Gli onorevoli traditori

(Tommaso Merlo) – Tradire è sempre da infami. Tradire mettendo a rischio il governo del paese in un momento di grave emergenza, è folle. Eppure niente e nessuno sembra fermare l’esodo degli onorevoli traditori. Davvero irresponsabili. Tra loro spiccano quelli in fuga dal Movimento 5 Stelle. In un momento drammatico come questo hanno il coraggio di tradire i cittadini che li hanno votati, tradire un Movimento che gli ha offerto l’opportunità di arrivare in parlamento, tradire colleghi e attivisti con cui collaborano da anni, tradire i valori a cui dicevano di credere. Davvero sfacciati. Avessero almeno la dignità di tenere la bocca chiusa. Ed invece i traditori seguono tutti lo stesso imbarazzante copione. Starnazzano di chissà quali divergenze politiche ed invece di assumersi la responsabilità del loro ignobile gesto, la scaricano sulla comunità politica in cui militavano fino al giorno prima. Il loro è un disperato quanto inutile tentativo di mettersi a posto la coscienza. Un lusso che i traditori non si possono permettere. Tradire è sempre da infami ma farlo in un Movimento che nasce per sconfiggere certe schifezze lo è ancora di più. Tutti a strisciare verso lo stipendio pieno, verso il terzo mandato e magari pure verso qualche sprazzo di sole. Schifezze a cui la democrazia italiana non riesce a rimediare. Eppure basterebbe poco. Se cambi idea, se non ti va più bene la linea del tuo partito, raccogli i tuoi stracci e te ne torni a casa tua. Punto e a capo. Perché è inaccettabile che i voti dei cittadini vengano traditi e magari svenduti ad altri partiti con idee opposte. Il tradimento dei parlamentari scippa i cittadini del loro voto minando alle fondamenta il gioco democratico. La sua credibilità, il suo senso. Il Movimento ci ha perlomeno provato a prevenire i traditori, ma rinnovare la politica italiana si sta rivelando un’impresa davvero titanica. Questo perché piaghe come il trasformismo sono la conseguenza dell’ego di chi fa politica. Della brama di protagonismo, del cinismo, dell’arrivismo. Si tratta di un problema culturale prima ancora che politico. Un problema che necessiterebbe di una regolamentazione severa per venire debellato. In modo da scacciare dal parlamento gli onorevoli traditori all’istante e in qualunque parte dell’emiciclo siedano. E così siamo alle solite. Manciate di traditori che mettono a rischio il governo in un momento drammatico come questo. Davvero inaccettabile. L’unica consolazione è che se si tornasse al voto gli onorevoli traditori sparirebbero dalla circolazione. Perché è questo il loro destino. Qualche ora di misera gloria e poi l’oblio. Nessuno si ricorderà di loro se non in qualità di traditori tra i tanti. Traditori dei cittadini, della propria comunità politica ma anche di se stessi. Anche se questo lo capiranno solo in seguito, quando calerà il sipario sulla loro penosa parabola politica e si guarderanno indietro e magari pure dentro. Solo allora capiranno che mettersi a posto la coscienza è un lusso che i traditori non si possono permettere.

9 replies

  1. I Giuda, i perfidi, hanno costellato negli anni la vita politica del Paese, sia calcando la scena da franchi tiratori, sia prezzolati nel mercato delle vacche grasse, ma oggi in un momento particolare per il Paese è oltremodo odioso cambiare casacca per mantenere intero lo stipendio e i privilegi, rimanendo incollati agli scanni parlamentari magari in antitesi ai loro vecchi principi elettorali, non rappresentando altro che la viltà di se stessi.

    Piace a 1 persona

  2. Il problema non è il singolo parlamentare, quando nelle ultime 2 legislature i governi si sono retti con i parlamentari usciti da scelta civica e forza Italia, confluiti nel PD e nel partito fantasma dell’NCD di Alfano e adesso dai fuoriusciti del PD confluiti nel partito fantasma di Italia Viva, si insulta la pagliuzza e si nasconde la trave, come al solito

    "Mi piace"

  3. Staremo a vedere se Salvini la ricandiderà, non essendo un uomo di parola e col taglio dei parliamentari in vista non credo abbia possibilità. Ciò detto se la smetteste con la regola idiota e populista del dimezzamento dello stipendio il governo non sarebbe a rischio.

    Piace a 1 persona

    • Se la Lega ottenesse alle elezioni il 23-26%, considerando anche il taglio dei parlamentari, il numero di poltrone si assottiglierebbe sensibilmente.
      Dubito che tra le fila della Lega ci sia gente disposta a farsi da parte per consentire alla Riccardi, e ad altri Scilipoti, di occupare la loro poltrona.

      "Mi piace"

    • Molti traditori del Movimento sono stati inghiottiti dall’oblio(Orellana, Favia, De Pin, Fucksia, ecc).
      Nella prima legislatura ne sono stati espulsi, o hanno lasciato, in 40, e di questi solo 2 sono riusciti a farsi rieleggere(con FI e Fdi), tutti gli altri sono andati a casa casetta.
      Stessa sorte toccherà ai traditori di questa legislatura(Fattori, Nugnes, Riccardi, ecc), e azzardo pure Gianluirido Pappagone.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.