Il virus dell’istante

(di  Massimo Gramellini – corriere.it) – Funziona così. Dal Sudafrica arriva una variante denominata Omicron, di cui con certezza non si sa nemmeno se sia più contagiosa delle altre. Eppure, le Borse crollano e il primo caso in Europa viene segnalato con l’enfasi che si darebbe a un’invasione aliena.

Perdono la testa persino i pochi politici che ce l’hanno: Ursula von der Leyen invoca pubblicamente l’aggiornamento dei vaccini, senza rendersi conto che in questo modo rischia di diffondere il messaggio nefasto che quelli attuali non servono più. I media raccontano in tempo reale l’impazzimento altrui, è il loro mestiere, e i social lo amplificano. L’effetto è il panico globale che si materializza nella sospensione dei voli dal Sudafrica, come se un virus si potesse arrestare al check-in.

Passa qualche ora — non qualche mese — e si scopre che i sintomi di questa nuova variante sarebbero quelli di un lieve raffreddore e che il primo italiano ad averla presa sta bene proprio grazie al vaccino. Per il solitamente pessimista Crisanti, Omicron potrebbe addirittura rappresentare il primo segnale di indebolimento del covid.

In base alla nota legge del contrappasso, o del rinculo, o dello yo-yo, l’umore collettivo si ribalta: dal panico alla sottovalutazione quasi irridente di ciò che ancora un attimo prima sembrava l’apocalisse.

Fino alla prossima variante, che fa rima con istante e rimetterà in moto la ruota delle emozioni, con noi sopra a girare in tondo come criceti, ma molto più isterici di quelle sagge ed equilibrate bestiole.

6 replies