Matteo il Russo

(“Matteo il Russo” di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Ne La maledizione dello scorpione di giada, Woody Allen interpreta un detective che indaga su una serie di rapine e alla fine scopre di averle fatte lui. Gli psichiatri, quando uno accusa gli altri di ciò che fa lui, parlano di proiezione, ma escludono che la sindrome sia contagiosa. Fa eccezione l’Innominabile, che la propaga […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

29 replies

  1. Matteo il Russo

    (MARCO TRAVAGLIO – Il Fatto Quotidiano) – Ne La maledizione dello scorpione di giada, Woody Allen interpreta un detective che indaga su una serie di rapine e alla fine scopre di averle fatte lui. Gli psichiatri, quando uno accusa gli altri di ciò che fa lui, parlano di proiezione, ma escludono che la sindrome sia contagiosa.
    Fa eccezione l’Innominabile, che la propaga a ritmi da far impallidire la variante Delta, specialmente tra i giornalisti.
    Chi non ricorda le sue cheerleader pennute che prendevano sul serio le sue filippiche sulla Spectre Putin-Casaleggio-Grillo (ma anche un po’ Trump) intenta a spostare milioni di voti verso i 5Stelle a suon di fake news, troll, account falsi e cyberpropaganda dalla Russia con furore?
    E la Mata Hari dei social che si faceva chiamare Beatrice Di Maio per stornare i sospetti di simpatie grilline, smascherata sulla Stampa dal commissario Iacoboni come agente segreta della Casaleggio & Cremlino Associati, poi rivelatasi essere la moglie di Brunetta?
    E le commissioni anti-fake news, composte da maestri del ramo tipo Riotta e Fubini?
    E la caccia dei giornaloni alle cellule più o meno dormienti della Social-Piovra che da Mosca e San Pietroburgo allungava i tentacoli ad Afragola, Frascati e Terni, dove operava in incognito il famigerato Leonardo Piastrella, alias Ermes Maiolica o Vincenzo Ceramica, noto mago dei travestimenti?
    Pagine indimenticabili di giornalismo investigativo, come quelle sulla congiura russo-grillina per rovesciare il capo dello Stato a colpi di hashtag #Mattarelladimettiti, con indagini di: Procura di Roma, Digos, Antiterrorismo, Polizia Postale, Aise e Copasir. Chissà che fine han fatto.
    Ora si scopre che il senatore a tassametro, quand’era premier e segretario Pd, oltre a controllare Rai e Mediaset, aveva messo su una Bestiola pagata da Open (nota fondazione culturale indipendente) con software israeliani per fare ciò che rimproverava agli avversari: magheggi social, “amicizie” pilotate, account farlocchi e fake news contro un solo nemico: i 5Stelle.
    “Ci avevano chiesto di creare almeno 10 profili social non veri”, dichiara ai pm uno degli smanettoni incaricati di dirottare i commenti negativi.
    “Non perdete tempo, partite, i nomi li sappiamo. Altro che privacy!”, li aizzava lo Statista di Rignano. Ora che escono cose vere su di lui, alla privacy s’è riaffezionato.
    Ed è probabile che, senza la gigliosa macchinetta da guerra, pure il suo 1,7% sia sovrastimato. Deve aver fatto tesoro delle lezioni del guru Fabrizio Rondolino, noto sfollagente, che 4 anni fa gli scriveva: “Non dobbiamo perdere tempo a riconquistare l’elettorato: dobbiamo spingerlo a non votare più”. Missione compiuta. Quod non fecerunt Cremlini, fecerunt Rondolini.

    Piace a 9 people

  2. “Non dobbiamo perdere tempo a riconquistare l’elettorato: dobbiamo spingerlo a non votare più” e’ quanto abbiamo piu’ volte scritto anche noi in queste pagine di infosannio circa l’astensionismo:
    e’ obiettivo vero, realistico e spesso raggiunto quelli di “schifare talmente tanto” l’elettorato non controllato fino a farlo desistere dall’esprimere il voto.
    Non e’ roba da poco:
    ===> e’ minare alla base uno dei pilastri principali su cui si regge una democrazia.

