I repubblicani vogliono indagare sugli scandali della famiglia Biden in Ucraina

(Giorgia Audiello – lindipendente.online) – Con la riconquista della Camera da parte dei repubblicani, tornano in primo piano i presunti scandali legati alla famiglia del presidente americano, Joe Biden, e in particolare al figlio, Hunter Biden in Ucraina, già emersi durante l’ultima campagna elettorale e insabbiati da buona parte degli esponenti del Partito democratico: mentre, infatti, l’ex presidente Donald Trump era stato sottoposto a impeachment con l’accusa di avere esercitato pressioni sul presidente ucraino Volodymyr Zelensky per ottenere informazioni circa gli affari di Hunter Biden all’estero, non è mai stata presa in considerazione l’idea di svolgere indagini approfondite sugli evidenti conflitti d’interesse del secondogenito dell’attuale presidente americano. I repubblicani hanno, dunque, deciso che il prossimo Congresso dovrà avere come priorità quella di indagare il presidente, Joe Biden, e la sua famiglia, con l’intento di stabilire un collegamento tra le attività del figlio Hunter e il suo ruolo di vicepresidente, prima, o di presidente, adesso. «Voglio essere chiaro: questa è un’indagine su Joe Biden, ed è su questo che si concentrerà il comitato nel prossimo Congresso», ha dichiarato il futuro presidente del Comitato di supervisione James Comer. I democratici sono già pronti a dare battaglia e hanno iniziato a fare circolare una nota su Comer, definendolo un «teorico della cospirazione, adulatore di Trump, comprovato bugiardo».

La vicenda, piuttosto intricata, degli affari di Hunter in Ucraina comincia col ritrovamento del suo portatile – poi mai ritirato – presso un centro di riparazione nel Delaware: tra le tante informazioni e immagini shock trovate al suo interno, sono emerse delle conversazioni e-mail che evidenziano attività illecite di pressione politica in Ucraina, sfruttando il ruolo istituzionale del padre Joe. La notizia fu inizialmente bollata come “propaganda russa” dall’intero coro mediatico mainstream, ma fu infine confermata dal New York Times, il quale in un articolo scrisse che le e-mail estratte dal portatile «sono state autenticate da persone al corrente dell’indagine». L’avvocato, imprenditore e lobbista statunitense, Hunter Biden, tra il 2014 e il 2019 era stato membro del Consiglio di amministrazione di Burisma Holding, azienda energetica che opera in Ucraina, con il compito di «occuparsi delle questioni legali e offrire supporto alla società nei rapporti con organizzazioni internazionali», per uno stipendio mensile di 50.000 dollari. All’epoca dei fatti, Joe Biden era vicepresidente dell’amministrazione Obama e, a quanto si apprende dalle e-mail, Hunter avrebbe presentato suo padre all’alto dirigente di Burisma, Vadym Pozharskyi: «Caro Hunter, grazie per avermi invitato a Washington e di avermi dato la possibilità di conoscere tuo padre», ha scritto il 17 aprile 2015 Pozharskyi al figlio di Joe Biden.

Precedentemente, in una e-mail datata 12 maggio 2014, era già emersa la richiesta del dirigente di Burisma ad Hunter di sfruttare la sua influenza a favore dell’azienda: «Necessitiamo urgentemente di una tua opinione per come potresti usare la tua influenza», si legge nella mail. L’allora governo ucraino, infatti, aveva richiesto alla società la documentazione concernente le licenza concesse a Burisma e quest’ultima era preoccupata che potesse mettere in pericolo gli affari energetici della compagnia. Similmente, durante il governo di Petro Poroshenko, il procuratore generale ucraino, Viktor Shokin – attivo tra il febbraio 2015 e il marzo 2016 – stava portando avanti un’indagine nei confronti dell’azienda energetica, accusata di corruzione. Joe Biden avrebbe quindi minacciato Poroshenko di non far emettere dal Governo federale un pacchetto di aiuti da un miliardo di dollari destinato a Kiev nel caso in cui il procuratore non fosse stato immediatamente licenziato, cosa che poi avvenne. La vicenda, è ancora ora definita su Wikipedia come “teoria del complotto”, ma è stata confermata dallo stesso Biden che, durante un discorso al Council on Foreign Relations del gennaio 2018, relativamente alla vicenda avrebbe affermato: «Li guardai negli occhi e dissi, io parto tra sei ore, se il procuratore non è stato licenziato, non avrete i soldi. Beh, figlio di puttana. È stato licenziato». Il tutto mentre il procuratore indagava sull’azienda nel Cda della quale sedeva anche il figlio dell’allora vicepresidente.

