Napoli, via Cifariello: lanciato un SOS per l’antica strada vomerese

Auto parcheggiate anche in seconda fila e occupazioni di suolo pubblico

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, dopo aver constato lo stato d’abbandono e di degrado nel quale continua a versare una delle più antiche e rappresentative strade del quartiere Vomero, lancia un SOS agli uffici competenti affinché intervengano al più presto, anche con controlli costanti e continui, per ripristinare la piena agibilità dell’arteria.

            ” Mi riferisco a via Filippo Cifariello – afferma Capodanno – che, come riportato nel libro “Le strade del Vomero” di Antonio La Gala, rappresenta l’unico tratto rimasto dell’antica strada vomerese che, partendo da Via Belvedere, proseguiva lungo via del Torrione san Martino arrivando a Castel S. Elmo. Una delle poche strade del quartiere collinare che presenta ancora la pavimentazione in pietra lavica. Al centro di questa stradina, di poche centinaia di metri, si trova la chiesa, con il convento, di San Gennariello al Vomero, nota anche come Piccola Pompei, costruita nel 1513. Dunque la più antica delle tre chiese che nel quartiere collinare sono dedicate al Santo Patrono, in ricordo del primo miracolo della liquefazione del sangue di San Gennaro, miracolo che si racconta sia avvenuto durante la traslazione delle reliquie del santo da Pozzuoli a Napoli “.

            ” Negli anni scorsi – prosegue Capodanno -, pure al fine di salvaguardare l’antica stradina, priva peraltro di marciapiedi, fu istituita anche una zona a traffico limitato, come si legge su una palina segnaletica presente all’incrocio con via Bernini. Un altro segnale impone il divieto di sosta su ambedue i lati della carreggiata e per 24 ore,  con la rimozione con il carro attrezzi “.

            ” Eppure si osservano auto parcheggiate, anche in seconda fila, a tutte le ore del giorno, costringendo peraltro i pedoni a delle vere e propri gimcane – puntualizza Capodanno -. Non solo ma lungo i due lati della carreggiata si nota la presenza di numerosi vasi da fiori di varia foggia e dimensione, oltre a diversi elementi di arredo, posti sul suolo pubblico “.

            ” Una situazione di degrado e di abbandono più volte segnalata – sottolinea Capodanno -, senza che risulti che siano stati posti in atto gli interventi tesi ad eliminare i problemi evidenziati “.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.