Movimento: il problema sono gli elettori delusi

(di Giovanni Valentini – Il Fatto Quotidiano) – Colpisce a volte la superficialità e la sufficienza, dissimulate dietro l’ostilità o il cerchiobottismo, di certi colleghi che scrivono dei 5Stelle sui “giornaloni” o sui giornaletti della stampa padronale.

Il manifesto di Conte, il suo eventuale ritorno a Palazzo Chigi, la rifondazione del Movimento, il Neo-Movimento che – come il neo-classico o il neo-barocco – fa pensare a un déjà vu, a uno stile passato di moda. A colpire è in particolare la malcelata indifferenza per gli oltre dieci milioni di elettori che nelle ultime elezioni del 2018 hanno votato per loro, consegnando ai seguaci di Beppe Grillo il 32 per cento dei voti e il titolo di maggior partito in questo Parlamento.

Ora è vero che i sondaggi attribuiscono oggi al M5S circa la metà di quei consensi. E chissà se ed eventualmente quanto potrà risultare controproducente l’improvvida arringa dell’ex comico in difesa del figlio accusato di stupro. Per il resto, conosciamo tutti i limiti e i difetti mostrati dai “grillini” nella prima parte della legislatura, in particolare nell’esperienza di governo con la Lega: infantilismo, impreparazione, estremismo verbale, populismo e soprattutto mancanza di una cultura politica.

Ma al momento chi può esibirne una degna di questo nome? Forse il Partito democratico, ancora in bilico fra l’anima di sinistra e quella cattolica democratica, “un amalgama mal riuscito” secondo la sentenza di Massimo D’Alema? E nel centrodestra, a parte la “coerenza” professata quotidianamente dall’ex fascista o post-fascista Giorgia Meloni, quella stessa Meloni che a suo tempo votò per Ruby “nipote di Mubarak”, qual è la cultura politica della Lega nazional-sovranista o dei superstiti di Forza Italia, il partito-azienda di Silvio Berlusconi?

A differenza delle forze che provengono dalla cosiddetta Prima Repubblica, il M5S è – per l’appunto – un movimento: cioè un soggetto in transizione, in via di evoluzione e trasformazione. Prodotto originariamente da un’istanza di rinnovamento, di giustizia sociale, di trasparenza e onestà. Non abbiamo alcuna difficoltà a riconoscere che finora molte di queste istanze sono andate deluse. Ma tutto ciò non può impedire di ammettere che nella seconda parte della legislatura, dal governo Conte bis al governo Draghi, i 5Stelle siano cresciuti e maturati sul piano istituzionale dando prova di responsabilità e senso dello Stato. Anche a rischio, magari, di omologarsi in qualche caso ai partiti tradizionali.

La questione, allora, non riguarda tanto i “big” in carriera che rappresentano il M5S dentro o fuori il Parlamento o fuori: Di Maio o Di Battista, Fico o Crimi, Raggi o Appendino. Bensì quei dieci milioni e passa di cittadini italiani che appena tre anni fa hanno affidato a loro le proprie aspettative, speranze, illusioni.

Questo è il problema politico che l’ex premier giallorosso, se ne avrà la forza e la capacità, deve cercare di risolvere. Questa è la “domanda” di fondo a cui bisogna dare una risposta concreta e praticabile.

E ammesso pure che quegli elettori si siano ridotti o dimezzati, e che da qui alle prossime elezioni il Neo-Movimento rifondato da Conte non riesca a recuperarne almeno una parte, resta il fatto comunque che qualcuno dovrà pure farsene carico. Magari per evitare che finiscano a ingrossare le file dell’astensionismo. O peggio ancora, quelle della destra “di protesta e di governo”, incline a soffiare sul fuoco dell’epidemia, del malcontento e della jacquerie all’italiana.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

36 replies

  1. Dai su! In fondo lo sappiamo tutti per il consenso si è dimezzato. Non per impreparazione politica o od omologazione.
    Ma solo per un banale motivo, che evidentemente per altri non lo è: hanno aperto alle alleanze.

