Bolletta elettrica, Cingolani: “Aumento 40% in questo trimestre”

(adnkronos.com) – “Lo scorso trimestre la bolletta elettrica è aumentata del 20%, questo trimestre aumenta del 40”. Roberto Cingolani, ministro della Transizione ecologica, si esprime così nel suo intervento al convegno di Cgil Liguria ‘Quale sviluppo per il futuro della Liguria’.

“Nessuno mette in discussione che la transizione ecologica vada fatta il prima possibile, senza indugi e con sacrifici enormi. Ci credo eccome alla transizione ecologica, ma non può essere fatta a spese delle categorie vulnerabili. Voi sapete che lo scorso trimestre la bolletta elettrica è aumentata del 20%, questo trimestre aumenta del 40. Queste cose vanno dette, abbiamo il dovere di affrontarle”, dice Cingolani.

“Poi, succede perché il prezzo del gas a livello internazionale aumenta. Se l’energia aumenta troppo di costo, le nostre imprese perdono di competitività e i cittadini, soprattutto quelli di reddito più basso, faticano ulteriormente per pagare beni primari come energia e gas. Queste cose vanno considerati importanti come la transizione ecologica. Finché avrò l’onore e onere di occupare questa posizione farò di tutto affinché le due cose non vengano mai scisse”, aggiunge prima di ribadire che “dobbiamo ricordarci che c’è una transizione sociale che deve andare di pari passo con la transizione ecologica”.

BOLLETTA, QUANTO AUMENTA – “Un aumento di tale portata, se fosse davvero confermato, sarebbe letale per famiglie e imprese. Per una famiglia tipo sarebbe equivalente a 247 euro su base annua”. A fare i conti in tasca agli italiani alle prese con un possibile aumento delle bollette della luce è Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori. “Un rincaro così astronomico sarebbe un serio freno alla ripresa economica, innalzando i costi delle imprese e gravando pesantemente sulle tasche delle famiglie, con effetti deleteri sulla ripartenza dei consumi” prosegue, dopo le parole del ministro Cingolani.

“Governo e il Parlamento devono comunque porre subito rimedio, decidendo di destinare i proventi delle aste di mercato dei permessi di emissione di CO2 all’abbassamento delle bollette, eliminando gli oneri di sistema oramai superati, come quelli per la messa in sicurezza del nucleare o le agevolazioni tariffarie riconosciute per il settore ferroviario, spostando sulla fiscalità generale gli altri, come gli incentivi alle fonti rinnovabili, che ora invece finiscono in fattura”, conclude Vignola.

36 replies

      • Gentile, lei evidentemente sa ciò che scrive, perché è esattamente la realtà delle cose. La tecnologia dei sistemi di produzione di energia dal solare è in continuo miglioramento, così come l’efficienza energetica dei materiali impiegati nel settore ed in edilizia. Aggiungo che il proporre il nucleare è solo una grande inutile mangiatoia per i soliti noti, l’aumento in bolletta (riferito da chi lavora nel settore) è in parte una manovra speculativa, in parte il tentativo di rientro di pagamenti insoluti per via della pandemia. Poi la giustificano sempre con il solito bla bla sul fatto che non ne produciamo abbastanza. Una considerazione sul 110%. Hanno prima illuso che si potesse fare tutto e tutto gratis, in realtà è un perenne percorso ad ostacoli all’italiana, dove i soliti speculatori hanno fatto rialzare (spesso a dismisura) i costi dei materiali. Cordialità.

        "Mi piace"

      • “l’aumento in bolletta (riferito da chi lavora nel settore) è in parte una manovra speculativa”
        Togli pure in parte. E’ frutto della privatizzazione all’italiana che ormai sappiamo benissimo che sono solo fregature.

        "Mi piace"

  1. Questo asino “grillino” (grazie Beppe per questo regalo !) vuole portarci al nucleare per sfamare i soliti ingordi, piuttosto che potenziare il solare. Direi di fargli fare nel suo giardino di casa il deposito per le scorie, poi vediamo se non gli passa la voglia di dire castronerie.

