Non ci fanno paura

(“Non ci fanno paura” di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Alle 19.36 del 7 gennaio 2017, un mese dopo aver perso referendum e governo e 13 mesi prima delle elezioni politiche, il segretario del Pd Matteo Renzi inoltra all’amico Marco Carrai un’email che gli ha inviato Fabrizio Rondolino, giornalista prima dalemiano poi berlusconiano infine renziano, nonché marito della produttrice tv Simona Ercolani, che mentre vince […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

44 replies

  1. NON CI FANNO PAURA

    (DI Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Alle 19.36 del 7 gennaio 2017, un mese dopo aver perso referendum e governo e 13 mesi prima delle elezioni politiche, il segretario del Pd Matteo Renzi inoltra all’amico Marco Carrai un’email che gli ha inviato Fabrizio Rondolino, giornalista prima dalemiano poi berlusconiano infine renziano, nonché marito della produttrice tv Simona Ercolani, che mentre vince a man bassa appalti Rai, lavora pure lei alla sua campagna elettorale. Nel messaggio d’accompagnamento, Rondolino scrive a Renzi: “Eccoti un primo appunto sulla struttura di propaganda antigrillina che ho preparato con Simona in questi giorni… Ps. Se già non lo usi, ti consiglio questo sistema di posta criptata…”. Ed ecco il suo appunto che Renzi gira a Carrai, facendolo proprio senza prenderne minimamente le distanze: “Non dobbiamo controargomentare sulle loro proposte, dobbiamo distruggere chi le ha avanzate” con campagne “‘allusive’ e intrinsecamente diffamanti: a) i disastri delle amministrazioni grilline, da Roma al più piccolo dei comuni amministrati: scandali, dimissioni, inchieste giudiziarie”; “b) character assassination: notizie, indiscrezioni, rivelazioni mirate a distruggere la reputazione e l’immagine pubblica di Grillo, Di Maio, Di Battista, Fico, Taverna, Lombardi, Raggi, Appendino, Davide Casaleggio (e la sua società), Travaglio e Scanzi”.
    Perciò “è necessario creare una piccola, combattiva redazione ad hoc, che lavori esclusivamente sul progetto nella massima riservatezza: vanno individuati almeno 2 giornalisti d’inchiesta e un investigatore privato di provata fiducia e professionalità (a costo medio-alto)” e “vanno coinvolti… gli ex grillini fuoriusciti o espulsi”. Raccolta la merda, per spararla nel ventilatore “va creato un sito specifico, non riconducibile al Pd né tantomeno a MR, da costruire su un server estero non sottoposto alla legislazione italiana, che raccoglie e pubblica tutto il materiale… da rilanciare poi sui social network (attraverso una rete di fake che agiscono su cluster specifici)” e far “riprendere dai media tradizionali” grazie a “una serie di interlocutori, nei giornali e nelle tv, con cui costruire un rapporto personale e fiduciario”. Interlocutori che non mancano: in altre email agli atti dell’inchiesta Open Renzi vanta un “accordo Agnoletti- Orfeo”, il primo suo portavoce e il secondo Ad e Dg della Rai (ora direttore del Tg3 in procinto di guidare con Fuortes la nuova Direzione Approfondimenti e talk), un “accordo con Brachino-Confalonieri” per Mediaset e vuole avvicinare il direttore di La7 Salerno. Il tutto per “conoscere le scalette” e dare “uno sguardo particolare su Gruber, Floris, Formigli, Giletti, Minoli”.
    Sulle tv, il progetto collima con la Struttura Delta di B. in Rai; sui social, il sistema è la fotocopia della “Bestia” leghista, oggetto di strali anche dai renziani almeno fino al Patto dei 2 Matteo; sui quotidiani, a parte i pluricitati globetrotter Annalisa Chirico e Jacopo Iacoboni, c’era l’imbarazzo della scelta, visti i battaglioni di penne scatenate nella campagna elettorale pro Renzi e anti M5S senza bisogno di ordini. Nei mesi seguenti furono colpiti via via Grillo Fico, Raggi, Appendino, Taverna, Casaleggio, Di Maio, Di Battista.
    Ora immaginate che accadrebbe se questo piano per “distruggere” e “diffamare” gli avversari politici con la “character assassination”, i “fake”, i dossieraggi di “investigatori privati” da “un server estero non sottoposto alla legislazione italiana”, usando vertici e appaltatori Rai e giornalisti da riporto, fosse uscito da un’email di Casaleggio o Casalino per ordine di Grillo o Conte: le piazze si riempirebbero di politici e supporter che invocano dimissioni e strillano al golpe populista, alla macchina del fango grillina; e rotolerebbero teste ovunque, dalla Rai all’Ordine dei giornalisti. Invece tutto tace. Anche fra i cacciatori di fake news russo-grilline che accusavano falsamente il M5S e la Casaleggio di fare ciò che invece fanno i loro amici renziani. Anche alla Rai, dove tutti sanno cosa facevano (e fanno) i renziani, occupando tutto l’occupabile e cacciando le poche voci stonate dal coro (Gabanelli, Giannini, Giletti).
    Quanto a noi, pubblichiamo le carte di quest’indagine come di tutte le altre (su B., Salvini, Pd, Raggi ecc.). E siamo abituati a subire dossieraggi. Nel 2006, interrogato sullo scandalo della Security Telecom, il giornalista Guglielmo Sasinini confessò di aver redatto per il suo capo Luciano Tavaroli almeno 61 dossier su altrettanti personaggi ostili, incluso il sottoscritto. Nello stesso anno fu trovato l’archivio segreto del Sismi di Niccolò Pollari, con migliaia di schede compilate dal suo fido analista Pio Pompa, e anche lì, accanto a quelle di pm, politici e altri presunti nemici di B. da “disarticolare” con “azioni traumatiche”, ne saltò fuori una a mio nome. Figurarsi se oggi ci lasciamo impressionare o intimidire dai traffici dei renziani che volevano “distruggere” noi e han distrutto solo se stessi. Ci limitiamo a notare la perfetta continuità fra berlusconismo e renzismo, le due peggiori jatture che abbiano infestato la vita pubblica negli ultimi 30 anni. E ad augurarci che si estinguano al più presto, senza che nessuno osi più avvicinarli per accordarsi su governo, Quirinale e Rai. Continueranno a colpirci con i dossier? Finiranno come i Sasinini, i Pompa e i Rondolini: con un pugno di mosche. Non abbiamo nulla da nascondere, noi.

