Due errori e un diritto

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – L’altroieri non ho commentato il video di Beppe Grillo che difende il figlio Ciro dall’accusa di stupro di gruppo: da padre di un ragazzo e di una ragazza, ho vissuto per anni nell’incubo che potesse accadere loro qualcosa in una serata alcolica. Quindi sì, un po’ mi sono immedesimato. Ora però molti lettori mi chiedono che ne penso. Grillo non ha sbagliato a difendere suo figlio. E fanno ribrezzo quanti, col ditino alzato, deplorano la sua rabbia: vorrei vedere loro, al suo posto. Gli errori sono altri. Primo, far intendere che la consensualità del rapporto sessuale sia dimostrata dal ritardo di 8 giorni con cui la ragazza ha sporto denuncia: a volte possono passare anche mesi, e giustamente la nuova legge del “Codice rosso” (firmata dal “suo” ministro Bonafede e dalla Bongiorno) ha raddoppiato i tempi per le querele da 6 mesi a 1 anno. Il secondo è l’assenza di una parola di vicinanza alla ragazza, che comunque, se ha denunciato, si sente vittima. Potrebbe esserlo, come pure non esserlo: alcune denunce di stupro si rivelano fondate e altre infondate.

Sarà il gup a decidere se Ciro e i suoi tre amici vanno processati e altri giudici stabiliranno se fu stupro o no. Invece tutti parlano come se lo stupro fosse già certo, senza non dico una sentenza, ma neppure un rinvio a giudizio. E lo deducono, pensate un po’, dal fatto che Grillo ha fondato il M5S e il M5S è “giustizialista”. Sono gli stessi che ai loro compari applicano la presunzione di non colpevolezza anche dopo la condanna in Cassazione (tipo B. e Craxi) ed esultano per i vitalizi a Formigoni&C. Infilare la politica in un processo per stupro è quanto di più demenziale, anche perché Ciro Grillo non fa politica. La fa suo padre, il quale non risulta aver mai detto che si è colpevoli prima della sentenza (al V-Day elencava i parlamentari condannati in via definitiva). Chi paragona il suo video agli attacchi di B. o di altri impuniti alla magistratura non sa quel che dice. Grillo non ha detto che la Procura di Tempio Pausania è un cancro da estirpare o un covo di toghe antigrilline, né ha incaricato il suo avvocato (che fra l’altro non sta in Parlamento) di depenalizzare lo stupro di gruppo. Ha posto una domanda legittima: perché quattro presunti stupratori di gruppo sono a piede libero da 2 anni col rischio che lo rifacciano? E si è dato una spiegazione alla luce del filmato di quella notte che uno dei quattro ha sul cellulare: secondo Grillo e la moglie, insieme a successivi scambi di messaggi fra la presunta stuprata e i presunti stupratori, dimostrerebbe la consensualità. È la tesi difensiva. Noi, che il filmato e i messaggi non li abbiamo visti, non abbiamo nulla da dire sul punto. Se non che gli indagati hanno il diritto di difendersi e i loro genitori di difenderli.

95 replies

  1. condivido quanto scritto da marco travaglio.
    soprattutto dopo aver visto e sentito i commenti dei soliti ‘arrampicatori di specchi’ dei sedicenti ‘garantisti’ e di quelli che interpretano il pensiero altrui, finalmente qualcosa di sensato.
    pensate che si è anche limitato nel fare l’elenco dei pregiudicati che affollano la politica del nostro paese.

    Piace a 2 people

  2. D’accordissimo con Marco Travaglio, anche se Grillo avrebbe fatto meglio a tacere anche per non offrire il fianco a una marea di ipocriti non presentabili come la Boschi

    Piace a 5 people

  3. Questo è invece il giornale più ipocrita di tutti.
    Bastona Grillo e allo stesso tempo il direttore lecca uno dei suoi padroni, attraverso un’intervista di sostegno alla propaganda ad Andrea Agnelli sulla Super Lega calcistica, tacendo sulla marcia indietro delle inglesi e di due spagnole.
    Di questa figura di mexda internazionale non si deve parlare.

    Piace a 1 persona

    • Andrea Agnelli parla sempre a proposito… A proposito, Atalanta Juventus 1 a 0. Buona Superlega. A proposito, Manchester City si ritira, Buona Superlega. A proposito…

      "Mi piace"

      • Le sei inglesi si sono ritirate. L’inter pure. Il Barca fara decidere ai soci.
        Alla fine il furbissimo Andrea Agnelli resterà solo con il cerino in mano. A farsi una SuperSega.

        Piace a 1 persona

      • hanno subito messo in prima pagina la foto di grillo con conte vicino … come a tirarlo in mezzo al momento di melma … ma si può essere più ridicoli e patetici?

        "Mi piace"

      • Così finalmente la Juve potrà vincere un agognatissimo titolo internazionale: la coppa AGNELLI, giocata tra squadra di Juventus A e squadra Juventus pulcini, opportunamente iscritta in Olanda.

        "Mi piace"

    • @Jerome B.
      Si vede che di giornalismo non ci capisci una mazza. Rep “lecca uno dei suoi padroni”. Al di là di questo linguaggio diventato insopportabile, oggi qualunque giornale avrebbe voluto un’intervista ad Andrea Agnelli, e qualunque lettore, non solo un appassionato di calcio, avrebbe voluto leggerla. La marcia indietro (forse) delle altre squadre è segnalata appena sotto.

      "Mi piace"

      • Rimane il fatto che Rep da più risalto al grande sostenitore della Superlega rispetto a chi è contrario. Giornalismo di parte, quindi. Legittimo ma giuducabile per quello che è.

        Piace a 2 people

      • Sei uno straccione appartenente ad un’altra era.
        Vedremo se pure la prossima finale della supercoppa italiana si giocherà in Arabia, ad omaggiare il nuovo Rinascimento Saudita.
        Ospite d’onore il tuo idolo rignanese, con posto privilegiato a bordo campo, in groppa ad un cammello. 😉👍⚡💣💥🤭🤭🤭😂😂😂😂

        Piace a 2 people

      • @Gsi
        Chiedi a Travaglio (campione del giornalismo non di parte) se oggi avrebbe pubblicato un’intervista ad Andrea Agnelli sulla SuperLega, e poi ne parliamo, ok?

        "Mi piace"

      • @Federico C
        Oggi un’altra intervista ESCLUSIVA ad Andrea Agnelli la pubblica Ivan Zazzaroni sul Corriere dello Sport, all’interno della quale vengono ripetute e magnificate le stesse scemenze propaganda te dal giornale di famiglia.
        Qualche considerazione leggera ma oggettiva.:
        Ma cosa me ne faccio stamattina, io acquirente di repubblica, di tutta questa sbobba se già so, tramite TV, radio e siti web, che tutti gli altri partecipanti al progetto Superlega si stanno ritirando?
        Dai tu una risposta, genio della lampada.
        Quelli come te vivono con i paraocchi e credono di essere un passo avanti agli altri, quando in realtà sono ottusi propagandistica di bugiardi e traditori seriali.
        Ti rendi conto che sei sdraiato sotto un inaffidabile narciso che coltiva esclusivamente i caxxi suoi? No che non te ne rendi conto. Credi di essere un libbbberale, uno moderno, smart, trend.
        Sei invece un piccolo schiavo portatore d’acqua con le orecchie per un miserabile affarista di provincia che si reputa ganzo.

