Il merito dei Nipoti d’Italia

Insieme allo zio in due giornali, adesso è “distaccato” all’Istruzione. Se non si chiamasse ministero dell’Istruzione e del Merito non ci faremmo caso, la politica è piena di “figli” e “nipoti di” e non solo a destra. Ma, insomma, il neo portavoce del professor Giuseppe Valditara […]

(DI ALESSANDRO MANTOVANI – ilfattoquotidiano.it) – Se non si chiamasse ministero dell’Istruzione e del Merito non ci faremmo caso, la politica è piena di “figli” e “nipoti di” e non solo a destra. Ma, insomma, il neo portavoce del professor Giuseppe Valditara, docente di Diritto romano a Torino, già consigliere di Matteo Salvini e ministro appunto dell’Istruzione e del Merito, è il collega Giovanni Sallusti. Arriva da Libero, il giornale diretto dallo zio Alessandro, dove fino a qualche giorno fa firmava commenti. Non tutti indimenticabili: “Ieri ogni orecchio non deviato ideologicamente non poteva che registrare una consonanza inedita e rigenerante”, scriveva il 14 ottobre celebrando gli interventi di Liliana Segre e Ignazio La Russa in Senato.

Nato a Como nel 1983, figlio di Maurizio Sallusti che è fratello di Alessandro ed era primario di Chirurgia d’urgenza al Policlinico di Milano, studi in Filosofia, sposato, due figli, autore di Politicamente corretto – La dittatura democratica (Giubilei Regnani, 2020), Sallusti jr. è vicino alla Lega “ma non ho mai avuto la tessera”. Ha diretto per qualche anno il sito nordista L’Intraprendente e da lì nel 2013 polemizzò pure con lo zio, titolando “Berlusconi tradisce” dopo che Il Giornale aveva scritto “Alfano tradisce”, ma non certo per difendere Angelino. È un estimatore del modello americano e di Donald Trump, “ma l’ultima fase di Trump – dice – era un po’ crepuscolare”. Padania first? “L’espressione Padania è fuorviante”.

Cominciò Libero nel 2007, giovanissimo, con Vittorio Feltri e lo zio Alessandro. Poi il sito, L’Ordine di Como e al Il Giornale diretto dallo zio. Ma è tornato a Libero prima di Sallusti senior. “Nel 2017 con Feltri e Senaldi”. Mai fatto il portavoce? “Di un ministro no. Sono stato il portavoce di candidati, ho lavorato anche per Giorgia Meloni, da anni il mio lavoro principale è la comunicazione politica, con quello mangiano i miei figli, ho un’agenzia, facciamo campagne elettorali, seguiamo parlamentari, consiglieri regionali…”. È Idein Communication e ha clienti di tutti gli schieramenti. Nessuna incompatibilità, si può fare il giornalista e il comunicatore politico, oltre che aziendale, anche contemporaneamente. La nostra curiosità non lo sorprende: “Ero nipote anche nel giornale, ora sono nipote distaccato”, ironizza. Senz’altro è più che qualificato per fare il portavoce, ma si è mai occupato di scuola? “Come redattore della cultura, non come dossier”. E il ministro del Merito come la vede? “La prossima volta assumo il figlio di Travaglio”, ci ha risposto via sms il professor Valditara, senza però spiegarci perché abbia scelto Sallusti jr. Certo Libero, il cui editore Antonio Angelucci è un big della sanità privata nonché parlamentare oggi salviniano, potrebbe avere qualche remora in più quando si tratterà di scrivere dei guai della scuola pubblica. “Ma questo – ride Sallusti jr. – ora è un problema del Sallusti più illustre”.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

4 replies

    • Hai fatto proprio bene a cantargliele,se lo meritava,complimenti.L’hanno eletta i ‘ votanti’ anche non di sx-sx nell’Uninominale,vero?Là dove ‘unovaleuno’ quindi è la ‘persona,le sue idee e la sua militanza ad essere scelta?Sicuro che se invece,come ‘avvenuto’,di essere al 2° posto nel listino dei ‘raccomandati'(proporzionale) dal partito,che era il massimo che SI poteva aspettarsi di eleggere come deputati,fosse stata 3°o 4°,non sarebbe invece andata a ‘portare le sue braccia all’agricoltura’,piuttosto(non tu.l’avverbio) che la forma del SUO cxxx in parlamento?Magari @ermete bertoluccio non sapeva,commentando,che nel proporzionale,il rosatellum prevedeva la possibilità di scrivere una preferenza,ma solo ed apposta x lei.NB:Non mettermi il like che so bene che non si vince na mxxxxxx.

      Piace a 1 persona