La Lega e Salvini sono il partito dei padroni

(di Daniela Ranieri – Il Fatto Quotidiano) – Ve lo ricordate quel momento ineffabile in cui Salvini si presentava da Floris a Dimartedì con la camicia bianca che pian piano si inzuppava di sudore, simbolo di genuinità virile e passione politica, e con una pausa teatrale in mezzo al solito repertorio mostrava al pubblico le ascelle, scatenando la più irrefrenabile delle ovazioni?

Era il Salvini di popolo, nemico delle élite schizzinose, il comunista padano che sotto le insegne di Alberto da Giussano rovesciava i poteri forti, il Messia del momento Polanyi, dal nome dello studioso venerato dai leghisti che teorizzò la rivolta della società contro il predominio dell’economia neo-liberista.

Erano i tempi in cui legioni di marxisti e keynesiani per Salvini ci spiegavano sui social che non conta il mezzo, ma il fine, cioè la rivolta dei popoli, di cui la Brexit e l’elezione di Trump erano l’epitome e insieme la spinta.

Gli economisti della Lega andavano in Tv a spiegare a quelli di sinistra, rintronati, come si spendono i soldi pubblici e come la parola “populismo” fosse nobile e bella, in confronto alla loro spocchia da privilegiati.

L’altro giorno alla Camera l’economista della Lega Claudio Borghi, uno dei più massimalisti, ha accusato Conte di chiudere le attività produttive mettendo la salute sopra al lavoro, quando invece, se proprio si vuole classificarli, il lavoro compare prima. Verbatim: “Signor Presidente, lei ha detto che il diritto alla salute è preliminare su tutti gli altri diritti costituzionali. (Non l’aveva detto; la frase era: “Non ci può essere dilemma tra la difesa della salute e la tutela dell’economia”, ndr). Ma come si permette… I diritti costituzionali sono tutti importanti… e se per caso i numeri qualcosa contano, il diritto alla salute è al numero 32, il diritto al lavoro è al 4. E le ricordo l’1”. Insomma, l’ordine di apparizione sta lì a dire che si lavora pure da malati (dev’essere la stessa Costituzione che tutela il diritto d’asilo all’art. 10): il sogno di tutti i padroni.

A dire il vero noi qualche sentore che fosse tutta una truffa e che la Lega fosse il partito dei padroni e non dei lavoratori lo avevamo avuto, almeno dal settembre del 2019, quando dal raduno ex-celtico di Pontida citò Margareth Thatcher, peraltro in una delle massime più fatue della sua produzione: “Non ci può essere libertà se non c’è libertà economica”, un motto che sarebbe stato bene in bocca a un berlusconiano o a un renziano: establishment puro.

Intanto Giorgetti apriva a Mario Draghi (“Mi piace”), mentre le maestranze della Bestia spiegavano sui social che era tutta una strategia, quella di mandare avanti il poliziotto buono per sfibrare il nemico dall’interno, mentre i “falchi” occupavano le commissioni e ripristinavano la popolare lira. Aspettavamo che la Rai mandasse in onda la musica classica come durante i golpe, invece è arrivato il coronavirus, e il castello fatato di paure indotte e gastropolitica ha cominciato a smottare sotto il peso della realtà.

L’ex ministro agli Stabilimenti Balneari ha cominciato a vaneggiare: “Chiudete tutto”, anzi: “Riaprite tutto”, due giorni dopo, in linea con Confindustria, Confcommercio e tutte le altre Conf-, nonché in sintonia con gli odiati sindaci della Ztl e delle pause pranzo, quelli di #Milanononsiferma e #Bergamononfermarti, in un’alternanza schizoide che non gli ha impedito per tutta l’estate di emettere orgogliosamente droplets in faccia a quel popolo che diceva di amare.

Intanto Giorgetti riapriva a Draghi (come tutti i neo-lib d’Italia, editori, politici, industriali, grand commis) e lanciava l’iscrizione della Lega al Ppe, il partito di Merkel, praticamente l’Anticristo, con Salvini che il giorno dopo smentiva animosamente a Non è la D’Urso (omettendo di dire che è la Merkel che non ce lo vuole).Il 5 luglio in piazza del Popolo, davanti al popolo chiamato a stringersi promiscuamente contro la dittatura sanitaria di Conte-Bill Gates, ri-citava la Thatcher, quella alla cui morte i lavoratori inglesi hanno festeggiato; mentre un’altra parte di popolo, padano e non, moriva di Covid, la malattia inventata dai poteri forti, curabilissima col plasma anzi no, con l’idrossiclorochina cara a Trump (che però è stato curato con anticorpi monoclonali).L’emergenza ha disconnesso Salvini dal territorio, oltre che dalla realtà (del resto fu Giorgetti a decretare l’anno scorso l’inutilità della medicina di base, e questo nella Lega è quello perspicace): la tragica gestione dell’epidemia da parte dell’arcitragico Fontana, in quella Lombardia terra d’eccellenza della Sanità che ha succhiato risorse allo Stato e alle altre Regioni col sistema dei ricoveri privati, era il prologo della irresponsabile tiritera attuale degli autonomisti (già secessionisti) che chiedono al governo di decidere per loro e dieci minuti dopo si dicono esautorati.

Il lavoro prima della salute era un inedito: farà parte del momento Polanyi?

Ci manca solo che chiedano il Mes.

7 replies

  1. Beh, sarei alquanto stupito se Salvini rimanesse fermo nell’opporsi al MES,
    ma al contrario lo sono, e parecchio, che non abbia già fatto una giravolta delle
    sue e non sia ancora andato in Parlamento e nelle piazze a strillare che del MES
    non possiamo farne a meno e che Conte non ha alcuna veste per mettersi di traverso.
    Vedrete che non ci vorrà molto e tutti quei leghisti che fino a ieri erano contro,
    improvvisamente si scopriranno sostenitori di questa “manna piovuta dal cielo”.
    Si accettano scommesse.

    Piace a 4 people

    • Scommetto che fosse per lui abrebbe cambiato mantra (no mes) da tempo solo perché quei maledetti al governo non nominano mai il Mes, non perché sappia se serve veramente o no.
      Io ci spero nel cambio, solo per constatare per l’ennesima volta il QI dei leghisti.

      "Mi piace"

  2. La sig.ra Ranieri ha perso l’ occasione per ricordare che Angela Merkel se da una parte non vuole Salvini nel PPE, dall’altra si tiene ben stretto, nel PPE stesso, quell’Orban amicissimo di Salvini. Per dire che la coerenza non è una virtù diffusa.
    Oppure che :
    – Orban non è quel demonio quale viene dipinto
    – Salvini è peggiore o diverso da Orban
    – i giornali travisano la realtà
    A voi la scelta

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.