Selvaggia Lucarelli: “Djokovid” pensa di farci fessi

(Selvaggia Lucarelli – editorialedomani.it) – La vicenda di Novak  Djokovic apre una serie di questioni di un certa serietà, che rischiano di finire nell’oblio regalato da nuovi tronfi sportivi e dalla capacità propria dello sport di sciogliere le macchie sulle uniformi degli sportivi alla velocità di un giro in lavatrice.

Come prima cosa, Djokovic non ha chiarito alcuni passaggi della vicenda. Il primo è quello relativo alle sue uscite pubbliche a Belgrado (il 16 e 17 dicembre) nei giorni della sua presunta positività (che sarebbe iniziata il 16).

C’è poi un video che lo ritrae in strada a giocare a tennis, il 25 dicembre. Su questo neppure mezza parola e, visto che ad accertare i fatti che coinvolgono l’eroe nazionale dovrebbero essere le autorità serbe, ho come il sospetto che fischietteranno allegramente.

Il secondo passaggio riguarda lo strano tempismo con cui Djokovic contrae l’infezione. Visto che la sua partecipazione all’Australian Open era prevista da tempo, come pensava di accedere alla competizione prima di infettarsi?

Perché il Covid lo ha avuto a un mese dall’inizio, è stato un evento inatteso, imprevisto (si suppone) , non ha mai detto «Non andrò in Australia perché non mi vaccino». Quali erano i suoi piani? Sarebbe interessante conoscerli. Perché così viene da pensare che ne avesse uno e molto preciso. Andato in porto.

Terza questione. La famiglia Djokovic. Roba da far sembrare sorelle e madre della Ferragni un gruppetto normale. Se c’è una cosa che i genitori degli sportivi non dovrebbero mai fare è diventare fan esagitati, imbarazzanti dei propri figli, con scene da circo Barnum (o da no-vax in piazza, mi verrebbe da dire) come quelle a cui abbiamo assistito in questi giorni.

E poi discorsi da esagitati con deviazioni mistiche («è Gesù», «verità e giustizia!», «combatteremo in strada!») o idiozie paranoiche tipo quelle del fratello («Nole è vittima di bullismo»).

https://www.dailymail.co.uk/embed/video/2586859.html

Poi uno si stupisce se alle partite di calcio dei pulcini ci sono genitori che si menano a bordo campo. Immaginatevi la vita del bambino Djokovic cresciuto nel culto della sua persona. Probabilmente avranno conservato i suoi denti da latte in una teca anti-proiettile.

Djokovic è adesso il primo vero idolo no-vax mondiale e di fama indiscussa. Un idolo forte, luccicante, idolatrato dalle folle, ora anche ammantato di eroismo perché si è dimostrato disposto a perdere faccia, soldi e lavoro in nome della sua “fede”.

Se è vero che gli sportivi di fama sono gli idoli più trasversali anagraficamente, socialmente, geograficamente, Djokovic è il più grande testimonial che si potesse trovare per la causa no vax. Per una qualsiasi causa.

IDOLO NO-VAX

Giusto per chiarirci, nessuno sportivo al mondo del suo peso si è esposto per i vaccini quanto si è esposto lui per il diritto a non vaccinarsi, lottando per una questione di principio.

E nessuno, tra i pro-vax in attività, lo ha fatto principalmente per paura di perdere qualcosa. Ecco, i no-vax escono vincenti nella guerra dei testimonial, adesso hanno il loro condottiero. Che farà proseliti e rinsalderà le convinzioni di decisi e indecisi, potete giurarci.

L’unica questione che potrebbe rimanere aperta e sfavorevole per il tennista è quella degli sponsor. Quanti avranno piacere ad avere ancora il loro logo sulle sue scarpe, racchette, maglie?

In quanti proporranno nuovi contratti e rinnoveranno i vecchi, sapendo che comunque, agli occhi dei pro-vax, è uno che sì, dona un milione di euro a un ospedale, ma poi forse non si fa scrupoli a girare col Covid e a non vaccinarsi, contribuendo a riempire quegli stessi ospedali?

Questa vicenda, infine, è un precedente scivoloso anche per il rigidissimo governo australiano, che da ora in avanti dovrà dimostrare di essere altrettanto rapido nello sbrigare i ricorsi dei cittadini respinti all’immigrazione.

