Il Covid si è pappato il turismo

(ANSA) – L’anno in corso si chiuderà con dati disastrosi per il turismo italiano con almeno 60 milioni di arrivi e 120 milioni di presenze che mancheranno all’appello rispetto al 2019 e 13 milioni in meno di viaggi degli italiani all’estero.

A lanciare l’allarme Confcommercio con il presidente Carlo Sangalli che chiede al governo “più sostegni, la proroga della cassa integrazione e adeguate moratorie fiscali. Non è pensabile – dice – un’economia italiana senza il traino fondamentale del turismo”.

Secondo l’indagine realizzata da Confcommercio in collaborazione con SWG e su dati Istat e Bankitalia, solo per le vacanze tra Natale, Capodanno ed Epifania, rispetto ai 25 milioni di partenze programmate dagli italiani appena pochi mesi fa, 5 milioni sono state già cancellate e 5,3 milioni modificate riducendo i giorni di vacanza o scegliendo una destinazione più vicina.

Ci sono inoltre anche 7 milioni di viaggi che restano in sospeso. Confcommercio sottolinea anche “la crescita esponenziale negli ultimi giorni delle disdette nella ristorazione e la drammatica situazione del settore dell’intrattenimento con la chiusura delle attività”.

In questa situazione, si legge in una nota, “è evidente che il Governo deve sostenere in particolare queste componenti della filiera turistica adottando misure sugli ammortizzatori sociali, senza aggravi di costo per le imprese, e sull’accesso al credito, ma anche interventi fiscali e di contributi a fondo perduto parametrati alle perdite subite”.

A fare le spese dell’escalation degli indici epidemici e delle restrizioni – prosegue la nota – non sono solo i numeri dei turisti ma anche il tipo di viaggio scelto, in buona sostanza la spesa, che è l’elemento più sensibile per l’economia del sistema Paese.

A Natale 6 intervistati su 10 sono stati fuori casa al massimo per 2 giorni senza uscire dalla propria regione, mentre solo il 5% è andato all’estero. Dati in linea per quanto riguarda la lunghezza della vacanza anche a Capodanno, quando però chi farà vacanze di quattro giorni o più – 4 su 10 – andrà anche fuori regione.

Resta comunque basso il dato sulla previsione dei viaggi all’estero: 8% tra Capodanno e Epifania, contro valori che normalmente, in questo periodo, andavano oltre il 20%. In questa situazione, la possibile ripresa del turismo si sposta all’estate 2022, tra più di 6 mesi e a quasi 30 dall’inizio della crisi.

Confcommercio chiede con forza e urgenza la proroga della cassa integrazione concessa alle attività ferme a causa dell’emergenza sanitaria, in scadenza il prossimo 31 dicembre, almeno fino al mese di giugno, la decontribuzione per il reinserimento lavorativo per il comparto del turismo organizzato che conta almeno 40 mila dipendenti e composto da un’alta percentuale di micro imprese con meno di cinque dipendenti, che non hanno dunque alcun altro strumento a tutela dei livelli di occupazione, e indennizzi certi e immediati per le discoteche, le sole a pagare le conseguenze alla nuova emergenza pandemica con la chiusura per decreto.

14 replies

  1. La contribuzione la devono abbassare a prescindere, è più scandalosa delle tasse.

    Chiedono a chi non avrà domani una buona pensione, di provvedere al pagamento delle pensioni di una generazione che si è fatta i cazzi propri alla grande, con assunzioni clientelari ovunque seguiti da prepensionamenti baby.
    Sistemi retributivi, 4 persone a fare un lavoro per il quale una era più che sufficiente.

    Incivili bastardi!
    Hanno preso i diritti e l’hanno stiracchiati abusandone, soprattutto grazie a quelle associazioni affaristiche che chiamiamo sindacati e partiti.

    Sono estremamente favorevole alle guerre tra poveri e tra generazioni, e lo sarò fino a quando ci saranno poveri che fottono altri poveri e generazioni che fottono altre generazioni.

    Non pensarla così non è indice di una particolare sensibilità ma l’esatto opposto: vuol dire che vi piace la Legge del Menga, chi l’ha in culo se lo tenga.

    "Mi piace"

    • E la cosa più assurda è che devi provvedere al sostentamento dei pensionati attuali mentre tu a stento riesci a campare.

      Però poi se fallisci è chiudi ti donano il RdC.

      A me che guadagno alla fine poco più di un operaio specializzato trattengono il 44% (tra tasse e contributi) sull’imponibile.

      Quarantaquattropercento!

      "Mi piace"

  2. Mi sono fatto la terza dose (Moderna) e sto una chiavica.
    Posto commenti dal water.
    Con qualcuno dovrò pur prendermela.

    "Mi piace"

    • Visto che morirai tra pochissimo o tra un po’ di giorni o forse tra due mesi, meglio dedicarsi ad un ampio spettro di spunti di riflessione: #paradoxorama

      "Mi piace"

      • Mica te capisco Ennio, io sono un animale da cantiere che detesta i social, non puoi essere allusivo con me, devi essere esplicito, terra terra

        "Mi piace"

  3. Sei diventato un trivaccinato. Secondo Senso Melenso, anche noto come Sono Morto, di dovrebbe venire un accidente ma non si sa quando. Dato il disagio corrente, se ti a di sentire qualcosa di carino puoi andare su iutiub e vedere un poco che racvconta quel tizio di paradoxorama.

    Che la carta igenica ti sia serica.

    "Mi piace"

  4. Da vaccinato dico di piantarla con questa storia dei novax, hanno introdotto il super green pass il 6 dicembre con 9.500 contagi giornalieri e sebbene siano stati esclusi dalla vita sociale, il 24 dicembre di contagi ne avevamo 50.500.
    Se volete un responsabile per la diffusione del virus in italia quello è il green pass e la fuorviante informazione fatta di “immunizzati” e “garanzie di non contagiarsi” (cit)

    “Draghi ha affermato che, dei decessi, tre quarti non sono vaccinati ma questi numeri sono smentiti dai dati pubblicati dall’Istituto superiore di sanità (ISS). Se non rettifica lo denunciamo”
    https://www.affaritaliani.it/politica/morti-non-vaccinati-codacons-pronto-a-denunciare-draghi-per-procurato-allarme-772743.html?fbclid=IwAR3zkRvx8RO4LiZidlcQnXAI3rjT7Dy11X99nyJiTlklbVXOfYNSJNjrCX0

    Il punto è che stanno ricattando TUTTI, i non vacc segregandoli in casa, togliendogli il lavoro ecc. e i bivax o trivax con assurde misure restrittive che non dovrebbero più avere. Sicuramente la vita di prima non ce la volete più dare.

    "Mi piace"

  5. Adesso, con la nuova variante in atto della quale ancora pocov si conosce vogliono… ridurre le quarantene (noi facciamo quello che fa Biden). Ennesimo voltafaccia in un periodo sensibilissimo che non porterà bene.

    Io a questo punto rivoglio i “Peggiori”, primule comprese… Almeno forse i miei non si sarebbero dovuti fare 60km per ogni dose di vaccino. Centenaria compresa.

    "Mi piace"