Come distinguere tra influenza, covid, variante delta e omicron?

(dal Sun) – Lavarsi le mani e indossare la maschera per il viso non è mai stato così importante come in questo momento di circolazione del virus. Centinaia di migliaia di persone hanno sintomi ogni giorno, mentre molte altre persone non hanno sintomi ma sono contagiose. Indipendentemente dai sintomi, potrebbe essere meglio fare un test Covid solo per controllare.

Se è positivo, ci sono regole rigorose di autoisolamento. Ma se è negativo, dicono gli esperti, se non stai bene, è meglio stare alla larga dalle persone per prevenire la diffusione, comunque.  Anche se sei in isolamento e hai il raffreddore, potrebbe essere il Covid.

Abbiamo capito: sta diventando difficile stare al passo con i consigli e quando prendere sul serio il naso che cola. Qui diamo un’idea di cosa aspettarsi da ogni virus al momento, dall’ultimo ceppo super Covid Omicron al classico raffreddore.

Influenza

La maggior parte delle persone ha familiarità con l’influenza e i suoi sintomi. È simile al coronavirus, sebbene i due siano causati da diversi bug. Le persone malate di influenza non hanno perdita dell’olfatto o del gusto tanto quanto quelle con Covid, suggeriscono i dati.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che l’influenza stagionale è caratterizzata da un’insorgenza improvvisa di febbre (alta temperatura), tosse (solitamente secca), mal di testa, dolori muscolari e articolari, grave malessere, mal di gola e naso che cola.

Il dottor Conall Watson, consulente epidemiologo presso l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA), ha affermato che ora è il momento di fare il vaccino antinfluenzale.

“Il peggior raffreddore di sempre”

Il cosiddetto “peggior raffreddore di sempre” doveva iniziare a diffondersi alla fine dell’estate. Gli esperti hanno affermato che un debito di immunità, a causa di mesi di blocco, ha peggiorato i raffreddori comuni.

Gli elenchi del NHS dicono che un comune raffreddore può causare:

Un naso chiuso o che cola

Mal di gola

mal di testa

Dolori muscolari

tosse

starnuti

Una temperatura elevata

Pressione nelle orecchie e nel viso

Perdita del gusto e dell’olfatto

La differenza tra un raffreddore e un’influenza è che un raffreddore in genere non provoca un aumento così improvviso della temperatura.

Covid

I sintomi del Covid variano molto da persona a persona. Il SSN afferma che per ottenere un test PCR gratuito, è necessaria una tosse persistente, febbre alta e perdita del gusto e/o dell’olfatto.

Ciò non significa che il Covid sia limitato a questi tre sintomi: sono solo i criteri che i capi sanitari hanno deciso di utilizzare per rendere i test il più specifici possibile per il coronavirus.

Altri organismi di sanità pubblica hanno incluso molti più sintomi.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che i sintomi più comuni sono febbre, tosse, stanchezza e perdita del gusto o dell’olfatto.

Segni meno comuni sono mal di gola, mal di testa, dolori, diarrea, eruzioni cutanee o scolorimento delle dita delle mani o dei piedi e occhi arrossati o irritati.

Circa i due terzi delle persone che hanno contratto il Covid mostrano sintomi. Ma questo potrebbe cambiare perché, poiché i vaccini vengono distribuiti a milioni, le persone soffrono di una malattia più lieve. Almeno secondo l’app ZOE Covid Symptom Study, che sta monitorando l’epidemia da oltre un anno.

I pazienti positivi che utilizzano l’app hanno segnalato mal di testa e naso che cola nel 73% dei casi. Seguono starnuti (60 per cento), mal di gola (49 per cento) e tosse persistente (49 per cento).

È probabile che questi sintomi si verifichino insieme ad altri. Avere solo il mal di testa, ad esempio, non significa necessariamente avere il Covid.

L’Office for National Statistics, un altro studio di monitoraggio Covid a livello nazionale, afferma anche che «i sintomi più comunemente riportati continuano a essere tosse, affaticamento e mal di testa».