    "Mi piace"

  2. Con il 33% non si governa!

    In campagna elettorale, consci che non avrebbero mai avuto il 51%, lo gridarono in ogni dove
    “GOVERNEREMO CON CHI CI STA!”

    Al momento di fondare il governo chiesero per ordine di incasso elettorale:

    1) PD 18,72%
    per il quale Renzi disse no pensando forse di scalzare così il M5s

    2) Lega 17% che accettò e, vedendo la crescita dei sondaggi, decise di troncare e incassare il consendo pensando di tornare ad elezioni

    A quel punto, Renzi, che aveva già in programma di staccarsi dal Pd, ma cosciente che se fossimo tornati alle urne non era pronto, si fece avanti e, spinto da Grillo, il M5s accettò storcendo il naso

    Renzi aveva già prigrammato di staccari dal Pd avendo un buon numero di parlamentari con lui e da qui fondò Iv, data al 2% e in combutta con la dx

    SENZA ALLEANZE NON GIVERNERÀ MAI NESSUNO IN PARLAMENTO CI VUOLE LA MAGGIORANZA!

    Piace a 2 people

    • È ovvio che ci vuole una mggioranza in parlamento,magari con un programma condiviso,ma non un alleanza strategica con il pd ne altri, che porterebbe m5s a diventare peggio di loro in poco tempo,essendo le mele marce a far marcire le buone e non viceversa.

      Piace a 2 people

    • Un conto è fare un alleanza in base ad un programma,
      Altra cosa è fondersi con il letame di dx o di sx
      Abbiamo visto i risultati alle regionali, a stento abbiamo raggiunto un misero 7% e in molti casi il 3%

      "Mi piace"

      • Il M5s non ha praticamente nessuno sul territorio, tutti i membri presenti dal 2013 son andati in parlamento. Il territorio è rimasto senza rappresentanti non si è quindi coltivata la base che non è cresciuta
        Comunque vi son consiglieri M5s in centinia di amministrazioni ma con poco supporto per fare anche proselidi.
        Io ero favorevole a mandare chi ha fatto i 2 mamdati ed acquisito la grande esperienza della macchina istituzionale, ad occuparsi dei territori di provenienza ad organizzare la macchina locale

        "Mi piace"

      • Ti risulta si siano “fusi” con qualcuno dei partitazzi?

        Sia con il Conte1 che con il Conte2 si son messi insieme con un programma di governo basato sui temi portati in campagna elettorale es:
        RdC,
        Spazzacorrotti,
        Abolizione dei vitalizi,
        Taglio dei parlamentari
        e tanto e tanto altro…
        Il fatto è che il M5s è formato da persone preparate, secchioni che hanno voglia di capire, imparare ma non hanno ancora la cattiveria e la malafede dei politicanti che sono lì da decenni, gentaglia capace di tutto che ha riempito le istituzioni di corrotti e mafiosi…
        Ma questo giovane moVimento vuole lavorare con onestà e alla luce del sole, non fossero così non sarebbero arrivati dove sono in soli 10 anni

        Dovrà fare ancora tante trasformazioni, cambiamenti, adattamenti…non per questo è ancora in movimento sino a che troverà nel suo trasformarsi e rivoluzionarsi nello stato di partito

        "Mi piace"

  3. Infatti. Col PD poi… Ormai indistinguibili anche sul programma. Su immigrazione, pensioni, lavoro, clericalismo, foraggio ai privati …
    E dato che il PD è fortemente radicato nel territorio (leggi ha i suoi dovunque) da tempo immemore e che può quindi elargire “aiutini”, chi è interessato al “programma” vota l’ originale.
    Non ci vuole la scala…

    "Mi piace"

    • @©Carolina
      Sante parole.
      Quello che si sta prospettando è un PD 2.0 che scimmiotta l’originale ma senza possederne
      il radicamento territoriale e clientelare.
      Che senso ha votarlo?
      Sono bastati due mesi di adesione al governo massonico di Draghi per rendere evidente
      l’impotenza e l’insignificanza di una presenza nella “stanza dei bottoni” che non ha prodotto,
      né avrebbe potuto farlo, alcun risultato tangibile, anzi, al contrario, ha accelerato la dissoluzione
      del Movimento.
      Grillo si sta comportando come il conte Ugolino che ha divorato i propri figli.

