Il governo taglia il bonus per l’acquisto di auto a basso impatto: sarà di “soli” 100 milioni

(tag43.it) – Scende da 300 milioni a 100 milioni lo stanziamento per rifinanziare l’ecobonus destinato all’acquisto di automobili. Nella bozza approvata dal consiglio dei ministri sono previsti 100 milioni di euro rispetto alle bozze precedenti che stanziavano 300 milioni. La misura è stata inserita, su proposta del ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, nel decreto fiscale approvato dal Consiglio dei ministri. Lo comunicano fonti vicine al Mise.

Bonus acquisto auto: come saranno ripartiti i soldi

In particolare, le nuove risorse vengono ripartite destinando 65 milioni di euro per incentivare l’acquisto di veicoli M1 compresi nella fascia di emissione 0-60 g/km CO2, 20 milioni per comprare veicoli commerciali di categoria N1 o M1 speciali, di cui euro 15 milioni riservati ai veicoli esclusivamente elettrici. Per i veicoli M1 compresi nella fascia 61-135 g/km CO2 sono invece stanziati 10 milioni di euro. Infine 5 milioni di euro sono destinati all’acquisto di veicoli di categoria M1 usati con emissioni comprese tra 0-160 g/km CO2.

Primo Consiglio dei ministri con obbligo di green pass a Palazzo Chigi

Nella sede della Presidenza del Consiglio si è svolta la riunione e in ottemperanza alle disposizioni di legge a tutti è stato controllato il certificato verde. I ministri che sono entrati dall’ingresso principale devono quindi passare da un tornello elettronico che scannerizza il QR Code. Per chi è entrato invece a piedi o in auto dall’ingresso posteriore di via dell’Impresa, il controllo viene effettuato “manualmente” dal personale prima di accedere al cortile. Il green pass è stato richiesto, naturalmente, a tutto il personale, anche esterno, e anche ai giornalisti per accedere alla sala stampa. Fino a ieri, invece, per partecipare al Cdm, ai ministri veniva chiesto un tampone con referto negativo.

1 reply

  1. Reddito di cittadinanza, fallito blitz di centrodestra e renziani in cdm. Muro M5s-Pd col sostegno di Draghi: “No modifiche”

    Il consiglio dei ministri ha dato via libera allo stanziamento di 200 milioni in più di qui a fine anno. In mattinata Salvini aveva detto che la Lega si sarebbe opposta. I ministri di Lega, Forza Italia e Italia Viva hanno sostenuto che la misura “non è sostenibile” ma la vecchia maggioranza giallorossa ha retto e il rifinanziamento è passato, con l’appoggio del premier. Che ha anche rimandato alla manovra ogni discussione di ridiscussione, “in particolare sulle politiche attive”. L’intervento di Conte: “Smetterla di assaltare uno strumento di civiltà”

    https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/10/15/reddito-di-cittadinanza-fallito-blitz-di-centrodestra-e-renziani-in-cdm-muro-m5s-pd-col-sostegno-di-draghi-no-modifiche/6355891/

    Piace a 1 persona