e si è sentita fortissima facendo proseliti e diventando interlocutore del Potere. Quindi è stata “normalizzata” in parte, ma solo perché si è istituzionalizzata entrando nell’esercito regolare. Il suo “credo”, la sua missione, resta intatta. E pericolosa. Non è solo l’Azov, né solo il Right Sector, c’è di più che bolle in Ucraina. E per capirlo basta ascoltare le parole del “giornalista” Maistrouk, della vicepremier Verenschuk, del consigliere di Zelenski, Rodnyansky. Ascoltarli e osservarli mentre parlano fa impressione ( degli ultimi 2 ebbe una sensazione di disagio pure l’imperturbabile Caracciolo). Quello che troppi non comprendono è che Putin o non Putin, la Russia ( che non è uno staterello privo di storia, forza e potere) non avrebbe tollerato non solo il sentirsi accerchiata da rivali/nemici con la presenza colonizzatrice della Nato, ma che un Paese fratello per storia, condivisione, cultura, finisse in mano o fortemente condizionata da una struttura militare ( che fa ancora proseliti) che fa del sentimento antirusso parte cospicua della sua missione. Anzi, forse un altro leader russo avrebbe fatto molto di peggio. Con molta più violenza, altro che “operazione speciale”. E tutti sanno che se i Russi avessero usato gli stessi strumenti che usano gli USA ( terrorizza e distruggi) quando fanno guerre nel mondo, della “democrazia” ucraina resterebbero solo le ceneri. Quindi essere filoPutin per me è riconoscere le sue ragioni, senza infingimenti. In questo contesto. Chi sia Putin come uomo, come politico, come leader, lo lascio raccontare agli altri. Da Nicolai Lilin, da Sergio Romano, da Oliver Stone fino alla Politkovskaja. Ad ogni modo Buona Pasqua a tutti, anche al piccolo uomo che si crede Dio, che ieri mi dava del miserabile ingrato ( discorrendo di altro a conferma che non aveva capito nulla).

    Piace a 3 people

    • Per onestà intellettuale vatti a documentare sul donbass a partire dal 2008.
      Per onestà intellettuale cerca di capire che significa onestà intellettuale, ma così, in generale, potrebbe significare anche informarsi acriticamente sui fatti, raccogliere informazioni in modo obiettivo.
      Come per esempio quella che l’Ucraina è stata aggredita militarmente dalla Russia senza alcun motivo plausibile il 24 febbraio 2022

      Piace a 1 persona

  11. La Russia dà l’ultimatum ai nazisti di Mariupol: hanno tempo fino alle 9:00 GMT per deporre le armi
    MONDO
    NEWS DESK
    16 APRILE 2022


    Il ministero della Difesa russo ha riferito pubblicamente di aver dato un ultimatum alle restanti truppe ucraine che resistono all’interno di Mariupol: hanno tempo fino alle 9:00 GMT per deporre le armi.

    L’ultima volta che il Cremlino ha dato un qualsiasi tipo di ultimatum, è stato nelle ultime ore del 23 febbraio, ed è stato consegnato al presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky. Quell’ultimatum diceva a Zelensky che l’Ucraina aveva cinque ore per accettare i termini della Russia:

    Riconoscere Luhansk e Donetsk come “indipendenti” all’interno del quadro costituzionale dell’Ucraina, E;
    Accetto di non aderire alla NATO, AND;
    Epurate il governo, la polizia e l’esercito dai nazisti.
    L’Ucraina ha trasmesso l’ultimatum del Cremlino all’ambasciata britannica e al Dipartimento di Stato americano. I tre hanno avuto conferenze telefoniche o video e il consenso era che l’Ucraina avrebbe dovuto “ignorare l’ultimatum” che hanno fatto.

    Due ore dopo la scadenza dell’ultimatum, l’esercito russo ha attraversato il confine con l’Ucraina.