Ma gli affari di Biden Junior in Ucraina non si limitano solo al settore energetico. Sembrano, infatti, confermate anche le accuse russe relative al finanziamento di laboratori di armi batteriologiche in Ucraina da parte del suo fondo d’investimento Rosemont Seneca. Le accuse di Mosca troverebbero conferma sempre nelle e-mail contenute nel laptop portato in riparazione e poi sequestrato dall’FBI: da queste, emerge il progetto per garantire milioni di dollari di finanziamenti a Metabiota, un’azienda californiana appaltatrice del Pentagono, specializzata nella ricerca su malattie che causano pandemie da utilizzare come armi. Dalle mail risulta che Hunter presentò Metabiota a Burisma, per un “progetto scientifico” relativo a laboratori di biosicurezza in Ucraina. Il vicepresidente di Metabiota, in un’e-mail inviata a Hunter, nel 2014 evocava progetti per «affermare l’indipendenza culturale ed economica dell’Ucraina dalla Russia». Le mail sono state pubblicate prima dal New York Post (NYP) – lo stesso quotidiano che aveva divulgato per primo la notizia del laptop di Hunter Biden – sia dal Daily Mail. Secondo quanto scritto dal NYP, che ha potuto visionare le mail, «Rosemont Seneca Technology Partners ha investito 500.000 dollari nella società di ricerca sui patogeni di San Francisco Metabiota e ne ha raccolti altri milioni attraverso aziende che includevano Goldman Sachs».

Mosca ha accusato esplicitamente gli USA e, in particolare, la famiglia Biden, di finanziare laboratori biologici in Ucraina. Il portavoce della Duma di stato russa, Vyacheslav Volodin, ha affermato che «Lo stesso presidente degli Stati Uniti Joe Biden è coinvolto nella creazione di laboratori biologici in Ucraina». «Un fondo di investimento gestito da suo figlio Hunter Biden ha finanziato la ricerca e l’attuazione del programma biologico militare degli Stati Uniti. È ovvio che Joe Biden, in quanto suo padre e Capo di stato, era a conoscenza di tale attività», ha proseguito Volodin.

Conferme sul coinvolgimento USA nei biolaboratori in Ucraina arrivano anche dalla vicepresidente di Metabiota, Mary Guttieri che, sempre in base a quanto rivelato dal NYP, avrebbe scritto a Hunter in merito a questioni geopolitiche che coinvolgono la ricerca dell’azienda nell’ex repubblica sovietica nell’aprile 2014: «Come promesso, ho preparato la nota allegata, che fornisce una panoramica di Metabiota, del nostro impegno in Ucraina e di come possiamo potenzialmente sfruttare il nostro team, le nostre reti e i nostri concetti per affermare l’indipendenza culturale ed economica dell’Ucraina dalla Russia e la continua integrazione in Società occidentale».

Con la riconquista della Camera da parte dei repubblicani, tutti i fascicoli scomodi a carico della famiglia Biden potrebbero essere riaperti. I membri repubblicani del Comitato di supervisione, infatti, pochi giorni fa hanno inviato lettere al Dipartimento del Tesoro, agli Archivi nazionali e all’FBI, tra gli altri, chiedendo la documentazione in loro possesso sulla famiglia Biden. I repubblicani ritengono che l’attuale presidente abbia ingannato i suoi elettori quando durante la campagna elettorale del 2020 aveva sostenuto di non essere a conoscenza delle attività del figlio e che continui tuttora a mentire. Eventuali indagini approfondite sugli affari esteri della famiglia Biden avrebbero ripercussioni sia sugli equilibri politici interni americani che sulla politica estera. Da un lato, infatti, potrebbero non solo comportare danni a livello d’immagine al Presidente, ma anche l’eventuale richiesta di impeachment; dall’altro la vicenda contribuirebbe a mettere in evidenza gli enormi interessi americani in Ucraina che hanno destabilizzato la regione e fomentato in larga parte l’attuale conflitto. Si tratta, dunque, di una questione della massima rilevanza, i cui sviluppi sono ora nelle mani dei repubblicani alla Camera.

30 replies

  1. Finalmente una giornalista che ne parla.
    “ Burisma Holding” è una scintilla importante (delle tante)che ha contribuito a causare il patatrac.
    https://infosannio.com/2022/11/05/elezioni-midterm-cosa-sono-e-perche-joe-biden-rischia-grosso/
    Giorgia Audiello indaga meglio e scoprirai le vere cause e tante altre cose…con mesi di ritardo.

    Dei laboratori farmacologici (poco più di una bufala)a Putin non fregava nulla…
    Lascia perdere.