        Piace a 1 persona

      • Federico C
        Tu hai avuto da ridire sulla segnalazione di Rep (prendendone le difese), di essere di parte nella vicenda Superlega.
        Prendersi gioco del “giornalismo di parte ” di Travaglio (nemmeno dimostrato su questo tema) e non avvedersi del giornalismo di parte dei giornali che piacciono a te, non mi sembra corretto.

        "Mi piace"

      • @Jerome B.
        Perseverare è diabolico.
        Sorvolo sui tuoi deliri finali.
        Ho semplicemente detto che una delle notizie principali di oggi era la cosiddetta SuperLega, e che qualsiasi giornalista (qualsiasi) avrebbe fatto carte false per avere un intervista da Andrea Agnelli, vicepresidente della nuova organizzazione e presidente di una delle tre squadre italiane coinvolte nel progetto. Andrea Agnelli l’ha concessa a Repubblica e al Corriere dello Sport (visto, credo, la guerra immediata che ha scatenato la Gazzetta contro la proposta). Questa semplice regola del giornalismo vale a prescindere da quello che poi dirà Agnelli nell’intervista, su cui si potrà essere d’accordo o no.
        Ma tu, vero portatore seriale di paraocchi, la disconosci.

        "Mi piace"

      • @Gsi
        Io non ho preso le difese di nessuno, e non mi sono preso gioco di nessuno. Non volevo buttarla nella solita caciara inutile su Travaglio. Se è sembrato così la prossima volta starò più attento.

        "Mi piace"

      • “Rep “lecca uno dei suoi padroni”. Al di là di questo linguaggio diventato insopportabile,”

        Per capire, da quando si è deciso di parlare come educande? Oppure lo hai deciso tu?

        "Mi piace"

      • @paolapci
        La mia era solo una polemica sul linguaggio.
        Lingue, slurp, salive e leccamenti vari, non mi piacciono. Punto.
        Ma cosa crede? Che considero Molinari un giornalista libero? Ve bene che sono renziano, ma fino a questo punto no.
        Abbracci

        "Mi piace"

      • @federico c
        Continui a polemizzare per dimostrare di non averci capito una minkia.
        La mia critica originaria era rivolta alla linea editoriale odierna di quel fogliaccio:
        Claudio Tito e Natalia Aspesi si occupano di bastonare Grillo.
        Molinari di leccare Andrea Agnelli, cercando di intortare i lettori attraverso l’esaltazione della proposta del suo padrone, magnifica done i vantaggi, che sono naturalmente unidirezionali.
        Mentre tutto il mondo calcistico brucia, mentre tutti i governanti europei fanno le barricate su questa sciagurata iniziativa, Molinari si preoccupa di esaltare le sorti progressive dell’ultraliberismo dei più potenti.
        Repubblica fa schifo perché evita accuratamente di analizzare le ragioni, le origini di questa oscena proposta.
        Innanzitutto l’ovino ha dimostrato una doppiezza pari solo a quella del 💣 tuo idolo.
        Era presidente DELL’ECA, l’associazione delle maggiori squadre europee professioniste (236 mi pare) con l’incarico di trattare migliori condizioni e nuovi formati con L’UEFA.
        In Italia era capofila all’interno della Lega di serie A di tutti quei presidenti che AUSPICAVANO una riduzione delle partecipanti alla serie A per allargare ulteriormente la propria fetta di proventi della torta proveniente dai diritti televisivi e d’immagine.
        Con entrambe le organizzazioni private ha fatto una clamorosa FIGUREMMERDA, perché li ha TRADITI.
        Ancora più inferociti sono poi i vertici istituzionali della UEFA, Ceferin, e della FIFA Infantino, per questo suo salto in avanti a scavalcare e ripudiare qualsiasi accordo.
        DI TUTTO QUESTO SPUTTANAMENTO REPUBBLICA NON NE PARLA.
        Ma scrivevo delle radici del problema.
        Orbene, tutti i partecipanti NON SONO LE SQUADRE PIÙ RICCHE MA QUELLE PIÙ INDEBITATE.
        Ogni anno fanno follie di mercato per acquistare a peso d’oro il cartellino dei calciatori più forti su cui poi aggiungono il carico degli ingaggi da nababbi.
        Glielo ha ordinato chi di procedere in questa condotta fallimentare?
        Sono le squadre più pezzenti in assoluto, alle quali non bastano le sperequazioni nella suddivisione a loro favore dei contributi UEFA, Figc Lega A.
        La Juventus negli ultimi 3 anni ha aumentato gli introiti rivedendo il contratto di sponsorizzazione con JEEP, ha cambiato lo sponsor tecnico passando da Nike ad Adidas a condizioni più vantaggiose, ha proceduto a DUE aumenti di capitale chiedendo denaro sul mercato di borsa. Ma alla fine ha ancora 450 Milioni di euro di DEBITI.

        Per vincere bisogna procedere in questo modo?
        La risposta è NOOO!!!
        Il Bayern Munich, ultimo vincitore della Champions League, ex Coppa dei Campioni, ha un bilancio in attivo.
        Le leggi volute dal “Comunistissimo e Statalista” governo tedesco impone alle squadre professionistiche nazionali che almeno il 51% di azionariato POPOLARE, cioè in mano ai tifosi, chiamati in occasione delle assemblee societarie ad eleggere i vertici dirigenziali del club.
        Ora il Presidente è una storica bandiera in campo, Karl Heinz Rumenigge, con un passato italiano nell’intero, a cui fu venduto durante gli anni 80 per risanare le casse del club una volta terminata l’era della squadra di Beckenbauer.
        Ecco perché gli stadi tedeschi sono pieni, perché le loro nazionali sono sempre ai vertici e i club vengono lasciati fallire e retrocedere in caso di incapacità gestionale.
        In Italia si arrivò a legiferare ad Lotitum, per spalmare i debiti previdenziali e fiscali arretrati in comode rate ultratrentennali per la Lazio, in una sorta di aiuto di stato mascherato.
        Ma si sa che la famiglia ovina è da sempre la dinastia monarchica a cui TUTTO DEVE ESSERE CONCESSO, SENZA CRITICHE MA ESALTANDONE IL DECISIONISMO PARASSITA.
        È tu mi vieni a contare i peli nel kiul facendo lo snob con la puzza sotyo al naso?
        Ma vai a farti un giro a Rignano sull’Arno, piccolo esaltato Consipparo.

        "Mi piace"

      • @Jerome B.
        Ma che fai, dai lezioni di geopolitica-economica-calcistica con me? Ma chi ti credi di essere? Tra l’altro su molte cose la penso come te. Si parlava d’altro, te ne sei accorto?

        "Mi piace"

      • @Federico C

        Eccerto che vengo a darti lezioni di calcio, perchè chi saresti? Il figlio del “Bomba” ingaggiato dalla Pistoiese?

        Gli utenti storici de blog sicuramente ricorderanno come abbia ribadito a più riprese di essere un abbonato della Strega, alias Benevento Calcio.
        figurati se non lo seguo sui social e sui blog.

        Leggi somarello:

        Il progetto della Super League salverà il calcio. È questo l’annuncio fatto dal presidente Florentino Perez in sede di presentazione della nuova competizione d’élite, fondata da dodici club europei con l’intento di aumentare gli introiti economici e la competitività delle partite. Vediamo, nel dettaglio, qual è l’attuale situazione delle società fondatrici, che nel corso degli ultimi anni hanno accumulato debiti di enorme portata.

        1. Chelsea – 1.510 milioni
        Il Chelsea di Roman Abramovich apre la classifica dei club più indebitati. Le campagne trasferimenti faraoniche e l’elevato monte-ingaggi si scontrano con il ridotto incasso derivante da Stamford Bridge.