    Quindi chiaramente, i russi intendono quello che dicono quando danno un ultimatum. Ecco cosa dice la Russia:

    DICHIARAZIONE URGENTE DELLA SEDE DI COORDINAMENTO INTERDIPARTMENTALE DELLA FEDERAZIONE RUSSA SULLA SITUAZIONE IN MARIUPOL

    Facciamo appello a tutti i militari delle forze armate ucraine e ai mercenari stranieri – con l’atteggiamento cinico delle autorità di Kiev, un destino così poco invidiabile attende tutti voi. Detto questo, non mettete alla prova il vostro destino seguendo l’esempio della tragedia di Mariupol, ma prendete l’unica decisione giusta per fermare le ostilità e deporre le armi ora, ovunque i vostri “curatori” vi costringano a combattere per le idee del nazismo. Allo stesso tempo, la Federazione Russa garantisce a ciascuno di voi la conservazione della vita e il rispetto di tutte le norme della Convenzione di Ginevra sul trattamento dei prigionieri di guerra, come è già successo con i vostri compagni che si sono arresi in precedenza a Mariupol.

    Questa dichiarazione urgente è soggetta all’immediata pubblicazione e comunicazione alle Nazioni Unite, all’OSCE, al Comitato Internazionale della Croce Rossa e ad altre organizzazioni internazionali attraverso tutte le risorse informative disponibili, compresi i media.

    Inoltre, il comunicato urgente specificato durante la notte sarà portato continuamente alle formazioni ucraine ad Azovstal su tutti i canali radio con un intervallo di ogni 30 minuti.

    Ora, le truppe ucraine che hanno resistito a Mariupol hanno ricevuto un ultimatum. L’Ucraina è sette ore avanti rispetto alla costa orientale degli Stati Uniti e due o tre ore avanti rispetto al GMT.

    Quindi, se le truppe non si arrendono, non è difficile ipotizzare che l’esercito russo intraprenderà un’azione decisiva per porre fine alle resistenze. Solo una questione di ore ormai. ”

    Indipendente di chi vincerà , si sa per cento chi perderà – Ucraina Victoria Nuland al telefono “Fuck the Europe

    Piace a 2 people

    • La Russia dà l’ultimatum ai “nazisti ” ? di Mariupol…
      Non ho trovato niente con quel titolo. Pure è vero che la resistenza ucraina in quella città e’alla fine.
      Putin sta riuscendo a “denazificare ” l’Ucraina a quanto pare.
      Ora pensi a farlo nel suo esercito dove i gruppi di macellai militari sono di gran lunga più numerosi e inumani di quelli ucraini.

      Piace a 1 persona

      • Tgcom24 Mondo
        17 APRILE 2022 09:44
        Vienna: Putin collaborerà all’inchiesta sui crimini di guerra

        Vladimir Putin “collaborerà all’inchiesta internazionale” sui crimini di guerra commessi, secondo la comunità internazionale, dalle forze russe in Ucraina. Lo ha detto lo stesso presidente russo al cancelliere austriaco, Karl Nehammer, durante il loro incontro a Mosca lo scorso 11 aprile. Nehammer ha inoltre riferito che “Putin non si fida del mondo occidentale. Quindi, questo sarà il problema in futuro”, ha aggiunto.

        Piace a 1 persona

  12. Niente risposte, tu come il resto della banda… Non mi resta che aspettare l’epifania di Luca Morisi attraverso gli atti, i pensieri, e le opere di Elena.

    "Mi piace"

      • Ecco quello che diceva realmente il mio Dio (che poi è anche il tuo, ma non lo sai…), anche se nelle omelie, soprattutto pasquali, i bolsi pretini non lo dicono mai:

        “Non pensate che io sia venuto a mettere pace sulla terra; non sono venuto a metter pace, ma spada.”! (Matteo 10,34)

        "Mi piace"

      • Mi è simpatico il tuo Dio.
        Sai che tu staresti benissimo vestito da bubble bubble?
        Cerca un po’ questo rito tarantino, io li adoro.