    "Mi piace"

    • 👍🏻Mi ero già dimenticato di averne parlato in quel post.
      La Audiello scrive sul giornale dove scrive anche il Dibba.
      Fra un po’ uscirà anche l’articolo di Alessandro.
      La verità è un lungo viaggio.Piano piano ci si arriva.

      "Mi piace"

  2. Cosa vorresti dire?
    Che Putin ha innescato tutto per il gas?
    Quando poi l’anno scorso hanno bloccato il nord stream2?

    "Mi piace"

    • Voglio dire che ci sono i sociologi tonti come te che brancolano nel buio.

      Un passo più in alto ci sono i Guenoniani come Gatto che vedono più lungo di te(😉).

      Un passo ancora più su ci sono i sociologi intelligenti come Orsini che hanno raggiunto un ottimo grado di Verità.

      Infine ci sono i filosofi come me (🤣😂🤣🤣😂🤣🤣🤣🤣)e Socrate che CONOSCONO la VERITÀ (😝😝😝😝)
      Non è mio compito farti conoscere la verità,ma aiutarti a trovarla e farla uscire da te stesso(🤣🤣🤣)…

      Conosci la maieutica?

      Ti do un incipit,leggi questi due articoli del 2015… e poi continua la ricerca da solo e con le tue gambe,

      Come dice @vise(👍🏻😄) la verità è un viaggio faticoso e lungo,

      per te molto lungo(🤣😂🤣🤣🤣),

      Magari nel 2028 troverai l’Illuminazione sulla guerra Russia Ucraina.

      https://www.dariotamburrano.it/2015/11/ucraina_beffa_ue_su_accordo_gas_gazprom_finanziamento/

      https://www.dariotamburrano.it/2015/09/soros-ue-ucraina-pizzo-accordo-gas/

      🤣😂🤣😂🤣😂😂🤣😂😂🤣🤣😂😂🤣🤣😂😂🤣

      PS: ricordati che Putin non è un buon samaritano come la Ue… non si va a casa del “mafioso”a fare i mafiosi…altrimenti prima o poi succede quel che succede.
      E che le propagande sono due,ma il cervello che Il Divino ci ha donato è uno.Usalo.

      Buonaserata fesso.

      "Mi piace"

      • @Carlgen

        NON è un fesso, peggio, è un troll. E’ il carolinO con le 0|0.

        Ogni mese gli danno i 30 euro di paghetta per far campagna per i “celoduristi” mafiosi italiani, che ovviamente devono LODARE quel MAFIOSO russo e farlo passare come San Francesco.

        C’è anche COgliostro, a lui danno 45 euro, ma solo perchè scrive più post ad minchiam al minuto.

        "Mi piace"

      • @Andrea

        Che Putin sia un mafioso sono il primo a dirlo,
        Ma se vai (Ucraina per mezzo USA)a rovinargli gli “affari” e i “commerci” e provi a farlo fesso,aspettati quello che ti è successo.
        È questione di karma,causa ed effetto.
        Elimina la causa e cesserà l’effetto(invasione)…adesso è tardi anche se mai troppo.
        L’ukraina è uno spezzatino con tre pezzi di carne ed il resto patate.
        I tre pezzi di carne
        sono
        gasdotti per l’Europa(tra quali l’ultimo nord stream 2) (roba russa da krushev)
        Porti della Crimea sul mar nero. (Roba russa da Krushev)
        Terre rare e industria dombass. (In mano alla Oligarchia russa da Krushev)

        Bisogna vedere quanti pezzi di carne si vuole tenere Putin (2? 1,5? 1?)
        E quanti ne vogliono gli USA-Ucraina….la pace sta tutta qui….

        Le patate rimanenti non interessano a nessuno.

        Ciao buonaserata.

        "Mi piace"

      • @andrea @serpe(biscia d’acqua…manchi un po’ di senso dell’umorismo)
        Vabbè ci riprovo

        Che Putin sia un “mafioso” o perlomeno usi metodi poco ortodossi in quanto autocrate a capo di un impero,
        Sono il primo a dirlo.
        Se L ukraina-usa non li avesse messo i bastoni tra le ruote (e provato a farlo fesso) nei suoi “affari”(legali…pagava regolare affitto all Ucraina per far passare i gasdotti….bloccato il nordstream2) se ne sarebbe stato buono a casa sua.Ovviamente ci sono anche altre concause
        È la legge del karma,causa effetto…o legge di natura…Provi a mettere i piedi in testa ad un prepotente (ma soprattutto più potente di te)e lui ti invade…non fa come la Mamma Ue.

        L’Ucraina è uno spezzatino con tre pezzi di carne e il resto patate.