    Piace a 3 people

    • mi scusi, ma l’ha una calcolatrice sotto mano?

      anche se il solare (che poi è meglio dire il fotovoltaico, il solare è riferito al ciclo dell’acqua calda)
      raddoppiasse, cosa tecnicamente impossibile, non ci sono tetti e soldi a sufficienza per farlo
      (al limite si potrebbe aspettare che l’efficienza aumentasse al 30/35% ma ci vorranno ancora anni, se mai ci si arrivasse)
      l’apporto al consumo energetico passerebbe dal 15% attuale al 20% – 25% (visto che i consumi non stanno rallentando e
      con la spinta ai veicoli elettrici il consumo subirà una impennata) se anche aggiunge un 15 da idroelettrico
      che per ovvi motivi non può aumentare, anzi con la siccità è in diminuzione, e un 10 da biomasse ed eolico
      (non abbiamo venti oceanici) mi spiega come possono fornire energia ai consumatori, ovvero noi?

      con gli slogan l’energia non viene fuori, se conoscessi delle alternative le indicherei, ma
      purtroppo, a breve, ​non ce ne sono.

      in Italia il nucleare non è una opzione praticabile per una marea di motivi, e quello delle scorie è veramente l’ultimo
      (se si volesse ci sono NPP a ciclo chiuso e, se fossero affidate ai russi, ci pensano loro a riprocessare, a casa loro,
      il combustibile esausto rimanente vetrificandolo per la lunga conservazione a secco, è nei loro contratti standard.
      ma anche così penso di non sbagliare dicendo che sarebbe un fallimento)

      ps
      i dati espressi sono approssimativi ma derivano da quelli di Terna di un anno fa, non ho voglia di recuperare quelli aggiornati
      che credo non differiranno di tanto (pure possibile che, dopo un anno di pandemia, ovvero di fermo progettazione
      ed installazione, e con un consumo che invece non è calato, siano pure più bassi

      "Mi piace"

      • integro una parte che mi è rimasta in tastiera

        ….(non abbiamo venti oceanici) mi spiega come si possa fornire il 100% energia consumata dai consumatori, ovvero noi?
        tenendo conto che ora ne importiamo un 10%-13% prodotto dai nostri vicini, con il nucleare

        "Mi piace"

      • Gentile, mi scusi, ma il suo vocabolario funziona? Se si, vada a cercare il significato di solare. In merito al nucleare (evidentemente a lei caro e per lei risolutore di ogni problema energetico) forse le sfugge che il popolo Italiano si è già espresso con bel referendum e sul tema delle scorie è in corso un balletto indecente che dura da decenni su dove vanno stoccate sul suolo nazionale. Da dove si pesca l’energia? Abbiamo le fonti rinnovabili, abbiamo un migliore efficientamento energetico dei materiali e con cui dobbiamo ridurre la domanda di energia, dobbiamo cambiare i nostri stili di vita. A me non piace il pensiero di avere una possibile Chernobly o Fukushima in Italia. Preferisco spegnere la TV ed accendere lo scaldabagno la notte prima di andare a dormire. Cordialità.

        Piace a 1 persona

      • Quello che molti fanno finta di non capire è che il nucleare NON proviene da fonti rinnovabili, e fra l’altro non mi risulta che in Italia ci siano miniere sfruttabili di uranio, per cui, tralasciando il problema dello stoccaggio ed ammesso e non concesso che in tempi biblici e con costi fantastiliardari si riuscisse a realizzare un paio di centrali nucleari, reprimendo in stile TienAnMen sommosse popolari che neanche 100 TAV, passeremmo dalla dipendenza da un fossile a quella da un altro fossile, con l’aggravante che ad oggi sarebbe impossibile prevedere da quali Paesi dovremmo dipendere ed a quale prezzo geopolitico ed economico..

        "Mi piace"

      • Marco Bo
        Ho letto le prime righe, mi dispiace dirtelo ma parli a vanvera di cose che non conosci.
        Primo: esiste il solare fotovoltaico (produzione di elettricità) ed il solare termico (produzione di acqua calda sanitaria e non), ma sempre di SOLARE si tratta.
        Due: “anche se il fotovoltaico raddoppiasse, cosa tecnicamente impossibile” è una cazzata gigantesca.

        Poiché il raddoppio della potenza lo ottieni sia con un aumento dell’efficienza che con un aumento della superficie utilizzabile.