    Piace a 11 people

  2. zione anche offese indirette, o subdole allusioni, espressioni insinuanti e formulazioni allusive, suscitando il dubbio sulla condotta dell’infamato: è da considerarsi diffamatorio l’addebito che sia espresso in forma tale da suscitare il semplice dubbio sulla condotta disonorevole (C. 19.10.1979, laddove si legge che per intendere l’ingiustizia dell’offesa è necessaria una valutazione sintetica, oltre che analitica, dello scritto).

    Possono rivelarsi offensive anche le espressioni, apparentemente non diffamatorie, le quali abbiano in realtà un contenuto allusivo, percepibile dal lettore medio, che le rende tali ( C., Sez. V, 15.7.2008; C. civ., Sez. III, 13.1.2009, in cui si sanzionava colui che, riferendo in merito alle – reali – parentele siciliane di un soggetto, lo aveva fatto in maniera tale da indurre chi leggeva a ritenere che il soggetto stesso fosse inserito in un’organizzazione mafiosa).

    Non commette però mai il reato di diffamazione colui che rappresenta con espressioni congrue la verità dei fatti ( C., Sez. V, 13.1.2010).

    Piace a 5 people

  3. Possono rivelarsi offensive anche le espressioni, apparentemente non diffamatorie, le quali abbiano in realtà un contenuto allusivo, percepibile dal lettore medio, che le rende tali ( C., Sez. V, 15.7.2008; C. civ., Sez. III, 13.1.2009, in cui si sanzionava colui che, riferendo in merito alle – reali – parentele siciliane di un soggetto, lo aveva fatto in maniera tale da indurre chi leggeva a ritenere che il soggetto stesso fosse inserito in un’organizzazione mafiosa).

    Non commette però mai il reato di diffamazione colui che rappresenta con espressioni congrue la verità dei fatti ( C., Sez. V, 13.1.2010).