        2. Tottenham HotSpurs- 1.280 milioni Lasquadra con la stella a 6 punte sul petto
        Più di un miliardo di debiti anche per il Tottenham, reduce da numerose delusioni negli ultimi anni. Da Mauricio Pochettino a José Mourinho, il progetto non decolla. Fatta eccezione per i soldi che escono dalle tasche di Daniel Levy.

        3. Barcellona – 1.173 milioni
        Joan Laporta si è nuovamente insediato alla presidenza del Barcellona dopo le dimissioni di Josep Maria Bartomeu. In un momento difficilissimo per i blaugrana, alle prese con oltre un miliardo di euro di debiti per una cattiva gestione delle finanze.

        4. Real Madrid – 901 milioni
        Florentino Perez è l’artefice della Super League. Il fondatore numero uno, il presidente. Come ammesso da lui stesso, la competizione aiuterà i top club internazionali a rientrare delle spese pazze fatte ultimamente (aggravate poi dal Coronavirus). Nemmeno il Real Madrid non naviga in acque calmissime, malgrado la bacheca sia stata riempita da tanti trofei, soprattutto Champions League.

        5. Inter – 630,1 milioni
        Negli ultimi mesi si è parlato molto della situazione finanziaria dell’Inter. La famiglia Zhang ha patito le conseguenze del Covid in Cina e ha pensato di mollare la guida del club nerazzurro, salvo proseguire attraverso la ricerca di nuovi investitori. La Super League aiuterebbe molto il presidente Steven, al di là della conquista dello Scudetto.

        6. Manchester United – 528,6 milioni
        Joel Glazer è uno dei proprietari del Manchester United, nonché tra i più odiati dai tifosi dell’intera Premier League. I tempi di Sir Alex Ferguson sono ormai un lontano ricordo e i Red Devils non hanno ancora trovato la loro dimensione. Se non spendendo tanto e razzolando poco.

        7. Atletico Madrid – 494,2 milioni
        L’Atletico Madrid sfiora i 500 milioni di debiti, causati dal desiderio di restare al passo con le altre big spagnole. Risultati? Pochissimi, nonostante l’ottimo apporto dato da Diego Simeone in panchina.

        8. Juventus – 458 milioni
        Il crollo della Juventus è riassumibile in due parole: Cristiano Ronaldo. L’acquisto del fuoriclasse portoghese ha garantito ai bianconeri qualche trofeo nazionale, ma non l’ambita Champions League. E perdite a fiumi negli ultimi tre anni, da sommarsi a qualche esborso eccessivo compiuto in precedenza.

        9. Liverpool – 272 milioni
        I tifosi del Liverpool hanno manifestato tutto il proprio disappunto per la partecipazione dei Reds alla Super League. Non è dello stesso avviso il Fenway Sports Group, che detiene le quote di maggioranza del club. Maggiori incassi permetterebbero agli inglesi di sistemare il bilancio pur restando competitivi in Europa.

        10. Manchester City – 200 milioni
        Il Manchester City è stato spesso criticato per le ingenti spese fatte durante le sessioni di calciomercato, in particolar modo dall’arrivo di Pep Guardiola sulla panchina dei Cityzens. Il debito, però, è di “soli” 200 milioni di euro. Non male, considerando i numeri delle concorrenti.

        11. Milan – 151,8 milioni
        Il fondo Elliott ha ridato stabilità al Milan dopo anni tribolati. Il progetto low cost sta offrendo più di quanto sperato, e la possibilità di giocare tra le grandi (guadagnando come loro) darebbe una svolta alle ambizioni rossonere.

        12. Arsenal – 125,4 milioni
        A chiudere la top 12 è l’Arsenal di Josh Kroenke, che peraltro sarà tra i vicepresidenti della Super League insieme a Josh Glazer e Andrea Agnelli. Il debito ridotto cozza, tuttavia, con i risultati conquistati sul campo: parte delle entrate provenienti dalla competizione elitaria dovranno essere utilizzate per riportare i Gunners a ridosso dei top club europei.

        Dai, ora sfogati.

        "Mi piace"

      • @Jerome B.
        Ancora tu?
        Ma cosa pensi? Che sto dalla parte dei ricchi che vogliono giocare per i fatti loro?
        Io parlavo di giornalismo non di calcio.
        Quello che si sfoga sei solo tu.
        Rilassati e passa una buona serata.

        "Mi piace"

  4. Molti di quelli che si stracciano le vesti contro Grillo, se dovessero mettere la faccia per difendere una presunta molestia sessuale contro un potente di turno, si sfilerebbero subito in nome del “eh ma ha denunciato dopo troppo tempo”, “eh ma non ci sono prive schiaccianti”, “eh, ma le testimonianze discordano sul minuto preciso in cui sarebbe avvenuta la presunta molestia”. Mi fanno schifo tutti questi ipocriti, li conosco bene. Video di Grillo: non mi è piaciuto, ma sono solito ascoltare quel tale che disse “scaglia la prima pietra”.

    "Mi piace"

  5. GRILLO HA SBAGLIATO NEL.MODO IN CUI HA TENTATO DI DIFENDERE IL FIGLIO.Se ha delle prove che lo scagionano attraverso una miriade di avvocati ,che probabilmente può pagare,avrebbe dovuto consegnare le prove al gip.Prima che ne parlasse lui la maggioranza ed oltre degli italiani non erano manco a conoscenza del fatto incriminato.Probabilmente è in stato confusionale ;lo si deduce anche dal come si è fatto abbindolare nell’accettare il modo in cui si è formato il governo Draghi.Una beffa per i 5stelle ma soprattutto per chi li ha votati.

    Piace a 4 people

    • Gentile, concordo con lei. Grillo ormai è vecchio e non ne azzecca più una da tempo. Probabilmente si era illuso o gli hanno fatto credere che sacrificando il movimento avrebbe salvato il figlio. Ora che la magistratura giustamente continua a fare il suo lavoro, urla e sbraita e fa incazzare ancora di più chi (come me) ha dato fiducia a lui e alle sue idee. Una prece.

      Piace a 1 persona

  6. Non sono per niente d’accordo con Travaglio a questo giro. Non per gli ipocriti, stile Boschi che parla di moralità, proprio lei che come ‘donna’ difendeva il babbo che era una persona per bene e infatti è stato multato per non avere sorvegliato lo sfascio di Banca Etruria.

    E nemmeno per la Bongiorno, una iena che ha fondato un’associazione con la Hunziker per far finta di difendere i diritti delle donne. Ecco il risutlato di averle portate in parlamento con Bonafede: invece di stare in disparte, la strega va subito a difendere la presunta ‘vittima’.

    Ma Grillo no, mi dispiace. Ha fatto una cazzata totale e inescusabile.

    Doveva semplicemente dire ‘ho fiducia nella giustizia’.

    Come spesso fanno i democristiani DOC anche i più mafiosi.

    Invece si è messo al livello dei berlusconiani.

    Non bastando l’espulsione di 50 parlamentari.

    Non bastando l’avere scambiato Dragula per grillino.

    Non bastando avere mandato al potere il bibitaro senza nemmeno chiedergli conto dei suoi fallimenti.

    Non bastando averci tenuto Criminal per 15 mesi.

    No, Grillo NON è difendibile. A prescindere dalla merda di destra e sinistra che subito si è levata contro di lui. Ma proprio perché prevedibile, questo fenomeno doveva essere PREVENUTO non facendo quel che invece ha fatto Grillo, quindi no, non me la sento di difendere la sua reazione così platealmente sbagliata e che mette in difficoltà quel che resta del movimento che del resto, ha distrutto lui in combutta con il maledetto bibitaro.

