Omicron, business da 50 miliardi per i vaccini

(affaritaliani.it) – La nuova variante Omicron fa paura, ma fa anche fare affari. Secondo la Verità, dietro “Omicron c’è un mega business” con “Pfizer & company che valgono 50 miliardi in più”. Il quotidiano scrive che “la nuova forma del virus è misteriosa, ma Ursula von der Leyen si aspetta già i sieri aggiornati da Big Pharma”. E “parte la gara a produrre lo scudo più evoluto”. Secondo la Verità qualcuno ha già guadagnato parecchio, nonostante il panico in borsa: “Sui forum di trader c’è chi stappa lo champagne guardando al prevedibile rimbalzo di alcuni titoli quando riapriranno le borse. Ma brinda anche il comparto dei fondi che in portafoglio hanno titoli legati al Pharma. Quelli di Moderna sono saliti di oltre il 20% a Wall Street”. Pfizer, ma anche Novavax, sono pronti a lavorare per aggiornare il vaccino e conquistare nuovi business. Stando a vedere, scrive sempre la Verità, con chi si schiererà l’Europa nella prossima sfida tra produttori.

Omicron, in Africa i vaccini ci sono ma molti vengono fatti scadere

Intanto ci si chiede quale sia il problema in Africa, dove è nata la nuova variante Omicron. Secondo la Stampa, “il problema non è più la mancanza di vaccini. Alla fine del 2021 i Paesi ricchi avranno 1,2 miliardi di dosi non usate in frigorifero, stima Airfinity, società di analisi londinese. Di queste, 50 milioni in scadenza a dicembre andranno gettate. In Africa di vaccini buttati e bruciati, perché scaduti, ne sanno qualcosa la Repubblica Democratica del Congo e il Malawi. Ad aprile Kinshasa ha restituito 1,3 milioni di dosi a Covax, l’organizzazione internazionale per la distribuzione ai Paesi poveri; il Malawi a maggio ne ha bruciati 20mila; almeno altri sette Stati africani ne hanno distrutti 450 mila”. Il motivo? Spiega sempre La Stampa: “Disinformazione e complottismo vincono su ragione e buon senso. In Africa i governi parlano poco con la popolazione e le campagne di vaccinazione anti-Covid non raggiungono tutti. Non sorprende che gli africani, sfiduciati, traggano da soli le loro conclusioni prendendo notizie dai social e dicano no alla somministrazione”.

Omicron, Capua: “Non sarà l’ultima variante del Covid”

Ilaria Capua avverte, in un’intervista a La Stampa, su quello che potrebbe accadere: “Non c’è nulla di sorprendente in quello che sta accadendo, è successo con altre pandemie e con altre malattie infettive. Non capisco la sorpresa. Sappiamo che, più il virus circola in popolazioni non vaccinate e più è possibile che si selezionino delle varianti. Sappiamo che in Africa il tasso di copertura vaccinale è bassissimo, che alcune varianti ci daranno filo da torcere, che non è detto che quest’ultima sia fra queste. Prima di terrorizzare le persone e di far partire l’allarme che percepisco, bisogna analizzare Omicron e fare molte valutazioni. Gli europei devono rendersi conto che l’unico strumento di cui disponiamo è il vaccino”.

Il mega business dietro Omicron

Panico per una variante ancora misteriosa. Eppure Ursula Von der Leyen si aspetta già che Pfizer & C «aggiornino» i vaccini. Le case si dicono pronte. Risultato: il valore di mercato sale di 50 miliardi. È già partita la grande gara per i profitti futuri su sieri e terapie.

