Avira, l’antivirus comprato dai servizi segreti del Golfo Persico

(PAOLO FUSI – glistatigenerali.com) – Forse avete già sentito questo nome: AVIRA. Se lo avete sentito, siete uno degli oltre 500 milioni di persone che, oggi, soprattutto in Europa occidentale, hanno installato questo sistema gratuito sul computer che, secondo le affermazioni dell’azienda, scopre, blocca e deterge i devices dei propri clienti da circa 30 milioni di virus, maulware e trojan al mese[1] Alle spalle di quest’azienda tedesca, da qualche mese, c’è il sistema di tracciamento e di violazione della privacy che è servito per sapere quando esattamente Jamal Khashoggi, il giornalista critico del regime saudita, avrebbe varcato la porta dell’Ambasciata di Istanbul. per essere barbaramente seviziato ed ucciso.

Il fatto che questo sistema di difesa informatico sia gratuito, e che spesso lo si trova già installato quando comprate il computer, è probabilmente la chiave del suo successo. Dopodiché Avira si finanzia con una serie di prodotti più specializzati[2], anche se non esistono dati certi sul suo fatturato: secondo la rivista specializzata Owler siamo intorno ai 100 milioni di Euro[3], secondo Digitalwelt intorno ai 70 milioni di Euro[4] – molto meno di alcuni concorrenti sul mercato globale, ma questo perché Avira preferisce avere un’enorme quantità di clienti a titolo gratuito, invece di limitarsi a vendere prodotti costosi.about:blankPUBBLICITÀ

Ma in economia, chi non cresce è perduto. Nell’aprile del 2020, per 180 milioni di dollari, Tjark Auerbach, il fondatore di Avira, che conta su una dozzina di società in Germania ed almeno altrettante in giro per il mondo, ha ceduto una quota vicina al 100% delle quote al gruppo Investcorp di Manama, nel Bahrein[5]. Per Investcorp non si tratta del primo investimento nel settore della cyber-security, ma certamente di quello più importante[6]. Si tratta di un gruppo finanziario multinazionale, la cui proprietà è estremamente poco trasparente, nascosta da diverse società offshore, quasi tutte con sede nelle Isole Cayman, e di cui è anche difficile capire la cifra d’affari, che se, da un lato, si sostiene sia di circa 31 miliardi di dollari[7], dall’altro, facendo la somma dei diversi comparti d’intervento del gruppo, dovrebbe essere molto più rilevante.

GLI SCEICCHI DIETRO INVESTCORP

I grattacieli gemelli sede di Investcorp a Manama

Se si guarda al consiglio di amministrazione, è facile riconoscere i rappresentanti di molte delle famiglie più potenti del Medio Oriente, dall’Arabia Saudita al Bahrein, dall’Oman al Qatar, dal Kuwait agli Emirati Arabi Uniti, e pensare che si tratti di un mero veicolo finanziario, nel quale le famiglie leader del Bahrein abbiano convinto i principali clan del Golfo Persico a partecipare ad un’imponente opera di diversificazione all’interno di economie che, per decenni, erano state dominate dal petrolio e dall’edilizia[8]. Ma si tratta di un’immagine incompleta. Investcorp è un veicolo fondamentale per aumentare e consolidare l’influenza politica e militare di alcuni Paesi del Medio Oriente nel mondo.

A partire dal marzo del 2017, il principale azionista di Investcorp, con uno stake del 20% delle azioni ordinarie e privilegiate, è il gruppo Mubadala, con sede ad Abu Dhabi[9]. Questo gruppo è nato nel 2002 sotto il nome di Mubadala Development Company e, un poco alla volta, è cresciuto fino a diventare una delle industrie più importanti dell’intero Golfo Persico[10]. Lo guida il numero 2 del governo degli Emirati Arabi Uniti, Mohammed biz Zayed Al-Nahyan, che da anni, a causa del grave stato di salute del Capo dello Stato (suo fratello maggiore[11]), è in pratica l’uomo forte del regime degli Emirati[12]. Lo Sceicco bin Zayed ha deciso di riunire sotto l’ombrello di Mubadala tutta l’industria militare, quella high-tech, quella chimica e quella aerospaziale[13].

