In manifestazione Calenda non vuole la pace, ma nuove politiche di morte

Nella sua manifestazione in favore della guerra, Carlo Calenda ha attaccato questo quotidiano e la rubrica che curiamo. Proviamo a ragionare in base alla logica dell’indagine scientifico-sociale. L’Ucraina è sventrata; centinaia di bambini sono morti; milioni di ucraini […]

(di Alessandro Orsini – Il Fatto Quotidiano) – Nella sua manifestazione in favore della guerra, Carlo Calenda ha attaccato questo quotidiano e la rubrica che curiamo. Proviamo a ragionare in base alla logica dell’indagine scientifico-sociale. L’Ucraina è sventrata; centinaia di bambini sono morti; milioni di ucraini sono senza luce e senz’acqua; a Kherson si profila una nuova Mariupol; la Russia ha portato le armi nucleari tattiche al confine e i suoi generali discutono circa il dove e il quando (lanciarle). Kiev fa sapere che migliaia di ucraini potrebbero morire di freddo quest’inverno avendo la Russia danneggiato il 40% delle infrastrutture energetiche. Zelensky prepara un piano per evacuare tre milioni di persone da Kiev nel caso in cui la città collassi: senza corrente elettrica, si blocca persino il sistema fognario. Esiste anche il rischio che Putin, godendo di più fanti e condizioni migliori, marci nuovamente su Kiev fiaccata nelle difese per mancanza di popolazione, acqua e luce: tre risorse fondamentali per la resistenza dei soldati ucraini.

Il tempo lavora in favore della Russia come accade in guerra quando un Paese ha più risorse dell’altro. Mentre gli ucraini hanno raggiunto la capacità massima di mobilitazione, la Russia ha impiegato una porzione limitata delle proprie risorse. Putin potrà beneficiare di 300 mila soldati aggiuntivi. I generali russi hanno dichiarato che la mobilitazione parziale è “completata”, ma Putin non l’ha dichiarata “chiusa” per aggiungere nuovi fanti all’occorrenza. I droni iraniani utilizzati dalla Russia sono economici, ma il loro abbattimento è costosissimo. Per distruggerli, Zelensky deve fare alzare in volo gli aerei da guerra e sganciare missili con un costo fino a dieci volte superiore a quello di un singolo drone: cento missili per abbattere cento droni sono una catastrofe economica. I droni iraniani volano basso quindi c’è anche il rischio che i missili ucraini colpiscano i palazzi. I soldati ucraini stanno cadendo su più fronti e non possono essere rimpiazzati.

Gli europei, non essendo progrediti moralmente nonostante due guerre mondiali, piangono soltanto i civili. Eppure i soldati non sono altro che civili in uniforme. Il che significa che l’Ucraina sta diventando un gigantesco orfanotrofio a cielo aperto. I generali di Putin evacuano i filo-russi da Kherson perché intendono combattere una battaglia sanguinosa. In caso di sconfitta, distruggerebbero Kherson come Mariupol, dove, foto alla mano, sembra essere scoppiata la bomba atomica. L’Ucraina dipende dall’Occidente per le armi, i soldi, l’addestramento e pure Internet. Elon Musk, che aveva regalato a Kiev 20.000 “satelliti Starlink” – il sistema per svincolare internet dalle strutture terrestri – adesso pretende di essere pagato. Kiev ha detto che i soldi dovranno cacciarli gli Stati Uniti o l’Unione europea in piena crisi economica.

Davanti a questo scenario, Calenda, nella sua manifestazione per le politiche di morte in Ucraina, lascia intendere che la guerra deve proseguire fino alla sconfitta sul campo della Russia. Le probabilità che la Russia lasci la sua base di Sebastopoli in Crimea alla Nato sono pari alle probabilità che la Nato lasci la sua base di Sigonella in Sicilia alla Russia o quella di Camp Darby alla Cina. L’ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone lo spieghi a quest’uomo senza senno. Zelensky ha approvato un decreto per non trattare; Calenda un decreto per non pensare. Chi scrive vuole un’Ucraina libera, ma la guerra non libererà l’Ucraina: la distruggerà.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

13 replies

    • Cosa le fa ridere, i bambini morti?
      Orsini utilizza un linguaggio adatto ai bambini ma ci sono adulti che, nonostante questo, non riescono a capire. Sarà il fallimento del nostro sistema scolastico la causa?

      "Mi piace"

      • Non pensavo di dover specificare che l’orrore (misto a risate amare) che suscita questo personaggio scaturito chissà come da un battage propagandistico immeritato dalle tv belliciste italiche e dai giornaloni filoNato, fosse il soggetto dell’articolo del buon Orsini.
        Cioè Calenda.

        "Mi piace"

  1. I morti e le torture e gli orfani subiti dalla parte del Donbass x Orsini è acqua fresca
    Se vuoi stanare chi si nasconde tra le case ecc si mandano via in zona protetta i civili… Che altrimenti sarebbero usati dagli ucronazi per nascondersi
    Orsini vuole essere cancellato dall’elenco

    "Mi piace"

  2. Eppure l’8per cento di aventi diritto l’hanno votato…ah no c’era pure Renzi. Pensa che elettorato forbito che hanno🤔

    "Mi piace"

  3. Signore e signori, ecco a voi il Calenzi.
    Genecomicamente codificato.

    Per favore non affollatevi all’ingresso, il tendone è grande, avanti c’è posto.

    "Mi piace"

  4. La cosa più divertente (si fa per dire) di questa storia è che noi, che ci arrendemmo appena gli americani cominciarono a sganciarci qualche bomba in testa, adesso dai nostri divani col whisketto in mano diciamo agli ucraini che devono resistere resistere resistere e ancora resistere…

    "Mi piace"