Festa dell’Immacolata: come e perché si festeggia in tutta Italia l’8 dicembre

(tag43.it) – Con l’arrivo dell’8 dicembre, il giorno dell’Immacolata Concezione, si dà ufficialmente il via alle feste natalizie. Ampiamente radicata nella tradizione cristiana, è stato Pio IX a rendere ufficiale la festa dell’Immacolata. Con la bolla Inefabbilis Deus, nel 1854, il Pontefice proclamò dogma il concepimento della Vergine Maria. C’è però un errore di fondo in come si pensa a questo giorno. L’Immacolata Concezione, infatti, non si riferisce la concepimento di Gesù ad opera dello Spirito Santo. Al centro della celebrazione c’è sempre la Vergine Maria, preservata dal peccato originale sin dal suo concepimento, opera di Sant’Anna e San Gioacchino. Per questo cade esattamente 9 mesi prima dell’8 settembre, il giorno in cui si celebra la natività di Maria. Tradizionalmente, l’8 dicembre è il giorno in cui le famiglie si riuniscono per allestire albero di Natale e presepe, ma sono tante le tradizioni che variano da Regione a Regione in tutta Italia.

Festa dell’Immacolata: Roma e Milano

La festa dell’Immacolata ha tradizione sparse in tutta Italia e non potevano mancare Roma e Milano. Nella capitale, i Vigili del fuoco portano una corona alla Vergine, alla colonna presenta al lato di Piazza di Spagna. Lì si reca anche il Papa per una preghiera, o almeno questo è quanto fatto fino a prima della pandemia. Lo scorso anno, per non saltare l’appuntamento Bergoglio si recò alla colonna dell’Immacolata all’alba, evitando cerimonie pubbliche e traffico capitolino. A Milano, intanto, la festa parte il giorno prima. Dal 7 dicembre, in occasione della ricorrenza di Sant’Ambrogio, patrono della città, si dà il via allo storico mercatino: la fiera degli Oh Bej, Oh Bej!

Festa dell'Immacolata: come e perché si festeggia in tutta Italia l'8 dicembre. Tradizioni in tutte le regioni, tra processioni e dolci
Papa Francesco in preghiera in occasione della celebrazione dell’Immacolata Concezione, l’8 dicembre 2016 (Getty)

Festa dell’Immacolata: Napoli e i falò in tutta la Campania

La Campania è una delle Regioni più legate alla festa dell’Immacolata. A Napoli tutto ruota intorno all’obelisco di Piazza di Gesù, dedicato all’Immacolata Concezione. Lì il sindaco porge un fascio di rose che viene poi deposto sulle mani di Maria dai vigili del fuoco. Resistono i dolci tipici napoletani, come i biscotti rococò. In tutta la Campania resta viva anche la tradizione legata ai falò. A Castellamare di Stabia ancora oggi si accendono i fuochi in onore della Vergine Maria che, secondo la leggenda, salvò un pescatore durante una tempesta. e a Vietri sul Mare. Tradizionale processione della statua della Madonna al fianco di grandi falò, invece, a Vietri sul Mare, in provincia di Salerno.

Festa dell’Immacolata: al sud si festeggia a tavola

Dal Salento alla Sicilia, tante tradizioni vedono il baccalà al centro della tavola durante l’8 dicembre. Ma soprattutto in terra siciliana, sono i dolci i grandi protagonisti della festa. La petrafennula, la mustazzola, il buccellato, sono tutti dolci tipici dell’isola, che passa dal torrone, ai dolci a base di vino cotto e fino alla pasta frolla con fichi secchi, mandorle e scorze d’arancia.

Festa dell'Immacolata: come e perché si festeggia in tutta Italia l'8 dicembre. Tradizioni in tutte le regioni, tra processioni e dolci

Categorie:Cronaca, Inchieste, Interno

Tagged as: , ,

2 replies