        (Cerca “bubble bubble” oppure “perdoni” giovedi santo Taranto).

        "Mi piace"

      • Bello grad, ma perché “bubble bubble”? Cercando ho trovato solo “bubble bObble”, un videogioco.

        Circa “le Perdùne”, il rito deve avere qualche influenza ebraica: i due nastrini blu penzolanti dal cappello evocano i cernecchi degli ebrei ortodossi…

        "Mi piace"

      • Sai che non lo so? Perdoni a Taranto, bubble bubble a Grottaglie e la u si pronuncia u non a come il gioco.
        Se cerchi bene, in altri risultati lo trovi.
        Questi girano tutta la notte scalzi dal giovedì al venerdì. Da bambina mi terrorizaavano.
        Mio cugino lo fa. Ti ci vedo proprio.

        Piace a 1 persona

    • “Niente risposte”

      ANSA.it
      Mondo
      Austria, Putin collaborerà all’inchiesta sui crimini di guerra
      Nehammer: “Non si fida del mondo occidentale. Quindi, questo sarà il problema in futuro”

      I
      Redazione ANSA
      ROMA
      17 aprile 2022
      09:23

      NEWS
      Vladimir Putin “collaborerà all’inchiesta internazionale” sui crimini di guerra commessi secondo la comunità internazionale dalle forze russe in Ucraina, ha detto lo stesso presidente russo al cancelliere austriaco, Karl Nehammer, durante il loro incontro a Mosca lo scorso 11 aprile. Intervistato dalla Nbc, Nehammer ha inoltre riferito che Putin “non si fida del mondo occidentale. Quindi, questo sarà il problema in futuro”, ha aggiunto. Il presidente Putin, ha proseguito il cancelliere davanti alle telecamere della Nbc, ragiona “nella sua logica di guerra” e pensa che stia vincendo la guerra.

      "Mi piace"

      • Tracia, ma cosa fai?!?!?!?

        http://www.renovatio21.com

        E tu ti lasci scappare un tale branco di debosciati mentali? Elidi dalla coscienza spirituale dei Migliori ulteriori possibilita’ di toccare il fondo? Pedi l’occasione?
        Ma sei una fallita? Ma sei una demente? Ma vuoi nazificare l’Ucraina?!? Schizza immediatamente ad offrire qualcosa di succulento da questa sorgente di Vita Trentennale.

        "Mi piace"

  13. “quei dolci per bambini ucraini” è un vecchio video che risale al 2014. Postato su renovatio 21, sito cancellato da facebook nel 2021. ma la cui rivista online ancora opera.
    Si può farsi un’idea su cosa pubblica questa rivista visitandone le pagine su internet.
    La foto di quel militare con quei missili e quelle scritte, tra l’altro da interpretare, sono ricorrenti dentro una spiegazione di parte.
    Ma a tal proposito ho sentito un esperto militare parlare in una trasmissione televisiva, di una particolare predisposizione, nell’esercito russo, di scrivere delle frasette ” simpatiche” sui missili loro in dotazione. Quelli potevano essere loro missili.
    In ogni caso nessuna fonte o commento si accompagna alla foto.

    Tempo perso

    Piace a 2 people

    • ” “quei dolci per bambini ucraini” è un vecchio video che risale al 2014. Postato su renovatio 21, sito cancellato da facebook nel 2021. ma la cui rivista online ancora opera.
      Si può farsi un’idea su cosa pubblica questa rivista visitandone le pagine su internet.”

      Questo non cambia il fatto che il video è reale. Persino Butac, nel suo imbarazzante minimizzare, dice che è reale ciò che si vede nel video:
      https://www.butac.it/scuola-di-nazismo/

      “La foto di quel militare con quei missili e quelle scritte, tra l’altro da interpretare, sono ricorrenti dentro una spiegazione di parte”.