        I tre pezzi di carne sono

        1)Passaggio gasdotti da garantire in maniera onesta. (Roba russa da Krushev)
        2)Porti Crimea sul mar nero.
        Gli ucrainiUsa volevano stralciare accordi decennali sul affittoporti ;per questo invasione 2014(Roba russa,accordi 50ennali con Krushev )
        3)Terre rare e industria Dombass. (Oligarchia russa da sempre)

        Questa guerra deriva da queste concessioni che ha imposto Krushev all Ucraina per darle lo status di repubblica russa decenni fa,e che sono state mantenute con accordi (più o meno espliciti)anche dopo il 1991.
        Praticamente Krushev aveva tenuto la carne per la Russia e dato le patate agli ucraini…era una falsa indipendenza…rimasta tale fino a Maidan.

        In base a quanti pezzi di carne si vorrà tenere Putin( 2?,1,5?,1?)
        O quanti ne vorranno la Ucraina USA….. si faranno accordi di pace.

        Del resto delle patate non frega niente o poco a nessuno

        ( intendo poveri civili dombas, Nato? Gli USA non hanno mai dato la bomba atomica ai polacchi,figurarsi se la danno agli ucraini…che erano già pieni di armi nel 2021…non per invadere la Russia…ma per provare a scacciarla dalla Crimea…solo per questo motivo Putin era preoccupato; in questo caso si sarebbe difeso in Crimea senza come obbiettivo principale invadere Ucraina)

        Poi ovviamente è una mia opinione,
        stavo scherzando con Serpe la biscia d’acqua,ma vedo che ha poco senso dell’umorismo 😂
        Molto meglio i Guenoniani.😂

        Buonaserata

        "Mi piace"

      • Ok gli articoli di Tamburrano (unico dei pochi 5stelle veramente in gamba)
        Sono convincenti per dare una visione nuova alla guerra,non ne ero a conoscenza.
        Ma il tuo non è senso dell’umorismo.è stronzxggine.

        "Mi piace"

      • @serpe
        Hai rotto le palle al felino per giorni.
        Adesso che ti sfotto un po’ io ti metti a piangere?
        Quando si scherza…si prendono e si danno.
        Dormi tranquillo

        "Mi piace"

  3. di Michele Manfrin
    lindipendente

    “Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, mercoledì 2 novembre, ha respinto la richiesta della Russia di istituire una commissione per indagare sulle sue accuse secondo cui l’Ucraina e gli Stati Uniti stanno svolgendo attività “biologiche militari” in violazione con la convenzione che vieta l’utilizzo di armi biologiche. La Russia ha incassato il solo sostegno della Cina mentre Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia si sono opposti, e le altre 10 nazioni non permanenti che compongono il Consiglio di Sicurezza si sono astenute (Albania, Brasile, Gabon, Ghana, India, Irlanda, Kenya, Messico, Norvegia, Emirati Arabi Uniti). Nessun esperto indipendente avrà quindi la possibilità di verificare se accuse tanto gravi siano o meno veritiere.

    La scorsa settimana, la Russia ha consegnato ai membri del Consiglio un documento di 310 pagine con cui si sosteneva le accuse di attività biologica non consentita svolta in Ucraina con il sostegno del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Il documento includeva una denuncia ufficiale al Consiglio di Sicurezza, sulla base dell’articolo VI della convenzione sulle armi biologiche del 1972, e una bozza di risoluzione che autorizzava il Consiglio di Sicurezza a istituire una commissione composta dai 15 membri del Consiglio per indagare sulle affermazioni della Russia.

    L’ambasciatrice statunitense Linda Thomas-Greenfield ha definito la questione come una «colossale perdita di tempo». La diplomatica USA ha poi affermato che questa è solo un’azione che fa parte di una «campagna di disinformazione» di Mosca per coprire le malefatte che compie e le perdite che ha su territorio ucraino. «Gli Stati Uniti non hanno un programma di armi biologiche. Non ci sono laboratori ucraini di armi biologiche supportati dagli Stati Uniti», ha poi concluso Thomas-Greenfield.

    L’ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Vassily Nebenzia, aveva accusato gli Stati Uniti di condurre in Ucraina un lavoro con agenti patogeni mortali tra cui colera, peste, antrace e influenza e che non potevano essere giustificati con il pretesto della salute pubblica. Nebenzia ha detto che il documento portato dalla Russia in visione al Consiglio di Sicurezza era l’insieme delle prove recuperate dalle autorità russe, il quale suggerirebbe un’applicazione militare degli agenti patogeni. Tra le prove portate da Nebenzia anche il sequestro di droni in grado di trasportare fino a venti litri di liquido e con sistema di irrorazione.

