“Russia Stato terrorista”, il M5s si astiene sulla risoluzione europea: “Ora alziamo i toni della pace”

(Massimiliano Cassano – tpi.it) – Al Parlamento europeo si vota oggi una risoluzione che definisce la Russia come uno “stato terrorista”: l’esito è in bilico, ciò che è certo è che il Movimento 5 Stelle si asterrà. Lo comunica in una nota ufficiale il partito retto da Giuseppe Conte, spiegando che “in Ucraina è il momento di alzare i toni della pace”. “La risoluzione che verrà messa ai voti oggi al Parlamento europeo – spiegano i pentastellati – porta invece all’opposta direzione”. Il partito ha precisato di avere “solidarietà totale” verso il popolo ucraino, e di considerare la Russia come “l’unica responsabile della guerra in corso”, ma questo non è sufficiente per votare a favore della risoluzione. “Pur condividendo i paragrafi di sostegno all’Ucraina – si legge – non possiamo sostenerla”.

Il motivo è “l’assenza della parola ‘pace’ dal testo”: “Dopo più di nove mesi di aperte ostilità che non hanno risparmiato le popolazioni civili bisogna mettere a tacere le armi e far prevalere le diplomazie. Non è più il momento del muro contro muro”. La nota si conclude con una condanna dell’operato del presidente russo: “Putin ha colpevolmente violato il diritto internazionale, ma va condotto ogni sforzo per arrivare a un negoziato fra le parti e mettere fine a questa orribile guerra. Proviamoci”. Il testo della risoluzione è stato presentato da Conservatori e Riformisti, ma i due principali gruppi del Parlamento europeo – Ppe e S&d – hanno espresso perplessità circa la sua utilità giuridica. Negli stessi socialisti potrebbe esserci qualcuno che voterà contro.

Fonti del gruppo guidato da Iratxe Garcia Perez hanno spiegato: “Non ci sono argomenti per giustificare la guerra della Russia ma la questione è cosa aggiunge il fatto che si tratti di uno Stato terrorista, quali strumenti ci porta”. La preoccupazione diffusa è che la risoluzione possa isolare ulteriormente la Russia, mentre c’è chi predica maggiore prudenza.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

4 replies

  1. L’UE sta facendo tutto il possibile per mantenere la sua marginalità politica sulla questione della guerra in Ucraina e questa risoluzione è l’ennesima prova.

    "Mi piace"

  2. Terrorista è chi ha provocato scientemente il conflitto standosene comodamente a casa sua a 10000 km di distanza, che ha fato saltare per aria il viadotto della Crimea, il gasdotto nodstream, l’automobile della Dughina e chi spara in testa i prigionieri.

    Piace a 2 people

  3. Capisco che il politichese sia d’obbligo avendo a che fare con gli energumeni americani.

    Ma fino a che in Europa non ci sarà qualcuno che ha il coraggio di dire a alta voce in faccia a Biden se non è ora che la finisca con le mire espansionistiche della sua Nato (perché il nodo cruciale per avviare un colloquio di pace è quello), questa guerra non finirà mai e porterà ancora lutti su lutti.

    E poi non vengano a propinarci film strappalacrime sulle loro piattaforme tv a stelle e strisce per un Natale di sentimenti e solidarietà.

    Anche pensiero di vedere dei presepi in una situazione così ipocrita mi sembra una bestemmia.
    Passano le voglie perfino di fare l’albero.

    Piace a 1 persona