(Camilla Conti – laverita.info) – Non sappiamo ancora quali siano le caratteristiche epidemiologiche della nuova variante Omicron, né la sua capacità di indurre malattia più o meno grave, né se e quanto sia in grado di aggirare la barriera vaccinale. Ma il mercato è già andato nel panico. I timori che la Omicron possa alimentare epidemie in molti Paesi e mettere sotto pressione i sistemi sanitari, eludere potenzialmente i vaccini e complicare gli sforzi per riaprire economie e frontiere hanno scatenato un’ondata di avversione al rischio nelle sedute di venerdì. L’indice S&P 500 è sceso del 2,4% mentre in Europa lo Stoxx 600 è sceso del 3,7% segnando il suo più grande calo da giugno 2020 e Piazza Affari ha ceduto oltre il 4%. Il petrolio è crollato di oltre il 10%, scendendo sotto i 70 dollari al barile a New York per la prima volta dalla fine di settembre.

Della nuova variante sappiamo ancora molto poco. Eppure qualcuno, cavalcando l’allarme Omicron, ha già guadagnato parecchio. A cominciare da chi ha shortato, ovvero scommesso al ribasso sul prezzo di un’azione. Sui forum di trader c’è chi stappa lo champagne guardando al prevedibile rimbalzo di alcuni titoli domani, quando riapriranno le Borse. Ma brinda anche il comparto dei fondi che in portafoglio hanno titoli legati al Pharma. Quelli di Moderna sono saliti di oltre il 20% a Wall Street (partiva da 273,4 dollari con una capitalizzazione di circa 110 miliardi e a chiuso a 329,6 dollari con una market cap di 133, quindi ha aumentato il valore di 23 miliardi), seguiti a ruota dalle azioni BionTech (+15,5%, 10 miliardi in più in termini di market cap) e da quelle di Pfizer (+6%) che sono passate da 50,8 dollari a 54 dollari aggiungendo 17 miliardi di dollari al suo valore di mercato e portando la capitalizzazione in un giorno da 286 a 303 miliardi di dollari. Se si sommano i guadagni di venerdì, quindi, i tre colossi insieme al momento valgono 50 miliardi in più.

Va poi considerato un altro tipo di effetto che l’allarme Omicron avrà sul business dei colossi farmaceutici produttori di vaccini. In termini non borsistici ma di strategia. È infatti già partita la gara tra big a chi trova prima lo scudo. Pfizer e Biontech fanno sapere che stanno già studiando Omicron e contano di avere i primi risultati «al più tardi entro due settimane». Non solo: «nel caso emerga una variante che sfugga al vaccino saranno in grado di sviluppare e produrre un immunizzante su misura in circa 100 giorni, previa approvazione normativa». Moderna ha annunciato di avere tre linee di difesa che avanzano in parallelo: «Un booster con una dose più alta di mRna-1273. Poi, stiamo studiando in fase clinica due candidati booster multivalenti che anticipano mutazioni come quelle emerse nella Omicron e i dati sono attesi per la prossima settimana. Inoltre stiamo procedendo con un candidato booster specifico», ha detto Stèphane Bancel, Ceo dell’azienda Usa.

Occhio poi ai nuovi concorrenti pronti a scendere in pista. Come Novavax, il cui vaccino contiene una versione effettiva della proteina Spike del virus che non può causare malattie ma può attivare il sistema immunitario. L’azienda americana ha affermato di aver iniziato a sviluppare una proteina Spike basata specificamente sulla sequenza genetica nota della variante scoperta in Sudafrica. «Il lavoro iniziale richiederà alcune settimane», ha detto un portavoce dell’azienda (che venerdì ha guadagnato quasi il 9% in Borsa). Intanto, la sfida tra big si giocherà anche su un altro campo, quello dei cosiddetti treatment. Ovvero le terapie che funzionano in un approccio integrato con il vaccino (e non sono quindi un’alternativa a esso). Lo scorso primo settembre Albert Bourla, ad di Pfizer, ha cinguettato su Twitter che «il successo contro il Covid probabilmente richiederà sia vaccini che trattamenti», per poi annunciare il nuovo antivirale orale progettato per combattere il virus in adulti non ospedalizzati e a basso rischio. Che farà concorrenza alla pillola lanciata da Merck.