    Certamente viene da chiedersi perché non voler nemmeno indagare sulle accuse russe, molto gravi, che i Paesi occidentali definiscono assurde? Una indagine ONU che avesse certificato che le accuse di Mosca sono menzognere avrebbe fornito certamente per gli USA un modo per sbugiardare quella che bollano come propaganda. Tuttavia da Washington hanno preferito porre il veto sulla questione. Questo nonostante sia provata, e ammessa dagli stessi Stati Uniti, l‘esistenza di laboratori biologici in Ucraina, verso i quali una operazione di trasparenza sarebbe stata certamente opportuna. Considerando anche il fatto che sulle attività condotte in questi laboratori esistono da tempo alcune domande a tutt’oggi rimaste senza risposta.”

    Piace a 2 people

    • @Tracia

      Bell’articolo;
      Ma sulle armi biologiche in generale,fin dai tempi dell’irak (la provetta di PoWeLL)
      Non ci ho mai creduto tanto.
      Anche perché se gli americani le avessero usate contro la Russia,Putin non ci avrebbe pensato un minuto a lanciargli giustamente una bomba atomica in testa.E non credo che gli ameriCani vogliano questo.
      Comunque vedremo come andrà a finire…

      "Mi piace"

      • Le prove ci sono eccome. Che abbiamo ‘weaponizzato’ le ricerche è un’altra questione.

        Hanno usato persino soldati come cavie per malattie anche gravissime.

        Non è questione di crederci, ma di andare a vedere quel che hanno raccolto dei biolab ucraini.

        "Mi piace"

  4. PS: ricordati che Putin non è un buon samaritano come la Ue… non si va a casa del “mafioso”a fare i mafiosi…altrimenti prima o poi succede quel che succede.

    non ha capito niente Andrea, ah ,ah, ah….

    "Mi piace"

    • tu sei quella INTELLIGENTE: infatti scrivi MAFIOSO tra virgolette.

      Sei più tonta della parte oscura della luna, che per lo meno si nasconde per il senso intrinseco di vergogna.

      "Mi piace"

      • E tu sei tonto bigoncio senza virgolette
        Carlgen PS: ricordati che Putin non è un buon samaritano come la Ue… non si va a casa del “mafioso”a fare i mafiosi…altrimenti prima o poi
        succede quel che succede..

        "Mi piace"

  5. emerge il progetto per garantire milioni di dollari di finanziamenti a Metabiota, un’azienda californiana appaltatrice del Pentagono, specializzata nella ricerca su malattie che causano pandemie da utilizzare come armi.

    MA FERMI TUTTI!

    L’ONU NON E’ INTERESSATA a saperne di più, giusto?

    Pensate che figura che ci fanno le nazioni degli stati Uniti, se poi proprio negli USA fanno un’indagine e scoprono cosa fa la famiglia Biden in Ucraina.

    "Mi piace"

  6. E’ da tempo che negli US si sa dei conflitti di interesse ( eufemismo) di Hunter Biden e famiglia in Ucraina. Persino il “superDem” NYT ha dovuto cedere e ammettere in gran parte quanto certificato dalle ricerche del Post. L’ Ucraina è piena di interessi statunitensi: anche il tanto anelato “grano che sfama il Mondo” è nelle mani di multinazionali americane. E ci sarebbero anche problemi di tasse evase…

    Fino ad ora Biden l’ ha scampata e si sono accesi i riflettori solo sulle magagne di Trump. Vedremo: la posta in gioco è grossa.
    Ovviamente da noi non se ne è mai parlato, eppure per Mitraglietta ce ne sarebbbero di maratone da allestire a riguardo…

    Piace a 1 persona

  7. Scusa Carleng, ma anche Carolina che mi pare altrettanto informata, dagli articoli pubblicati sopra, la UE sarebbe riuscita nell’ impresa di prestare miliardi di euro all’ Ucraina che non sarà mai in grado di restituirli, di farsi garante e pagare i suoi debiti, di rimanere senza gas e di comprarlo ora a prezzo più alto da altri paesi, soprattutto Usa, di inviare aiuti miliardari di sostegno bellico ed economico ad un paese già in default da anni, cioè prima della guerra……Viene il dubbio che Putin non avesse alcuna intenzione di prendersi tutta l’ Ucraina, debiti compresi, ma esclusivamente il pezzettino più interessante, e che la pace sia difficile perché alla UE rimarrebbero solo debiti da pagare e patate, neppure il grano ucraino visto che è in mano a multinazionali americane. …..Se viceversa non si dovesse arrivare alla pace, l’ Europa rischia un conflitto nucleare…….in entrambi i casi ne esce distrutta o almeno fortemente indebolita…..pare che il bottino di questa prova di forza fra superpotenze, non sia proprio l’ Ucraina, ma l’ Europa…..cui toccherà pure pagare le patate come se fossero terre rare. …….Si capisce perché il patacca Zelensky si permetta di dettare condizioni alla UE……comunque vada per l’ Europa sarà un disastro…..in questa resa dei conti fra ” mafiosi”, per dirla come Carleng, non poteva mancare l’ emissario a ricordare che il pizzo è da pagare! ! Se ho capito male, correggetemi!