        I moduli del primo conto energia erano di circa 200 Wp, ora sono di 400 Wp (SunPower e non solo).
        Tra non molto usciranno quelli da 500 Wp.
        Sai che significa?
        Che in una manciata di anni l’efficienza è raddoppiata!
        E sai cosa vuol dire? Che si sono ridotti gli spazi necessari perché l’efficienza è il reciproco della superficie. Raddoppia l’efficienza, si dimezza l’area occupata dai moduli sul tetto.
        E di tetti su cui installare nuovi impianti o fare il REVAMPING (verifica cosa è) dei vecchi (alcuni impianti vecchi nontano moduli da 130 Wp e vecchi inverter inefficienti e non monitorabili: cosa fondamentaleper aumentare l’autoconsumo) ce ne sono tantissimi (senza disturbare i tetti dei centri storici).
        Mancano le leggi giuste (l’ecobonus è uno sperpero di denaro pubblico checché ne dicano alcuni operatori del settore) non la tecnologia.

        Devo scappare, aggiungerò qualche altra considerazione stasera, il cantiere chiama.

        "Mi piace"

  2. questa mattina dicevo che costo del gas aveva fatto il nuovo record 727
    in realtà questo è stato superato alle 13:36, il nuovo è 741.2$ per 1000 m3
    venerdì stava a 710$ per 1000 m3

    comunque non è detto che cali, ma non sul breve.

    anche se si decidesse per il nucleare, questo non sarebbe pronto prima di 15/20 anni, ad essere ottimisti
    per fare una banale autostrada di 60 km ce ne sono voluti 8

    forse arrivano prima la nuova generazione di pile al grafene
    e un insediamento abitato permanente su Marte (dove tanto più di 4 o 5 anni non si può stare per via delle radiazioni
    a meno di non diventare abitanti di tunnel, sono soddisfazioni, e non sperate in Douglas Quaid, era un film)

    "Mi piace"

  3. Ossignoreiddio!
    Pure in energia solare è peritus senza contraddittorio che tenga. Ops, in fotovoltaico. Dizionario etimologico sotto mano.

    "Mi piace"

    • Paola, io, da profana che possiede un pannello solare, lo distinguo tranquillamente dal fotovoltaico, senza per questo abbisognare di una laurea in ingegneria.
      Il pannello solare fornisce acqua calda, il fotovoltaico energia elettrica.
      Sono distinzioni comuni che non necessitano di vocabolario, né di particolari conoscenze scientifiche.
      Non capisco tutte ‘ste fisime e che’ contraddittori da peritus’ si dovrebbero mai fare su queste banali conoscenze.

      "Mi piace"

      • Ovviamente, nessuno mette in dubbio che si tratti COMUNQUE di energia solare (certo mica idroelettrica), ma mi riferivo ai termini del parlare comune…
        A me sembrava implicito e facilmente intuibile, anche se, dai commenti, non si direbbe…

        "Mi piace"

      • io, da profana che possiede un pannello solare, lo distinguo tranquillamente dal fotovoltaico,

        Ah perché il fotovoltaico cosa sarebbe? Lunare? Ma a parte questo, cosa c’entra col commento che è stato fatto? Era evidente che non si volesse aprire un elenco con le varie possibilità sul tavolo, ma che si faceva un generico riferimento alle rinnovabili.

        Non capisco tutte ‘ste fisime

        Ah, non dirlo a me: io li odio questi che hanno la fisima di andare in cerca dei commenti altrui per posizionarcisi sotto e far vedere quanto sono colti e intelligenti, dicendo banalità, peraltro. Su Infosannio, poi, ma questi soggetti credono di stare all’accademia dei lincei, dove però stranamente non risultano pervenuti.
        Peccato non abbia voglia di aggiornare i dati di terna al 2020. se no sai che goduria!

        "Mi piace"

      • Ma com’è che percepisci come dimostrazione di cultura e intelligenza solo i commenti di chi parla di scienza o tecnologia, perché magari le conosce (sull’argomento in questione non saprei, io ho solo capito il GERGO COMUNE… ed è PROPRIO QUESTO, incredibilmente, che è stato criticato, NON quello tecnico. Tutto tranne che Accademia dei Lincei, quindi. ), e non l’infinita schiera di filosofi dei miei cgln, che devono intervenire a sproloquiare su qualsivoglia argomento, dalla scienza alla politica alla letteratura?
        Questi non si vogliono mostrare colti, nooo, fossero anche bidelli o “simpatiche canaglie”, che magari hanno insultato tutti coloro che un tempo stimavi (e non parlo di me).
        È vabbé, al cuor non si comanda, Pa’, ma un minimo di raziocinio, prima di schierarsi a priori…
        Non per altro: si nota.

