L’ultima di Renzi il Saudita: editorialista di Arab News

Nuovo impegno per Matteo diventato “columnist”. L’esordio è un articolo in lode ad AlUla, “città del futuro e del passato”

(di Lorenzo Giarelli – Il Fatto Quotidiano) – Matteo Renzi ha un nuovo lavoro. Non pago delle attività di senatore, leader di partito, imprenditore, conferenziere, componente del FII Institute saudita e della Royal Commission per AlUla, adesso l’ex premier è anche editorialista per Arab News, storico quotidiano con sede a Riyad e considerato molto vicino al regime. Un ruolo che conferma il recente trasporto di Renzi per il mondo arabo, sancito da numerose trasferte – ultima delle quali il Gran premio di Formula 1 in Bahrein – e dalla ormai celebre definizione di “Nuovo Rinascimento” che il leader di Italia Viva dedicò all’Arabia Saudita del suo amico principe Bin Salman.

L’editoriale d’esordio di Renzi è di qualche giorno fa ed è disponibile nella versione online del quotidiano. Titolo: “AlUla can be the city of the future, as well as of the past”; AlUla può essere la città del futuro, così come del passato. L’articolo contiene una sbrodolata di elogi per la città saudita, al centro di un progetto di urbanistica green di cui si occupa la già menzionata Royal Commission. Renzi si affida subito alle citazioni, scegliendo di aprire le sue 5 mila battute con l’immarcescibile “la bellezza salverà il mondo”, prima di avventurarsi in un parallelo tra AlUla e la storia di Matera.

Secondo Renzi – e qui ci permettiamo di tradurre dall’inglese, sperando di non scalfire prosa e contenuto dell’elaborato – “negli anni ‘50 Matera era povera e trascurata tanto che gli abitanti furono spostati in alcuni nuovi quartieri residenziali”, finché negli anni ‘80 non si decise per una “rinascita” attraverso “investimenti pubblici e privati”. Tutto questo per dire che oggi AlUla può seguire quel modello di città in cui “una comunità moderna vive in armonia con il suo passato”.

AlUla è allora “una grande opportunità”, anche grazie all’irreprensibile lavoro della Corona: “AlUla e l’Arabia Saudita stanno seguendo un approccio community-inclusive e culture-first”. Il Regno, insomma, citato come esempio di inclusività sociale oltreché di attenzione per la cultura. Prepariamoci, perché nei prossimi decenni “AlUla sarà un museo vivente” e il progetto della Royal Commission di cui Renzi fa parte è “assicurare che gli abitanti della regione siano centrali nel successo a lungo termine della città”.

Un inno ai diritti civili che prepara il lettore a una certa enfasi letteraria che sopraggiunge quando Renzi immagina l’imminente età dell’oro della regione: “L’obiettivo è connettere la comunità di AlUla con il resto del mondo in una maniera che rinforzerà, ispirerà e soddisferà le persone e il Regno per le generazioni a venire”. E siccome c’è ancora spazio per un paio di frasi fatte, meglio ribadire che “AlUla può diventare una città del futuro, non solo del passato”; d’altra parte – Renzi lo ripete proprio – “la bellezza salverà il mondo” e quindi, per sillogismo aristotelico, presto AlUla salverà un po’ tutti noi.

Da notare come il giornale, a fine articolo, inserisca due annotazioni. La prima è la stessa che compare nella pagina personale di Matteo Renzi sul sito di Arab News, quella in cui viene annoverato tra i “columnist” del quotidiano e in cui saranno raccolti i suoi articoli. Accanto alla foto di Matteo, c’è la sua presentazione (non è chiaro se autoprodotta): “Matteo Renzi è ex sindaco di Firenze, ex primo ministro italiano e componente del board della Royal Commission for AlUla”. Con comodo oblio per gli attuali incarichi politici nel nostro Paese, evidentemente trascurabili di fronte ai nuovi impegni sauditi.

La seconda annotazione, in corsivo, è un avviso che si utilizza di solito quando i giornali ospitano contributi di persone che potrebbero pensarla in maniera diversa rispetto alla linea editoriale: “I punti di vista espressi dagli autori di questa sezione sono personali e non necessariamente riflettono la linea di Arab news”. Frase di rito, ma vista la volatilità politica del personaggio meglio mettere le mani avanti. Pure in Arabia Saudita.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

5 replies

  1. Dopo questo ulteriore risvolto squallido e indigesto, necessito di citrosodina morale:

    “Nel nuovo M5S competenza e capacità saranno fondamentali, perché uno non vale l’altro. Sinistra e destra sono categorie che hanno perso un po’ delle originali connotazioni. Il Movimento (si può ritenere) senz’altro di sinistra, perché ha espresso una carica progressista, forse la più efficace, rispetto allo status quo. (Occorre) una linea politica antitetica al neo-liberismo arrogante. (Serve) una piattaforma per un campo con Pd e Leu, alternativo al sovranismo delle destre”.
    Giuseppe Conte

    “Immagino tutti e tre, io, Giuseppe ed Elly (Schlein), in una piazza grande, davanti a tanti elettori”.
    Enrico Letta

    🤞🏻🤞🏻🤞🏻 Sì, grazie… un po’meglio, ora.

    Piace a 1 persona

  2. Cmq anche il bibitaro non scherza: adesso è negli Emirati Arabi Uniti, come renzie qualche settimana fa. Solo che ‘inaugura il padiglione italiano dell’expo 2022’.

    M5S, quello che era contro gli expo e che adesso tace su Renzi, così come su Profumo, così come sul braccio destro di Verdini.

    PER SEGUIRE I SOGNI DI GLORIA DEL BIBITARO!

    "Mi piace"

  3. Chissà come si chiamerà o a chi l’avranno intitolata ( magari a un amico straniero) la piazza dove si tengono le pubbliche esecuzioni, mediante taglio della testa con scimitarra o lapidazione?
    Chissà dove conserveranno con cura i sassi necessari? Forse qualche parlamentare italiano lo sa.

    "Mi piace"