    Il passo di cui sopra e’ persino superato da altri inquientanti obiettivi del viscido gruppo dell’omuncolo di Rignano (vedi articolo di Repubblica del 10/11: “Inchiesta Open: software sofisticati e “character assassination” nella macchina della propaganda di Renzi”):
    “Non dobbiamo rincorrere Grillo sul suo terreno (a cominciare dall’anti-Casta), ma dobbiamo dimostrare che anche Grillo è Casta.
    ===> Non dobbiamo contro argomentare sulle loro proposte, dobbiamo distruggere chi le ha avanzate”.

    Avete capito con che razza di “persona” si ha a che fare???

    Piace a 7 people

    • Certo che se la battono: Grillo e i parlamentari m5s che l’hanno seguito nell’appoggio a Draghi hanno fatto un danno ENORME. Hanno dato ragione a quei disfattisti che dicevano: ” tanto, sono tutti uguali”. Traditori, sciagurati, ci vorranno anni per rimediare. Masanielli.

      Piace a 3 people

      • Mo Travaglio ha preso la cantonata su renzi, ma non vede quelli che salivano sui tetti e ora non escono dai palazzi e approvano anche i sospiri di Draghi senza batter ciglio . PARLACI DI CONTE E DI DI MAIO
        .Lascia perdere il finito Fiorentino. LORO AVEVANO 11 MOLIONI DI VOTI BUTTATI NEL CESSO .

        Piace a 1 persona

    • D’accordo, ma ricordi il famoso streaming di Grillo con Renzi? Quello in cui Grillo disse in faccia all’omuncolo, in diretta nazionale, tutto quello che si meritava e l’altro zitto, mandando in orgasmo milioni di persone in diretta o in differita?
      Chi o cosa è cambiato da allora?!?
      E di chi è colpa di cosa?!?

      Piace a 1 persona

  3. ███████ ████ ████ █████ ███████ ██████ ████ █████ ████ ███ ██ ██████ ████ ████████ ██ █████ █████ ████ ██ ████████ █████ ███ ██
    █████ ██████ ████████ ███ ███████ ██████ ██ ████████ ███ ██████ ██

    Piace a 1 persona

    • col senno di poi, anche alla luce delle ultime notizie, ma negli anni ce ne sono state una valanga di notizie che spiegano il personaggio, credo che molti potrebbero rivedere il proprio giudizio su questo incontro.

      Gli ex piddini potranno prendere in considerazione il fatto che Grillo abbia detto in anticipo quello che ora sappiamo tutti, e abbia fatto più che bene a non dare fiducia a questo pupazzetto (sembra la bambola meccanica di “profondo rosso”) del male.
      Purtroppo anche gli ex grillini però dovranno farsi qualche domanda, visto che le posizioni politiche attuali di Grillo, sembrano essere l’esatto contrario di quelle di allora.

      Piace a 1 persona

  4. Piermatteo è solo la cartina tornasole del politico italiota moderno. La differenza è quella di avere un ego smisurato e di avere la faccia più grossa del culo e fare le cose più o meno alla luce del sole. Insomma, papà Silvio ha seminato bene.

    Piace a 2 people

  5. Applausi a Marco Travaglio per la vena artistica da fuoriclasse mostrata nel dipingere lo squallore.

    Che la “bestiolina” abbia agenti sotto falsa copertura un pò ovunque? Perché che anche un articolo come questo, tutto incentrato sullo squallore del viscido di Rignano, venga impugnato per randellare Grillo e i 5stelle fa pensare.

    Forse perché anche qui “Non dobbiamo rincorrere Grillo sul suo terreno (a cominciare dall’anti-Casta), ma dobbiamo dimostrare che anche Grillo è Casta.”?

    E se è vero che anche MT era assolutamente contrario all’ingresso dei 5stelle in questa ammucchiata è altrettanto vero, a parer mio, che non si DIBBA trasformare il commento ad ogni suo articolo in un mantra quotidiano contro il MoVimento e contro Grillo.

    C’è chi pensa che le cose si possano migliorare dal di dentro e chi è convinto che lo si faccia meglio dal di fuori.

    In ogni caso anche meno per favore perché gli avversari sono altri.