    Piace a 1 persona

  4. █████████ ████████ ██████ █████ ████ ██
    ███████ ██████████
    ██████████ ████ ██
    ████ ███████ ██████
    ███████ ██ ████ ████
    C’è tutto un mondo intorno

    "Mi piace"

  5. Mia nonna definiva comportamenti simili a quelli dei lacchè del Bomba è del Bomba stesso, “mano pesante e pelle sottile”. Gente che in un paese civile sarebbe stata cacciata da tempo nei bassifondi della società.

    Piace a 2 people

    • Siamo un popolo di falliti, senza capacità di reazione. Chi prova a cambiare qualcosa viene silurato immediatamente; chi resiste viene deriso o preso di mira finché cede.
      Il m5* è andato, rimane il Fatto Quotidiano: facciamo quadrato.
      Io mi vergogno del mio paese, profondamente.

      Piace a 4 people

  6. Potenzialmente avremmo:
    Una associazione per commettere uno o piú delitti
    Contro dei parlamentari
    Contro organi di informazione e giornalisti
    In accordo con pubblici ufficiali (dirigenti Rai?)
    Per orientare il voto

    A me pare grave, molto.. Ma non capisco se esiste almeno un reato che abbracci tutti coloro che sono stati coinvolti?

    Piace a 5 people

    • Non si tratta di quelli che il Codice Penale definisce : ” Delitti contro la personalità dello Stato” ?

      "Mi piace"

  7. Si sta parlando di una congrega di facinorosi che ha usato e usa i peggiori intrallazzi da prima repubblica.

    Tra questi il gran capo è un lobbista al soldo di chiunque, machiavellico stratega in salsa gelliana, rancoroso odiatore incapace di elaborare le bastonate elettorali (c’è molto di suo nelle sconfitte).

    MT ci narra poi del tontolino stratega dello stratega che aveva una capacità unica: per ogni minuto di apparizione in tv faceva perdere migliaia di voti al partito dem (MTB in quello era comunque insuperabile).

    Ebbene, questi viscidi da sottomarino giallo sono pericolosi per la democrazia. Molto pericolosi.

    Piace a 4 people

  8. Evitare accordi con renzi per governo, Quirinale e rai, cioè rompere?
    La signora tinagli, vice di letta, ha già offerto solidarietà al senatore semplice da Rignano “vittima di gogna mediatica”.

    Piace a 3 people

      • Beh, mi aspetto che il nostro avvocato sappia come agire e come diffondere la notizia, SE gli daranno spazio e visibilità sui media.
        Sento un silenzio poco rassicurante sulla faccenda…a parlare di Renzi sono sempre velocissimi, ma se c’è da difendere il m5s…
        Avranno ordini di scuderia ANCORA VALIDI da allora? 🤬

        "Mi piace"

  9. Che la politica debba essere fatta da persone ricattabili lo sappiamo da tempo, infatti chi non lo era come il movimento è stato massacrato mediaticamente. Ma non c’è da meravigliarsi di nulla in un Paese in cui si discute se Silvio B. debba salire al Quirinale invece che soggiornare da decenni a San Vittore. Magari in compagnia di suo figlio Piermatteo.

    Piace a 2 people

    • … e il peggio è che chi ha contribuito a massacrare il M5S è chi dovrebbe sostenerlo e, come si può notare da taluni commenti, continua a farlo nonostante venga a conoscenza di questi fatti e quindi siano palesate le difficoltà e gli ostacoli che il M5S ha incontrato e incontra lungo il cammino.
      Vedi pure c’è chi scrive che: “il M5S è ormai andato” cosa ci si può aspettare da fenomeni come questi? Niente di buono. Chi è causa del proprio mal pinaga sé stesso.

      Piace a 2 people

      • Sì, il m5* è andato, perché sta abbracciando con affetto e stima tutti quelli che lo hanno pugnalato in questi anni. Il m5* è andato perché sta prevalendo la cura per il destino personale dei parlamentari. Il m5* è come gli altri partiti, si è adeguato al clima e ha dimezzato il consenso anche per reiterate colpe proprie.