    Piace a 2 people

  7. Penso che gli avvocati del figlio di Grillo (ricordiamolo, è il figlio il presunto colpevole, non il padre) si siano strappati i capelli dopo aver visto il suo video. Peggio di così non poteva fare.
    Detto questo ovviamente tutti hanno già deciso, sia la vittima sia i carnefici (anzi, Iil carnefice: gli atri tre ragazzi non “servono” quindi non se ne parla).
    Chi mi legge sa la mia posizione nei confronti del ME TOO e delle denunce riguardo vere o presunte molestie sessuali. Nulla è più semplice, soprattutto di questi tempi, che distruggere qualcuno con queste accuse, difficili da provare e per lo più tardive.
    Tutti sanno, ad esempio, che anche Assange è stato , per poterlo incarcerare, fermato sulle prime grazie a due denunce di stupro, poi cadute quando ormai lo avevano in pugno: quando queste denunce riguardano un VIP occorre quindi andare con i piedi di piombo.
    Tutti parlano di un filmato molto esplicito, apprendo ora però che nessun giornalista lo ha ancora visto: ogni informazione proviene dalla Bongiorno e dalla relazione del PM. Vedremo.
    Stando appunto ai “si dice” – perchè a questo siamo – la ragazza avrebbe raggiunto l’ abitazione del “branco” (li chiamano già così) di primo mattino consenziente e già ubriaca, come tutti gli altri. Sarebbe poi stata “costretta” a bere una bottiglia di wodka e quindi stuprata. Sarebbe svenuta ma poche ore dopo si sarebbe risvegliata e già nel primo pomeriggio avrebbe fatto kitesurf – uno sport piuttosto impegnativo – continuando a messaggiarsi con i suoi stupratori. Avrebbe denunciata lo stupro solo dopo 8 giorni dopo essere tornata a Milano ed essersi consigliata con i genitori. Questo ci dicono i giornali, altro non possiamo sapere.

    Se si può aggiungere un commento, non sono certo gli 8 giorni a fare la differenza (un annetto comunque mi sembra un po’ troppo…), quello che mi lascia perplessa è il fatto che dopo un mezzo coma etilico ed uno stupro di gruppo si dovrebbe stare malissimo almeno per un paio di giorni e certamente nessuno continuarebbe a mantenere contatti con i propri “stupratori”.
    E’ assolutamente vero che una donna deve poter esprimere il proprio dissenso ad un rapporto sessuale anche all’ ultimo momento e che il fatto che sia giunta all’ appartamento già ubriaca non deve essere una scusante per chi ne approfitta, ma se erano “tutti” ubriachi?
    Attenzione, quindi: tanto più il “boccone” è ricco, soprattutto in questo momento, tanto più occorre andare con i piedi di piombo. Da quello che si dice la situazione pare al limite – consenso sì, consenso no – e si tratta di coetanei.
    Per quanto mi riguarda li sbatterei in galera tutti – ragazze comprese – per essersi ridotti in quel modo, ma pare sia la “moda” del tempo.
    Attendiamo con fiducia, ma temo che ormai il destino di Ciro (che importa poco a tutti: il bersaglio sono Grillo ed il M5s) sia già segnato, stupro o non stupro. Anche se fosse innocente ormai è fatta.

    Piace a 4 people

    • Non solo del tempo. Tanti anni fa, c’era un gruppetto di ragazzini preadolescenti che faceva più o meno lo stesso con una coetanea. Non erano nemmeno imputabili e lei era consenziente al 100%.

      Ma vallo a spiegare alla Boschi, chissà se si ricorda ancora di quando il suo matteo venne cacciato dalla moglie perché non sopportava più tutte quelle corna tra i riccioli.

      Piace a 3 people

    • Sono perfettamente d’accordo con te.
      Non sapevo dei messaggi, di cui spero che venga considerato anche il contenuto.
      A occhio sembra una denuncia “opportunistica”, non per il tempo trascorso, ma per le modalità.
      Anche che l’avvocato difensore sia la Bongiorno, non mi sembra casuale.

      "Mi piace"

  8. Tutto entro certi limiti è comprensibile ma l’odio contro Beppe Grillo è stato nutrito in modo violento per troppi anni e troppi ci hanno marciato (vedi Augias che paragona i 5 stelle a squadristi), poi in questo periodo non ci sono argomenti di cui parlare eccetto il Covid, di questo processo non ha parlato nessuno in questi due anni, era passato nel dimenticatoio, così il video di Grillo ha scatenato l’inferno, ci si sono buttati tutti sopra con una ferocia inimmaginabile come cani affamati su una preda. Da parte sua è stato un errore gravissimo. Possibile che nessuno lo abbia dissuaso dal destare un tale putiferio? Non ha certo fatto bene né a lui né al figlio. Tra l’altro girano verità fortemente contrastanti. Una parla di una ragazza ingozzata di vodka e stuprata a turno che alla fine sviene. Altre di una ragazza che, tre ore dopo il fatto, faceva lo sci nautico e delle due ragazze che hanno continuato anche nei giorni seguenti ad abitare nella stessa casa con i 4 giovani. Non è chiaro quale sia la verità. Certo è che le due prove portate da Grillo (gli 8 giorni prima della denuncia e i due anni di attesa senza carcerazione) non hanno alcun senso e faceva meglio a risparmiarsi il disprezzo per la ragazza e la minimizzazione di questo suo figlio debole e viziato. Sono stati proprio i 5 stelle a cambiare la legge portando il tempo utile per la denuncia a 12 mesi e a fare il codice rosso per la protezione della donna in casa e non c’è mai carcerazione quando non ci sia flagranza di reato, pericolo di fuga, di inquinamento delle prove o reiterazione del crimine, cose che qui mancano. Per cui da giornalisti, politici e cittadini comuni non si sente dire che delle gran stupidaggini. Lo stupro di gruppo è un reato molto grave, anche se è stato introdotto nel codice solo nel 1996, per colpa del maschilismo delle nostre leggi che nemmeno ora proteggono le donne. La pena è pesante, dagli 8 ai 14 anni di carcere. L’assunzione forzata di bevande alcoliche è una aggravante. Francamente di tutto questo, mentre la gente muore e ci sono problemi più seri, facevamo volentieri anche a meno.

    Piace a 2 people

    • Viviana, non prendo le difese di Grillo per il quale pure provo simpatia … ma neanche sempre.
      Fa però pensare che perfino un moderato conformista come Paolo Mieli, ieri mattina a Radio24 abbia sottolineato la strana tempistica mediatica di queste caso riemerso dal silenzio solo dopo che Grillo ha prima avallato il governo “giallo-rosa” e poi quello di Draghi. Adesso la macina può ricominciare a girare. Mah!
      Trovo censurabili (o quanto meno avventate) alcune dichiarazioni di Grillo nel merito (il video, la ragazza,…) però trovo io pure sospetto che un’accusa di stupro non abbia ancora portato a nulla dopo due anni.
      Chiudo dicendo che se anche fossi milionario, un figlio che va al Billionaire mi farebbe riflettere sui valori che sono stato in grado di trasmettergli.