        "Mi piace"

      • Ma perché percepisci come un attacco personale ogni opinione diversa dalla tua?
        Perché te ne frega qualcosa se la spocchia di marco bo non la sopporto?
        Perché dovrei giustificarmi sul numero di volte che intervengo e con chi?

        Niente, non si esce da questo circolo in cui tu sei la maestra e l’allieva indisciplinata.
        Come vuoi, ora però non iniziare una discussione infinita che a me di parlare 3 giorni di marco bo non interessa. Ho detto chiaramente quello che penso di lui e della scemenza che ha scritto: l’ho racchiuso in un ops. E tanto basta.

        "Mi piace"

      • Scusa se mi permetto di rimarcare che era solo gergo COMUNE. Per niente la scemenza che tu gli attribuisci. O credi che pensasse che il fotovoltaico fosse energia di altro tipo? Il tuo era solo un commento PRETESTUOSO. PUNTO.
        Non posso intervenire come per qualsiasi altro commentatore?
        Tu sì, io no. Interessante.

        E per quanto riguarda il mio post, ovviamente, hai risposto solo al fatto del “solare”, non al mio 2°post, dove chiarivo che la cosa era PACIFICA.
        E scusa se non parlavo affatto di Marco Bo, che tra l’altro, in questo caso, non ho votato perché non sono tanto addentro alla materia da capire appieno il suo intervento, non avendo le conoscenze per giudicare, anche se mi ha anche risposto personalmente (argomento che impugni per giustificare le tue idiosincrasie).
        Ma soprattutto scusa se, a parità di argomentazioni, sono IO che voglio insegnare a te e non TU al mondo. Da che cosa lo evinci?
        Complimenti per la scelta di campo, oltretutto.
        Scommetto che non ti è neanche venuto lo sbocco di vomito che mi ha colto nel visualizzare la bimba orante(3, 5, 7 anni? Mi allargo a 12, ma non oltre, per una nata scettica e immagino atea, che prega ancora sotto la supervisione della mamma), in ginocchio accanto a letto, che chiede alla mammina di poter pregare non col “Padre nostro” o l'”Ave Maria” , ma con le parole del Sommo, da lei apprese sin dal ventre materno…ma per favore🤮
        Ah, dimenticavo che tu CERTE neanche le leggi, però riesci a schierarti lo stesso.
        Complimenti per la conoscenza extrasensoriale e per la coerenza.
        Comunque, ti ricordo che chi MI HA CHIAMATO IN CAUSA, all’epoca, per CONVINCERMI (parole tue) del SUO pensiero(cosa che io, al contrario di te, trovo, comunque, normale) SEI STATA TU, NON IO.
        Controlla, vista la sfiducia, sotto l’articolo della tua amata…lei sì tanto semplice, tanto alla mano, tanto umile, tanto POCO sborona di cultura monotematica (paroloni filosofici alla Gatto, di qualsiasi argomento si tratti, perché ora si usa fare sfoggio anche di ragionamenti sul 2+2, purché contro gli scienziati veri), quella sì, inutile e indirizzata solo a far credere di essere.
        Ripeto: al cuor non si comanda. E neanche ai “moventi” interiori derivanti dalle nostre esperienze, ma tentare di ricoprirli di logica è peggio che lasciarli scoperti.
        Perché non calzano, quasi mai.

        "Mi piace"

      • RIPETO, senza nemmeno leggere, perché siamo ai soliti papiri leggermente esagerati, ma leggermente su qualcosa di cui mi frega ZERO.

        ora però non iniziare una discussione infinita che a me di parlare 3 giorni di marco bo non interessa. Ho detto chiaramente quello che penso di lui e della scemenza che ha scritto: l’ho racchiuso in un ops.

