Reddito: 404mila famiglie in miseria da agosto 2023

Il taglio del governo è l’opposto di quanto chiede Bruxelles e fa Berlino. Entro agosto 404 mila nuclei senza l’aiuto. E c’è il favore agli stagionali. L’obiettivo, va detto, era inseguito da tempo. Da quando il Reddito di cittadinanza è entrato in vigore nel marzo del 2019, aiutato dalla grancassa mediatica che ha amplificato le truffe […]

(DI CARLO DI FOGGIA – Il Fatto Quotidiano) – L’obiettivo, va detto, era inseguito da tempo. Da quando il Reddito di cittadinanza è entrato in vigore nel marzo del 2019, aiutato dalla grancassa mediatica che ha amplificato le truffe, dalla narrazione – smentita dai dati – dei “divanisti” cara alla destra, al rassemblement centrista che ha la sua sponda in pezzi del centrosinistra ed è stata sposata perfino dai 5Stelle (“La misura non può andare a chi sta sul divano”, copyright Luigi Di Maio). Alla fine, com’era prevedibile, dopo il lavoro sporco, l’ultimo miglio lo percorre il governo di Giorgia Meloni: l’Italia è il primo tra i grandi Paesi europei (ma pure tra i più avanzati Ocse) a fare marcia indietro su una misura di sostegno alle persone in povertà. Assieme alla Grecia è stata l’ultima a introdurla, oggi è la prima a volerla abolire.

L’annuncio l’ha dato ieri la premier in conferenza stampa presentando la manovra. La misura prevede lo stop già dal 2023 per gli “occupabili”, cioè chi ha firmato un “patto per il lavoro” con i centri per l’impiego, e dal 2024 finirà per tutti, anche se, spiega Meloni, “si continua a tutelare chi non può lavorare e aggiungiamo le donne in gravidanza”. Bontà sua.

La norma Colpiti in 400 mila E il favore al turismo

Le bozze della norma prevedono già nel 2023 il taglio dell’assegno a 8 mensilità per chi, tra i 18 e i 59 anni, può lavorare: sarà obbligato a seguire corsi di formazione per l’inserimento lavorativo (peraltro già previsti dalla norma). Quanti sono? In teoria, 830 mila, un terzo dei quali già lavora e si vede integrare un salario misero dal Rdc. La relazione tecnica parla di una platea interessata di 404 mila nuclei familiari, se si escludono quelli che hanno minori, disabili o anziani over 60 a carico (esentati dal taglio). Queste famiglie percepiscono un beneficio medio di 543 euro mensili per nucleo. Di norma i nuclei hanno 2,5 membri, e quindi parliamo di un milione di persone. Quelli con percettori occupabili sono meno numerosi e quindi il numero può oscillare tra le 500 e le 600 mila persone. Gente che, al più tardi da agosto, non avrà più il sussidio pubblico. Chi sono, è noto: il 70% ha al massimo la licenza media, il 73% non ha avuto esperienze lavorative negli ultimi tre anni; soprattutto disoccupati di lungo corso ai margini del mondo del lavoro che sopravvivono come possono. La norma prevede lo stop all’assegno già alla prima offerta di lavoro rifiutata (prima era due) e impone che tutti i beneficiari (occupabili e non) residenti nel Comune debbano essere impiegati in progetti utili alla collettività (oggi solo un terzo del totale). Meloni non si è fatta mancare nemmeno un regalino, per così dire, di settore: solo i lavoratori stagionali potranno lavorare e conservare il Rdc, fino a un limite di 3.000 euro (la stima è di 70 mila occupati per un costo di 43 milioni). Parliamo di una misura che gli esperti di lotta alla povertà, racchiusi nella commissione ministeriale istituita dall’ex ministro Andrea Orlando, avevano chiesto per tutti i lavoratori, visto che oggi il Rdc viene decurtato dell’80% per ogni euro incassato via salario. Meloni, invece, accontenta solo le imprese del turismo, che si dolgono sui giornali della concorrenza del sussidio, narrazione che fa a pugni con le assunzioni stagionali da record (820 mila fino ad agosto, nel 2022 si supererà il milione) ma si inserisce a pieno nell’opera di livellare al ribasso i salari, costringendo i lavoratori ad accettare paghe da fame. Non a caso, il presidente dell’Inapp, Sebastiano Fadda, ha spiegato che “basterebbe migliorare le condizioni retributive e lavorative di questi lavoratori per quasi dimezzare l’attuale numero dei percettori”. Nulla di tutto questo compare in manovra che – oltre ai 730 milioni di risparmi – fissa la spada di Damocle dello stop totale dal 2024 a favore di una “riforma delle misure di sostegno alla povertà”.

In Ue ultimi E Berlino fa tutto il contrario

Come detto, la decisione italiana va in controtendenza. Tutti i Paesi Ue, seppur in maniera diversa, hanno introdotto uno schema di reddito minimo garantito: l’Italia è arrivata ben ultima con la Grecia. Secondo i dati ripresi da Openpolis, Belgio, Lussemburgo, Slovenia, Svezia, Slovacchia e, dal 2020, Spagna hanno una efficace gestione centralizzata, altri hanno schemi stratificati o gestiti a livello locale (Austria o Slovacchia). In Italia il Rdc corrisponde a un terzo del reddito mediano: è il settimo Paese Ue più generoso, dopo Paesi Bassi, Lussemburgo, Danimarca, Belgio, Irlanda e Malta. Tra gli ultimi troviamogli Stati dell’Europa Orientale, soprattutto Lettonia, Slovacchia e Romania, dove il reddito minimo garantito è l’8% di quello mediano.