Una volta rafforzato l’arsenale contro il Covid, però, vanno considerate altre variabili: come il costo dei nuovi booster anti varianti (già a febbraio, in un incontro con Merrill Lynch il direttore finanziario di Pfizer aveva parlato di 150-170 dollari riferendosi al prezzo «target» della singola dose di vaccino). Ma anche le dinamiche geopolitiche che incidono sugli acquisti che nel caso dell’Europa potrebbero essere non più centralizzati, come nel primo round della campagna vaccinale. «I contratti dell’Unione europea con i produttori affermano che i vaccini devono essere adattati immediatamente alle nuove varianti man mano che emergono», ha detto venerdì la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen.

Con chi si schiererà Bruxelles nella prossima sfida tra produttori? Verranno, come è successo già al primo giro, «spinte» Pfizer e l’alleata tedesca Biontech? Vedremo. Di certo, l’allarme Omicron è inoltre scattato mentre con l’addio di Angela Merkel, la Cdu è ancora forte a Bruxelles contro il cosiddetto governo «semaforo» di Olaf Scholz. Quanto all’Italia, ha già speso 2,3 miliardi per 121,5 milioni di dosi di vaccino prodotto da Pfizer-Biontech a 19,50 euro a dose. Ovvero il 13,5% di quel nuovo contratto da 900 milioni di dosi firmato dalla Commissione Ue a inizio maggio per avere garantite le forniture a partire da gennaio 2022. E la cifra può anche raddoppiare considerando la parte pro quota degli altri 900 milioni di dosi già opzionate da Bruxelles da qui al 2023. L’essere legati troppo a una sola azienda può esporci al rischio di esserne dipendenti per i prossimi anni, sia in termini di forniture sia di gestione dei richiami. Presto arriveranno sul mercato nuovi vaccini, persino più evoluti, e nuove terapie. Avremo i soldi per comprarli?

4 replies

  1. Paiuuuuuuraaaaa!

    “Omicron, il regalo di Natale taroccato.

