Radio Maria: il regno di don Livio, dove Satana spaccia il virus

(di Daniela Ranieri – Il Fatto Quotidiano) – Il Male fino a un anno fa era insidioso ma intelligibile, prevedibile e ripetitivo, incarnato in un’ossessiva lista di disgrazie: Islam, aborto, ragazzine incinte (e nonni disperati per il demonio incarnato nei giovani ventri), matrimoni gay, transessualismo, perdita di radici cristiane, aperture bergogliste, teologia della liberazione (cioè della truffa democratica, socialista, relativista, sudamericana, vagamente tropicale).

Dai microfoni di Radio Maria, fin dal mattino presto, addestrati soldati del Bene, dall’esorcista padre Amorth, poi defunto, a Mario Adinolfi, storico tenutario di una rubrica contro l’aborto (“anche per le donne stuprate”), mettevano in guardia contro le manovre del demonio, che oggi ha escogitato varianti apocalittiche epidemiologiche per impadronirsi del mondo.

Lo riferisce il direttore Padre Livio Fanzaga nella rubrica intitolata Lettura cristiana della cronaca e della storia: la Covid è “un progetto di Satana. Un colpo di Stato sanitario, mass mediatico e cibernetico mondiale, volto a distruggere il mondo di Dio”. Radio Maria è la radio privata con il maggior numero di ripetitori sul territorio nazionale, oltre 850, più della Rai, con oltre un milione e mezzo di radioascoltatori ogni giorno. Fondata come piccola radio parrocchiale ad Arcellasco d’Erba da un certo Padre Mario – poi esiliato nella meno carismatica Radio Mater – è oggi un network (World Family of Radio Maria) che trasmette in 77 Paesi dei 5 continenti. In quanto “radio comunitaria”, cioè non generalista, status previsto dalla legge Mammì, ha diritto a sostenersi con donazioni spontanee (che arrivano anche a 18 milioni di euro l’anno) e, dal 2006, attraverso il 5 per mille.

Padre Livio è il mattatore e il capo spiriturale di questa impresa: laureato in filosofia, autore di best-seller come L’Apocalisse è incominciata, Il falsario. La lotta quotidiana contro Satana, Profezie sull’Anticristo, si definisce “un pastore di anime”, dotato di qualità che vanno “dalla sapienza alla prudenza, dalla fortezza alla dolcezza”; nel 2014 ha vinto il concorso Cuffie d’oro, primo con distacco su Giuseppe Cruciani della Zanzara.

La pandemia è una cornucopia di simboli e antitesi millenaristiche: per Padre Livio è “un progetto non casuale, che non viene dai pipistrelli o dal mercato di Wuhan. Un progetto criminale delle élite mondiali con la complicità forse anche di alcuni Stati per instaurare una dittatura sanitaria e ridurci come zombie”. Il lessico e il mondo sono quelli di QAnon, la teoria cospirazionista nata negli Stati Uniti secondo i cui adepti esiste un complotto planetario ordito dai potenti del Deep State (Obama, Bill Gates, i Clinton etc.) per diffondere il virus e controllare gli esseri umani mediante l’inoculazione di chip sottocutanei mediante vaccino, questo nel tempo libero lasciato loro dalla principale occupazione, che consiste nel suggere sangue di bambini durante riti satanici, al fine di avere una bella pelle e una lunga vita (Trump aveva provato a fermare questa setta di pedofili vampiri, ma è stato messo fuori gioco dal Demonio e dai brogli elettorali). Dopo le polemiche, Padre Livio ha precisato: “Probabilmente non sapremo mai qual è l’origine della pandemia ma… resta sul tavolo l’ipotesi che possa essere stata provocata volutamente”. C’è un progetto, dietro, “provocato da chi vuole costruire un ‘uomo nuovo’ e ‘un mondo nuovo’… la mente ispiratrice non può essere che il maligno”.