    Piace a 3 people

  6. Quest’uomo sembra uscito da Febbre da Cavallo, sembra “er pomata” che si butta in politica, con la differenza che er pomata era simpatico e avrebbe fatto sicuramente meno danni.

    Zerovirgola è privo di etica.
    Una regolata non è in grado di darsela.
    Magna dove po’ magnà.

    "Mi piace"

    • Direi che è il nuovo simbolo del machiavellico “fine giustifica i mezzi”, dove però il fine è il solo.e.personale raggiungimento del potere, politico ed economico. Tutto è lecito se permette tale raggiungimento

      "Mi piace"

  7. Dopo le ultime elezioni comunali che hanno visto il PD riprendersi tutti i comuni nel 2016 conquistati dai grillini si può affermare che la missione sia riuscita. Missione avviata dal segretario del PD del tempo e proseguita dai suoi successori, con l’aiutino di Travaglio e Conte che hanno cambiato la missione politica del movimento 5stelle: da combattere le caste di destra e di sinistra a dare una mano ai sinistri per impedire che i destri vincano.
    Il segretario del PD Letta, a risultati acquisiti ha parlato di trionfo conseguente non alla riconquista dell’elettorato, ma all’astensione. Chiunque mastichi di dati elettorali e li analizzi con obiettività capisce da sempre che la coglomerata sinistra, generalmente costituita da decine di liste organizzate da potentati locali, stravince solo se l’affluenza alle urne sia inferiore al 50%.

    Piace a 2 people

  8. A me ricorda willy coyote .Se sta allo zero virgola,le sue macchinazioni gli si ritorcono contro.Non è un grande stratega ma solo uno spregiudicato che ha trovato terreno fertile nel pd e,più in generale,nella monnezza di casa nostra.

    Piace a 2 people

  9. La cosa non credo abbia sorpreso realmente nessuno. Ovviamente a questo punto chi si azzarderà a dire che quindi M5S è stato mal giudicato? Quella bilancia ha un solo piatto e certamente nessuno bisbiglierà che l’informazione ha seguito il capo carovana, senza chiedersi dove stava andando, così come gli stessi che in tv pretendono di avere il “green pass” per poter insultare e criticare ad oltranza M5S, non si porranno mai il quesito se sia ancora valido, dal momento che la propria credibilità di critici è un filino compromessa dopo averci venduto uno spietato affarista come nuovo della sinistra italiana ed enfant prodige.
    Il che non significa certo che M5S non abbia un sacco di problemi e sia esente da critiche, ma nessuna di quelle fatte cum grano salis ha mai trovato spazio sulle pagine dell’informazione. Se spingere la gente a non votare non è un vulnus della democrazia non so cosa possa esserlo. Per cui da destra a sinistra la smettano di prendere in giro la gente con il “riavvicinare la gente alla politica”, perché sappiamo benissimo che per la maggior parte della politica l’unica idea è tenerla ben lontana e campare col proprio zoccolo duro o con il consenso a portar via. Salvini si scopre difensore delle manifestazioni anche se alla soglia di un potenziale rigurgito di pandemia, ma il grande difensiore dei confini non si è accorto che siamo accerchiati.
    Così i governi di minoranza sono maggioranza se fanno comodo a confindustria, i governi di maggioranza sono minoranza se accontentano i poveri, le prove sono illazioni e la verità è rancore, là dove l’astensionismo è la pentola d’oro alla fine d’un arcobaleno d’ipocrisia.

    Piace a 3 people

  10. Sono i corsi ed i ricorsi della storia.. ogni tot di anni nasce un personaggio particolarmente tossico, che si crede unto dal signore e che si satura di delirio di onnipotenza!! L’intelligenza umana, dovrebbe riuscire a fare capire i comportamenti di ognuno di noi, ma a volte l’intelligenza è deviata da qualcosa di più grande, la follia, un folle è intelligente, forse di più ma non riesce a controllare la sua potenza perché si crede onnipotente appunto che lui può tutto ed allora crede che tutto ciò che sta compiendo sia giusto, più che giusto, glielo dice il suo cervello!! Comportarsi come si comporta e si comportano certi personaggi, dal mio punto di vista è pura follia!! Non c’è giustificazione al comportamento di alcuni però, il dramma è che gestiscono una nazione!! E questo dovrebbe essere immediatamente impedito loro.. come non lo so, anzi lo saprei, evitare accuratamente di parlare di questi personaggi, non dargli modo di alimentarsi con la pubblicità nei loro confronti, tosto o tardi si smontano ma purtroppo il sistema è completamente marcio, come è sempre stato nei secoli dei secoli!! Chi ha potere è sempre circondato da persone che li osannano perché è comodo stare con chi ha potere, la malattia dell’essere umano è quella di dover essere per forza qualcuno per sentirsi appagato!! Intanto l’Italia muore..