        Piace a 2 people

  10. Davanti a codeste infamie, si rimane basiti!! Non c’è aggettivo dispregiativo così forte da poter definire lo schifo che provo.. gente così che ha contribuito a distruggere l’Italia dovrebbe essere messa immediatamente dopo i processi fuori dalla nazione, errabondi per il resto dei loro giorni.. ci fu un vecchio pdc che dopo aver contribuito a distruggere l’Italia, si diede alla fuga in Tunisia, ancora qualcuno lo vorrebbe riabilitare, dopo quanto di marcio ha fatto!! l’Italia è senza speranza!! Forse un piccolissimo spiraglio c’è e si chiama Alessandro Di Battista.. ma se scenderà in campo dovrà essere supportato e tutelato perché tenteranno in tutti i modi di sconfiggerlo.. io confido in lui..

    Piace a 1 persona

    • anche se dovesse “scendere in campo” Di Battitsta si troverà a ripercorrere lo stesso cammino del M5S perché l’animo umano è quello e si troverà a dover lottare contro i vari fenomeni dei distinguo, dei ma…, dei però… che da sempre hanno ostacolato il M5S. Se ricordi appena sei mesi dopo le elezioni politiche, alle europee i cittadini hanno voltato le spalle al M5S togliendo il loro sostegno e così agevolando le forze antagoniste del sistema facendo il proprio male.

      Piace a 1 persona

  11. Si sospettava una cosa del genere ma non così ampiamente progettata e articolata, e soprattutto espressamente definita nel non argomentare ma distruggere . Ci sarebbero gli estremi per incolpare questi bei figuri di golpe?

    Piace a 1 persona

  12. E mentre su questo scandalo silenzio totale assoluto, bisogna sorbirsi in TV dibattiti ed inchieste che demoliscono il reddito di cittadinanza. Chi ne ha usufruito nel migliore.dei casi viene giudicato un lavativo o un accidioso o paragonato ad un evasore fiscale, ma ormai sono considerati criminali alla stregua di quei romeni che contano centinaia di migliaia di euro , in un filmato che avranno fatto vedere già 5-6 volte. Come se la criminalità organizzata basasse i suoi introiti sul reddito di cittadinanza

    Piace a 5 people

  13. Ieri Formigli ha parlato chiaramente (miracolo) di carte pubbliche, depositate, circa gli scoop del FQ, quindi sembrava aver sgombrato il campo dalle scemenze. Per chi sa cosa voglia dire depositate.
    Crosetto, ex parlamentare, ha chiesto a Fittipaldi: ma è legale pubblicarle? L’interlocutore ha sgranato gli occhi (già sgranati).
    Ma non era un punto di riferimento, uno competente, uno con tutte le mejo qualità? Va bene, non sai una roba del genere di tuo (già è grave, non occorre essere avvocato ), ma in una settimana non ti sei nemmeno informato?

    Piace a 2 people

  14. In un certo senso scopriamo l’acqua calda :il contenuto della missiva è paro paro il sistema messo in atto dalle tv e carta stampata nazionale negli ultimi 6 o 7 anni e ancora in vigore.Noi tutti lo sappiamo solo che ora c’è carta che canta. Dovrebbero confessare gli esecutori, i vari Formigli,Floris,Gruber,i direttori di testata,i loro editori etc…ma figurati se lo faranno !
    p.s. Per quanto riguarda Scanzi potevano evitare di nominarlo :ha fatto danni a m5s più di altri.

    Piace a 2 people

    • A Roma per un semplice abete natalizio non particolarmente robusto, c’hanno fatto una pubblicità tale che Netflix ci potrebbe fare una serie tv…
      In proporzione per un fatto cosi grave se ne dovrebbe parlare da mattino a sera fino al 2050…
      Ed invece vorrei vedere con che delicatezza ed ambiguita’ ne accenneranno in tv le varie myrta merlino, i floris, i vermigli, etc…

      E scrivo “vorrei vedere” perche’ in realta’ non guardero’ affatto certe trasmissioni: gia’ conosco assai bene la loro schifosa omerta’… di perfetta Stampa Deviata…

      Piace a 2 people

      • @Cesare Goffredo

        D’accordo su tutto, ma guarda che Scanzi, con le puttanate da asilo che scrive (proprio da asilo, proprio nel modo di scriverle)… l’unico a cui non fa danni è sé stesso, o almeno così lui crede. Per gli altri ne ha sempre una cattiva da sparare, salvo poi voler forzatamente andar d’accordo con tutti. Da quanti anni è che non lo vedi discutere animatamente con qualcuno, come ai “vecchi tempi”?
        E nessuno – o comunque pochi – si rende conto che questo suo paraculismo alla lunga sia non tanto fastidioso, ma che lo renda un imbecille, incapace di fare quell’unica cosa di cui implicitamente e velatamente (neanche poi più di tanto) si vanta: e cioè di saper scrivere. Per me ormai, e da anni, vale zero. Un paraculo di quelle dimensioni non vale davvero più nulla.

