La corsa all’indecenza offerta dai due Matteo

Nella corsa all’indecenza, l’altro Matteo non è da meno. Anzi, a dar retta ai sondaggi, questa singolare gara la vince lui. Perché, se Salvini arranca, Renzi è sempre più vicino allo zero.

(pressreader.com) – di Sergio Rinaldi Tufi – Il Fatto Quotidiano – Il Fatto dello scorso 12 agosto pubblica a p. 4 la foto di un gruppo di otto persone sedute per un drink a un tavolo del ben noto Papeete: evidentemente anche lì (malgrado nella stessa pagina ci si informi che quell’area, la XIII Traversa di Milano Marittima, è fuori controllo) vigono certe regole, e quindi il gruppo indossa magliette di vario tipo. Una sola persona è a torso nudo (per giunta non proprio paragonabile, che so io, al Torso del Belvedere, la celebre, seppur frammentaria, scultura dei Musei Vaticani), ed è Matteo Salvini. Indifferente a ogni tipo di regola, anche estetica, e per giunta sentendosi come a casa sua nello stabilimento dell’amico Casanova, da lui fatto eleggere al Parlamento europeo (non si sa se sia più sconsolante che lui lo abbia proposto o che qualcuno lo abbia votato), il leader leghista forse quest’anno non promuoverà le ammucchiate a volto scoperto che contribuirono alla risalita dei contagi l’anno scorso, ma si accontenterà di tenere più basso possibile il livello di decenza. Non solo nel look (ci si potrebbe anche intrattenere sulla barba che mette prurito solo a vederla: lasciamo perdere), ma anche nella comunicazione verbale: le solite frasi pronunciate con supponenza in uno stucchevole birignao per sostenere idee sbagliate o per sottolineare (spesso senza fondamento) di essere lui a condizionare le scelte di Draghi. Non solo: Salvini evidentemente si ritiene invece convincente e piacevole, quindi inonda di selfie ogni possibile social, magari anche per rendere conto di pasti o di bevute.

Nella corsa all’indecenza, l’altro Matteo non è da meno. Anzi, a dar retta ai sondaggi, questa singolare gara la vince lui. Perché, se Salvini arranca, Renzi è sempre più vicino allo zero. Si fa sorpassare nelle classifiche da Calenda, e si fa surclassare nelle scelte politiche dalla sua ex-ministra Bellanova, che tutti davamo per telecomandata: invece ora, nell’inqualificabile vicenda Durigon (sì, fra i due Mattei c’è sempre qualche collegamento), la Bellanova chiede le dimissioni del sottosegretario ammiratore di Arnaldo Mussolini, Renzi no. Non è qui il caso di ripercorrere la lunga lista delle sue colpe, dal ruolo di maggiordomo-colpevole giocato nel Conticidio alla perdurante collaborazione con potenze straniere: è anche il suo protervo modo di presentarsi che continua a stupire. Sulla sua mimica facciale e sulla sua gestualità si sono avanzate sempre riserve: ora il senatore sembra la parodia di sé stesso. Fra le cose più brutte in assoluto che si siano viste in questi ultimi giorni c’è un suo ennesimo sconnesso discorso sul Reddito: dopo essersela presa con quelli che ne usufruiscono stando sul divano, eccolo che si fa filmare mentre torna a parlarne, a sua volta, stravaccato su una poltrona, con microfono penzolante in mano, con indosso una sorta di canottiera male indossata, con una porta-finestra aperta sullo sfondo, attraverso cui si intravvede un parcheggio. Una sorta di elenco delle cose da non fare e da non filmare. C’è perfino di peggio: il poveretto continua a (stra)parlare addirittura di referendum abrogativo, immemore dei suoi travolgenti insuccessi in questo tipo di consultazioni, perfino dopo che Draghi ha dichiarato di essere favorevole (pur consapevole della necessità di modifiche e miglioramenti) al Reddito stesso. Un volta tanto, in maniera chiara e netta.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

37 replies

  1. per quelli del fatto al mare bisogna avere il dress-code in tasca
    in uno stabilimento balneare è vietato stare a torso nudo,
    secondo loro

    "Mi piace"

    • Vince quella di spalle: E’ rossa e non le si vede la faccia, quindi non si e’ sputtanata col Matteo delle zappe ignoranti o delle zappe sfruttatrici.

      "Mi piace"

    • Guardi, se lei non riesce a cogliere la differenza tra le foto che ha postato e quella del Salvini, nutro qualche timore sul suo recupero, anche parziale, al consorzio umano.

      Piace a 1 persona

  2. Ma solo io sto trattenendo tutti gli improperi in tutte le lingue del mondo per l’ultimo acquisto detto (impropriamente) coso? No, per sapere, non vorrei farmi riconoscere, ma sono già arrivata a 10 mila, voi a quanto siete arrivati per non rispondere?

    "Mi piace"

  3. Qualche migliaio più di te. A revancista…. Ma perché non ti lanci da una rupe insieme al tuo idolo?

    "Mi piace"

  4. il problema da solo che cos’è, non la barba, i peli delle ascelle, il triplo mento…… ma è che domattina ‘sti qua spareranno la prima cagata che gli verrà in mente, ed hanno la libertà di farlo, sono degli inutili, partito secondo me più affollato di tutti.