Il motivo principale è meramente politico. Dopo i moti popolari noti come Primavera Araba, le monarchie del Golfo hanno temuto che ciò che era accaduto in Egitto – ovvero un tale sommovimento di piazza da costringere il governo a cadere e portare ad elezioni democratiche vinte dalla Fratellanza Islamica, che è una delle forze che le monarchie, a causa dell’ideologia politica e religiosa, di questa organizzazione, temono maggiormente. Mohammed bin Zayed al-Nahyan, in diverse fasi di concentrazioni industriali, ha creato un colosso multimiliardario della tecnologia militare e della cyber-security[14]. Ma anche un veicolo di azione politica[15], visto che una delle società del gruppo (che oggi ha cambiato in nome in EDGE Group), ha investito un miliardo di Euro nel fondo di investimento statale francese LAC1, che possiede il debito pubblico di quel Paese[16]. È immaginabile, quindi, quanto pesi l’opinione di Mohammed bin Zayed al-Nahyan, capo assoluto di EDGE Group, nella gestione della vita quotidiana della Francia.

Alla testa del compartimento militare, lo Sceicco ha posto uno dei suoi principali collaboratori, Faisal Al-Bannai, che in soli due anni ha portato il fatturato del suo dipartimento a 5 miliardi di dollari[17]. Al-Bannai ha i suoi sistemi. Ha comprato dalla NSA uno dei più avanzati di sistemi di hacking del mondo, DarkMatter, che viene usato per spiare, controllare, seguire, intercettare oppositori politici, leader politici di altre nazioni, giornalisti, artisti, chiunque[18]. I componenti del team, quasi tutti ex agenti dei servizi segreti americani, si licenziano dopo pochi mesi, spaventati da cosa EDGE Group e Mubadala stiano facendo di quel software[19]: “They used a cutting-edge tool called Karma, letting them break into iPhones around the world through a security flaw to steal emails, locations, text messages and photographs, said five former employees. Karma made it all too easy. Their target didn’t even need to click on any link or download a virus. In 2016 and 2017 it would be used again and again on hundreds of targets across the world, including the governments of Qatar, Yemen, Iran and Turkey”[20].

DARKMATTER, IL GRANDE FRATELLO È ORAMAI REALTÀ

La sede di DarkMatter ad Abu Dhabi

Alcuni esempi di ciò che fa DarkMatter. Primo: Hisham Almiraat, un dissidente marocchino, è fuggito a Rouen, da dove gestiva una rete di critici del regime di Rabat. DarkMatter infetta tutti i computer che ricevano messaggi da Almiraat e consegna liste di nomi di coloro che ancora vivono in Marocco, che vengono arrestati[21]. Secondo esempio: il 2 ottobre 2018, il giornalista saudita Jamal Khashoggi viene rapito in un’Ambasciata, torturato ed ucciso[22]. Quando è entrato in quella Ambasciata di Istanbul, un team di torturatori lo aspettava, perché veniva seguito, passo dopo passo, da DarkMatter[23]. Terzo esempio: Ahmed Mansoor è un attivista critico del regime di Abu Dhabi. DarkMatter ha fatto una copia di tutto: posta elettronica, telefonate, conversazioni in casa ed in strada, foto di persone incontrate[24]. Lui e sua moglie Nadia vengono arrestati e torturati[25], lui è stato condannato a dieci anni di prigione[26].

Quarto è più inquietante esempio: a partire dal 2016, il software Karma di DarkMatter controlla tutto ciò che riguarda l’Emiro del Qatar, Tamin bin Hamad Al-Thani, la sua famiglia e le principali aziende di Doha[27]. Parallelamente, EDGE Group ha fondato un’altra azienda, CAGN Global, che lavora con soldati mercenari (di un’unità privata di Mohammed bin Zayed Al-Nahyan, chiamata R2[28]) il cui compito è quello di organizzare attentati, rapimenti ed assassinii in terra straniera[29]. Quinto esempio: con il sostegno di un team di hacker italiani, la polizia segreta egiziana avrebbe seguito e torturato diverse persone sospettate di essere critiche nei confronti del regime – tra cui lo studente italiano Giulio Regeni, trucidato al Cairo tra il gennaio ed il febbraio del 2016[30].

Secondo gli esperti europei ed americani di sicurezza, a partire dal marzo 2018 EDGE Group, Mubadala, DarkMatter e CAGN Global hanno preparato oltre 350 arresti di oppositori, torturati in prigioni degli Emirati, tra cui persino membri della Famiglia Reale della UAE e dell’Arabia Saudita[31] – e che ora sta preparando attentati contro il Qatar durante la Coppa del Mondo di calcio[32] e, se possibile, l’omicidio dell’Emiro del Qatar[33].

