Walter Ricciardi: “Reintegro medici No Vax? Un colpo di spugna inaccettabile pericoloso curare senza vaccino”

“Il ruolo del medico e dell’operatore socio-sanitario è incompatibile con lo stato di No Vax. Queste persone devono vaccinarsi perché la loro mancata vaccinazione mette a rischio i malati che loro stessi assistono. Ospedali e Rsa potrebbero trasformarsi da luoghi di cura in luoghi di rischio. Lo trovo francamente inaccettabile”. Walter Ricciardi commenta in modo negativo la mossa del governo di reintegrare i medici senza vaccino in una lunta intervista a La Stampa. “A mio modo di vedere, è un errore non rendere obbligatorio il vaccino per i docenti. Ma questa è una scelta politica. Quello cui invece non possiamo derogare è il vaccino per il personale medico sanitario. È una scelta scientifica”.

Sulle mascherine, Ricciardi dice sempre a La Stampa che “credo che la permanenza dell’obbligo di indossarla in questi luoghi debba essere tassativa: in questa fase, le mascherine sono un presidio indispensabile nei luoghi chiusi e affollati per prevenire la pandemia. Il Giappone, che le ha mantenute in tutti i luoghi pubblici, ospedali compresi, ne dimostra l’efficacia registrando un’incidenza e un numero di morti bassissimi, pur avendo una popolazione media più anziana della nostra”. 

E sul futuro le previsioni sono fosche: “Purtroppo siamo alla vigilia di una risalita importante dei casi. I 30mila casi notificati ogni giorno in Italia sono sottostimati: il sistema di tracciamento è saltato. E ci sono migliaia di contagi auto-diagnosticati enon segnalati. Dunque, è solo la punta dell’iceberg. Nei Paesi in cui il tracciamento è ancora attivo al 100%, siamo oltre le centinaia di migliaia di casi al giorno. Probabilmente, vedremo un aumento nelle ospedalizzazioni e nel numero dei morti”, dice Ricciardi a La Stampa.

17 replies

  1. Maledetti vaccinati!
    Io sono stato sospeso perché non indossavo le scarpe nel luogo di lavoro!
    Si avete capito bene!!! Ci hanno tolto ogni libertà!!!
    Ma potrò scegliere se andare in giro scalzo o devo essere obbligato da un regime fascista!!!
    Devo uniformarmi a milioni di boccaloni che vanno in giro con le scarpe?
    Ci sono diverse testimonianze che portare le scarpe è cancerogeno!!!!
    Tutti quelli che conoscevo morti di tumore indossavano le scarpe…tutti nessuno escluso.
    Vorrà pur dire qualcosa o è solo una coincidenza?
    Lo volete capire o no che ci stanno ingannando !!!!!!!
    Non fatevi fregare,uNiamoci e lottiamo insieme.
    Maledetti vaccinati.

    Piace a 1 persona

    • Applausi. Nsolo dovrebbero reintegrarli, ma anche premiarli con moneta ed encomi per essersi posti a eroico baluardo a difesa delle Libbbertá contro il demonico vaccino, le sataniche mascherine e i lockdown di stampo comunistonazista. Di piú, li facessero tutti Commendatori.
      Questo sí che gliela farebbe vedere, a tutti quei b@st@rdi vaccinati 👻

      "Mi piace"

  2. SEMPRE ravanando su Gospa news, a proposito dei vaccini sicuri ed efficaci:

    di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

    Quattro ricerche statistiche, due studi e un articolo scientifico che sintetizzeremo in questa inchiesta confermano l’impatto micidiale dei sieri genici antiCovid nella popolazione dell’Unione Europea e degli Stati Uniti d’America, letali soprattutto per il sistema neurologico e cerebrale, come previsto dal compianto virologo francese Luc Montagnier in riferimento al pericolo specifico dei prioni a cui abbiamo dedicato due reportage.

    Ma le differenti ricerche degli scienziati mettono anche in evidenza tre aspetti di gravissima rilevanza:

    la proteina Spike del SARS-Cov-2 è altamente patogena perché si trasferisce nel nucleo delle cellule infettate insieme all’RNA messaggero
    le nanoparticelle lipidiche vettori dell’RNA messaggero dei sieri genici antiCovid possono entrare nel cervello
    la proteina Spike dei vaccini antiCovid è stata rinvenuta nel cervello e nel sangue di un deceduto trivaccinato
    Come anche un profano può comprendere, queste tre scoperte scientifiche (pubblicate su autorevoli riviste mediche di cui forniremo ogni dettaglio nei paragrafi successivi) rappresentano una vicendevole conferma della pericolosità neurocerebrale della proteina Spike altamente tossica, perché sottoposta a un potenziamento di carica virale in laboratorio come ben spiegato da Montagnier, dal bio-ingegnere Pierre Bricage e soprattutto dal tenente colonnello dell’Esercito Americano Lawrence Sellin, esperto di armi batteriologiche quali ha ritenuto il SARS-Cov-2.