        Piace a 2 people

  15. La costituzione non aveva previsto un attacco portato in questi termini alla reubblica, e non ha pensato a qualche articolo per proteggersi, e i vari parlamenti non hanno pensato o voluto fare delle leggi per tutelare la democrazia.
    A mio parere siamo di fronte ad un attacco contro la democrazia portato avanti da un gruppo eversivo. E riuscito, fra l’altro.

    Piace a 2 people

    • Dici bene Fabrizio.
      E’ qualcosa di tremendo.
      Se si pensa alla PIANIFICAZIONE che c’era dietro questo modo di agire… beh… c’e’ veramente da rimanere sconvolti.

      Il particolare su cui porre l’attenzione e’ che questa olerazione di sporco killeraggio mediatico non e’ eseguito da qualche agenzia particolarmente aggressiva che e’ stata pagata per migliorare i propri risultati e che si scopre (o poi si finge di scoprire) essere andata fuori dal seminato… no… qui e’ un Senatore della Repubblica che, IN PRIMA PERSONA, organizza questo ATTENTATO ALLA DEMOCRAZIA…

      GRAVISSIMO!

      Piace a 2 people

  16. E i 5stelle sono ancora al governo con Renzi&Rondolino?

    È da Portiere di notte della Cavani che non si vedeva una roba del genere.

    "Mi piace"

  17. Paese di fantasmi.
    Renzi andava fatto fuori (politicamente)finché ne avevi l’occasione, no, ci hai fatto un governo insieme.
    Ah già, che scemo, dimenticavo.
    Ora escono le carte??
    Addio ti dissi, tu dimmi come cazzo si fa a essere cosi orbi.
    Tutti che si stracciano le vesti, ma Renzi lo ha sempre detto: la mia missione è distruggere i 5 stelle. Porca troia, cazzo faccio, un disegnino??
    See vabbè, ciao Gisella.

    "Mi piace"

  18. Le bugie alla fine si scoprono e gli artefici faranno la figura del pirla, l’unico difetto della gente comune è avere la memoria corta.

    "Mi piace"

  19. “Ci limitiamo a notare la perfetta continuità fra berlusconismo e renzismo, le due peggiori jatture che abbiano infestato la vita pubblica negli ultimi 30 anni. E ad augurarci che si estinguano al più presto, senza che nessuno osi più avvicinarli per accordarsi su governo, Quirinale e Rai.”

    Grazie Teavaglio. Da sole, queste parole, meritano il rinnovo a vita del sostegno al Fatto Quotidiano.

    Piace a 1 persona

  20. Alcuni animali si fingono morti per scamparla dai predatori (tanatosi).
    Il pd è inerte, vacuo. Eppure è tornato (sembra) primo partito. Chissà come mai..

    "Mi piace"

  21. 1- pensate solo a quando, di fronte a notizie ‘fuori dal coro’, tipo i servizi di Report su Az e sul GP, i politici (del PD) berciano alle FAKE NEWS. Ma con che faccia questi potranno mai più pronunciare tale parola,quando con Renzi avevano organizzato una struttura che mirava a distruggere non il ragionamento, ma il RAGIONATORE e a inventarsi dossieraggi e attacchi di stampa contro quelli indisponenti?

    2- state sicuri che la stessa parola d’ordine è stata passata anche con i vaccini, prima della Lorenzin nel 2017, poi sul COVID. Ricordatevi: da dopo che è morta la Canepa, sui danni da vaccino i TG osservano un totale SILENZIO.

    3- quando a Berlu e a Renzi si sostituirà la dittatura draghiana, dovremo pure rimpiangere i vecchi marpioni che almeno si presentavano alle elezioni.

    4- per chi non lo conoscesse, guardatevi i documenti e le interviste di Alessandro Majorano, che da anni accusa Renzi e ha i docomenti sottomano per dimostrarle, ma chissà come mai, non viene considerato dalla magistratura del Giglio.

    "Mi piace"