      La spiegazione alternativa, se non ho capito male, è che quel soldato ucraino abbia voluto far vedere dei missili russi che avrebbero trovato da qualche parte.
      A mio parere tale spiegazione è ridicola. Se avessero voluto far vedere la crudeltà dei russi, di certo avrebbero fatto un video dove mostravano il come e il quando abbiano trovato quelle armi. E dato che nessun tg del mondo ci ha mostrato quella foto spiegandoci che si trattava di missili russi, tenendo presente che USA/NATO avrebbero preso la palla al balzo per fare propaganda contro i russi, è ragionevole pensare che sia opera degli ucraini.
      Se uno si fa fare una foto accanto ad un leone morto, e non ci scrive niente accanto alla foto, al 99,99% è stato lui a far fuori il leone. E’ ridicolo pensare che si sia fatto fare quella foto per sensibilizzare gli animalisti, senza neanche dare uno straccio di informazione sulla foto. E’ più logici supporre che il leone sia un trofeo, da esibire, del soggetto nella foto.

      "Mi piace"

      • “Persino Butac, nel suo imbarazzante minimizzare…”

        Ah ah ah!

        Basta saper aspettare i cadaveri: vincit omnia Veritas!

        "Mi piace"

  14. ” Guerra Ucraina, la fabbrica delle false notizie al servizio della Russia
    La giornalista finlandese Jessikka Aro ha investigato la macchina della propaganda russa. Una scelta che ha pagato diventando vittima di messaggi di odio e disinformazione. A giugno negli Stati Uniti esce il suo libro “Putin’s trolls”
    di Redazione 9 Marzo 2022

    Le guerre oggi si combattono anche con le armi non convenzionali della propaganda e con la grande, pericolosa macchina della disinformazione, che si nutre facilmente del vasto mondo della Rete e dei social network.

    Anche la guerra in Ucraina è stata preparata, accompagnata dalla potente fabbrica dei troll – nel gergo del web sono gli utenti anonimi, fake (falsi) creati appositamente per diffondere informazioni false, per provocare, aizzare la platea di internet, suscitare odio – sostenuta, indirettamente, dal Cremlino. Un’industria capillare, che agisce in modo subdolo, nascosto, capace di mistificare la realtà, manipolare opinioni e convinzioni, distruggere le vite delle persone che diventano bersaglio delle campagne dei troll…

    “…E oggi continui a investigare come la propaganda delle Russia influenzi la guerra in Ucraina.

    “Ho seguito e analizzato le storie che i troll russi raccontavano sull’Ucraina a partire dal conflitto nel Donbass – le regioni separatiste nell’Est del Paese – nel 2014. E ho rilevato che l’Ucraina veniva dipinta come la parte colpevole della guerra. Dicevano che l’Unione europea e la Nato avevano voluto il conflitto e che la Russia non aveva preso parte in alcun modo alla guerra. Accusavano l’allora presidente ucraino Poroshenko di aver voluto il conflitto.

    Diffondevano la notizia falsa che il volo M17 della Malaysian airlines abbattuto da un missile a luglio del 2014 in Ucraina orientale fosse stato colpito da forze ucraine, mente era stato centrato dai russi. Manipolavano la gente facendo credere che la Russia fosse estranea alla guerra in Ucraina, mentre Mosca continuava a inviare materiale, forze di sicurezza, equipaggiamento ai separatisti del Donbass. I troll diffondevano meme e video che mostravano i separatisti come eroi e i soldati ucraini come criminali. Cercavano così di demoralizzare le truppe ucraine.

    Una delle accuse rivolta agli ucraini, soprattutto in questo periodo di guerra, è di essere nazisti e discriminare la popolazione di lingua russa. Pensi sia dovuto ai troll?

    Sono stati creati tantissimi troll sulla storia ucraina. Nel 2014 i media russi di Stato, manipolati e manovrati dal regime di Putin, hanno cominciato a diffondere la convinzione che gli ucraini fossero nazisti e fascisti. Perché? Semplicemente per creare la giustificazione per Mosca per portare la guerra in Ucraina. In questo senso, si portava avanti l’idea che fosse giusto liberare il Paese dalla dominazione del nazismo.