Variante Delta

La variante Delta è attualmente la più diffusa nel Regno Unito, e costituisce circa il 60% delle infezioni. Man mano che il numero dei casi aumenta, le prove hanno dimostrato che i suoi sintomi potrebbero essere diversi dalla versione originale del virus.

Tosse e perdita del senso del gusto e dell’olfatto non sono così comuni con Delta, secondo i dati del Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie (ECDC).

Nel frattempo, una sottovariante di Delta che costituisce circa il 15% dei casi nel Regno Unito ha meno probabilità di mostrare sintomi, secondo una ricerca dell’Imperial College di Londra. È stato dimostrato che AY.4.2 causa malattie nel 66,7 per cento delle persone infette rispetto al 76,4 per cento di quelle con Delta.

Variante Omicron

Il medico che per primo ha lanciato l’allarme sulla variante Omicron ha affermato che provoca sintomi diversi. È per questo motivo che inizialmente ha spinto per il test, chiedendosi perché i giovani che si sono rivolti alla clinica non avessero i classici segni del Covid.

La dottoressa Angelique Coetzee, un medico privato e presidente della South African Medical Association, suggerisce che i principali sintomi di Omicron siano affaticamento, dolori muscolari e mal di testa.

Il dottor Coetzee, che fa anche parte del Comitato consultivo ministeriale sui vaccini, ha detto a Reuters che, a differenza di Delta, finora i pazienti non hanno riportato perdita dell’olfatto o del gusto. Ha detto che tutti i pazienti che aveva visto lei stessa fino ad ora avevano una malattia lieve.

Ciò potrebbe essere dovuto a una serie di motivi, incluso il fatto che i pazienti erano più giovani o che almeno la metà era stata vaccinata. In definitiva, ci sono molte cose che gli scienziati non sanno della variante Omicron, che è stata rilevata solo il 23 novembre.

Il professor Jonathan Van-Tam, vice direttore medico dell’Inghilterra, ha affermato che ci vorranno almeno altre tre settimane prima di ottenere ulteriori informazioni.

Durante questo periodo, il servizio sanitario nazionale sta aumentando i colpi di richiamo, somministrandoli a chiunque abbia ricevuto la seconda dose di vaccino tre mesi fa.

14 replies

    • pfff!
      menomale il mio bug era una attacco benigno (però sono antivirussato, quindi potrebbe essere stato anche
      standard ma l’antivirus me l’ha killato mettendolo in quarantena rapidamente)
      ho avuto solo parte dei sintomi ed in forma lieve e di breve durata…
      quasi nessun innalzamento della temperatura della CPU, nessun problema di GPU
      gli HDD e gli SSD hanno lavorato in condizioni quasi ottimali, solo qualche problema di
      scratch sugli altoparlanti di sistema, ma la SDRAM non è stata intasata da codice malevolo
      se non per un giorno

      scusate lo slang da informatico, non ho saputo resistere 😉

      Piace a 1 persona

    • Forse mandarino o arancio ? Si puo anche scegliere tra altre essenze cinesi ! si trovavano già 40 anni fa ai Magazzini di Mao a hkg : corno di rinoceronte, dente di Leone etc .. tutta fuffa per fare tirare i minuscoli peni degli orientali ( non tutti !) continuano a sterminare animali quasi estinti per farselo venire duro ! Lo sanno che c è il Viagra! ? Informateli che il corno dei cinghiali bianchi non serve se ce l hai piccolo!

      "Mi piace"

  1. Delta provoca raffreddore, – e quindi perdita dell’olfatto e parzialmente del gusto – mal di testa, febbre, tosse, dolore alle ossa…
    Omicron provoca: dolore alle ossa, tosse, febbre, mal di testa, raffreddore…
    L’influenza stagionale provoca: febbre, tosse, mal di testa, raffreddore, dolore alle ossa…

    Insomma, se dopo 4 o 5 giorni non migliora ma peggiora, fatti il tampone.

    "Mi piace"