Secondo i dati dell’osservatorio Cdpi, in 10 Paesi è obbligatorio accettare qualsiasi offerta di lavoro pena la perdita del beneficio, in 11 qualsiasi offerta appropriata, e in Francia si può rifiutare soltanto una offerta. Altri impongono l’obbligo di svolgere lavori socialmente utili (Lussemburgo e Romania). Allargando lo sguardo in sede Ocse, si vede che tutti i sistemi di protezione sociale, benché molto diversi fra loro, prevedono trasferimenti di natura non contributiva simili al Reddito di cittadinanza. Secondo uno studio dell’economista Ocse Daniele Pacifico, nel 2018 il 43% di tutti i sussidi erogati alla popolazione italiana in età lavorativa è andato al 20% più ricco, solo l’8% è stato ricevuto dal 20% più povero, questo perché gran parte degli aiuti era di tipo contributivo non means tested, cioè senza verifica del reddito e senza effetto redistributivo. Cosa che l’Rdc fa e infatti la quota di aiuti di tipo non contributivo è passato dal 20 al 38% (in Danimarca è all’82%, in Irlanda al 71%, in Germania al 60% e in Francia al 51%).

Si vedrà se la ministra del Lavoro, Marina Calderone, che è riuscita a rimandare al 2024 lo stop totale al Rdc, riuscirà a salvare il grosso della misura. Nel frattempo però, l’Ue ha chiesto di fare il contrario, cioè rinforzare gli schemi di reddito minimo garantito. La Germania, per dire, sta facendo il contrario dell’Italia, trasformando i suoi sussidi “Harz IV” in una sorta di reddito di cittadinanza per ridurre la pressione sui disoccupati negli uffici di collocamento. L’idea è promuovere l’apprendimento, anziché dare priorità all’inserimento lavorativo: ci si potrà aggiornarsi e cercare un lavoro duraturo, senza accontentarsi di un’occupazione temporanea. La riforma voluta dal governo Scholz è ora bloccata dal Consiglio federale guidato dalla Cdu. La destra è destra, anche a Berlino.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

10 replies

  1. aiutato dalla grancassa mediatica che ha amplificato le truffe

    Grancassa utilizzata anche da certi cialtroni “progressisti” con ruoli apicali nello spappolare le menti degli italiani tramite i media che sono chiamati a guidare. Il tutto solo per cercare di distruggere il M5*.
    Li si guardi bene, oggi, tutti preoccupati perché si sono accorti che la povertà esiste.
    Grandissimi cialtroni!

    Le truffe (assolutamente da rendere note, sia chiaro), mostrate tutte; la vita cambiata dei percettori onesti: poco spazio o addirittura nulla.
    Cialtroni!

    Piace a 1 persona

      • Se qualcuno è scettico circa la affermazione che il pd è destra, dovrebbe prestare attenzione alle frequenti dichiarazioni dei maggiorenti di tale partito: “dobbiamo tornare a fare la sinistra”, oppure “c’è uno scollamento tra noi e la nostra base” ecc
        La prospettiva di venire cancellati li fa rinsavire. Solo un attimo però. Dovrebbero rendersi conto che il problema serio deriva dal fatto che hanno perso totalmente la capacità di essere sinistra, ammesso sia stato un requisito posseduto in passato.

        "Mi piace"

      • Il pd non può vantare risultati apprezzabili per il popolo, perché oramai è un partito dedito alla gestione del potere (clientelare). Il pd è un partito di destra, come i media che lo supportano.

        "Mi piace"

    • Moki cukj,
      Secondo me la “signora” si somministra dosi massicce di calmanti prima di presenziare in aula , ma evidentemente non sufficienti per reprimere la sua vera natura quando deve confrontarsi con una vera opposizione. Intollerante alle critiche e alle sue falsità sbugiardate , emerge il suo vero essere , cioè quella di un arrogante e maleducata fascista.

      Piace a 1 persona

      • I maggiori responsabili della sua ascesa sono i giornalisti che l’hanno dipinta come nuova, mentre di nuovo non ha neanche la ricrescita dei capelli. La cosa peggiore è che i suoi accoliti sono come lei ,intolleranti e offensivi nei confronti di tutti coloro che la criticano.

        Piace a 1 persona

  2. Tutti a magna’ a casa di quei politici che voteranno sì all’abolizione del reddito sarebbe una bella manifestazione di piazza portandosi da casa cucchiaio e forchetta .

    "Mi piace"

  3. Ogni fottuto giorno i TG me(r)diaset a dirci che l’RdC rovina l’italia e ci sono sempre furbetti qui e là. Una volta c’erano i furbetti del cartellino, adesso apparentemente estinti.

    Maledetti.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...