        "Mi piace"

      • Vedo che hai reiterato le stesse inesattezze, considerando quindi, senza neanche leggere la replica, solo il tuo punto di vista, ma attribuendo, opportunamente, questo atteggiamento a me.
        Ottimo metodo di interlocuzione. 👏🏻👏🏻
        Tranquilla, non intendo proprio parlare ai muri.
        Già dato.

        Piace a 1 persona

      • La mongolfiera gonfia di scorregge è inimitabile: quante frittate giri al minuto secondo? Ma tuo marito che mestiere fa, il pupazzo del ventriloquo?

        "Mi piace"

  4. Mi sembra giusto, dopotutto siamo campioni d’europa e olimpionici.

    E abbiamo il governo dei Migliori che pensa a noaltri.

    Troveranno, vedrete, anche un vaccino contro i prezzi alti.

    Nel mentre, ci affidiamo alla divina provvidenza che ci garantisce Matteo il Saudita.

    "Mi piace"

  5. “Ci credo eccome alla transizione ecologica, ma non può essere fatta a spese delle categorie vulnerabili. Voi sapete che lo scorso trimestre la bolletta elettrica è aumentata del 20%, questo trimestre aumenta del 40. Queste cose vanno dette, abbiamo il dovere di affrontarle””
    Ah, ci crede? Bontà sua.
    Sembrano le parole di un passante, non del MINISTRO della Transizione Ecologica.
    Ma l’ha capito, che il ministro è lui?

    "Mi piace"

    • magari potrebbe agire, indorando la pillola, con lo zucchero verde,
      come pensano di fare in usa dove hanno presentato, al Congresso degli Stati Uniti,
      un disegno di legge volto, come scrivono i suoi autori, a ridurre in modo critico le emissioni di gas serra
      costo stimato tre trilioni e mezzo di dollari (1/9 del debito usa)

      ci sono tante belle iniziative dentro (è sarcasmo)
      -18 miliardi da spendere in risarcimenti per le famiglie che passano dalle fonti energetiche tradizionali a quelle alternative;
      -17,5 miliardi da destinare alla “decarbonizzazione degli edifici federali e del parco veicoli”;
      -13,5 miliardi diretti alla produzione di veicoli elettrici e allo sviluppo di una rete di stazioni di ricarica per gli stessi;
      -9 miliardi per migliorare e modernizzare le reti elettriche esistenti;
      -7 miliardi a disposizione del Ministero dell’Energia, per prestiti e sovvenzioni finalizzati allo sviluppo di tecnologie
      per la trasmissione di energia elettrica senza emissioni di carbonio (questa mi risulta ostica da capire, ma è bellissima)
      -5 miliardi da utilizzare per sostituire scuolabus, camion della spazzatura e altri mezzi pesanti con quelli elettrici;
      -2.5 da stanziare per la riqualificazione tecnica delle zone a basso reddito e l’installazione di pannelli solari.

      se non fosse che nel 2020 gli Stati Uniti hanno consumato 871 miliardi di m3 di gas naturale,
      di cui il 38%, ovvero 330 miliardi, è stato speso per la produzione di elettricità (40.3% del totale consumato),
      ovvero se decidi di fare andare più mezzi elettrici devi produrre energia
      ma contemporaneamente vuoi eliminare quella che generi tramite il gas e altri
      combustibili fossili (tipo 10% del consumo energetico totale degli Stati Uniti è da carbone e lo 0.4% da petroli)
      contando che loro hanno un 20% di rinnovabili (tutti i tipi) e un altro 19% da nucleare

      per cui, essendo il nucleare considerato non rinnovabile, hanno da riempire un buco di circa il 60%, a crescere,
      di consumi che attualmente sono da non rinnovabili

      alcune proposte hanno un rientro generando lavoro, ovvero un ritorno in tassazione su beni e servizi
      ma in fondo sono paragonabili alle sovvenzioni per gli operatori del settore, al pari dei nostri incentivi,
      che però, una volta terminati di esistere, i progetti si sono quasi azzerati
      ora chi li fa cerca di puntare sull’auto consumo ma, in ambito industriale si ridurrebbe alla pura parte
      uffici, per la parte domestica o si guarda all’accumulo con mezze pareti coperte di batterie (tipo 0.5×0.5 m sp 15cm)
      oppure si fa con le pompe di calore, ma va bene dove il clima invernale non è particolarmente “feroce”
      in ogni caso tutti hanno l’allaccio alla rete elettrica che supporta i momenti di non generazione dell’impianto
      ma di consumo dell’utente, e quindi le spese di gestione dell’operatore rimangono al pari dei suoi costi
      per mantenere in funzione gli impianti che servono (e non è che puoi spegnere una TPP e farla ripartire
      in pochi secondi, per farlo devono essere centrali progettate per quel scopo)