      Piace a 3 people

    • Viviana, c’è un video.
      Se da esso fosse chiaro ed inequivocabile lo stupro, credo che si potrebbe configurare come flagranza.
      Ma dopo due anni c’è ancora incertezza. Evidentemente il reato è, quantomeno, dubbio. Se poi, come pare, ci sono dei messaggi scambiatisi dopo il fatto, suppongo e spero che ne analizzino tempi e contenuti.
      Senaldi e Sallusti, ieri, da Floris, si sono precipitati ad attribuire la lentezza della giustizia, riguardo a questo caso specifico, alla presenza “di un grillino”( testuali parole) come ministro della giustizia, sottintendendo PALESEMENTE, anche con ammiccamenti, che ci sia stata una sorta di favoreggiamento nei confronti di Grillo e della sua vicenda familiare.
      Attendo, e mi auguro, immediata QUERELA da parte di Bonafede e del M5S, già solo per l’illazione!

      Piace a 2 people

  9. Una cosa è certa: Grillo sarà anche un gran capo popolo o padre fondatore ma come padre di famiglia è una ciofeca: la figlia imputata di possesso di cocaina, il figlio che fa le notti brave a base di vodka e amore di gruppo. Certo nel mondo dei vip abbiamo di peggio, si pensi solo a Lapo Elkan contro cui però nessuno dice nulla, mentre la Repubblica, ieri ipocritamente titolava: “Stupro, Grillo, ora è un problema per i 5 stelle!”. Non mi pare che Repubblica abbia mai scritto: “Lapo, coca e trans, ora è un problema per la Fiat!”

    Piace a 1 persona

    • Perché Lapo è mai stato accusato di stupro ed è mai stato capo politico di un Movimento che rappresenta il 30% degli italiani in Parlamento? Non lo sapevo….

      Piace a 2 people

      • Perché ti risulta che Ciro Grillo “è mai stato capo politico di un Movimento che rappresenta il 30% degli italiani in Parlamento? Non lo sapevo….”

        Piace a 1 persona

  10. Non c’è dubbio, non essendo plausibile alcuna altra spiegazione se non che, come ha detto Gomez, è un vecchio di 70 anni e quindi certe cose non le capisce proprio, se non, appunto, che con le donne ci si può “divertire” in questo modo anche “a prescindere” da uno stupro senza farsi troppe domande o scrupoli sul “come” esprimano il loro gradimento anche quando le si imbottisce di vodka rendendole del tutto inconsapevoli, mi sembra ovvio si tratti di un tentativo di intimidazione nei riguardi di una piccola procura proprio nel momento in cui quei magistrati devono decidere sul rinvio a giudizio del figlio. Anche aggiungendoci il post della moglie. E questo rende l’intervento di Grillo ancora più spregevole.

    Piace a 2 people

    • “mi sembra ovvio si tratti di un tentativo di intimidazione nei riguardi di una piccola procura proprio nel momento in cui quei magistrati devono decidere”

      Tu sì che ci vedi lungo, questa teoria è sicuramente quella che più si avvicina al vero.

      Piace a 1 persona

  11. Grillo conosce il mondo dei media come nessun altro, lavorandoci da oltre mezzo secolo. Per questo sono stupito che non abbia previsto che questa sua accorata difesa avrebbe acceso i riflettori sulla vicenda e sul M5S, di fatto rendendola controproducente. Davvero non so cosa pensare.

    "Mi piace"

  12. Un articolo come questo dovrebbe essere giudicato superfluo: è una semplice dimostrazione di razionalità applicata all’onestà intellettuale (attenersi ai fatti noti evitando di deformarli con illazioni ed interpretazioni non suffragate da fatti oggettivi).
    Ineccepibile.

    Piace a 2 people

  13. L’ adagio “dimmi con chi vai e ti dirò chi sei” – che ho semopre trovato assai azzeccato: gli amici non ci vengono imposti ma ce li scegliamo, anzi, a volte ce li andiamo a cercare, ed altrettanto si può dire degli ambienti che si frequentano – dal punto di vista penale non vuol dire nulla, da quello “sociale” invece, molto.
    E questo riguarda ciascuno di noi, indipendentemente dall’ età (bambini esclusi, ovviamente, ma vediamo che anche nei più piccoli ci sono già ben determinate “scelte”, che i genitori dovrebbero guidare) e dal sesso.
    Che certi ambienti siano più “pericolosi” di altri ormai lo sanno anche i sassi. Che certe “accuse” siano più pericolose di altre, idem.
    Che ogni accadimento venga vergognosamente sfruttato dai media ( quindi dalla politica) anche e soprattutto per altri fini lo tocchiamo con mano ogni giorno. Che certe vittime vengano “supportate” ed altre (che non “servono” ignorate quando non vilipese (vedi i jeans stretti…) è noto a chiunque.

    Una maggiore accortezza, da parte di tutti, non sarebbe male. Soprattutto per evitare di piangere poi. Sia da parte dei presunti carnefici sia da parte delle presunte vittime.

    "Mi piace"

  14. Grillo ha umanamente ceduto al suo essere padre. Ma ha decretato la sua fine di uomo politico. Ed ora il M5S deve solo sbrigarsi ad imparare a fare a meno del sui fondatore.

    Piace a 1 persona

  15. Il diritto che figura nel titolo dell’aeticolo di Travaglio, cioè quello degli indagati a difendersi e quello dei genitori a difendere i figli va esercitato nei tribunali, non su un blog che, fra l’altro, ha molta visibilità per ragioni politiche. Dunque il primo che strumentalizza la politica – e il M5S- è proprio Grillo e dunque non può lamentarsi della mole di critiche sollevate.
    Ciò detto ho provato pena per l’uomo. Devo però aggiungere a onor del vero che già in uno spettacolo, uno dei primi da fondatore del Movimento, aveva difeso in pubblico un altro figlio che era stato multato per aver guidato l’auto in stato di ubriachezza. Non gli venne in mente che lui stesso aveva provocato un incidente gravissimo in cui erano morte due persone e dunque il figlio andava redarguito ben bene. No, sosteneva che quella vicenda aveva messo in difficoltà due famiglie: la prima e la sua seconda (è noto che ha ben sei figli).
    E qui finisce la mia compassione. L’uomo ha un punto vulnerabilissimo nella famiglia, dunque si dedichi di più all’educazione dei suoi figli e si dedichi di meno alle “visioni”. Ognuno ha le sue debolezze e dunque misuri le proprie potenzialità. Del resto ormai è chiaro come il sole che il “visionario” era Davide Casaleggio e, morto lui, è morto anche il Movimento.

    Piace a 2 people

    • Bellissimo commento Adriana.
      Svetta in questo mare di goffi tentativi di difendere l’indifendibile Grillo.
      L’editoriale di Travaglio mostra il suo punto debole che non è il “padrone” o il “denaro” ma “l’amico”.
      Evidentemente è un sentimentale, altro che analisi lucida, obiettiva, razionale.
      Anche con Santoro ci mise molto tempo per capire che si trattava di uno….
      Dovette aspettare la Schiforma per capirlo…
      A Grillo vuole più bene.

      Piace a 1 persona

      • È lui, Grillo, che deve mettersi d’accordo con se stesso. Se vuole fare politica deve accettare le critiche e stare attento a ciò che dice.

        Piace a 2 people

    • Prof, oggi ti sei impegnato di più con la punteggiatura. Lo vedi che un po’ di cose le sai? È che quando rispondi a Jerome ti fai prendere dall’ansia del righello. Stai sereno.

      P.s. Ricorda che l’inciso va tra due virgole, non ne basta una. E ‘se stesso’ non va bene.

      "Mi piace"

  16. Ho riflettuto sull’accaduto e tratto questa conclusione :Grillo ha fatto questa uscita consapevole dell’effetto che avrebbe sortito,cioè del clamore,delle prese di posizione di taluni suoi nemici dichiarati ma anche da m5s e chi lo rappresenta. Secondo me era proprio a questi ultimi che si era preposto di fare paradossalmente un assist.Sapeva ,avendolo concordato prima,quale sarebbe stata la loro posizione,cioè di rispetto dell’autonomia della magistratura e delle leggi tutelanti le stuprate,per rendere il movimento libero dall’incombrante caso della famiglia del suo fondatore.