    Ho trovato molto interessante l’intervista a un soldato russo che, convinto di andare a combattere contro i nazisti, si ritrova sconcertato, confuso, perché, una volta là, si rese conto che si trattava soltanto di una bugia. La propaganda è sempre stata usata nella storia per disumanizzare e demonizzare l’obiettivo della disinformazione. Una volta che il nemico è stato demonizzato la guerra trova giustificazione e i soldati pensano di combattere per una giusta causa…

    L’articolo completo si può leggere su “Osservatorio Diritti” del 9 marzo 2022

    Piace a 2 people

    • “Ora pensi a farlo nel suo esercito dove i gruppi di macellai militari sono di gran lunga più numerosi e inumani di quelli ucraini.”

      “Le guerre oggi si combattono anche con le armi non convenzionali della propaganda e con la grande, pericolosa macchina della disinformazione, che si nutre facilmente del vasto mondo della Rete e dei social network.”

      Ecco bravo , anche questa è disinformazione documentata ? ,non con “si dice”, ma documentata da “umani” ucraini.
      Vi renderete conto cosa ha prodotto la propaganda mainstream mondiale in questo tragico momento (altro che la propaganda Putintroll) quando sarà troppo tardi. La guerra c’è , giusto documentarla e commentarla , ma non a senso unico e nascondere
      la vera ragione di questa carneficina , con principali artefici Usa, GB, Nato, EU, Putin .La futura disintegrazione EU
      prossima per la gioia di BIDEN,GB .

      Leggete anche questo
      https://thegrayzone.com/2022/04/17/traitor-zelensky-assassination-kidnapping-arrest-political-opposition/

      "Mi piace"

      • Sì… questo amore è criptico
        è la cosa più preziosa che possa esistere
        Vive d’ombra e dalla luce tormenta
        E pure pace inferno e paradiso d’ogni cuor

        "Mi piace"

  15. Come aveva scritto Lerner sullo stesso giornale, basta un battaglione di nazisti- che tali sono, e solo un cretino potrebbe disconoscerlo- a delegittimare le aspirazioni di un intero popolo? E Putin, che esalta i savi di Sion, i centoneri e foraggia, oltre al Gruppo Wagner, le peggiori destre d’Europa, è invece il denazificatore ideale?

    Piace a 1 persona

    • “basta un battaglione di nazisti- che tali sono, e solo un cretino potrebbe disconoscerlo- a delegittimare le aspirazioni di un intero popolo?”

      Un battaglione non supera le 1.000 unità.
      L’esercito ucraino è composto da almeno 250.000 unità.

      Sei tu che devi spiegare perchè 250.000 non riescono a cacciare 1.000 e a farne a meno. Evidentemente approvano il loro operato, quindi ridurre la questione ad un singolo battaglione significa non volersi porre delle domande.

      A mio parere Azov e simili sono una bad company di utili idioti; se viene fuori che han fatto lavori sporchi, gli altri intorno e sopra di loro diranno che trattasi di poche mele marce.

      "Mi piace"

      • Mi levi di mezzo per favore *almeno* le curve sud dell’Inter e della Lazio? Cosi’, tanto per allenarti quando tocchera’ a “loro”…

        "Mi piace"

  16. Le aspirazioni di un intero popolo?
    E quali sarebbero?
    Forse quelle stesse di un organizzazione militare di morte come la Nato che soffia continuamente su fuoco della guerra con l’obiettivo di espandersi all’inverosimile a migliaia di chilometri di distanza dal paese a cui fa capo?

    Credo che l’aspirazione di un popolo sia la pace.
    E che questa non sia per nulla propagandata dalle televisioni e i mezzi di informazione di derivazione anglosassone e quelle ad esse assoggettate.

