La caduta di Conte

(Tommaso Merlo) – Se Conte cadesse vincerebbero le lobby e i loro giornali. All’avvocato del popolo preferiscono un bancario altolocato come Draghi. Uno che offre più garanzie ai loro interessi alla vigilia dell’abbuffata del secolo. Se Conte cadesse vincerebbe anche Renzi ma solo in apparenza. La situazione gli è sfuggita di mano. Renzi voleva giusto tornare al centro dell’attenzione e strappare qualche punto percentuale e qualche poltrona. Ed invece ha scatenato un putiferio allucinante che ha avuto come unico vero effetto quello di certificare per l’ennesima volta la fine definitiva della sua parabola politica. Il renzismo ha ancora una manciata di seguaci nei palazzi e nei giornali, per il resto è acqua passata. E prima se ne rende conto, meglio è per tutti. Se invece Conte restasse in sella vincerebbe il Movimento. Ma la stabilità fine a se stessa è poltronismo. La vera vittoria del Movimento dipenderà dal nuovo programma di governo e dalle cose concrete che il Movimento riuscirà a realizzare da qui alla fine della legislatura. La revoca delle concessioni, il conflitto d’interessi, la riforma della Giustizia, quella della Rai, il salario minimo e tutte le altre promesse rimaste ancora tali. Fatti, non chiacchiere. Se Conte mantenesse le redini vincerebbero anche i poltronosauri rosa del Pd che almeno per ora si stanno dimostrando fedeli ad un premier non farina del loro sacco. Il Pd ci ha messo la faccia nel governo Conte e la vuole giustamente salvare. Sembra poi credere alla nascita di un fronte anti-sovranista, una nuova era politica che tra i tanti pregi avrebbe anche quello di rinviare ulteriormente la loro estinzione. Idem con patate per i poltronosauri rossi. L’egocrisi di Renzi mirava a frammentare la maggioranza ma ha ottenuto l’effetto opposto. Almeno per ora. Ricompattandola attorno a Conte e confermando come il renzismo sia una componente estranea e di cui sbarazzarsi alla prima occasione. Quanto alla peggiore destra di sempre non è facile distinguere tra quello che dicono e quello che pensano. Sono profondamente spaccati e fingono di non esserlo con patetici giri di parole. I celeberrimi patrioti meloniani trascinerebbero la nazione al voto in piena pandemia pur di farsi la scorpacciata di poltrone che preannunciano i sondaggi. Alle ceneri berlusconiane andrebbe invece bene qualunque ammucchiata pur di continuare a sperare in una miracolosa risurrezione. Salvini sembra invece alquanto titubante. Certo, sbava più che mai per i pieni poteri ma allo stesso tempo gli conviene che sta grana immonda della pandemia se la sorbisca Conte. Quello stramaledetto avvocato a sgobbare, lui nella sua cameretta a lagnarsi e a fare le pulci via webcam. Quando poi tutto sarà risolto e riapriranno finalmente le gabbie, Salvini potrà tornare in piazza ad abbracciare il suo popolo e ritentare l’ascesa da salvatore della patria. Davvero la peggiore destra di sempre. Vogliono al più presto la caduta rovinosa di Conte ma nei modi e nei tempi che più convengono a loro. Alla fine se Conte cadesse vincerebbe la solita vecchia Italia e perderebbero tutti coloro che hanno creduto nel cambiamento incarnato da questo premier anomalo e molto apprezzato. Ed è proprio la popolarità di Conte la vera incognita politica di questo momento storico. Comunque finisca questa crisi delirante, la partita per la caduta definitiva di Conte sarà ancora lunga e riserverà sorprese.

14 replies

  1. Ma chi lo vuole Draghi? Renzi ,che vedrebbe riportata all’effettivo valore (zero)la sua influenza politica ? Salvini e Meloni che dovrebbero far ingoiare un banchiere al proprio elettorato? Berlusconi,forse,per rifarsi una verginità,e il PD,per la nota tendenza all’autolesionismo,ma non avrebbero i numeri…in quanto ai 5S perso per perso ci farei un pensierino (non lapidatemi)…avrebbero forse la garanzia che i soldi vangano spesi bene,checche se ne possa dire infatti,non credo che draghi si presterebbe a distribuire la solita abbuffata

    "Mi piace"

    • Ma chi lo vuole Draghi?
      la maggioranza del Parlamento, perchè non ha truppe e non farebbe ombra a nessuno, sarebbe la perfetta foglia di fico per i prenditori e i maneggioni, quando non servirà più, lo si mette da parte.
      Altrimenti perchè il Medium unico lo desidera così ardentemente?