      Piace a 1 persona

      • @Aloysius

        Il vostro Conte Ugolino aveva addentato la sua creatura già nella culla epurando chi voleva trasparenza nella gestione del blog, ma voi avete scambiato il morso del Padrone per un bacetto paternalistico.

        Che sia Conte Giuseppe a salvarvi dal Conte Ugolino? Difficile purtroppo, Conte Ugolino è sempre stato affamato di denaro, beni di lusso, potere, notorietà…

        Mollerà la sua creatura (più di Casaleggio senior che sua) solo quando si renderà conto che non ha più lui le redini in mano o solo quando sarà completamente morta.

        "Mi piace"

      • Se ci pensate bene anche come padre non ha trasmesso quei valori equi e solidali che propagandava.

        Il figlio che se ne torna nella villa in costa Smeralda dopo una serata al Billionaire di Flavio Briatore?

        Te la immagini la figlia di Gino Strada al Billionaire?

        La decrescita felice ed il Billionaire dei cementifucatori della costa Smeralda, del lusso sfrenato, dei mega yacht, che cazzo c’entrano?

        Piace a 1 persona

  4. Cementificatori….
    altrimenti arriva la maestrina che scambia un errore ortografico di un semplice utente per un complotto ordito da organizzazioni ultraliberiste con l’insidiosa complicità di meschini ghost writer per compromettere quel “sol dell’avvenire” di cui LEU (ignota ai più) si fa portatrice.

    "Mi piace"

    • “Te la immagini la figlia… ecc…” Appunto, e vale anche per la ragazza tutto ciò, oppure no? Seguendo il suo ragionamento : quali valori avrà insegnato il padre a una figlia che se ne va in Costa Azzurra e dopo una nottata al Billionare di Flavio Briatore segue ubriaca quattro ragazzi nella loro villa? Almeno riguardo a questo mi pare che pari siamo, sia i padri che i/ le figli/e.

      "Mi piace"

      • Primo: la questione centrale è Grillo padre, non Grillo figlio.

        Secondo: se fosse vero lo stupro, i due figli hanno colpe molto diverse:
        La ragazza si è sbrozata.
        Ciro e i suoi amici si sono sbronzati e le hanno rotto il culo per una intera notte. La noti la differenza o ti faccio un disegnino?

        Terzo: i genitori della ragazza non propagandavano la decrescita felice in pubblico mentre in privato non disdegnavano il Billionaire, le ville in Costa Smeralda, gli yacht di lusso.

        Quarto: i genitori della ragazza non sono leader di partito che possono determinare la politica italiana. Il loro senso dell’etica può essere quello comune perché non hanno la responsabilità di un intero Paese.

        Ma è possibile che non le notate queste differenze macroscopiche?

        Piace a 1 persona

    • Penso che in pochi “lassù’ vorrebbero trovarsi nei panni di Speranza, l’unico tra l’altro che vi mette la faccia mentre gli altri non compaiono mai. Ma proprio mai. Persino Draghi non parla di sanità, ma continuamente”,lascia la parola al ministto Speranza”. Cosa che non fa coi ministri Franco, Guerino, Colao… tutti belli nascosti.
      Non è un caso che lo abbiano lasciato lì: finché c’è casino quel posto non lo vuole nessuno. Ma continuano a sparare a zero, dal comodo rifugio.

      Piace a 1 persona

    • Speranza, basta guardarlo negli occhi x capire chi è, un signor nessuno messo li a leggere veline e fare da parafulmine in piena tempesta,

      "Mi piace"

  5. E intanto quei “criminali” dei Benetton se la ridono e se ne fottono, come sempre hanno fatto. Tanto “il treno che passa una volta sola” è stato fatto deragliare dal suo stesso macchinista.