    Quelle propagandano solo l’ossimoro della Pace: la Nato.

    Piace a 1 persona

  17. Quello che non riesco a spiegarmi è come mai -dato che da giorni si parlava di un attacco nemico con tanto di foto satellitari che ritraevano i carri armati russo e le loro posizioni che si avvicinavano alla frontiera – tutto l’esercito ucraino ( con contrattisti, battaglioni vari e addestratori da mezzo mondo…) non si fosse schierato ai confini per fermarlo. Sarebbe come se i nostri alpini anziché in Friuli avessero atteso il nemico a Padova o a Bologna.
    Non era ovvio che nella penetrazione del territorio ci sarebbero stati morti?
    Non è che si aspettassero proprio queste morti per mostrare al mondo intero la mattanza e pretendere sempre di più armi e aiuti di ogni tipo destabilizzando anche l’Europa?
    Altra domanda: come mai fino dal primo giorno di guerra, ancora prima degli spari, erano già pronti treni e pullman per portare i cittadini di ogni parte dell’ Ucraina all’estero?
    I nostri vecchi, sotto ben altri bombardamenti, al massimo sfollavano in campagna o nelle regioni vicine, e ben molto tempo dopo il primo colpo di fucile… Non mi risulta che in pochi giorni in milioni se ne siano andati in Svizzera o in Inghilterra..
    Mah.

    Piace a 1 persona

  18. JACQUES BAUD: Beh, penso che dobbiamo capire, come sapete, che la guerra in realtà non è iniziata il 24 febbraio di quest’anno. È iniziato già nel 2014. Ma penso che i russi abbiano sempre sperato che questo conflitto potesse essere risolto a livello politico, in effetti; Intendo gli accordi di Minsk e tutto il resto. Quindi, fondamentalmente ciò che ha portato alla decisione di lanciare un’offensiva nel Donbas non è stato quello che è successo dal 2014. C’era un fattore scatenante, e l’innesco sono due cose; Voglio dire, è arrivato in due fasi, se vuoi.

    La prima è la decisione e la legge adottata da [Volodymyr] Zelenskyy nel marzo 2021 – questo significa l’anno scorso – di riconquistare la Crimea con la forza, e che ha avviato un accumulo di corazzati russi per… non i russi, [piuttosto] il Forze corazzate ucraine nelle parti meridionali del paese. E quindi, penso che i russi fossero perfettamente consapevoli di questo accumulo. Sapevano che doveva essere lanciata un’operazione contro le Repubbliche del Donbas, ma non sapevano quando e, ovviamente, lo stavano solo osservando, e poi è arrivato il vero innesco.

    Forse ricorderete che—penso fosse il 16 febbraio—Joe Biden, durante una conferenza stampa, disse che sapeva che i russi avrebbero attaccato. E come fa a saperlo? Perché ho ancora dei contatti e nessuno pensava davvero che i russi – prima di fine gennaio, inizio febbraio – penso che nessuno pensasse che i russi avrebbero attaccato l’Ucraina. Quindi, ci deve essere stato qualcosa che ha reso Biden consapevole che i russi avrebbero attaccato. E questo qualcosa, in effetti, è l’intensificarsi dei bombardamenti di artiglieria del Donbas a partire dal 16 febbraio, e questo aumento dei bombardamenti è stato osservato, infatti, dalla Missione di Osservatori [di frontiera] dell’OSCE [Organizzazione per la sicurezza e Cooperazione in Europa], e hanno registrato questo aumento di violazioni, ed è una violazione massiccia. Intendo, stiamo parlando di qualcosa che è circa 30 volte più di una volta, perché negli ultimi otto anni hai avuto molte violazioni da entrambe le parti, tra l’altro. Ma improvvisamente il 16 febbraio si è verificato un massiccio aumento delle violazioni da parte ucraina. Quindi, per i russi, Vladimir Putin in particolare, quello era il segno che l’operazione, l’operazione ucraina, stava per iniziare.

