Conte vuol difendere il Rdc? Prima lo chieda

Per fortuna la nostra stampa sa ancora riconoscere un politico delinquente quando lo incontra, e i nostri partiti dimostrano di saper – eccome! – cos’è la questione morale. L’ultimo dell’anno Dagospia “pizzica” Giuseppe Conte a pranzo nel dehors di un hotel a 5 stelle di Cortina […]

(DI DANIELA RANIERI – Il Fatto Quotidiano) – Per fortuna la nostra stampa sa ancora riconoscere un politico delinquente quando lo incontra, e i nostri partiti dimostrano di saper – eccome! – cos’è la questione morale. L’ultimo dell’anno Dagospia “pizzica” Giuseppe Conte a pranzo nel dehors di un hotel a 5 stelle di Cortina e pubblica lo scatto, volevamo dire il cablo, che espone il reprobo alla esecrazione che merita.

La trista vicenda – un ex presidente del Consiglio, avvocato e docente universitario che a Capodanno va in vacanza sulle Dolomiti e non, come ci si aspetterebbe, a Ovindoli o sulla spiaggia sul Tevere aperta dalla Raggi – deflagra sui social, dove il Terzo ovvero Sesto Polo detiene il 39% dei consensi, e sulla stampa mainstream: “Il leader M5S Conte è stato fotografato a Cortina d’Ampezzo con la compagna, mentre sui social parla delle code alle mense dei poveri”, denuncia il Corriere, il che ferisce particolarmente la sensibilità di chi, come noi, credeva che Conte passasse le vacanze fino alla Befana alla onlus Pane quotidiano, insieme alle 4 mila persone al giorno che fanno la fila per mangiare perché preferiscono prendere il Reddito di cittadinanza che lavorare. Su Libero Sallusti vibra un editoriale: Conte “vuol farci credere di essere un novello San Francesco” e poi “svacanza (sic) a Cortina a 2500 euro al giorno”, il che prova la sua ipocrisia nel difendere il Rdc (per essere credibile Conte dovrebbe percepirlo), nonché della coerenza di Sallusti, che solo pochi giorni fa aveva detto di essersi sentito “una merda” (verbatim) per aver alimentato una polemica moralista su Bersani, a sua volta “pizzicato” mentre usciva da una boutique Louis Vuitton con un pacco, poi rivelatosi una sciarpa per la moglie, scelta massimamente avventata giacché si sa che i comunisti coerenti per Natale regalano alle mogli un samovar e un tozzo di pane raffermo.

I renziani, il cui capo scorrazza per il mondo (anche per fare conferenze sul cambiamento climatico) a bordo di jet privati che emettono in poche ore la CO2 che una persona normale produce in 4 anni, hanno denunciato il lusso ostentato da Conte, che evidentemente ha dei soldi da parte sui quali varrebbe la pena indagare (non è escluso che se li sia guadagnati facendo il giullare di corte al servizio di satrapi sauditi che fanno ammazzare i giornalisti: insomma, chissà che questo Conte non condivida la fedina umana e morale di Renzi), mentre i liberali di destra e di sinistra – che hanno passato anni a blaterare di invidia sociale della sinistra – difendono la scelta di Conte di spendere i soldi come vuole (amano i ricconi di qualunque colore), anche stappando lo champagne con la sciabola, ma non si faccia fotografare coi poveri, che peraltro fanno sempre un po’ schifo (ovvero faccia beneficenza, non politica).

Ecco, questo è il punto: per questa gente se un politico difende il Rdc (senza esserne percettore) e tutela i poveracci è voto di scambio, non semplice espressione del principio della rappresentanza, sempre ammesso che la nostra sia ancora una Repubblica parlamentare.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

20 replies

  1. Frequentare gli hotel 5 *di Cortina espone al rischio di incontrarvi ” certa gente”.

    "Mi piace"

    • Invece, frequentare Montecitorio oppure Palazzo Madama negli ultimi vent’anni fa correre il rischio di incontrare gli stessi politici di professione nullafacenti come Giorgy, il madonnaro, Fonzie & Carletto: non sanno fare niente se non le chiacchiere tipiche dei manutengoli ammaestrati ed asserviti si peggiori interessi economici e finanziari italiani ed holliwoodiani. Ma per favore !!

      Piace a 4 people

  2. Guardate che comunque è una buona notizia perché se questi pennivendoli si attaccano a queste stronzate significa che non sono arrivati alla frutta ma all’ammazzacaffe’.

    Piace a 6 people

    • Vero. Penso sia un segnale che hanno il terrore del M5* e di Conte, che gode di eccellente gradimento, stando ai sondaggi; tanta inquietudine viene generata dal programma del movimento, dai successi ottenuti nella scorsa legislatura e dalle personalità di spicco che sono state elette recentemente.
      Hanno paura di una forza che si batte per la equità sociale e contro il variegato malaffare italico.
      Conte faccia buon uso di questo panico che attanaglia i grandi apparati mediatici e soprattutto ne comprenda le motivazioni (è facile, dai!).

      Piace a 6 people

      • Ho letto poco fa su youtube di un’intercettazione in cui Zaia farebbe delle pressioni Crisanti sui tamponi rapidi fatti nel 2020. Praticamente Zaia si sarebbe guadagnato la rielezione su un sacco di balle.
        Non ho letto con attenzione ma se fossi in CONTE chiederei una commissione d’inchiesta sulla gestione covid da parte delle regioni e sui finanziamenti di RDC.

        Piace a 2 people

  3. Già che Sallustri abbia ammesso di sentirsi una merda è un passo avanti aspettiamo l’outing di tutti gli altri da mentina a fonzi dalla santadeche’ a sor papete dal nonnetto al fascistone dal lupo che se fa’ la comunione ……etc etc

    "Mi piace"

    • Esattamente quello che ho pensato e scritto anch’io, purtroppo gli italiani hanno il cervello solo per dividere le orecchie è i giornalisti lo sanno, altrimenti non scriverebbero articoli del genere, verrebbero insultati rovinosamente!

      Piace a 2 people

  4. È l’ennesima arma di distrazione di massa. Si crea un putiferio su questo episodio che NON è una notizia per NON affrontare i problemi evidenziati dalle notizie vere. Chi può scappi da questo paese fallito eticamente, moralmente, economicamente e abitato da gente di ……..

    Piace a 1 persona

  5. oramai siamo “all’infinita della stupidità umana”di memoria einsteiniana per i giornalai nostrani “a la carte” Il papa per che difende i poveri e senza tetto clochard dovrebbe (per il loro sillogismo) vivere sotto i ponti e mangiare alla mensa dei poveri anziche stare in vaticano tra lussi e sfarzosità servito ed accudito.

    Piace a 1 persona

  6. Dai commenti sembra che non ce state a capì una mazza.La maggioranza non vota proprio per queste cose.E la maggioranza non va a Cortina ma deve fare salti mortali solo per sperare di arrivare alla fine del mese.Non può essere rappresentata da chi non sa neanche cosa vuol dire campare in quel modo.Vale per Grillo e per conte e la transumanza politica in generale.Va dove tira il vento potrebbe essere una nuova forza politica?Un po di coerenza, non guasterebbe.Verrebbe da aggiungere un bel chi se ne frega, come finale. https://youtu.be/YeR7whMvREI

    "Mi piace"

    • È vero. Altre due sue bellissime massime furono:
      LA RIVOLUZIONE NON È UN PRANZO DI GALA
      NON IMPORTA SE IL GATTO È BIANCO O NERO
      IMPORTANTE È CHE ACCHIAPPI IL TOPO

      Piace a 1 persona