Vaccino, Vittorio Feltri: i fessacchiotti che rifiutano la puntura? Ognuno muore come vuole

(Vittorio Feltri – liberoquotidiano.it) – Sabato scorso tutte le emittenti televisive hanno trasmesso da mane a sera dei servizi, uno uguale all’altro, in cui si vedeva un camioncino di piccole dimensioni che portava in Italia un carico esiguo di vaccini anticovid. Se fosse arrivata la manna dal cielo, l’evento sarebbe stato ugualmente celebrato. Invece era solamente giunta in patria una quantità irrisoria del farmaco salvavita che servirà a immunizzare poche migliaia di persone. Quelle escluse vadano a farsi benedire o, meglio, aspettino il loro turno per ricevere l’iniezione salvifica. Il nostro Paese, pur avendo registrato una quantità mostruosa di morti ammazzati dalla pandemia, sarà così costretto ad attendere mesi per ricevere il prodotto che immunizza. 

Perché la Germania e altre nazioni europee sono state capaci di procacciarsi quintali di siero magico mentre a noi non ne è pervenuta che qualche goccia, insufficiente anche per cominciare a sistemare una quota minima di cittadini ansiosi di garantirsi la salute? La risposta ufficiale non c’è, ma persino uno scemo intuisce che ancora una volta il nostro governo non è stato all’altezza dell’emergenza. Evidentemente nessun collaboratore di Conte, Arcuri in testa, è stato in grado di acquistare un numero di vaccini idoneo a coprire la richiesta. 

Abbiamo i soldi per aumentare di 4 miliardi il reddito di cittadinanza grillino e poi ci mancano i denari per portare a casa alcune vagonate di siero scacciapensieri di morte. Meritiamo il Nobel dell’imbecillità. Senza dubbio non siamo ricchi, anzi siamo indebitati fino al collo, per cui fatichiamo persino a comprare il liquido che ci preserva dal Corona. D’accordo, ma se mancano le palanche per quale ragione pretendiamo di distribuire a chiunque gratis la pozione, quando a questo mondo pure l’aria ha un prezzo? Naturalmente i poveri, saranno tre o quattro milioni, meritano di essere soccorsi senza costringerli a rimetterci di tasca, ma tutti noi che lavoriamo avremo o no trenta o quaranta euro da investire per non ammalarci? 

Il premier è abituato a distribuire mance anche a chi cambia i rubinetti, compra una bicicletta o un monopattino, e va bene, però un pacchettino minuscolo di euro per salvarci la pelle possiamo sborsarlo o no? A riguardo dei fessacchiotti che non si fidano della puntura, giudicandola rischiosa, chissenefrega se rifiutano di subirla. Crepino pure, ciascuno è libero di tirare le cuoia come gli pare. L’unica cosa da fare con i no-vax è che nel caso finiscano infettati in qualche ospedale provvedano personalmente a saldare le spese delle cure. Noi siamo disposti a soccorrere tutti e a finanziare chiunque tranne i fessi.

14 replies

  1. Feltri ha bevuto più del solito e vede draghi girare per casa, il divano tramutarsi in una bocca e i muri in un tripudio di tette di tutte le dimensioni per soddisfare i suoi più bassi istinti. Nel cielo fuori dalla finestra volano pterodattili col volto di Marilin Monroe a ricordargli le prime pugnette di quando era ragazzo.

    Piace a 1 persona

  2. Da Bergamasco, gioisco in questo 2020 perché Feltri ha mollato Bergamo e si è trasferito a Milano. Ammorba l’aria con le sue bugie. Quando in settimana arriveranno le 450000 dosi attese da questo governo, mi auguro che la dose per Feltri venga fatta come prospettato da Natangelo alla renna di Babbo Natale nella vignetta natalizia del Fatto. Così, per il suo bene. E per il nostro, così questi peti che lui spaccia per giornalismo saranno stoppati per qualche minuto.

    Piace a 1 persona

  3. Il Vecchio manganella a destra e a manca
    il governo perché è fortemente sofferente,
    e non può esternare le vere ragioni della sua sofferenza, in quanto sono argomenti “dolorosi”
    che lo riguardano direttamente :

    da gennaio 2021 riduzione del 75% dei finanziamenti pubblici all’editoria, percepiti sotto le varie forme,
    (legge di Bilancio 2020)

    Libero ha percepito: 5,4 milioni di euro
    (ultimo dato disponibile anno 2018)

    nel 2022 il taglio diventerà del 100%.

    A tal proposito si prevede una moria
    delle Vacche comprese A.L. Chirico e la Fusari,

    la tanto pasionaria nell’attaccare Conte
    alla conferenza stampa di oggi.

    In preda a crisi isterica da renzite,
    la Tarda giraffa della Garfagnana,
    al suo turno, si impossessava del microfono
    e scagliava insinuazioni a raffica,
    in perfetto stile talk show domenicale
    di La7,

    esagitata come una molfetta in C.,
    fintamente intelligente come un’oca giuliva
    determinata come Giorgio Mastrota alle prese
    con una vendita di vitale importanza,
    nonché padrona del suo “mestiere”,
    non consentiva neanche che gli venisse data risposta,
    che incalzava con il successivo delirio,
    al punto che il suo collega moderatore
    rotto il C.
    le faceva togliere con forza il microfono,
    con essa ancora nel pieno dello strepitio,
    nonostante la disponibilità del Presidente
    a esaudire i suoi desideri incompresi

    Piace a 2 people

  4. Però in risposta alle sue paturnie ci sono troppe poche prese per il q. Lo.
    Chissà se tutti questi difensori della libertà di parola ricordano i bei tempi andati di forza mafia, quando nei dibattiti e conferenze stampa venivano inviati GUASTATORI della libertà di parola altrui, come Schifani, Sgarbi e soprattutto elio Vito che parlava continuamente sopra l’interlocutore azzittendolo di fatto?

    https://mobile.twitter.com/claudiafusani/status/1344290801556336640

    Piace a 1 persona

  5. Chi non si vaccina si paghi le cure in ospedale? ci sto, a patto che se le paghi pure chi mangiando come un porco, fumando, non facendo attività fisica intasa gli ospedali e svuota le farmacie per diabete, infarti ictus ecc ecc

    Piace a 1 persona

  6. Io mi vaccino prima che posso,

    prima di tutto perché, se prendo il Covid, con le malattie pregresse che ho, non la scampo,

    -poi perché appena sono vaccinata e lo è anche mia figlia, possiamo finalmente rivederci dopo un intero anno che siamo state lontane,

    -in terzo luogo perché ho rispetto per la vita degli altri,

    -in quarto luogo perché prima usciamo dal contagio, prima l’economia riparte e tanti che ora non sanno come sbarcare il lunario possono trovare lavoro e salvarsi.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...