    E poi tutto è iniziato; Voglio dire, tutti gli eventi sono arrivati ​​molto rapidamente. Ciò significa che se guardiamo le cifre, puoi vedere che c’è, come ho detto, un aumento massiccio dal 16 al 17, e poi ha raggiunto una specie di massimo il 18 febbraio, e questo è continuato.

    https://thegrayzone.com/2022/04/15/us-eu-sacrificing-ukraine-to-weaken-russia-fmr-nato-adviser/

    Piace a 1 persona

  19. Molto superficiale: il grosso della societa’ di quel posto un obiettivo l’aveva ben chiaro e ben saldo, ed era levarsi di mezzo tutto quel che di sovietico ammorbava la societa’. I Briatore locali, le infiltrazioni nella politica elettorale, eccetera. Dalla caduta del Muro. La Russia aveva duramente ammorbato l’economia spostando l’ago della bilancia in favore di Yanukovych e delle sue *promesse*. Quando queste si mostrarono per la truffa che erano, la societa’ civile esplose, inclusi i fascionazionalisti. E’ chiaro che Zio Sam ne approfitto’ ed e’ chiaro perche non li presero a calci nel sedere. Prova a chiedere ad Estonia, Lettonia e Lituania.

    Piace a 1 persona

    • “Prova a chiedere ad Estonia, Lettonia e Lituania”

      E certo, l’autodeterminazione dei popoli vale solo verso occidente. Me ne ero dimenticato di questa “regola dei buoni”.

      A questa gente
      https://miro.medium.com/max/500/1*lt6DIjPLGIl7r0Ti7MQHRg.jinvece non è concessa l’autodeterminazione. E piuttosto che rinunciare a rimetterli sotto Kiev, perchè di questo si tratta, oltre alla faccenda NATO, sei disposto anche ad andare incontro ad una guerra che, come tutte le guerre, farà strage di civili. Altro che difendere la libertà; nella migliore delle ipotesi tu-Zelensky stai difendendo l’orgoglio tuo e di altri orgoglioni come te.

      C’è la telefonata della Nuland che spiega quali fantocci piazzare in Ucraina, mandando a fanculo l’UE, e te mi vieni a parlare dei fantocci di Putin???
      Ma mi faccia il piacere, direbbe Totò!

      Piace a 1 persona

      • Perche’ prima di gennaio tu di queste cose non sapevi nulla, storia, geigrafia, macche’…eri troppo occupato a ricopiare fregnacce sul virus COVID19. Poi la nuova ondata di idiozia ha soppiantato l’altra, e tu ha seguito il flusso, incapace di razionalizzare il perche’ scegli sempre la stessa luna a cui abbaiare, ti abbeveri come il resto della mandria. Sprecare domande con te mi notifica che il momento di lasciare questa domenica e’ venuto. Adesso sparisci, via, intellettualetto da strapazzo, vai a contare i numeri di serie, vai . O chiamo Geronimo…

        Piace a 1 persona

      • ,@Coscienzio

        A parte il fatto che ti stai inventando cose non vere su di me, dipingendomi come un no vax che faceva commenti no vax, vorrei ricordarti che la tua ipocrisia sull’autodeterminazione dei popoli rimane tale indipendentemente da ciò che io avrei, a tuo dire, fatto.
        Sei tu che devi spiegare perchè citi “Estonia, Lettonia e Lituania”, mentre fai finta di scordarti che milioni di persone non vogliono più sottostare a Kiev.

        Piace a 1 persona

      • “…eri troppo occupato a ricopiare fregnacce sul virus COVID19”: ma come Pajasso, Guido&sbando sul COVID diceva esattamente le stesse cose che dicevi tu, Stinking Dutchman, quindi delle due, Luna:

        o anche tu allora dicevi fregnacce, o adesso dici fregnacce!

