Se vincerà il “sì”

(Tommaso Merlo) – Se vincerà il “sì” al taglio dei parlamentari la democrazia italiana si allineerà a quelle più avanzate. Basta pagare la bella vita di 345 inutili poltronisti e basta con un parlamento elefantiaco infarcito di parassiti e imboscati. Se vince il “sì” i vecchi partiti incasseranno un’altra batosta. A loro quelle 345 poltrone d’oro fanno un dannato comodo. Gli rendono un sacco di soldi con la cresta che ci fanno ed è con quelle poltrone che ricompensano le loro truppe. A spese del contribuente. Ovviamente. Se vincerà il “sì” alle prossime elezioni molti poltrononosauri si dovranno estinguere mentre ad altri andrà ancora peggio e cioè dovranno trovarsi un lavoro. Se vincerà il “sì” giornali e televisioni al guinzaglio delle lobby confermeranno il loro straziante tramonto. Quando fanno campagna per una cosa i cittadini ne votano un’altra. Del resto dopo aver distrutto la professione giornalistica e perso ogni briciolo di credibilità, ci mancherebbe altro che qualcuno gli dia ancora retta. L’Italia è un paese senza libertà di stampa e senza un’informazione degna di una democrazia moderna. Ma ogni cosa a suo tempo. Se vincerà il “sì” le bande di traditori e voltagabbana e mentitori seriali collezioneranno un’altra figuraccia epocale da aggiungere al loro palmares. Inutile illudersi che proveranno vergogna o rimorsi. Consola però sapere che con tutte quelle poltrone in meno certi personaggi sono al loro ultimo penoso giro di giostra. Se vincerà il “sì” allora è proprio vero che per cambiare l’Italia ci vogliono i cittadini. I politicanti di professione alla fine ti tradiscono sempre. Ingrassano, s’imborghesiscono, si fanno degli amici nei palazzi e alla fine pensano solo agli affaracci propri tipo mantenersi una poltrona di velluto rosso sotto le natiche. Altro che votare per tagliarsela. Fessi sì, ma non fino a quel punto. Se vincerà il “sì” quel Movimento di scappati di casa si confermerà la forza politica più fattiva che si sia vista in politica da decenni. A sentire Lorsignori quei vandali a 5 stelle dovevano mandare in malora il paese senza combinare nulla ed invece si apprestano a portare a casa un altro risultato storico riuscendo là dove i matusalemmi partitocratici han sempre clamorosamente fallito. Se vincerà il “sì” l’Italia farà un ulteriore passo avanti verso un salubre cambiamento. Dopo decenni d’immobilismo, dopo decenni di chiacchiere al vento, dopo decenni di malaffare e di sterili deliri dietro a qualche egoarca doppiogiochista, la democrazia italiana si è rimessa in moto. È indubbio che dal 4 marzo in poi si respira un’altra aria nel paese. La politica nei palazzi si è data una calmata e pure una ripulita mentre il governo ha ricominciato a servire i cittadini invece che qualche lobby o qualche casta. Tutto questo è avvenuto grazie a quel movimento anomalo di scappati di casa che ha fatto saltare equilibri e reti e prassi di potere più o meno occulte impedendo alla vecchia politica di sguazzare come un tempo. Ma in Italia non molla nessuno. Neanche ad un passo dalla fossa. I matusalemmi partitocratici e il loro cucuzzaro pseudo giornalistico votano compatti per il “no”. La solita poltronite acuta ma anche il desiderio di chiudere questa fase di cambiamento politico e ricominciare ad abbuffarsi in santa pace. Ci proveranno fino all’ultimo ma se vincerà il “sì” dovranno dire addio a certe perverse nostalgie e la democrazia italiana potrà continuare la sua travagliata evoluzione.  

12 replies

  1. Caro Merlo, togli tutti quei disfattisti “se”.
    Il SI ha già vinto dal momento stesso in cui s’è data ai cittadini la possibilità di votarlo.
    Non ci sono se e non ci sono ma.
    I prosseneti (vedi diz.!) che hanno sempre costituito la maggioranza schiacciante del
    Parlamento e del ceto politico in generale, si sono trovati a scegliere tra il buttarsi nel
    fuoco o il buttarsi nel vuoto.
    La pressione della Pubblica Opinione li ha costretti a votare il taglio delle loro adorate
    poltrone ed ora tentano in extremis di intorbidire le acque con le loro pretestuose e
    fasulle argomentazioni, ma sono i primi a sapere che non caveranno un ragno dal buco.
    La cosa che più li addolora e preoccupa, i prosseneti di cui sopra intendo, è il fatto che
    dopo decenni di assenza e colpevole sopore una Pubblica Opinione si stia riformando
    e cominci a pretendere di essere ascoltata.
    Sarò accusato di essere un acritico adepto della setta pentastellata (per quel che me ne
    frega) ma almeno un po’ di merito per questo inaspettato risveglio della PO ai 5S lo
    vogliamo riconoscere o no?

    Piace a 6 people

  2. Ancor di più alla luce di questo articolo, non riesco a capire chi si ostina a sottolineare l’importanza della rappresentatività democratica. È vero, è importante avere un adeguato numero di parlamentari al fine di garantire adeguata rappresentanza territoriale, e indipendenza e diversificazione. Ma ne abbiamo davvero troppi. Più di qualunque altro stato. Ne abbiamo in numero esorbitante. Cosa c’entra allora l’argomentazione del NO?

    Piace a 1 persona

  3. “Del resto dopo aver distrutto la professione giornalistica e perso ogni briciolo di credibilità, ci mancherebbe altro che qualcuno gli dia ancora retta”

    Eee.. ma anche tu non scherzi.

    "Mi piace"

  4. Mentre leggevo, mi è venuta in mente una conversazione con una apprezzata signora che candidamente mi ha chiesto “ma cosa ha fatto Il M5S?” Fa rabbrividire come la stampa e le TV riescano a nascondere dietro fitte cortine fumogene le riforme – le uniche degli ultimi 30 anni – che il Movimento ha portato a compimento in 2 anni. Io sono orgoglioso di averli sempre sostenuti, anche quando erravano

    Piace a 4 people

  5. La travagliata evoluzione della democrazia (direi più rinascita che evoluzione) va avanti, nonostante abbiano messo in campo tutte lo loro armi per fermarla.

    Ma giornali e tv non riescono più a fare pienamente il loro dovere di cani pastore del gregge dei cittadini, che per decenni hanno pascolato e riportato all’ovile per essere munto o tosato o mangiato.

    E non solo in Italia.

    La colonna portante della democrazia è un’informazione libera, e da una ventina d’anni l’informazione ha cominciato a liberarsi, piano piano piano, mentre il potere ha fatto di tutto perchè non succedesse ma senza riuscirci, e stremandosi nel tentativo.

    "Mi piace"

  6. I 5stelle non hanno ancora capito che l’uso della televisione per narrare ed informare sarebbe rivoluzionario.Un conto e dire menzogne e un altro conto è dire la verità

    "Mi piace"

  7. spero e mi chiedo stavolta non succede come successe per il finanziamento dei partiti che dopo il referendum che toglieva il finanziamento, si trovò la scappatoia di finanziarli lo stesso , anzi aumentarono e non di poco gli emolumenti con le quote ai partiti? cavolo gli italiani se lo ricordano o no???
    Adesso è il momento di non fermarsi a fare commenti o mettere like ma agire.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.