A Radio Maria il maligno è il deuteragonista di una narrativa escatologica che va avanti dal 1987: il giorno inizia prima dell’alba, all’ora dei betabloccanti e delle cardioaspirine, col diario di Faustina Kowalska, la veggente canonizzata da Wojtyla e nominata da Gesù in persona, non è chiaro con quale procedura, “Segretaria della Divina Misericordia”. Seguono: rosario, meditazioni, liturgia delle ore, salmi, catechesi, messa, vespri… fino a notte tarda, quando vanno in onda de profundis gli esorcismi di Padre Amorth. Qui vige una tensione dialettica molto forte tra il Papa, capo della Chiesa degenere, e il guru di questa chiesa parallela e capillare: così mentre Bergoglio faceva ironia sulle apparizioni mariane nei cieli della Bosnia-Erzegovina (“Ma dove sono i veggenti che ci dicono oggi la lettera che la Madonna ci manderà alle 4 del pomeriggio?”), Padre Livio metteva forsennatamente sul sito i messaggi che la Vergine recapita regolarmente ai sei veggenti di Medjugorje in carica dal 1981 (alcuni dei quali proprietari di alberghi, sale bingo e casinò nei pressi dei luoghi dell’apparizione, ricchissimi), e ogni 25 del mese manda in onda una veglia di preghiera in attesa del messaggio mensile (l’ultimo diceva: “Cari figli! Satana è forte e lotta per attirare a sé quanti più cuori possibile… Grazie per aver risposto alla mia chiamata”).

Dopo due ore di ascolto di Radio Maria si avverte un disagio profondo: superstizione, ricatto emotivo, pattume moralistico, un mondo in cui lo spirito evangelico è eroso a favore di una logica punitiva e antiumana. Il virus non ha fatto un salto di specie, ma è planato in qualche laboratorio per mano di Satana; è eliminato dalla Madonna, una specie di Supereroina-addetta a un call center preghieristico; le élite tramano contro i popoli insieme al diavolo, ciò che poi è il sottotesto – sigillato dal bacio al rosario – dei comizi di Salvini. Benché Radio Maria affermi di essere “apolitica e apartitica”, tutti i suoi messaggi, scopertamente antiscientifici, pastorizzati non solo da ogni traccia di Illuminismo ma anche dal principio di realtà, sono politici: perché suggeriscono un’etica, implicano un posizionamento, delegittimano la democrazia e la comunità scientifica.

Lo Spirito – Dio lo vuole – va alimentato: Livio Fanzaga passa dall’antiteodicea della Covid alla questua: “Ricordatevi di fare offerte”. E le catechiste dettano incessantemente i modi per sostenere Radio Maria, tonnara per menti deboli e persone sole: conti correnti, Iban, Sepa, 5 per mille, vaglia postale, bancoposta, lasciti testamentari. Onde radio nelle lande sterminate della solitudine.

4 replies

  1. L’altro ieri era sano – giura la perpetua che lo segue – sembrava normale.
    Poi… ad un tratto, la mattina si sveglia, prende il microfono.. così, e lascia tutti sbigottiti.
    La giornalista incalza la donna con una domanda ficcante:
    Il giorno prima non ha mostrato alcun segno di squilibrio?
    No, no .. lo giuro.

    Il mondo è grigio il mondo è blu.
    Cuccurucucù palomaaaaa

    Piace a 1 persona

  2. E la radio? Dico,la radio in quanto prodotto tecnologco-scientifco non è, per loro coerenza, mezzo del maligno ? Il vero problema è la schiavitù dei poverini, che sono tanti, per i quali, non il credere o non credere nel trascendente, ma sono le religioni in quanto organizzazioni materialistee interesssate l’oppio dei popoli.

    Piace a 1 persona

    • Sono molto d’accordo.
      Io sostengo il primato dello spirito, sono quasi mistica, ma, proprio per questo, ritengo che le religioni organizzate siano la gabbia della spiritualità, il mezzo per tenere nel buio le menti delle persone che a loro si affidano.
      Stimo, invece, papa Francesco, che lotta per i veri principi di umanità e di spiritualità antimaterialista di Gesù.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.