        A pensarci però, entrambe le opzioni sono vere…

        "Mi piace"

      • E’ vero! Ho detto una idiozia: Guido al tempo del colera attingeva a fonti attendibili!
        Io non riesco a credere che chi un giorno citava, chesso’, Medbunker, poi cita noccioline e specchietti per le allodole… Si trattasse dell’effetto Anail?

        "Mi piace"

      • ENNIO, ti avverto che mi hai ROTTO I CGLN.
        Piantala di nominare gente che non ti sta minimamente ca5ando, mentre parli CON ALTRI.
        È da VIGLIACCHI, oltre che un metodo infantile per stuzzicare e colpire alle spalle.
        Che schifo.
        Tra l’altro sei patetico.
        Continui a basarti sulle fonti considerate da te attendibili, senza pensare che a decidere l’attendibilità sono gli stessi che hanno montato tutta sta macchina pubblicitaria da vomito.
        Secondo te, se il Papa viene riportato da una fonte per te non attendibile, smette di esserlo anche lui?
        La mammina ti ha detto di non fidarti degli sconosciuti e tu continui a rifiutare le caramelle? Non sei IN GRADO di giudicare da solo?
        Togliti i paraocchi e CRESCI.

        "Mi piace"

      • Guido, in un altro articolo avevi auspicato un referendum in Donbass.
        Non ero riuscita a risponderti.
        Lo faccio qui, con questo video, dal minuto 16,30, perché si è già svolto, l’11 maggio 2014. Guarda come:

        "Mi piace"

    • @Coscienza
      “… prima di gennaio tu di queste cose non sapevi nulla, storia, geigrafia, macche’…eri troppo occupato a ricopiare fregnacce sul virus COVID19…”.
      AH AH AH!
      Bravo. Mi ricorda qualcun altro…

      "Mi piace"

      • “Bravo. Mi ricorda qualcun altro…”;

        e quello bravo risponde:

        “E’ vero! Ho detto una idiozia”!

        Ah ah ah! L’acume del semaforo lampeggiante Guasto colpisce ancora

        Piace a 1 persona

      • Saint the failure
        Eccone un altro con mezzo cervello… che però gli funziona male.
        Ma sì, dai… la compassione non si rifiuta a nessuno.

        "Mi piace"

  20. Inquietante che qualche finta anima bella non comprenda la differenza che c’è tra cosa si racconta oggi o da 2-3 mesi a questa parte su Donbass, propaganda, fake etc. e quello che si diceva e scriveva 6-7-8 anni fa. Non sono cambiate ( se non in peggio) le cose. È cambiato il clima politico e la militarizzazione nello schierarsi. Ergo l’informazione non è più strumento di conoscenza, figurarsi di verità, è l’arma con la quale si combatte il Nemico. Non avendo nemici a priori mi sento un uomo libero. E so distinguere. E so soprattutto riconoscere i Cialtroni e ciò che sostengono puzza di menzogna a distanza.

    Piace a 1 persona

  21. Quello che sempre rattrista e preoccupa e’ il solito “se non sei con me sei contro di me” la solita etichetta che chiude ogni dialogo ed ogni approfondimento, ogni ricerca di sfuggire alle propagande, ogni resistenza a considerare il mondo diviso tra “buoni” e “cattivi” perchè “occorre schierarsi”.
    La stessa cosa è successa con i vaccini: hai qualche dubbio? Sei terrapiattista.
    Hai qualche dubbio su Putin=Hitler ma più pazzo? Sei…
    E qui è più complicato: non si può dire che sei comunista perchè la Russia ormai non lo è certo più (per quanto continuino a mangiare i bambini). Non si può dire che sei nazista perchè ormai anche i sassi sanno che se ci sono dei nazisti ( buoni) sono in Ucraina.
    Che dire, allora? Dunque, se non fai l’ equazione Putin=male assoluto, sei… Ecco, trovato, sei No-vax. Con tutto quello che ne consegue… Quindi peste ti colga.
    Così siamo messi.

    "Mi piace"