      e, se non fosse chiaro, quei 3 trilioni vengono fuori dalle tasse, oppure si stampano su carta da pacchi,
      ma alla fine qualcuno deve pagare il conto finale

      il fatto che pure gli ecologisti più propositivi, tipo i californiani, in questo momento cercano
      di evitare i blackout bruciando più gas, chiedendo al governo federale di dichiarare una
      “emergenza di affidabilità elettrica” ​​in modo da poterlo fare (fonte bloomberg.com 9 settembre 2021)

      comunque il gas questa mattina ha superato gli 800$ per 1000m3

      "Mi piace"

  6. L’ex dg di confindustria. L’indennità della capo di gabinetto del ministro lievita da 68 mila euro a 124, per un totale di 200 mila euro all’anno
    di Ilaria Proietti | 14 SETTEMBRE 2021

    Dalle parti del ministero della Pubblica amministrazione è festa grande, ma non per tutti. Sicché qualcuno si lamenta che Renato Brunetta fa, come suol dirsi, figli e figliocci. Per assumere come consulente di fiducia Renato Farina, che in passato è stato al servizio dei Servizi, ha rischiato l’osso del collo: ché Mario Draghi non ha gradito l’incarico al giornalista già in rapporti di amorosi sensi con Nicolò Pollari e Pio Pompa, promosso al rango di consigliere giuridico.
    E così seppur malvolentieri Farina è stato costretto a rinunciare e Brunetta a ingoiare il rospo che non avrebbe mai voluto ingoiare avendolo difeso fino all’ultimo con le unghie e con i denti fuori e dentro il ministero dove il caso Betulla ha tenuto banco per giorni. E dove ora si torna a respirare una certa un’aria pesante.
    Perché adesso a Palazzo Vidoni è scoppiata un’altra grana: qualcuno si è accorto che con il favore dell’estate, quando l’attenzione è tradizionalmente più blanda, il cedolino di Marcella Panucci, potentissima capo di gabinetto del ministro forzista è lievitato di colpo. Ma solo il suo: gli altri sono rimasti a bocca asciutta nonostante lavorino ventre a terra appresso a Brunetta che è un vulcano di natura e adesso che si è messo in testa che davvero potrebbe essere nominato presidente del Consiglio, laddove Draghi lasciasse anzitempo per il Quirinale, si agita il doppio.
    Insomma pretende di essere su ogni dossier e che si lavori 48 ore al dì convinto che debba esser dato un segnale: si sta lavorando per ricostruire l’Italia che va rivoltata come un pedalino. E quindi basta con gli impiegati in smart working che favorisce i fancazzisti, certo. Ma pure al ministero bisogna mettere il turbo, anche se poi l’aumento, non si sa bene se preteso o accordato come premio produttività dal ministro, lo ha portato a casa solo l’ex direttore generale di Confindustria: il suo stipendio già di tutto rispetto è aumentato in pochissimo tempo di 50 mila euro.
    Grazie al ritoccone di una voce specifica che è letteralmente raddoppiata da febbraio a oggi, data di assunzione dell’incarico: fino a luglio Panucci percepiva un compenso di oltre 75 mila e 600 euro a titolo di retribuzione fissa più altri 68 mila come indennità per la diretta collaborazione: a agosto è andata in ferie avendo incassato un aumento stratosferico grazie al quale i 68 mila son diventati 124 mila.
    Risultato? In un sol colpo il suo compenso complessivo si è attestato a quota 200 mila euro rispetto ai 145 mila pattuiti a inizio dell’incarico che pure non eran spicci. Brunetta del resto si è completamente affidato a lei, al punto che non si capisce chi sia il vero ministro. I bene informati non hanno dubbi: Panucci a Palazzo Vidoni conta come o più di Brunetta dunque le andava assicurato uno stipendio a cinque stelle e non c’è polemica che tenga.
    Anche se qualcuno ha preso a dire che la Pubblica amministrazione è in mano ai confindustriali di cui l’attuale capo di gabinetto è stata punta di diamante per otto anni, dal 2012 al 2020. Poi ha cambiato casacca: era in predicato per un incarico di governo, ma alla fine si è dovuta accontentare di Brunetta per servire la Patria che va ricostruita. Ma a patto che lo stipendio sia da leccarsi i baffi.