    "Mi piace"

    • Goffredo è una teoria singolare che forza la logica ma è bello pensarla.
      Grillo che attacca i magistrato per difenderli.
      Grillo annichilisce I diritti della ragazza dandole della bugiarda per tutelare le vittime di stupro.
      Grillo utilizza il suo enorme potere mediatico e politico per difendere le donne e le procure.

      Poi però uno si sveglia tutto sudato…

      Piace a 1 persona

  17. Grillo non è uno di primo pelo nella politica, sa che ogni parola viene analizzata e sviscerata.
    I giornaloni si sarebbero scatenati e forse, come in parte è stato, dopo le sue dichiarazioni sui social, anche in TV gli avrebbero fatto il processo. Se ha dato libero sfogo alle sue ansie è perchè probabilmente in famiglia vive una pressione fuori misura.
    E’ in questi frangenti che bisognerebbe rimanere freddi perchè come fai sbagli.
    Lo sbaglio è stato fatto, ma ora deve tacere per sempre fino alla decisione del gup. Non deve cedere ad ulteriori sfoghi.
    L’amore per i figli fa fare questi sbagli. Se stai bene economicamente, cedi a concedere libertà, danaro, raccomandazioni e quant’altro, viceversa, se non hai molte possibilità, spesso vieni umiliato come genitore perchè non hai da fornire il tuo aiuto risolutore.
    C’è un manuale per fare ogni mestiere, il pilota, l’idraulico…. ma non c’è mai stato un manuale per fare il genitore, nei rapporti umani, esistono solo manuali di buone maniere. In questo caso il manuale di buone maniere lo dovrebbero adoperare i giornalisti esimendosi dal tifare per l’uno o per l’altra.

    "Mi piace"

  18. Infatti doveva tacere anche prima, o limitarsi a generiche dichiarazioni.
    Il problema penso che stia nella parola “ubriachi”. A quanto sembra ( nessun giornalista ha visto il video), i ragazzi sono andati del tutto liberamente, di primo mattino, a casa di Ciro Grillo ed erano già tutti ubriachi. Ovviamente ogni donna può anche all’ ultimo momento negarsi al rapporto sessuale, ed il fatto che sia ubriaca – quindi comprensibilmente meno capace di intendere e di volere – è un aggravante per chi ne approfitta. Questo però se chi ne approfitta al contrario di lei è sobrio e quindi in grado di controllarsi. Ma se tutti erano ubriachi (anche i maschietti) quindi non in grado di controllarsi, come la mettiamo?
    Comunque la si giri è un gran casino.

    Piace a 2 people

    • “Ma se tutti erano ubriachi (anche i maschietti) quindi non in grado di controllarsi, come la mettiamo?
      Comunque la si giri è un gran casino”

      Diranno che i maschi come tali erano in grado di intendere e volere, la femmina in quanto tale no , e allora torniamo
      a seconda delle convenienze ,due pesi e due misure

      "Mi piace"

  19. Travaglio sui soli avvisi di garanzia ci ha fatto carriera ma adesso, vedi un po’, mette in dubbio che possa che la vittima possa davvero essere stata una vittima e che l’accusato – figlio del notabile ed “elevato Grillo – possa essere colpevole. Non ha avuto la stessa sensibilità per altri ma ce ‘ha per Grillo e famiglia. Non so quanti quintali di inchiostro ha speso sulla vicenda Ruby (quella sì, consenziente) per colpire l’odiato Berlusconi. Si faccia un esame di coscienza altrimenti si faccia allungare le unghie per potersi aggrappare meglio agli specchi e difendere l’indifendibile.

    "Mi piace"

    • Francesco, fai un po’ di confusione.
      Ciro sta a Beppe come Piersilvio sta a Silvio. Ci siamo?
      E poi tutta una serie di sciocchezze che spero ti corregga qualcuno meno pigro.

      "Mi piace"

  20. Sono sempre più convinta che il Covid ha danneggiato anche i nostri cervelli, Grillo e non solo

    Dacia Maraini – di martedi’
    ” Una donna deve essere creduta, non è che ci vogliono sempre le prove”
    che messaggio è questo , invito a denunciare a prescindere perchè sei donna, quindi sempre credibile?

    Processo per violenza sessuale a Figino
    Le telefonate salvano l’imputato: assolto

    Prova non raggiunta” a carico di Angelo Forcellini, in carcere dal maggio del 2020. Era accusato di aver legato e abusato di una giovane agente immobiliare. Decisivi i file audio
    La Procura, al termine del dibattimento, aveva comunque invocato una condanna a sette anni di detenzione. Dopo la lettura della sentenza, in tarda serata, Forcellini ha potuto lasciare il carcere di Pavia.

    https://www.laprovinciadicomo.it/stories/cantu-mariano/processo-per-violenza-sessuale-a-figino-le-telefonate-salvano-limputato-assolt_1392938_11

    Nel caso Grillo ( il video che ha invocato per dimostrare che la ragazza era consenziente), se fosse ubriaca come sembra
    i giudici ne terranno conto “non era in grado di intendere e volere”. Quindi non consenziente. A meno che il video dimostri in modo
    inequivocabile che la ragazza era sobria e consenziente fare sesso di gruppo.

    "Mi piace"

  21. Anche senza avere figli è comprensibile l’ansia di un padre il cui figlio è sotto indagine per stupro e nessuno (salvo la Meloni forse…) vuole limitare il suo (loro) diritto alla difesa, ma Grillo ha urlato con tutta la sua forza massmediatica che la ragazza è in mala fede e che gli inquirenti lo sanno altrimenti avrebbero disposto misure cautelari nei confronti del figlio e dei suoi amici. Mi dispiace ma su questa cosa mi sta delundendo Grillo (con tutte le attenuanti dell’emotività genitoriale in una situazione difficile), ma anche Travaglio, da cui mi sarei aspettato un commento più completo, senza tralasciare la parte sulla custodia cautelare, perché nel video Grillo collega espressamente e direttamente la mancata custodia cautelare ad un giudizio sulla veridicità dei fatti denuciati dalla ragazza, di fatto facendo leva sul fatto che 9 persone su 10 non conoscono i presupposti delle misure cuatelari per poter giudicare la veridicità di quello che dice. Vogliamo credere che l’avvocato di Grillo non gli abbia spiegato perché gli indagati non sono stati sottoposti a misure cautelari? E Travaglio che omette del tutto questo punto è ancora più clamoroso. Mi dispiace ma stanno tradendo la fiducia dei loro (e)lettori.

    Piace a 1 persona

  22. bellissimo vedere tanti giudici di cassazione che, pur di difendere il loro guru, hanno già deciso che si tratta di denuncia “opportunistica” e strumentale e che i 4 sono innocenti e puliti, semplicemente perché il pagliaccione dice così.
    e nessuno di questi imbecilloni ha letto una sola riga degli incartamenti processuali, ma è bastato che il buffone facesse un video di un minuto e mezzo e abbiamo già la sentenza definitiva, senza celebrare neanche un grado di giudizio.
    e anche delle donne vedo che danno addosso alla ragazza: brutta opportunista strumentale, come osi presentare denunce contro il figlio di un santone come l’Elevato? alla gogna, subito!
    forse non riuscirà a influenzare i giudici (se sono seri non si lasceranno certo sviare da un video di un pazzoide sgangherato che si sbraccia dicendo cose sconnesse) ma un risultato Grillo l’ha ottenuto: aizzare i suoi fan decerebrati contro la ragazza.
    clap clap pagliaccione.