    Piace a 1 persona

    • I benetton hanno le grinfie in tutti i partiti, hanno finanziato tutti, hanno foraggiato chiunque, hanno messo loro uomini in parlamento come B., basta vedere come la ministra Pd Demicheli ha condotto le trattative con loro.

      La prima cosa che han fatto quelli del PD, ed era Renzi che conduceva la partita, è stata quella di mettere in panchina Toninelli un uomo dalla schiena dritta senza conflitti d’interesse infatti, in paochissimo tempo risolse la faccenda nera del crollo del ponte ma lo hanno subito silurato…

      Ripeto: CON IL 33% NON SI GOVERNA

      "Mi piace"

  6. Dimenticate gli elettori di csx, quelli delusi dal PD renziano, quelli con ideali “verdi”, gli ambientalisti, quelli che hanno apprezzato Conte, quelli che vedevano il m5s poco maturo e che ora apprezzano ciò che per loro è stata una crescita, non “tradimento dei valori”…
    Avete una prateria davanti, ma non la vedete.

    Piace a 1 persona

    • @Anail
      Posso capire che tu da militante partitica sia interessata alle praterie elettorali.
      Se gli elettori che si riconoscono nei valori di sinistra hanno smesso di votare questa versione italiota di sinistra che ci avete propinato, della prateria di voti ricorderai solo le enormi cacche delle immancabili mucche.
      Come mai non li avete intercettati quei voti?
      Il popolino è troppo stupido?
      Siete troppo radical chic per farvi capire da un semianalfabeta?
      Oppure vi percepiscono come tutti gli altri perché siete come gli altri, con la differenza che ammantate i vostri interessi di nobili ideali sociali (spesso irrealizzabili) che si traducono sempre nella pratica quotidiana in incarichi per quelli del partito?

      I metodi partitocratici che il M5S contestava e che ha te piacciono di gusto, non sono un processo di maturazione politica ma clientelare.

      È un po’ come se dicessi che uno stupro è un momento importante nella fase di maturazione sessuale dei giovani.

      "Mi piace"

      • Che cavolo correggi, gli errori del correttore o della tastiera? Non sono interessata. Anzi, sono stata IO A SCRIVERTI che mi stupivo del fatto che “sbagliassi” SOLO i NOMI.
        Non riuscirai a farmi passare per fissata con nessuno, qui, co§lione.
        Per gente grammar nazi rivolgiti al tuo degno amico, che ha stracciato gli zebedei a tutto il blog, dal basso della sua 3a media.

        "Mi piace"

      • …Mentre dall’alto delle lauree multiple e specializzazioni, nonché di sbaragliamenti di migliaia di persone (undici per la precisione…) nella gara a chi ha il pipino più lungo (cit.) in itaGliano, c’è chi ancora scrive reiteratamente “qualcun’altro”. Poi affermare “dal basso della sua 3a media”, la dice lunghissima sul vero tipo di farina con cui sono impastati questi falsi modesti che dettano l’agenda dell’ammmore cosmico e del rispetto altrui ai buzzurri egocentrici e narcisisti! Adesso sta a vedere che uno dal basso della sua terza media, può solo farne di errori, giammai correggerli: l’esattezza grammaticale dipende dal titolo di studio! Ma vai a c4g4r3!!!!

        "Mi piace"

    • Ma il grammarnazi Gatto non sospetta che dietro un errore ortografico ci sia chissà che cosa, vede l’errore per quello che è.
      Non ci vede, come hai scritto? Ghost writer?
      Sei tu è solo tu che attacchi la persona per la difficoltà a replicare nel merito.
      Riccorri all’insulto o alla delegittimazione della persona molto spesso se non è in linea col tuo pensiero, sei più maleducata di me.