È accettabile che un’azienda tedesca di un settore industriale così delicato possa finire in mano ad un fondo di investimento la cui maggioranza è in mano a questo tipo di persone? Quali conseguenze può avere per i 500 milioni di clienti di Avira il fatto di avere alle spalle un azionista con una simile regia politica e militare?

Il Principe ereditario Mohammed Bin Zayed Al Nahyan

Non è tutto. Mohammed bin Zayed Al-Nahyan ha fondato un Centro Studi che riunisce le migliori menti degli Emirati, che redige consulenze politiche, diplomatiche e militari[34], ed ha uno stuolo di consulenti da far rabbrividire: dozzine di potenti di tutto il pianeta, tra cui la Cancelliera tedesca Angela Merkel[35]. Questa istituzione si chiama ECSSR Emirates Center for Strategic Studies & Research ed è strettamente collegata a Tawazun, Mubadala e le altre aziende militari dell’EDGE Group, tant’è vero che nell’agosto del 2017, il conto bancario di ECSSR venne usato per pagare una tangente di 20 milioni di dollari su una fornitura d’armi degli Emirati, mascherata da contributo sulla ricerca ambientale[36]. È accettabile il fatto che la Signora Merkel sia nella lista dei collaboratori di questa associazione?

[1] https://www.avira.com/en/about-avira
[2] https://www.avira.com/en/for-business
[3] https://www.owler.com/company/avira
[4] https://www.digitalwelt.org/en/tips/antivirus/avira-antivirus
[5] http://www.ictbusiness.it/cont/news/avira-sara-comprata-dal-fondo-d-investimento-investcorp/44274/1.html#.Xxb7WedS_IW
[6] https://www.arabianbusiness.com/technology/444852-baharins-investcorp-acquires-german-cybersecurity-company-firm-avira ; https://www.investcorp.com/investcorp-acquires-germanys-leading-cybersecurity-company-avira/
[7] https://www.investcorp.com/what-we-do/
[8] https://www.investcorp.com/wp-content/uploads/2019/11/Investcorp_CGR_2019.pdf
[9] https://www.mubadala.com/en/news/investcorp-strengthens-shareholder-base-agreed-investment-mubadala-development-company ; https://www.reuters.com/article/investcorp-bank-mubadala/uaes-mubadala-completes-deal-to-take-20-pct-stake-in-investcorps-parent-idUSL5N1GP049
[10] https://www.mubadala.com/en/who-we-are/our-history
[11] https://www.middleeasteye.net/news/uae-leader-returns-after-lengthy-unexplained-absence
[12] https://www.nytimes.com/2019/06/02/world/middleeast/crown-prince-mohammed-bin-zayed.html?module=inline
[13] https://www.mubadala.com/en/who-we-are/corporate-structure
[14] https://www.cpifinancial.net/wealth/news/abu-dhabi-plans-to-merge-defence-and-technology-companies
[15] https://www.edrmagazine.eu/edge-ceo-looking-at-expanding-opportunities-and-increasing-turnover
[16] https://www.agefi.fr/financements-marches/actualites/quotidien/20200224/fonds-d-abu-dhabi-investit-milliard-d-euros-dans-293982 ; https://www.arabianbusiness.com/banking-finance/441096-uaes-mubadala-commits-to-invest-in-10bn-euro-french-fund ; https://www.reuters.com/article/mubadala-france-investment-idUSL8N1NF5SS
[17] https://www.edrmagazine.eu/edge-ceo-looking-at-expanding-opportunities-and-increasing-turnover ; https://www.arabianaerospace.aero/leading-edge.html
[18] https://emiratesleaks.com/en/emirates-state-espionage-reality-enshrined-series-facts-scandals/
[19] https://www.reuters.com/article/us-usa-spying-raven-specialreport/special-report-inside-the-uaes-secret-hacking-team-of-u-s-mercenaries-idUSKCN1PO19O ; https://www.trtworld.com/magazine/the-uae-s-covert-web-of-spies-hackers-and-mercenary-death-squads-23805
[20] https://www.trtworld.com/magazine/the-uae-s-covert-web-of-spies-hackers-and-mercenary-death-squads-23805
[21] https://foreignpolicy.com/2016/04/26/fear-this-man-cyber-warfare-hacking-team-david-vincenzetti/