    Piace a 2 people

    • Grande Mazzuolatore!
      Effettivamente anche a me sorprende la qualità infima della militanza partitica.

      Dovremmo sostituire la figura dei militanti partitici con quella dei militanti politici (che si interessano di politica senza iscriversi a qualche cricca partitica).

      In questo modo i leccaculo di partito escono dal dibattito e rimarrebbero solo persone con un punto di vista da condividere.

      MI SONO CONCINTO CHE IL PROBLEMA DELLA POLITICA ITALIANA NON È LA CASTA DEI LEADER MA LA PLETORA DI MILITANTI INTERESSATI CHE SORREGGONO QUESTO SISTEMA MARCIO.

      Piace a 1 persona

  23. La questione per i tifosi M5S, che hanno interesse a buttarla in caciara nel goffissimo tentativo di far dimenticare le colpe di Grillo, è capire se trattasi o meno di stupro.

    Un atteggiamento da tifoso partitocratico (il M5S ora è a tutti gli effetti un partito, tra i meno scalabili e quindi tra i più padronali) che prescinde dal vero merito della questione che non è il pisello di Ciro ma il comportamento di Grillo in qualità di LEADER POLITICO.

    Capito! Massa di bari!

    Può un leader politico anteporre le questioni personali alle questioni collettive?
    Può un leader politico degno di questo nome mettere in imbarazzo il proprio partito per questioni familiari?
    Può un leader politico ventilare l’eventualità di una persecuzione giudiziaria senza alcuna prova?
    Può un leader politico assolvere suo figlio accusato di stupro e condannare la ragazza che dice di averlo subito ancor prima che venga emessa una sentenza?
    Può un leader politico importante utilizzare il suo potere mediatico e politico (è padrone di un movimento che è forza di maggioranza) per propagandare l’innocenza del figlio a danno dei DIRITTI di una donna che potrebbe aver subito una grave violenza.

    Ve la prendete coi leghisti, con gli ultraliberisti, coi piddini, coi fiorzaitalioti ma dimostrate di avere la stessa mentalità tifosa, giustificabile solo se militi per mangiare.

    Non c’è obiettività nelle vostre parole.
    Non c’è, in una parola, senso civico.

    Il problema della politica non sono i politici ma la base schifosa di militanti interessati di finte destre e di finte sinistre (quando ti siedi a tavola il colore della casacca è superfluo).

    Perché il militante di oggi è il Marcucci di domani.

    Piace a 1 persona

  24. La mia opinione attuale da due soldi (non sono informatissimo sulla questione), è che Grillo abbia parlato in modo controproducente perchè sfinito dalla vicenda.

    Immagino che avere un figlio sotto indagine da due anni, che finisce sui media principali descritto come stupratore possa essere molto molto molto pesante, per cui non mi sento di giudicare male il suo sfogo, specialmente considerando che è convinto dell’innocenza dei ragazzi e che fondamentalmente se l’è presa con i media che hanno sbattuto il presunto mostro in prima pagina..

    La questione degli 8 giorni è anche secondo me citata a cazzo, perchè immagino ci siano persone violentate che dopo decine di anni ancora non hanno trovato la forza per denunciare.

    Il fatto che dopo 8 giorni parlando coi genitori la ragazza abbia deciso di denunciare lo stupro però non mi stupisce per niente, perchè uno dei genitori è svedese, e se non sbaglio in Svezia un rapporto con una persona ubriaca è automaticamente stupro, anche se consenziente (vedi Assange), quindi quel genitore se sano di mente non poteva che dirle di dnunciare.

    Ovviamente la vicenda viene amplificata al massimo e usata per colpire politicamente il movimento (la bongiorno avvocata della ragazza secondo me è in conflitto di interessi), ci mancherebbe altro, si sono buttati a pesce su questioni infinitamente meno gravi, ovvio che lo facciano ora a maggior ragione, e anche squallido a maggior ragione.

    La mia impressione totalmente campata in aria è che lo stupro di gruppo non ci sia stato e che a breve (o forse dopo anni di processo, se deve comunque tenersi il processo) i ragazzi verranno scagionati, però ormai l’opinione pubblica è stata portata a pensare che siano colpevoli, e il danno è fatto.

    Tutto questo fermo restando ovviamente che se in effetti c’è stato stupro i colpevoli per me devono essere condannati, e possibilmente farsi la galera fino all’ultimo minuto.

    Piace a 1 persona

    • Caro Fabrizio,
      anche tu ti concentri sulla questione giudiziaria (di cui non sappiamo un beneamato cazzo perché in queste vicende complesse sono i DETTAGLI quelli che contano) sorvolando sulle responsabilità di Grillo padre?

      Vi concentrate sulle responsabilità di Grillo figlio in una vicenda di stupro che non dovremmo nemmeno stare qui a commentare, e dimenticate le responsabilità di Grillo padre in qualità di leader politico.

      Preferite parlare del pisello di Grillo jr e non del cervello di Grillo sr.

      E ti chiedi se il comportamento di Grillo sia conveniente o “controproducente” (dal punto di vista elettorale) quando dovresti soprattutto chiederti se sia “giusto” o “sbagliato” (dal punto di vista dell’etica in politica):

      Se ragioni in termini di voti, l’etica in politica te la scordi.

      Piace a 1 persona

    • Giusto non approfittare di una donna ubriaca, o strafatta di altro, anche se consenziente. Bisogna però che il violentatore ubriaco non lo sia, che vi sia cioè una intenzionalità lucida nel fatto. Se però anche il violentatore è ubriaco e /o strafatto quindi non lucido esattamente come la signora della quale egli ricorda solo il primitivo consenso, come la mettiamo?

      Ragionando per assurdo ( ma non tanto): e se fosse un trappolone? Io accetto di venire a casa tua, tu sei ubriaco, io sopporto alcune situazioni e lì per lì continuo la mia vita., Poi torno a casa, ne parlo con i genitori, ci ripenso e contatto…la Buongiorno. Purtroppo di questi tempi, in situazioni così complicate, non c’è da stupirsi di nulla. Non sarebbe la prima volta.
      La situazione è complicata, ed aggravata dal video delirante di Grillo. Spesso non tutto è come sembra, soprattutto quando c’è così tanto di mezzo.

      Piace a 1 persona

      • Questa vicenda dei grillini e militanti affini è veramente uno specchio di come siamo.
        Tutti a parlare della sentenza come se il tema fosse: Grillo jr è innocente e la ragazza no? O forse è vero il contrario?

        In realtà la questione centrale è il comportamento di GRILLO SR, e non il comportamento di GRILLO JR.
        Non è affatto importante stabilire ora se GRILLO JR è innocente.
        Lo deciderà un processo.
        Potrete fingere di “non vedere” la realtà in questo BLOG di cui non frega un cazzo a nessuno se non ai 4 gatti che qui leggono e postano, ma questa finzione serve solo ad irritare chi non è preventivamente ostile ai 5S.
        Trasudano malafede i vostri commenti.
        E la merda che c’è a destra (tanta, troppa!) non giustifica affatto o rende meno maleodorante la vostra merda.

        Il vostro è un modo per serrare i ranghi dei militanti… E FAR FUGGIRE GLI ELETTORI RESIDUI.