      "Mi piace"

      • Intanto, stranamente, da quando ti ho fatto notare che sbagliavi solo i nomi, hai cominciato a sbagliare OVUNQUE nel testo. E dimmi che non devo dubitare. D’altronde io dubito, non ho le tue incrollabili certezze su ciò che neanche conosco.
        Io ho difficoltà a replicare nel Merito? Certo, quando “il merito” (ahahah, convinto, lui) è solo un’emerita caterva di caxxate ILLOGICHE, ripeto ILLOGICHE, che niente hanno a che fare con ME.
        Non con l’argomento, occhio, QUELLO neanche lo sfiori. Solo attacchi. Altro che merito. Ma quando mai?
        Il TUO merito gira solo intorno alla PA e al clientelismo(sempre, qualsiasi argomento si tratti), che mi riguardano tanto quanto lo spionaggio e il wrestling.
        Solo attacchi insulsi, infondati, deliranti. Altro che merito.
        E sai perché? Perché non CAPISCI. NON capisci. Mai. Non cogli. Da ciò che scrivo, da COME lo scrivo.
        Sei un narcisista che si riflette allo specchio e ACCUSA altri di ciò che ci vede. Ombre, confusione, fantasmi, nebbia senza un senso, una logica (io vivo di logica, anche quando non è la mia, ho studiato filosofia, sono abituata anche a seguire altri ragionamenti, purché LOGICI, altrimenti affncl!)
        Non voglio rispondere IO di ciò che SEI TU. Non saprei come negare qualcosa che NON solo NO ESISTE, per me, ma fa parte del TUO mondo alieno.
        Mi viene difficile anche solo immaginare il tuo mondo alterato, perché sono il contrario esatto, sono in un’altra galassia.
        Quindi, non essendoci la minima possibilità di dialogo, perché ti ostini? Limitati a parlarti addosso, come sei uso fare. O parla con chi ascolta e capisce ancora meno di te, in compenso sbraita e insulta.
        Un bel dialogo tra voi sordi, ma molto parlanti (o meglio scriventi). Per niente interessante e neanche divertente.
        Mi astengo.

        "Mi piace"

      • Io replico a chi voglio quando voglio.
        Il punto non è “chi replica a chi” ma come si replica.
        Ho fatto delle osservazioni sulla sinistra miseramente povera di voti ed ho esposto brevemente i miei perché.
        Tu come replichi? Mi insulti senza entrare nel merito di quanto ho scritto.
        Ma se è questo il tuo “modus operandi” continua così.

        "Mi piace"

      • Mi attribuisci una concezione clientelare della politica che evidentemente appartiene a TE.
        Ho avuto modo di chiarire le mie idee in proposito, più di una volta, con altri commentatori. Forse sono stata troppo ingenua ad attribuirti una sorta di analfabetismo funzionale, tu vai oltre. Lo sostieni col NARCISISMO: le ragioni degli altri ti lasciano indifferente, quando non ti permettono di metterti al centro della scena… e forse trattasi anche di DISONESTÀ INTELLETTUALE, che blocca in me qualsiasi propensione, pur generalmente alta(e si vede) al dialogo.
        Non c’è storia, quindi basta.
        Stop. STOP. Per l’ennesima volta, STOP.

        "Mi piace"

      • Va bene lo stop ma allora, se proprio decidi di replicare, replica nel merito rinunciando ai tuoi goffi tentativi di delegittimazione.

        "Mi piace"

    • Beh, tanto VOI non ci sarete più, no?
      Non fate che ripeterlo…così tu potrai tornare, giulivo e festante, al tuo partito naturale…

      P. s. ma vedi un po’ se mo’ i leghisti devono decidere chi può votare m5s!🤨🙄

      Piace a 1 persona

  7. Avendo chiuso tutti i meet up, è chiaro che il MoV sparisce.

    CHI LO HA VOLUTO?

    E’ così da almeno 3 anni.

    Ed è una cosa CONDIVISA a tutti e dico TUTTI i livelli, dall’attivista che vuole stare a guardare la Champions al consigliere comunale che vuole ritirarsi.

    Maledetto bibitaro, ti ricordo bene nel 2018 quando dicevi a Roma che ‘io vengo dai meet up ma il futuro è RUSSEAU’.

    Ri-maledetto.

    Piace a 1 persona