    Piace a 1 persona

  11. Sono straconvinto che renzi non giochi una partita sua, ma sia semplicemente l’addetto alle pubbliche relazioni di un’organizzazione sofisticata e senza scrupoli che esiste da tempo.

    Il giglio magico probabilmente è l’erede o una costola o un collega della p2, e può avvalersi di conoscenze allargatissime, al punto di arrivare a trattare con gli israeliani per comprare per due o trecentomila euro, software in grado di influenzare l’opinione pubblica attraverso la rete.
    La war room del pd, 12.0.

    Tecnicamente è eversione secondo me: golpismo e terrorismo.
    Si sovverte la democrazia, ma senza carri armati, col bullismo mediatico e le trattative sotto banco.

    Lo statista faccendiere di rignano, che si vanta di far cascare governi col 2%, si scorda di dire che lo fa spendendo milioni e risorse e appoggi di cui la sua organizzazione dispone.
    E ovviamente si coordina con altre organizzazioni, sempre segrete nel senso di non palesi e pubbliche, ma poi mica tanto segrete, che più grosse di lui si mangiano paesi interi, mettendo al governo ora fantocci, ora pagliacci, ora ragionieri.

    L’italia non è più una repubblica, ormai ufficialmente direi.
    Tempi d’oro per la grande finanza incappucciata, tempi bui per il popolo.

    E comunque se doveva distruggere il M5S, nemico del potere costituito, e spingere al non voto (che è il paradiso delle elites) … chapeau: ci sono riusciti benissimo, tutto sommato molto velocemente e quasi completamente, al punto che ancora non ho capito come abbiano fatto.

    Piace a 5 people

    • “Il giglio magico probabilmente è l’erede o una costola o un collega della p2, e può avvalersi di conoscenze allargatissime, al punto di arrivare a trattare con gli israeliani per comprare per due o trecentomila euro, software in grado di influenzare l’opinione pubblica attraverso la rete.”

      Su questo sono d’accordo ,LA P2 non è mai morta e Gelli anche da morto se la ride , i grandi manovratori non sono mai stati scoperti sono vivi e vegeti, la povera Tina Anselmi lo aveva anche scritto nei suoi diari, ma tanto lei era visionaria………..

      Piace a 3 people

    • Fabrizio, okkio a parlare liberamente di p2 (e di Guenon) che il sociopatico, attualmente in ritiro spirituale, potrebbe aversene a male e decidere di tornare.

      "Mi piace"

    • *fabriziocastellana,
      Tutto vero.
      E comunque si sa -e non da ora-che le “consulenze” e i “discorsi pagati” altro non sono che tang**ti mascherate ,pulite e fatturate , Non siamo più all’epoca di Mario Chiesa e del Pio albergo Trivulzio….
      Chi realmente può avere interesse a sentire (non dico a vederlo in faccia !😁) i discorsi di un soggetto come quello? Ma li fa in lingua madre o in inglese?
      Da Premier prima e da senatore poi, ha legittimo accesso a informazioni riservate. E anche i suoi amici parlamentari.
      Il 2 + 2 fatelo voi.
      Del resto, è quello che già fece con CDB e i 600 k che gli fece guadagnare .Purtroppo per lui si fece sgamare.

      Piace a 2 people

    • Il potere avvolge e coinvolge. Rende succubi epartecipi innocenti e i colpevoli. Per questo non si riconosce più uno come Di Maio che da filo russo-cinese è passato a idolatrare gli americani e flirtare con Draghi in modo subalterno quando solo una stagione fa era antieuro. Quelli della “P2” è gente con la quale non bisogna prendere neanche un caffè : se lo fai sei perduto.

      Piace a 3 people