Perché ho come la sensazione che se uno arriva in Australia da vincitore del torneo Open tartufo di Norcia, i contenziosi non si risolvano così rapidamente.

Naturalmente, mi auguro che giochi e venga battuto da un vaccinato di 19 anni. Ma non dimentichiamo che è Gesù, probabilmente ha la resurrezione facile.

19 replies

  1. Non credo che sia arrivato in Australia navigando in solitaria o a nuoto: come ha fatto a superare i controlli degli aeroporti di partenza ? Debbo pensare che sia stato perchè ricco e famoso ?

    Piace a 1 persona

  2. Il tribunale lo ha assolto, la Lucarelli no. L’Est Europa non è più di moda e non fa più “sinistra accogliente” come qualche decennio fa.
    Ora si guarda a Sud.
    Intanto non si è allenato e sarà molto nervoso: mezza missione compiuta.

    "Mi piace"

  3. Da quando ho visto parenti e tifosi dell’idolo serbo mi è venuta un’idea: Perché non mandiamo i no – vax no – brain in quel bellissimo paese?…… solo andata ovviamente

    "Mi piace"

    • Ma basta!!! Avete rotto il c. con la vostra guerra santa sul santo graal. Sono fatti loro se non si vaccinano e se avranno delle complicanze se si prendono il covid. Io non fumo ma non mi imbestialisco con chi fuma perché potrebbe ammalarsi di cancro ai polmoni o fare ammalare chi gli sta vicino, con tutto quello che costa la chemioterapia

      "Mi piace"

      • Bravo Giulio, straquoto ogni singola parola del tuo post, aggiungo che Djokovic sta sulle palle a tutti (me compreso eh) perché al 100% vincerà in carriera più slam di Federer e Nadal. Però pure basta a rompere il cazzo a quelli che non si vogliono vaccinare.
        “In quanti proporranno nuovi contratti e rinnoveranno i vecchi, sapendo che comunque, agli occhi dei pro-vax, è uno che sì, dona un milione di euro a un ospedale, ma poi forse non si fa scrupoli a girare col Covid e a non vaccinarsi, contribuendo a riempire quegli stessi ospedali?”
        Qui la Lucarelli, che pure spesso apprezzo, si copre veramente di ridicolo. Il problema sarebbe Djokovic che diffonde il contagio quando si parla di variante Omicron che potrebbe contagiare metà della popolazione europea🤔🤔🤔🤔🤔🤔🤔
        Oggi oltre 3 mln di casi nel mondo e 310 mln totali da inizio pandemia, che ovviamente sono quelli accertati, si è sempre detto che siano plausibilmente 5 volte in più.
        Ma basta scadere nel ridicolo!

        "Mi piace"

      • Ma basta lo diciamo noi, invece.
        Ci sono delle regole che Djokovic deve rispettare come tutti gli altri esseri umani, non esistono scuse.
        Se pensava o pensa di poterle violare perché è il n.1 al mondo NEL TENNIS, allora è uno stronzo.
        Se l’Australia lo farà giocare lo stesso sorvolando sulle sue mancanze, avremo la conferma che con i soldi e la notorietà si può calpestare chiunque.
        Qui non è questione se lui sia o non sia un no-vax, è questione di rispetto delle regole.

        Piace a 1 persona

  4. ” Poi uno si stupisce se alle partite di calcio dei pulcini ci sono genitori che si menano a bordo campo. Immaginatevi la vita del bambino Djokovic cresciuto nel culto della sua persona. Probabilmente avranno conservato i suoi denti da latte in una teca anti-proiettile.”

    Dev’essere che la Selvaggia, come spesso le capita, non si sia informata bene sull’infanzia di Djokovic…
    https://www.ubitennis.com/sport/tennis/2011/07/06/538493-djokovic_dalle_bombe_numero.shtml.

    Un’articolo, quello della Lucarelli, pieno di acrimonia e di sottintesi .

    In questa storia hanno sbagliato tutti.

    Djokovic a non rispettare le regole .

    Gli organizzatori degli Open a garantirgli la partecipazione .

    Il governo australiano a dare regole poco chiare.

    Gianni

    "Mi piace"

    • *Caino64,
      Concordo.
      A me non è mai piaciuta.Troppa spocchia, alla Scanzi. Ah, già , sono stati insieme.
      Poi , agli uomini, può anche piacere , per le sue….ehm , grosse argomentazioni.

