Letta: “Se il successore di Mattarella non sarà eletto a larga maggioranza, il governo cadrà”

Il leader del Partito Democratico Enrico Letta durante lÕassemblea annuale di Confesercenti, Roma, 16 novembre 2021. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

(Marco Nepi – tpi.it) – Il governo Draghi cadrà “la mattina dopo” l’elezione del successore di Sergio Mattarella alla presidenza della Repubblica, se questa non avverrà a larga maggioranza. Lo ha dichiarato Enrico Letta, escludendo che il suo Partito democratico possa mai sostenere Silvio Berlusconi alle prossime elezioni per il capo dello Stato.

“Non credo che la candidatura di Berlusconi possa essere votata dal Pd e nemmeno da un larga maggioranza”, ha detto ieri Letta alla trasmissione “Cartabianca” su Rai3. “Faccio un unico pronostico: l’elezione del nuovo capo dello Stato non potrà che essere a larga maggioranza o cade il governo”, ha aggiunto il segretario del partito recentemente tornato a guidare i sondaggi. “Il governo ha una larga maggioranza, la più larga maggioranza che c’è e sarebbe una contraddizione totale che minerebbe la stessa tenuta del governo, se l’elezione del presidente della repubblica avvenisse su un candidato di bandiera, come lo sarebbe Berlusconi: il governo cadrebbe la mattina dopo”, ha detto Letta, che ha parlato anche della legge sul suicidio assistito, chiedendo di non fare della norma “una battaglia ideologica”. “Siamo riusciti a ottenere che il 13 dicembre arrivi in aula alla Camera il testo sul suicidio assistito, che oggi è la soluzione più avanzata e in linea con la sentenza della Corte costituzionale. Sono fiducioso che si riesca a coprire un vuoto normativo”, ha detto Letta che sul  referendum sulla liberalizzazione delle droghe leggere ha preferito non esprimersi. “Ho la mia idea ben chiara ma se dicessi come la penso influenzerei il dibattito. Non voglio dividere ma portare il Pd a una posizione comune”.

L’ex presidente del Consiglio è anche tornato a rilanciare l’iniziativa delle Agorà democratiche, per sconfiggere “la destra sovranista che flirta con Orban e con chi comprime i diritti”. “Con un incontro di sigle, di partiti e partitini non ce la faremo mai”, ha aggiunto.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

7 replies

  1. Il.nipote di Letta…incommentabile.Esempio di pavidità. Non ha il coraggio di dire che un evasore fiscale non può essere candidato alla Presidenza della Repubblica

    Piace a 1 persona

  2. Se… Si pensa… Si valuta… A Febbraio… Dopo Natale… Ad Aprile…
    Le ossa buttate ai media abbondano: basta che qualcuno “pensi” che già la cosa è fatta ( vedi obbligo vaccinale in Germania… Paese che non ha alcun obbligo, neppure per i vaccini ai più piccoli, e sarà dura… ammesso e certamente non concesso che ci si arrivi…
    Sono ossa buttate ai media perchè le usino “a dovere”.
    Intanto, in silenzio, si decide qui ed ora quello che conta: al Parlamento – quando va bene, si va per DPCM – si presentano, all’ ultimo minuto, e a cose fatte. E con la Fiducia come ricatto.
    Ma ad usum Delphini “pensano”, “valutano”, “se”… e noi ci azzanniamo sul nulla. Spargere odio e disorientamento e quello che si cerca, è evidente. Cui prodest?

    "Mi piace"