    1 – BOOM DI REAZIONI AVVERSE NELL’UE CON MORTI OCCULTATE DA EUDRAVIGILANCE
    «Nel 2021, in EudraVigilance sono stati raccolti e gestiti 3,5 milioni di ICSR (Individual Case Safety Report) relativi a sospette reazioni avverse verificatesi dopo l’autorizzazione (un aumento del 93% rispetto all’anno precedente e il totale annuale più elevato registrato). Questo aumento è ampiamente spiegato dai rapporti relativi ai vaccini COVID-19 (1,68 milioni), che rappresentano il 48% degli ICSR annuali. Circa il 50% delle relazioni complessive proveniva dal SEE (un aumento del 114%). Il numero di segnalazioni presentate direttamente da pazienti e consumatori europei attraverso le NCA (National Competent Authority) e i MAH (Marketing Authorisation Holder) titolari dell’autorizzazione all’immissione in commercio è aumentato in modo significativo (781mila, con un aumento del 443%), ancora una volta trainato dalla segnalazione del vaccino COVID-19».

    Ecc ecc ecc, l’articolo, al solito, è lunghissimo (ma come diavolo fa?)

    https://www.gospanews.net/2022/10/11/vaccini-covid-stragi-da-danni-neurologici-e-cerebrali-in-ue-usa-spike-patogena-come-bio-arma-nel-cervello-di-trivaccinato-studi-e-dati-shock/

    "Mi piace"

  3. Ricicciamo anche qui:

    «Oxford conferma l’efficacia negativa dei vaccini
    Date: 29 Ottobre 2022Author: ilsimplicissimus 1 Comment

    Come sappiamo la narrativa vaccinale ha attraversato alcune fasi diverse fra di loro: la prima si legava alla paura enfatizzata del covid che ha spinto le persone a farsi subito la puntura in maniera dal salvarsi la vita ; poi esauritasi la parte più timorosa della popolazione è stato necessario ricorrere al ricatto morale per poter mandare avanti la consumazione industriale di dosi: la vaccinazione serve a “salvare la nonna”, ovvero ti devi vaccinare per proteggere gli altri. Infine, di fronte all’evidenza che i vaccini non impedivano affatto la diffusione della malattia, cosa poi anche ufficialmente ammessa, si è detto che i vaccini evitavano l’ospedalizzazione e la morte. E naturalmente la burocrazia sanitaria ha fatto in modo da rendere questa bugia una verità.

    Ecco perché è importante un nuovo studio ( https://academic.oup.com/ije/advance-article/doi/10.1093/ije/dyac199/6770060?login=false ) prodotto università di Oxford, Edimburgo e Swansea sull’International Journal of Epidemiology che mette al tappeto questa tesi. Il documento analizza i ricoveri e le morti legate al Covid nelle popolazioni di tutta la Gran Bretagna confrontando l’impatto di una o due dosi di vaccino con la restante popolazione non vaccinata. È un documento che a differenza della maggior parte degli altri studi epidemiologici fino ad oggi, utilizza il modello “Target Trial” che è più avanzato rispetto a quelli più classici . Questo metodo di analisi dei dati calcola quali risultati sarebbero stati trovati se ci fosse stato uno studio randomizzato completo intrapreso al lancio iniziale del vaccino., cosa che – mi verrebbe da dire ovviamente – non c’è stata. Con centinaia di migliaia di dati a disposizione è stato facile ottenere un risultato completamente diverso da quello che viene normalmente diffuso dagli organi dell’informazione orwelliana: Lo studio ha infatti rilevato che l’efficacia dei vaccini nel prevenire il ricovero e la morte è molto breve, offre u certo livello di protezione per alcune settimane dopo la loro somministrazione, per poi diventare negativa circa 60-80 giorni dopo la vaccinazione. Ciò significa che entro due o tre mesi i vaccinati hanno registrato un tasso più elevato di ospedalizzazione e morte per Covid rispetto ai non vaccinati. E’ questo è valido sia per Pfizer che Astra Zeneca, i due vaccini studiati nel dettaglio.