    Piace a 1 persona

  7. Cingolani dice che la bolletta elettrica aumenterà del 40% perché il prezzo del gas è aumentato del 40%. La domanda che mi pongo è:
    a) questi esperti terrorizzano i cittadini perché non sanno di cosa parlano?
    b) questi esperti terrorizzano i cittadini per poi, quando l’aumento sarà molto più basso, potranno dire che essendo i migliori sono stati capaci di limitare i danni?
    c) terrorizzano anche i clienti degli usi domestici per giustificare l’aumento che potrebbero trovare in bolletta quelle piccole imprese che dal primo luglio sono state escluse dal servizio di maggior tutela.? È noto che, secondo i dati dell’ ARERA , i prezzi dell’energia nel mercato libero Sono superiori ( l’autorità usa un eufemismo dicendo che non sono inferiori a quelli del mercato tutelato e non dice di quanto per non scontentare i liberisti impossessatisi del governo )
    Tanto per chiarire. Quando ci arriva la bolletta notiamo che è composta da tre voci oltre agli oneri fiscali:
    1) spesa per la materia, cioè l’energia consumata;
    2) il costo per il trasporto e la gestione del contatore;
    3) gli oneri di sistema.
    Per un consumatore medio la voce “spesa per la materia” incide sul totale per circa il 40% ( ciascuno di noi può calcolare quanto incide questa voce visionando le proprie bollette). Consequentemente, se l’energia elettrica fosse prodotta tutta utilizzando come materia prima solo il gas naturale l’aumento in bolletta dovrebbe riguardare solo questa voce e al massimo dovrebbe essere del 16%. Ovviamente sarebbe del 16% se il costo di produzione dell’energia elettrica dipendesse solo dal costo della materia prima che viene conosciuta come voce di costo variabile perché variabile nel tempo in base ai prezzi di mercato. Nella produzione di energia energia elettrica i costi fissi dovrebbero essere preponderanti sui costi variabili e considerato il mix tra le fonti. per esempio l’eolico, il foto voltaico, l’idraulico, l’aumento dovrebbe essere irrisorio.
    Cingolani queste cose dovrebbe saperle meglio di un comunissimo mortale, perciò dobbiamo domandarci perché spara cazzate.

    Piace a 1 persona

    • Grazie Strabiliato,
      Hai risposto proprio all’interrogativo che mi attanagliava. Cioè se l’aumento fosse sulla materia prima o su tutta quell’altra roba che compine la bolletta, che rappresenta il 60% ma sui consumi medi. Se consumi poco, pochissimo come nel mio caso (mi riferisco al gas) la percentuale di costi fissi e tasse è ben più alta del 60% del totale.
      E allora se l’aumento è del 40% sul consumo è sì una tragedia, ma non da suicidarsi come sembrerebbe.

      "Mi piace"

  8. Aumenta la corrente e la borsa s’impenna.
    Poveri tedeschi e francesi, 40% in più sulla bolletta e proni si adattano senza fiatare. Forte.

    "Mi piace"

  9. Può anche essere una manovra per convincere i ad aprire al nucleare. Di questi tempi e con questa gente tutto può essere.

    "Mi piace"

  10. Ci guadagnerà un sacco di gente con questa pandemia. Aille spese dei soliti, quelli a stipendio fisso – pensione. E di tutti gli altri che pagano tutte le tasse. Non potendo fare altrimenti.

    "Mi piace"

  11. Poteva mai esistere che un qualsiasi evento non celasse lo scopo recondito di qualcuno di fare i propri interessi contro il resto dell’umanità?
    Lo chiamerei “complottismo iperbolico” , come la sfiga iperbolica ne “La legge di Murphy”.

    "Mi piace"