      Piace a 1 persona

  2. IL BOMBA aveva in mente la caduta di Conte da quando lo ha visto crescere nei sondaggi, farlo rimanere saldamente al governo avrebbe significato dargli una investitura politica, aspettando poi di vederlo candidato alle prossime elezioni.
    Andava disarcionato adesso, sbattuto nel dimenticatoio e che tornasse a fare il suo lavoro, senza rompere tanto i santissimi a tutta quella casta godareccia che ha campato alle nostre spalle per anni e che fa affari con le lobby, fra bustarelle, Rolex , viaggi e prebende…
    Molti di loro un lavoro non ce lo hanno, vedi il BOMBA, il loro lavoro è quello e Conte ci si vuole inserire in mezzo per cambiare le cose? Non sia maiiii!

    "Mi piace"

  3. Merlo scrive:
    “I celeberrimi patrioti meloniani trascinerebbero la nazione al voto in piena pandemia pur di farsi la scorpacciata di poltrone che preannunciano i sondaggi.” La mia opinione è che si sbagli di grosso. Nè la Meloni ne gli altri putrioti vorrebbero sul serio fare la “scorpacciata dei voti” di cui fa cenno; questo comporterebbe per loro, mettere la faccia sulle predazioni che si scateneranno a breve “per restare in europa” e mantenere i congrui conticini in euri. Meglio mandare avanti Draghi…

    Piace a 1 persona

  4. Ma Draghi se lo assumerebbe l’onere di presiedere un Governo a scadenza con questi elementi in Parlamento? Qualcuno lo ha chiesto a Draghi?

    "Mi piace"

  5. Scusate la presunzione ma,1 5 S e il Presidente Conte si sono dimostrati che non rubano, e se scoprono qualcosa DENUNCIANO. Questo non va bene per i soliti. Loro e dico SX e DX un tavolo di spartizione lo troveranno sempre come hanno sempre fatto. .Sistema collaudato, che ci ha portai ,come Paese, ad avere le pezze al CULO.

    Piace a 1 persona

  6. per quanto cretino ed egoriferito possa essere, è difficile che Renzi abbia armato tutto ‘sto casino per risalire nei sondaggi, essendo chiaro anche a lui che i suoi maneggi avrebbero sortito l’effetto opposto. Infatti è ulteriormente sceso nei sondaggi. Ma questo è l’ultimo dei problemi per Renzi, che un posto da parlamentare riuscirebbe a raccattarlo comunque, specie se si andasse alle elezioni con un sistema proporzionale (federandosi con Calenda e Bonino, o con Forza Italia, o con tutti e tre). Penso che l’intenzione di chi lo manda avanti- ad esempio”stampubblica” e il gruppo di potere a cui fa capo- sia piuttosto quella di raggranellare una maggioranza favorevole al governo tecnico. Non si spiega sennò come mai in due settimane pontieri come Tabacci non siano riusciti ad attrarre sulla sponda contiamo “responsabili” e italovivi sfusi, nonostante l’imbarazzo del loro capo che fa il senatore a tempo perso e, per la più parte del tempo, il lobbista di loschi figuri. Draghi potrebbe temporaneamente svolgere il ministro dell’economia (gli subentrerebbe poi Cottarelli) prima di ascendere al Quirinale, mentre il profilo mediaticamente giusto per fare il primo ministro sarebbe quello della Cartabia, prima donna premier, anche lei giurista come Conte.

    "Mi piace"

  7. Non si dovrebbe dire, perchè l’odio è un sentimento deteriore, ma nel caso del Bomba odiarlo e sperare che svanisca, anche fisicamente, è un atto di patriottismo.
    Il Cazzaro, la Pesciola, il pregiudicato , Conte, Di Maio e molti altri sono personaggi che bene o male svolgono un ruolo legittimo in una democrazia, persino una persona sgradevole come la Bonino finta democratica è tollerabile. Ma il Bomba che solo coltiva il suo immenso ego narcisista travolgendo ogni principio di etica, correttezza, dignità e buon gusto, quello no, non è degno di appartenere al consorzio umano. Persino Trump è meglio di lui, becero quanto si vuole ma non ha suscitato nessun conflitto caldo nel suo mandato. Ed è tutto dire

    "Mi piace"

  8. Il problema non è Conte ma Bonafede. Il partito dell’impunità (o partito dei ladri) rivuole la prescrizione come era prima, il cazzaro di Rignano sta facendo il lavoro sporco per destra e pd.

    Per risolvere questa crisi, ci vorrebbero i genitori di Martina Rossi appostati fuori Palazzo Madama. Appena passa il bomba o un altro della banda… secchiate di mer*a in faccia!

    "Mi piace"

  9. Scambio di opinioni: per me il Bischero le un bastard, eh no assolutamente no, le tale quale ai suoi ma più in grande.

    "Mi piace"