[22] https://web.archive.org/web/20181112233122/https://www.nytimes.com/2018/11/12/world/middleeast/jamal-khashoggi-killing-saudi-arabia.html ; https://web.archive.org/web/20181009004244/https://www.bbc.com/news/world-europe-45775819
[23] https://www.bbc.com/news/world-europe-45812399
[24] https://www.reuters.com/investigates/special-report/usa-spying-raven/
[25] https://www.bbc.com/news/world-middle-east-39416734 ; https://www.amnesty.org/en/latest/news/2018/05/uae-activist-ahmed-mansoor-sentenced-to-10-years-in-prison-for-social-media-posts/
[26] https://www.amnesty.org/en/latest/news/2018/05/uae-activist-ahmed-mansoor-sentenced-to-10-years-in-prison-for-social-media-posts/
[27] https://www.reuters.com/article/us-usa-spying-raven-specialreport/special-report-inside-the-uaes-secret-hacking-team-of-u-s-mercenaries-idUSKCN1PO19O ;
[28] Claire Finkelstein, Jens David Ohlin, Andrew Altman, “Targeted killings: Law and morality in an asymmetrical world”, Oxford University Press, Oxford 2012, page 370 ; https://m.jpost.com/opinion/behind-the-lines-hedging-bets-in-the-gulf-599427/amp ; https://www.protenders.com/companies/presidential-guard-command ; https://www.middleeasteye.net/news/revealed-mercenaries-commanding-uae-forces-yemen
[29] https://www.trtworld.com/magazine/the-uae-s-covert-web-of-spies-hackers-and-mercenary-death-squads-23805 ; https://foreignpolicy.com/2017/12/21/deep-pockets-deep-cover-the-uae-is-paying-ex-cia-officers-to-build-a-spy-empire-in-the-gulf/ ; https://www.buzzfeednews.com/article/aramroston/mercenaries-assassination-us-yemen-uae-spear-golan-dahlan ; https://www.reuters.com/article/us-usa-spying-raven-specialreport/special-report-inside-the-uaes-secret-hacking-team-of-u-s-mercenaries-idUSKCN1PO19O ; https://www.reuters.com/investigates/special-report/usa-spying-raven/ ; https://www.reuters.com/investigates/special-report/usa-spying-karma/
[30] https://www.spraynews.it/post/spunta-un-azienda-di-software-italiana-nell-intrigo-spionistico-del-caso-khashoggi ; https://www.repubblica.it/esteri/2018/12/09/news/khashoggi_wp_anche_una_societa_italiana_nella_cyber_guerra_saudita_per_catturare_il_giornalista_dissidente_-213789698/
[31] https://intelnews.org/tag/cagn-global-ltd/ ; https://www.analisidifesa.it/2018/03/truppe-intelligence-ed-inquisitori-privati-per-le-monarchie-del-golfo/ ; https://www.voltairenet.org/mot116.html?lang=it
[32] https://intelnews.org/tag/cagn-global-ltd/ ; https://www.analisidifesa.it/2018/03/truppe-intelligence-ed-inquisitori-privati-per-le-monarchie-del-golfo/ ; https://www.voltairenet.org/mot116.html?lang=it
[33] https://intelnews.org/tag/cagn-global-ltd/ ; https://www.analisidifesa.it/2018/03/truppe-intelligence-ed-inquisitori-privati-per-le-monarchie-del-golfo/ ; https://www.voltairenet.org/mot116.html?lang=it
[34] https://www.ecssr.ae/en/reports-analysis/
[35] https://www.ecssr.ae/en/lecturers/
[36] https://theintercept.com/2017/08/17/weapons-money-intended-for-economic-development-being-secretly-diverted-to-lobbying/

3 replies

  1. Sono serio,
    ma questo articolo cos’è?
    CONTROSPIONAGGIO?
    Il giornalista ha raccolto tutto questo materiale e inserito tutti questi link con un lavoro di ricerca autonoma?
    O è un copia&Incolla di qualche velina arrivata da una delle parti in commedia?

    Mi sembra un gioco di propaganda e CONTROpropaganda fra nazioni, cercando di coinvolgere le opinioni pubbliche occidentali.

    Mia opinione.
    Ma è un argomento che dovrebbe venire approfondito da giornali più quotati, non da un sito di terz’ordine.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.