        Il problema del M5S non è l’adesione al LIBERISMO (come vorrebbero farvi credere quelli di LEU) ma l’adesione alle PRATICHE PARTITICHE adottate pure dal movimento 5S che si era affermato proponendo di combatterle).

        Sul caso Onorato, 4 commenti!

        Pratiche partitiche (quindi verticistiche, opache e clientelari) che accomunano i finti di sinistra coi finti di destra.

        FINGETE, FINGETE DI NON VEDERE.
        E’ colpa vostra, dei militanti appecorinati a Grillo e non di Grillo, se il M5S ha fatto questa brutta fine.

        Piace a 1 persona

  25. Travaglio fa ribrezzo quanto Grillo… solo un po’ meno di Davigo. Le famiglie rovinate dai magistrati dove le metteremmo allora?

    "Mi piace"

    • E sicuramente tutti i succitati fanno meno ribrezzo di lei e di chiunque delle vittime dei criminali (tra i quali divrebbe essere annoverato Ciro Grillo se imputato e condannato) se ne infischia

      "Mi piace"

  26. Mi chiedo perché l’Avv.Sen.Buongiorno (La sua giornata sarà di 48 ore)non si è sarà tanta pena per rendere giustizia a una donna ,Imane FAdil, probabilmente avvelenata perché testimone
    Scomoda al processo Ruby, stava scrivendo un libro con quello che sa,?(e anche il suo avvocato è morto …ehm…suicida ).

    Piace a 1 persona

    • Mamma mia, quella dell’avvocato di Imane morto suicida non la sapevo.

      Mi ricorda il caso di Brenda e del suo pusher, quelli di Marrazzo, anche loro morti ‘suicidi’ o qualcosa del genere.

      Secondo la cassazione, però, la mafia a Roma non esiste.

      "Mi piace"

    • Terribile quella storia, povera ragazza!
      Mi piacerebbe vedere i colpevoli dietro le sbarre.
      Mi piacerebbe tanto.

      "Mi piace"

  27. Il video di Grillo mi ha fatto pensare a quando Feltri ,a proposito del caso Genovese,sostenne sotto traccia,in modo subdolo,che la ragazza stuprata forse se lo era andata a cercare…..Penoso quel video e secondo me non si può stendere nemmeno un velo pietoso.Un figlio di 19manni che esce dal Bilionaire di notte ubriaco fradicio e a tre ragazzi altrettanto ubriachi …..Forse AGrillo farebbe a smettere di occuparsi del mondo e occuparsi della sua famiglia.Se è in grado…

    Piace a 2 people

    • Anche il papà della ragazza avrebbe dovuto farlo.
      Anche lei è uscita ubriaca fradicia ecc
      .. ecc…
      Siamo passati dalle donne colpevoli di default alle donne innocenti di default.

      "Mi piace"

      • Tra l’altro, per affefmare che “quel video è penoso” lei dovrebbe averlo visto. Come ha fatto?
        “Lasciamo lavorare i magistrati” usa solo per alcuni o per tutti?

        "Mi piace"

  28. A proposito di ubriachi e sesso, vi racconterò una storia.

    Un pò di anni fa.

    Una ragazza, nota per le sue attitudini poco pudiche nel sesso, durante una festa tra adolescenti (per lo più minorenni), fu portata, ubriaca, in un bagno. E lì nacque il mito e il soprannome: SEVEN UP.

    Perché fece sette lavoretti.

    Però lei, successivamente, se ne ricordava solo due.

    E pensate un pò, nessuno parlò di denuncia per violenza sessuale.

    E lei non negava nemmeno.

    Per cui, come volete che mi stupisca di quel che ha fatto quel TROTA del Grillino jr?

    Sono cose piuttosto comuni, anche se se ne parla poco e da adulti si fa finta di non avere fatto niente.

    Questo non scusa Grillo SR da avere fatto quel video da UBRIACO (lui sicuramente sì), in cui ha sbagliato tutto lo sbagliabile.

    "Mi piace"

    • … ma neanche Grillo jr visto che non è ancora stato accertato nulla e la storia dell’italosvedese può essere molto diversa da quella divertita e consenziente di Seven Up.

      Qui in discussione non sono né le orge né il sesso spinto che non costituiscono reato.

      "Mi piace"

  29. Come semo ridotti male. Ma è possibbile che in ‘sto paese non ce se po’ piú sfoga’ manco quando te girano li cojoni. Eravamo un popolo un po’ ignorante e cafone ma eramo brava gente. Mo semo tutti intelliggenti e raffinati ma quanto semo diventati stronzi. Scusateme pe’ sto sfogo, ma ve sembra normale tutta sta cagnara all’italiana?

    "Mi piace"

  30. Non sto facendo dietrologia, o forse sì. Ma conoscendo i livelli infimi a cui può giungere la politica – se così si può chiamare – nostrana, tra le tante possibilità di svolgimento degli eventi che riguardano il figlio di Grillo, non mi stupirebbe che ci sia uno sgambetto al fondatore del Movimento 5 Stelle. Dicasi quel che si vuole, ma nel 999%0 dei casi, uno stupro viene denunciato immediatamente dopo , o mai. Questa denuncia a scoppio ritardato, stupirebbe tanto che sia stata “indotta” con mezzi facilmente immaginabili per colpire una figura pubblica e scomoda? È già successo (in tutto il mondo) in passato….. Forse anche per certi punti oscuri, per lo più a noi ignoti, i magistrati procedono con grande cautela, non certo per particolari riguardi nei confronti del Signor Ciro Grillo e compari o del padre del medesimo. Quest’ultimo, autore del penoso video di questi giorni. È proprio vero che se la parola è d’argento, il silenzio è d’oro

    "Mi piace"

  31. Se fossero stati due signor nessuno, a nessuno sarebbe importato.
    Purtroppo in questi casi la giustizia non è mai tale (lo è sempre così poco, tra l’ altro!) e per lo più abbiamo già tutti dimenticato che il fatto si è svolto tra ragazzi maggiorenni e non tra le loro famiglie. Tra l’ altro solo di Ciro Grillo si parla e non degli altri tre, ugualmente colpevoli, se lo sono.
    Le colpe dei padri non ricadano sui figli, le colpe dei figli non ricadano sui padri, ovviamente se gli stessi non hanno in qualche modo contribuito al delitto. Altrimenti dovrebbero ricadere anche sui nonni (chi ha educato i padri?) i bisnonni, e avanti così. Chiunque sia maggiorenne affronti le proprie responsabilità in prima persona. Tutti coloro che hanno figli sanno bene quanto siano diversi dai loro genitori e quanto sia difficile, con alcuni, intavolare discorsi di un certo tipo. Se maggiorenni, poi… Ma tutti siamo bravissimi con i figli degli altri.
    Questo riguarda anche , ad es.,Boschi e Renzi, sempre chiamati in causa, ovviamente Mi risulta però che nè nei fatti che coinvolgono il padre della Boschi nè in quelli che coinvolgono Renzi, si sia fatto il processo al PD, si sia cioè in qualche modo “allargato” strumentalmente il discorso al partito. Eppure anche il PD è il partito degli onesti, dei buoni, degli accoglienti, dei bergogliani ( i delinquenti, gli zozzoni, non sono tutti berlusconiani? Ah, già, lo erano… adesso il Berlusca è un Padre della Patria anche per Repubblica, e ci si governa insieme).
    E’ questa la grande differenza tra i vari casi ed è questo che fa pensare, anche dato il momento che i 5stelle stanno attraversando.

    Se posso vorrei pregare i commentatori di astenersi da ulteriori volgarità: in questa brutta storie ce ne è già troppa…

    "Mi piace"