    Piace a 1 persona

    • Mi scusi Alessandra ma non ho inteso bene il senso del suo discorso;
      Non ho mai detto che Putin volesse prendersi tutta l’ucraina,ma di controllarla si,controllando i tre “pezzi di carne” di cui parlavo.
      Sa le “brave persone” di cui parlava B.
      Mettendo un presidente filo russo a Kiev che può cacciare gli americani e le élite economiche politiche ucrainefiloUsa (i nazisti…denazificare)da naftogaz (la controllano)e può mandare il gas in Europa senza farsi taglieggiare.Sia Merkel che Putin avevano voluto il nordstream2 per non passare dall Ucraina ne Polonia e far arrivare il gas in Europa tranquillamente.gli USA hanno minacciato la Merkel di sanzioni alla Germania se il nordstream2 fosse stato messo in funzione.La Merkel non ha abbassato la testa del tutto opponendosi diplomaticamente.Schulz invece non ha detto beh.
      Allora Putin si è incazz@to per questi motivi in ordine di importanza:
      1) gli USa per vie sia traverse che dirette ,gli hanno sabotato il business del gas.
      2) si è accorto che le esercitazioni militari e le armi in Ucraina presagivano che Zelensky (usa) volesse riprendersi la Crimea(Putin avrebbe perso i porti)…
      (3) …e intensicare il bombardamento ucraino sul Dombass per convincere con le cattive,in un modo o nell’altro a far sloggiare L’oligarchia russa e prendersi il malloppo.

      Putin invadendo prova a vedere quanti pezzi di “carne” riesce a tenersi…il gas temo lo abbia perso definitivamente (per molti anni…vedi sanzioni che dicono continueranno anche dopo la guerra,sigh)
      Sia lui e in via indiretta noi europei.
      La spartizione della carne determina la pace.

      Per il resto non ho capito cosa vuol dire Alessandra?
      Se ha la pazienza e la voglia di formularmi le domande in maniera più semplice, sono felice di farle sapere come la vedo io e di continuare l’interessante discussione.
      Altrimenti va bene lo stesso e alla prox
      Buona giornata.
      PS: nel caso le rispondo nel tardo pomeriggio (problemi di lavoro)
      PS2: non metto in dubbio che vi siano tanti utenti ben informati,anzi molto meglio informati di me.
      Io cerco di elaborare personalmente (senza seguire propagande varie) poche informazioni ma che ritengo importanti.
      Sia ben chiaro quello che scrivo è solo una mia opinione: nessuno ha la verità in tasca,men che meno io.

      Ri-buonagiornata

      "Mi piace"

  8. Per chi non avesse seguito la storia (incredibile! Ma in che mani siamo?)riguardo il laptop di Hunter Biden, propongo lo scoop del NYPost di due anni fa.

    https://nypost.com/2020/10/14/email-reveals-how-hunter-biden-introduced-ukrainian-biz-man-to-dad/

    (Qui un breve riassunto)

    https://www.agi.it/estero/news/2022-03-26/ucraina-email-hunter-biden-contatti-con-biolab-a-kiev-16142911/

    Essendo il NYP di “destra”, il NYTimes ( organo Dem) ha subito trovato assai semplice smentire il tutto dall’ alto della sua “autorevolezza”.
    Solo dopo più di un anno è stato costretto ad ammettere che l’ incredibile storia era vera, seppur con mille…distinguo.

    Purtroppo non ritrovo l’ articolo del NYTimes con le “ammissioni”, evidentemente non l’ ho salvato.

    Fino ad ora hunter Biden e fam. sono stati protetti da poteri e stampa compiacenti, che hanno, al contrario, fatto (doverosamente) le pulci a Trump.
    Per par condicio però si dovrebbe fare altrettanto col Presidente e la sua famiglia.

    Purtroppo, in tutto il Mondo, quando c’è tanto potere di mezzo e cariche così alte, temo che il più pulito abbia… la rogna. Altrimenti lassù non ci arriva.

    "Mi piace"

      • No, questo riguarda l’indagine per le mancate tasse( pure questo… Ma non sarà vero 🐱)
        Purtroppo Google è diventato impossibile: sparisce tutto.
        Comunque il NYT è stato costretto, alla fine, ad ammettere l’evidenza e che lo scoop del NYP, anche se ” di destra” era veritiero. Il computer c’è e contiene quello che si è detto.