    Come c’era da aspettarsi lo studio si limita a fornire numeri e dati, ma è molto parco nel suggerire le ragioni di queste fenomeno. Pur di evitare di attribuire al vaccino la responsabilità dell’efficacia negativa, ci si ferma a ipotesi generiche e poco credibili, come quella che dopo il vacccino di diventa meno prudenti oppure che molti non vaccinati avevano già contratto il covid senza accorgersene e quindi avevano una buona immunità naturale contro la malattia, ipotesi un po’ più credibile, ma che indirettamente smonta l’infame propaganda per la quale l’immunità da vaccino era migliore di quella naturale. Una tesi che rimarrà come uno dei momenti più bui della nella storia della medicina, anche per la sua contraddizione. C’è però da notare come gli autori, pur registrando correttamente i numeri si rifiutino di dire apertamente che le ragioni per cui i vaccino dopo un certo numero di giorni abbiano un’efficacia negativa sia dovuto ai vaccini stessi, che è anche la più ovvia e la più diretta: si vede che i soldi di Big Pharma hanno tolto il filo al rasoio di Occam.

    Naturalmente lo studio non si occupa dell’altro capitolo che riguarda i vaccini, ovvero quello delle reazioni avverse che fanno parte di una storia parallela, anche quella non prina di alterazioni e nascondimenti. In realtà sia la scarsa efficacia e che il danno possibile e frequente erano entrambe – sia pure nella ridda di cifre e di note a margine per non parlare delle manomissioni del doppio cieco – anche negli studi clinici di approvazione. Ma è chiaro ormai che si vuole uscire dalla grande menzogna piano piano, facendo finta che non sia successo nulla.»

    "Mi piace"

  4. Ragazzi sempre da http://www.lasciachimica.com

    Secondo numerosissimi studi

    È meglio indossare una scarpa Geox con un elastico dietro le orecchie piuttosto che una mascherina.

    La scarpa Geox fa traspirare meglio il naso, non crea cattivi odori,e non fa entrare i droplet.
    Tutto questo grazie al suo esclusivo brevetto

    Piace a 1 persona

    • E’ importante anche notare che le mie brutte copie sono talmente sciatte che non fanno nemmeno ridere.

      Adesso guarda questo sccrrreeenshot e poi facci qualche altra battuta:

      "Mi piace"

  5. E a proposito di sghienza, ecco il nuovo studio sulla versione potenziata del SARSCoV-2:

    «La variante SARS-CoV-2 Omicron (BA.1) recentemente identificata e predominante a livello globale è altamente trasmissibile, anche in individui completamente vaccinati, e provoca una malattia attenuata rispetto ad altre principali varianti virali riconosciute fino ad oggi. La proteina Omicron spike (S), con un numero insolitamente elevato di mutazioni, è considerata il principale driver di questi fenotipi. Abbiamo generato SARS-CoV-2 ricombinante chimerico che codifica per il gene S di Omicron nella spina dorsale di un isolato SARS-CoV-2 ancestrale e abbiamo confrontato questo virus con la variante di Omicron a circolazione naturale».

    «Il virus Omicron S-bearing sfugge in modo robusto all’immunità umorale indotta dal vaccino, principalmente a causa delle mutazioni nel motivo di legame del recettore (RBM), ma a differenza dell’Omicron presente in natura, si replica efficacemente nelle linee cellulari e nelle cellule polmonari distali simili a primarie. Nei topi K18-hACE2, mentre Omicron provoca un’infezione lieve e non fatale, il virus portatore di Omicron S infligge una malattia grave con un tasso di mortalità dell’80%. Ciò indica che mentre l’evasione al vaccino di Omicron è definita da mutazioni in S, i principali determinanti della patogenicità virale risiedono al di fuori di S».

    Questi PAZZI hanno creato una roba che ha l’80% di mortalità. PER FARNE COSA?!?

    "Mi piace"

  6. È incredibile! In diverse occasioni Infosannio non ha pubblicato miei commenti, secondo me pertinenti all’argomento trattato nei vari articoli, e permette tutta la salve di stronzate in serie, presenti in questo articolo, considerandoli commenti. Mi è sempre piaciuto leggere le considerazioni dei lettori, che spesso contribuiscono a farmi un’idea più compiuta dei vari articoli, ma se Infosannio continua a sopportare commenti come quelli presenti in questo articolo, meglio lasciar perdere e dedicarsi a qualcos’altro

    Piace a 1 persona

  7. Ma certo. Con un “piccolo” slittamento semantico trasformiamo chi non si è fatto somministrare UN vaccino in no vax e il gioco è fatto. Ormai è diventato usurante persino specificarlo.

    "Mi piace"