    Di nuovo prigionieri di una mistificazione. La narrazione pandemica e vaccinale sta entrando in una sorta di collasso cognitivo dove tutto è talmente confuso e contradditorio in ogni sua parte che paradossalmente diventa plausibile o meglio induce una rinuncia a pensare. Meno i vaccini fanno effetto e mettono in luce la loro pericolosità, più si vuole vaccinare, ma nello stesso tempo più si vogliono segregare e mascherare le persone come si vaccini non ci fossero; più si rivela l’inconsistenza dell’allarme per una sindrome influenzale più si sventola l’inquietante bandiera della varianti, la Delta prima e la Omicron adesso la cui esistenza reale è quanto mai incerta, ma che vengono usate come lugubri rullo di tamburi. Più ci sono varianti ed è naturale visto che esse sono il prodotto di vaccinazioni di massa nel corso di un’epidemia, più i vaccini concepiti per addestrare il sistema immunitario ad aggredire una sola proteina virale diventano superflui e più dovrebbe risaltare il valore di una immunità naturale che invece attacca molte proteine virali, fino a qualche migliaio. Invece si cerca in ogni modo di togliere valore all’immunità naturale per imporre vaccini che con le varianti sono dichiaratamente inutili.
    Potrei andare avanti a lungo con queste assurde antinomie e magari mettere sul piatto il fatto che anche le cosiddette varianti nascono da una falsa scienza o per essere più concreti da un inganno. Come vengono rilevati e identificati i “nuovi ceppi” del virus originale, visto che il test Pcr può rilevare la presenza di molti virus diversi o anche la presenza di spezzoni molecolari di virus? In considerazione dell’assenza di un isolato dell’originale 2019-nCoV (successivamente ribattezzato CoV-SARS-2), l’ Oms ha fin dall’inizio utilizzato come “punto di riferimento” (in termini di sequenze genetiche) il “simile” virus SARS-CoV 1, scoperto nel 2003 che senza dubbio è mutato ampiamente negli ultimi 19 anni. Questo “punto di riferimento viene utilizzato per rilevare e identificare (utilizzando il test Pcr) le varianti Omicron e Delta del nuovo virus corona SARS-CoV-2 dando perciò dei risultati completamente sballati e casuali. Ma di certo non è questo ciò che interessa: lo scopo di Omicron è di far richiudere le frontiere, giustificare nuove misure politiche repressive, tra cui il passaporto per i vaccini che però non servono contro le varianti, nonché la ulteriore destabilizzazione dell’economia reale. Insomma viviamo tra giochini scientifici di cui la maggior parte della popolazione non sospetta nemmeno e una logica ferrea che vuole imporre una insinuante dittatura per via sanitaria. Del resto non c’è alcun bisogno di realtà in tutto questo, basta lanciare l’allarme per giustificare misure che poi vanno avanti comunque per inerzia. E ogni volta la gente sembra cascarci con tutti i piedi, esattamente come accade in altri ambiti quando si grida alla Russia e alla Cina come se fossero colpevoli delle provocazioni belliche occidentali. Quante volte bisogna gridare al lupo al lupo quando invece c’è solo un chihuahua per perdere di credibilità?
    Per esempio ieri la South African Medical Association ha fatto marcia indietro rispetto all’isteria che proprio lei aveva contribuito a creare attorno la nuova variante vera o fasulla che sia. Angelique Coetzee, la presidente della South African Medical Association che aveva lanciato l’allarme qualche giorno fa ora afferma che la nuova variante nota come Omicron provoca “sintomi insoliti ma lievi come dolori muscolari e stanchezza per un giorno o due. Finora, abbiamo rilevato che le persone infette non subiscono la perdita del gusto o dell’olfatto. Potrebbero avere una leggera tosse. Non ci sono sintomi evidenti”. Un parere del resto espresso da numerosi istituti di ricerca e sanitari. Di fronte a questo appare chiaro tutta la nuova epopea incipiente di ospedali pieni e grida di dolore non ha proprio alcun senso, ammesso che mai lo abbia avuto, perché sospetto che sia proprio l’incongrua ospedalizzazione di soggetti con disturbi lievi ad aver creato un aumento di decessi visto che l’ospedale è di per sé è una delle cause di morte più rilevanti . Tuttavia sarebbe davvero ingenuo pensare che il nuovo allarme di cui Boris Johnson è uno dei protagonisti abbia davvero una qualche consistenza e non sia invece completamente gratuita: è il regalo di Natale del potere che per oscurare l’inflazione galoppante, l’aumento dei prezzi e la scarsità di merci dovuti alla narrazione pandemica ha pensato di rinfocolare la paura e dunque di aumentare le cause del disastri economico che incombe. Si è instaurato un circolo folle e vizioso: mi domando dove sia andata a finire la variante intelligente della specie umana. Quella che dovrebbe comprendere che più si cede alle pressioni e più ne verranno fatte.”.”

    "Mi piace"

    • è pratica comune mettere il riferimento se si copia ed incolla
      testi altrui
      il suo è grabbato da ilsimplicissimus2.com/2021/11/28/omicron-il-regalo-di-natale-taroccato/
      sito farlocco per tesi farlocche

      ma d’altronde non che che ci si possa aspettare tanto di più

      ps
      non ho perso tempo a leggerlo e quindi ignoro quali meravigliosi svelamenti contenga

      Piace a 1 persona

  2. ”Gli europei devono rendersi conto che l’unico strumento di cui disponiamo è il vaccino”

    Parola della Capua, quella che nella primavera del 2020 diceva che di COVID erano morte 2 persone (perché erano le uniche morte senza altre patologie di uno studio fatto dall’ISS).

    Una CAPRA totale, non c’é niente da fare, qualcuno la prende ancora in considerazione.

    Tanto De Donno è morto, no?

    "Mi piace"