    "Mi piace"

  5. per voi (quei pochi che offendono) la maggioranza degli italiani sono dei ritardati mentali, peccato che la lega insieme alla destra governi su 3/4 d’italia, compreso tutto il NORD e quasi tutto il SUD.
    Dov’è l’errore?
    non è che voi siete dei razzisti a prescindere?

    "Mi piace"

    • 33 milioni di illetterati
      Secondo l’indagine “ALL” dell’Invalsi, il 46,1% degli italiani si trova in condizione di “illetteralismo”, non riesce cioè a superare il livello base di comprensione di un brano di prosa: oltre 33 milioni di persone. Se la definizione restrittiva può andar bene per migliorare le statistiche, economisti e linguisti sono tuttavia concordi nel sostenere che in una società complessa non si può considerare alfabetizzato chi magari riesce a leggere un testo o a mettere la firma su un modulo ma non è in grado di fare proprie le informazioni che gli vengono sottoposte.

      «Gli esperti internazionali hanno concluso – denunciava già 10 anni fa Tullio De Mauro, linguista ed ex ministro dell’Istruzione – che soltanto il 20,2% della popolazione italiana possiede le competenze minime di lettura, scrittura e calcolo indispensabili per muoversi in una società complessa: riescono cioè a leggere un grafico, controllare un estratto conto in banca, leggere un giornale, un avviso o un’istruzione, sanno chi è l’Autorità per la privacy e così via».

      "Mi piace"

      • Anail
        non metto in dubbio nè l’INVALSI nè economisti e linguisti e tanto meno Tullio De Mauro.
        Dato per assodato quello che affermano, non è che VOI élite non siete capaci di farvi capire?
        Oppure vi crogiolate della vostra sapienza e parlate solo tra di voi?
        Se la maggior parte ha una conoscenza appena basica, perchè non adattate la vostra comunicazione?
        o è troppo difficile e complicato oppure avete la ritrosia propria dei razzismo nascosto.

        "Mi piace"

  6. Allora diciamo che la maggioranza degli Italiani è poco informata . Se io mi accorgo che il mio partito è pieno di indagati, di gente incapace ( vedi Lombardia) etc , io non faccio il partigiano a tutti i costi , non li difendo con sprezzo del ridicolo.
    NON LI VOTO PIU’.

    Piace a 4 people

  7. ho capito: quelli intelligenti, capaci ed informati siete solo voi.
    continuati così, per noi è una manna

    "Mi piace"

  8. visto che sono intelligente, ora fondo il partito degli inutili: io presidente, aggrego subito renzi, calenda, salvini…..ed è solo l’inizio
    ah anche revanciospo,. dai che si vince.

    "Mi piace"

  9. durigon è un inutile…
    avanti un altro/a
    boschi perfetta nel ruolo di inutile
    avanti un altro/a
    dai che in un attimo arriviamo a quota 100

    "Mi piace"

  10. al jack che si crede spiritoso suo malgrado

    perchè tutti quelli che hanno fondato partitini e partitucoli che si sono formati e spenti negli ultimi 15 anni non hanno fatto lo stesso di quello che affermi?
    La Lega è l’unico partito che c’è ancora dalla sua fondazione dal lontano 1984
    Qualcuno può dire lo stesso?

    "Mi piace"

    • La lega lombarda dell’84 ha chiuso i battenti per aver frodato (ammesso persino dal tuo idolo) almeno 49 milioni ma a te questo sta bene.
      Ok, ti stanno sulle scatole PD e 5stelle, motivazioni ne hai a iosa, ma difendere ladri e bugiardi a cosa ti giova?
      Ti fai intortare da un ex comunistello che ogni giorno dice il contrario di quello che ha detto ventiquattro ore prima; lui ti dice di guardare la faccia stupida di giggino e giuseppi e nel frattempo non ti accorgi che ti sta riempiendo gli orifizi di vasilina.
      Smetti un attimo di leggere libero e prendi in mano un libro di storia o delle cronache giudiziarie; per scansare il vaso che cade dritto sulla tua testa (PD e 5s) finisci sotto un tir, e ti credi persino furbo mentre lo fai

      Piace a 1 persona

  11. spiritoso? ma anche no….magari è cosa triste.

    però il partito degli inutili ha bisogno di seguaci
    berlusca e cartabia che ne dici

    assunti a tempo indeterminato

    "Mi piace"

  12. Non mi ero mai accorta di quanto sono ” cessi ” non che per governare un paese si debba essere ” fighi” ma un pochetto di dignità non guasterebbe..solo per cominciare!

    "Mi piace"

  13. Sono in spiaggia.
    La capisci, la differenza?
    SPIAGGIA= NON TAVOLATA
    In qualsiasi stabilimento che vagamente si rispetti, si richiede maglietta o pareo anche per andare al bar.
    Poi, vabbé, Giuda che si regge la panza mentre organizza il referendum anti RDC, è emblematico… si sta rivestendo, interrotto al telefono dai suoi maneggi imprescindibili.
    Manca lo yacht dietro. Peccato.
    Sarebbe stato più coerente col personaggio.
    🤡

    "Mi piace"