        "Mi piace"

  9. Che Putin volesse prendersi tutta l’ Ucraina, non lo hai detto tu Carlgen, ma tutti i media occidentali per giustificare il coinvolgimento europeo e Nato nel conflitto, ed evitare che, dopo l’ Ucraina, Putin arrivasse a Lisbona . ….c’è da chiedersi appunto per farsene che, visto che l’ Ucraina è piena di debiti a garanzia europea, cioè li paghiamo noi. …..insomma alla fine della storia, Putin riesce a tenersi qualche pezzettino di carne, gli Usa pure, visto che ci vendono il gas ed hanno stroncato qualsiasi rapporto economico fra Europa e Russia, le multinazionali americane hanno fatto profitto con le armi, poi hanno pure il pezzettino del grano ucraino, mentre all’ UE non resta proprio nulla, se non una crisi economica devastante, dipendenza e servilismo agli interessi Usa, e palese incapacità di chi la governa! Ora tutto il mondo sa che la UE non conta un ca@@o…..e riesce ad essere dannosa esclusivamente per sé! Nella spartizione di carne, a me pare che l’ unica sconfitta sia l’ Europa, allora chiedo se tutta l’ operazione di ” distrazione di massa” con oggetto l’ Ucraina, non fosse solo un pretesto per affondare definitivamente l’ Europa, la cui esistenza è ora funzionale esclusivamente alla sovrapposizione con la Nato. ….invece di sciogliere la Nato, si scioglie la UE…..perché voglio vedere chi in queste condizioni sarà ancora in grado di tenerla insieme e soprattutto per fare cosa? Non c’è bisogno di stare insieme per essere colonia Usa, ognuno può farlo benissimo da solo. ………..La spartizione di carne riguarda solo l’ Ucraina o è in realtà oltre, e molto più consistente? Perché la tempistica è quantomeno sospetta, va via la Merkel, in Germania arriva Scholz ed in Italia Draghi. ….uno non dice neppure beh, l’ altro obbedisco, visto che lo hanno messo lì non per la campagna vaccinale ed il PNRR, ma in previsione della guerra. ….

    Piace a 1 persona

    • Alessandra ha fatto una bella analisi sintetica ma con molta carne al fuoco: USA,Russia,Ucraina,Europa,Italia,Draghi.
      Per chiarire meglio ogni aspetto dovremmo discutere per mesi.
      Mi coglie un po’ allo sprovvisto perché non saprei dove iniziare.
      Diciamo che la sua analisi è molto pessimistica e un po’ troppo tranchAnt,secondo me
      Non sono così cr3tino e masochista da fare i salti di gioia per la situazione italiana ed europea.
      Dico che è pessimistica perché la considerazione di noi stessi era troppo ottimista in fatto di libertà di scelta,prima del 24 febbraio.
      tutti noi negli ultimi 70 anni ci eravamo fatti l’idea di essere liberi di fare quello che volevamo…mi riferisco sul piano internazionale.
      Fin quando ci sono state guerre tra la super potenza USA e qualsiasi altro paese (Irak,Afghanistan..)potevano avere una minima scelta di poter partecipare più o meno attivamente al conflitto.

      Ma adesso che per la prima volta si scontrano due superpotenze (usa russia) noi siamo costretti senza possibilità di scelta di accodarci senza se senza ma al nostro alleato principale.
      La NATO purtroppo non è un club di golf;in queste situazioni non hai scelta.
      Lo ha capito anche Conte che reputo il politico più onesto ma anche realista.

      Non c’è una nazione(parlo di quelle almeno mediamente sviluppate)al mondo che non subisca l’influenza più o meno benefica delle tre super potenze.usa cina Russia.
      Ora l’impero americano ha imboccato già da un po’ un inesorabile declino.
      Per rallaentare il declino ed evitare di abdicare gli USA sono costretti ad indebolire Russia e Cina.

      https://www.orizzontipolitici.it/gli-usa-a-rischio-default-il-problema-del-debito-americano/

      Con noi europei hanno fatto un discorso chiaro: se crolliamo noi (e la cina diventa prima potenza globale nel senso che al posto del dollaro vi è lo yuan come valuta di riserva mondiale)crollate anche voi.(economicamente e finanziariamente).dobbiamo indebolire cina e Russia;ed è chiaro che uscirete male anche voi europei.
      Ma è il minore dei mali.
      Se rompete il patto(Nato),fate la fine dell Ucraina con la Russia.
      Cioè L Ucraina sta alla Russia,come le nazioni europee stanno agli usa,
      Lucraina ha fatto una politica antirussa ed è stata invasa.
      Adesso gli usa non è che ci attaccano militarmente,se noi li mandiamo a quel paese.