      "Mi piace"

    • Si, povera Selvaggia, così bruttina deve aver avuto per questo una vita piena di complessi . Gentile Caino64 , te ne intendi personalmente ?

      "Mi piace"

  5. Ggn ma noi chi???????? Noi, voi, io parlo sempre impersonalmente nonostante sia vaccinato in terza dose, per me non esiste né un “noi” né un “voi”
    Infatti mi sono espresso con un “basta rompere il cazzo” co sta storia dei no vax, generalizzato a tutti quelli che lo fanno, vaccinati o no.
    Premesso questo Djokovic per ora ha vinto una ricorso davanti ad un tribunale, quindi documenti alla mano lui è nel giusto, poi le seghe mentali ed il retroscena sul Covid preso apposta lo lascio a te e alla Lucarelli.
    Il governo australiano per ora è l’unico soggetto ad aver violato le regole secondi un tribunale.
    Punto. Se vincerà in sede di reclamo benissimo, vorrà dire che Djokovic avrà avuto torto dal punto di vista legale. Del punto di vista morale onestamente, visto il paese in cui vivo, me ne strafotto, da italiano dovrei stare muto a vita, e se uno straniero me lo dice, mi metto la lingua nel c……e mi sto zitto,perché ce lo meritiamo ampiamente.

    "Mi piace"

  6. ””’Questa vicenda, infine, è un precedente scivoloso anche per il rigidissimo governo australiano, che da ora in avanti dovrà dimostrare di essere altrettanto rapido nello sbrigare i ricorsi dei cittadini respinti all’immigrazione.””

    EH GIA’, la Lucarelli parla della rigidità del governo australiano.

    Quello che:

    1- con Morrison ha favorito spudoratamente gli allevatori e i minerari, arrivando a taroccare e a sottrarre documenti importanti sulla crisi climatica.

    2- il governo australiano ha la responsabilità di governare l’unica nazione ‘sviluppata’ che ha problemi seri di DISBOSCAMENTO (5000 kmq all’anno, più la strage degli incendi come quelli di 2 anni fa: 20.000 kmq distrutti con miliardi di animali morti!)

    3- il governo australiano non ha detto NULLA su Assange, ripeto JULIAN ASSANGE, cittadino australiano.

    Ah, ma il problema è il serbo, quello sì che sta facendo scandalo. Per gente come Scanzi e Lucarelli, in particolare.

    "Mi piace"

  7. Dopo il post della Lucarelli il Governo australiano sta tremando.

    A questo punto voglio la fotocopia delle le analisi del sangue per tutti: chi mi dice che i certificati vaccinali di tutti gli altri siano in regola? Ci vuole niente a comprarsi un medico o un farmacista qui, figurarsi “lassù”! Ma anche le analisi potrebbero essere farlocche: si fa ben altro da quelle parti!
    E se Djokovic fosse l’ unico sincero?
    Di questo passo non si finisce più.

    Non sarebbe ora di pretendere il “buon esempio” da parte di altri personaggi pubblici, magari politici, preti e “opinionisti”?

    "Mi piace"

    • PARLIAMO DI TENNIS : Djokovic avrà anche vinto tutto ma non rimarrà nella mente degli appassionati come, ad es. un MC Enroe o un Rod Lever o, piu’ recentemente , un Federer. Come paragonare un Lodetti, (per carità tanto di cappello) a Maradona.

      "Mi piace"

  8. PARLIAMO DI TENNIS : Djokovic avrà anche vinto tutto ma non rimarrà nella mente degli appassionati come, ad es. un MC Enroe o un Rod Lever o, piu’ recentemente , un Federer. Come paragonare un Lodetti, (per carità tanto di cappello) a Maradona.

    "Mi piace"

    • @ Giuseppe del zotto.

      Se non sbaglio Djokovic ha vinto 20 tornei del Grande Slam , esattamente come Federer e Nadal , pur avendo un anno meno di Nadal e sei meno di Federer.

      Federer ha un saldo vittorie /sconfitte negativo con gli altri due.

      Paragonare Djokovic a Lodetti e Federer a Maradona significa due cose :

      O non giochi a tennis, oppure non hai il senso delle proporzioni.

      Gianni

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...