      Possono farci fare una brutta fine,attaccandoci finanziariamente, molto peggiore di quella di adesso…
      Non troppo di distante dalla crisi degli anni trenta…dove milioni di italiani emigravano.(sto un po’ esagerando ma per rendere l’idea)
      Le economie europee sono forti rispetto al resto del mondo,ma proprio per questo rischiano di più perché sono strettamente legate agli usa e fra di loro…si effettua un domino dirompente.
      Se le sanzioni alla Russia hanno sortito poco effetto è perché quella russa è un economia debole.
      Paradossalmente se gli usa sanzionano Germania e Italia per esempio,ci mandano a gambe all’aria in un battibaleno.
      L’economia russa è come una bici con un carretto pieno di frutta,quella tedesca è un camion a rimorchio pieno di frutta.
      Se si toglie l’olio deella catena alla bici russa,la bici cigola ma va avanti lo stesso.
      Se si toglie l’olio al camion tedesco il motore grippa e il carico non lo consegna più nessuno…hai voglia portare la frutta a spalla.
      Poi ci sarebbe lo spread,i disinvestimenti,le borse che crollano.
      Insomma è un discorso molto lungo e complesso,e non voglio tediarla ulteriormente.
      Secondo me l’Europa è stata costretta a scegliere il minore dei mali.

      Per evitare fraintendimenti e polemiche,
      Le riassumo brevemente quello che penso della guerra:
      io sono visceralmente anti NATO,allo stesso modo non sono con Putin,sono italiano.Draghi ha fatto più danni che Bertoldo,soprattutto in politica interna e qualche piccola cosa positiva sui mercati internazionali.
      La guerra è stata causata dagli USA,Zelensky è il più cr3tino del reame,mi dispiace per il popolo ucraino,Putin è stato costretto ad invadere ed è passato dalla parte del torto…è caduto nella trappola americana…secondo me doveva fare un controcolpo di stato nel 2014 subito dopo Maidan,visto che era un ex colonnello kgb(non un generale dell esercito) e sapeva come fare…non saremmo in questa situazione adesso.

      Ovviamene sono opinioni personali,che guardano alla cruda realtà piuttosto a quella che mi piacerebbe fosse.

      Magari discuteremo e approfondiremo meglio argomenti più limitati la prossima volta.
      Buona serata

      "Mi piace"

  10. L’ ossessione degli Us è sempre stata la collaborazione tra la Germania (tecnologia) e la Russia (materie prime). L’ Europa Unita, con tutto l’ ambaradan di “emozioni” è stata voluta e creata dagli US in funzione anticomunista. E i Paesi Fondatori ( che stavano benissimo da soli) sono stati costretti ad accettare al loro interno – appena crollato il Muro e nel caos dell’ URSS che solo Putin è riuscito in qualche modo a governare (Paese immenso, povero e con tante etnie in lotta tra loro) – grandi Nazioni con confini creati al tavolino, molto più povere e tecnologicamente arretrate. Ma avanposti per le mire espansionistiche US: mire facilmente pubblicizzabili in Patria, dove i Russi sono ancora percepiti da gran parte del popolo (conosciamo la qualità delle scuole Statunitensi: ci stiamo arrivando a grandi passi anche noi a forza solo di tagli, “accoglienza”, socializzazione e “educazione alle emozioni – di stato -“.) come i cattivi comunisti.

    Sparita Merkel ( di Centrodestra) è salito al cancellierato un Dem, assieme ad un Ministro degli Esteri “donna, giovane e Verde”, che farà tanto “sinistra” ma mi ricorda Di Maio… Gli Us quindi hanno avuto completamente via libera: non dimentichiamo che, tra NATO e basi US, la Germania è la nazione più “occupata” del Pianeta. E questo è quello che ci tocca: Europa destinata al fallimento per interposta persona. E in particolare modo occorre “spezzare le reni alla Germania”, che rischiava, col, Nordstream2, di “allargarsi” troppo e pretendeva di instaurare buoni rapporti con la Russia. E pure noi ci avevamo provato, con soddisfazione reciproca. E anche con la Cina, massimo peccato mortale… Gli US sono molto… gelosi…
    Improvvisamente anche i tanti odiatori della Germania ( e di Merkel) al limite del razzismo, stanno accorgendosi che non era proprio il caso: insomma, rebus sic stantibus, se impoverisce la Germania, il Nord Italia la segue a ruota e Merkel non era poi così male.

    Ormai è troppo tardi, non si può più battere un colpo: solo subire. E’ la globalizzazione, bellezza!

    "Mi piace"