Putin ci spia (sai che sorpresa)

(Articolo di “Le Monde” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione) – Dall’invasione dell’Ucraina, l’intelligence francese ha individuato diversi agenti dei servizi segreti militari russi, che utilizzano nuovi profili per sfuggire alla sorveglianza occidentale.

Quando in estate hanno ricevuto la richiesta di visto di Yulia Chifmanovich, i servizi consolari francesi non si sono subito insospettiti. La guerra in Ucraina ha portato molti russi a voler partire temporaneamente per sfuggire alle sanzioni imposte a Mosca, alla mobilitazione “parziale” o semplicemente per viaggiare.

E le spie, gli assassini e i sabotatori più pericolosi di Vladimir Putin sono raramente donne. Ma poiché la cautela è all’ordine del giorno con un Paese pronto a tutto pur di riprendere l’offensiva in Ucraina, hanno atteso il parere dei servizi segreti francesi prima di dare la loro risposta.

Secondo un funzionario diplomatico francese intervistato da Le Monde, il rifiuto finale della richiesta di visto è stato il risultato di un parere “inspiegabile” dei servizi segreti francesi. Non è stato presentato appello. E per una buona ragione. Secondo le nostre informazioni, Yulia Chifmanovich, nome reale, è la compagna di Alexander Kulagin, membro dell’unità 29155 del 161° centro di addestramento speciale dei servizi segreti militari russi, il GRU, l’unità responsabile dell’attentato del 2018 a Salisbury, nel sud dell’Inghilterra, con agente nervino contro Sergei Skripal, un disertore del GRU, che si era rifugiato nel Regno Unito. Da allora, i servizi di intelligence occidentali pensavano di aver neutralizzato questa minaccia identificando tutti i suoi membri.

Questa richiesta di visto per la Francia, sullo sfondo della guerra in Ucraina, indicherebbe quindi che l’Unità 29155 non è morta e che ora opterebbe per nuovi profili, donne o agenti molto giovani, per sfuggire alla sorveglianza occidentale e ai mandati di arresto europei emessi dopo il caso Skripal. Durante la Guerra Fredda, questa unità era responsabile dell’addestramento dei guerriglieri comunisti in Asia, Africa e America Centrale. Dalla caduta del Muro di Berlino, è stata convertita nel servizio di azione clandestina dell’esercito russo. Presente in Cecenia negli anni ’90, oggi è impegnata in assassinii, sabotaggi e sovversioni in tutto il mondo, in particolare in Europa. È diventata l’arma preferita del Cremlino, che sembra divertirsi a trasgredire le regole di un mondo di segretezza che tuttavia è molto flessibile in questo campo.

Secondo un membro dell’intelligence, Alexander Kulagin faceva parte del commando inviato in Montenegro nel 2016 per effettuare un colpo di Stato che è fallito. Kulagin fu poi affiancato da Eduard Shishmakov, alias Eduard Shirokov. Questi due uomini non sono sconosciuti alle autorità francesi. “Tra il 2014 e il 2018, almeno undici ufficiali dell’unità 29155 del GRU, tra cui Kulagin, hanno soggiornato in Francia, vicino a Ginevra”, secondo un alto funzionario dell’intelligence francese. Le Monde aveva riportato, alla fine del 2019, come questa unità avesse scelto l’Alta Savoia, al confine con la Svizzera, come base posteriore per lanciare le sue operazioni ostili.

Al termine di nuove indagini di Le Monde, sono emersi nuovi elementi sui soggiorni di questi agenti russi del GRU nell’Ain, vicino all’Alta Savoia e alla Svizzera. Si tratta di un’area molto comoda per le spie extraeuropee, in quanto consente un rapido accesso all’aeroporto di Ginevra, l’unica porta d’accesso al cuore dell’Europa che sfugge ai controlli di Schengen.

Le ricerche condotte dai servizi francesi dopo il 2018 mostrano che Kulagin era in compagnia di Yulia Chifmanovich durante i suoi soggiorni in Francia. Gli agenti del controspionaggio hanno trovato alcune delle residenze degli agenti dell’unità 29155, in particolare nel comune di Ferney-Voltaire, nella regione dell’Ain: l’hotel Median, l’Appart’hotel Citadines Genève (ora chiuso) e l’Appart’City Genève. Alexandre Michkine, alias Alexandre Petrov, uno dei due assalitori di Sergei Skripal a Salisbury, aveva, da parte sua, acquistato, nel gennaio 2018, una giacca blu in un negozio di Thoiry, nell’Ain. Un orologio di fascia media sarebbe stato pagato in una gioielleria dell’Alta Savoia.

Nessuna traccia di armi

I servizi segreti francesi sono riusciti a stabilire con precisione i movimenti in Francia di sette agenti del GRU: Alexandre Michkine e Anatoli Tchepiga alias Ruslan Bachirov, i due autori dell’attacco a Skripal; Denis Sergueïev alias Sergueï Fedotov, coordinatore di diverse operazioni in Europa tra cui quella su Skripal; Sergueï Lyutenko alias Sergueï Pavlov, visto in Bulgaria; Armangeldy Kourmanbaïev alias Aman Youssoupov; Guennadi Chvets e Timour Nozirov, entrambi noti con la loro vera identità.

Altri membri dell’Unità 29155 hanno richiesto visti o prenotato voli, ma non sono stati rintracciati. Spesso in coppia, a volte in tre, questi agenti si sono alternati in questa regione di confine, quasi ininterrottamente, fino al febbraio 2018, al momento del tentativo di avvelenamento di Skripal. Prima di questa vicenda non erano state individuate spie russe in Francia. Tuttavia, le indagini successive al 2018 non hanno finora dimostrato l’esistenza di alcuna operazione ostile sul territorio francese. Allo stesso modo, non sembra essere stato scoperto alcun deposito di armi, né alcuna complicità locale.

Nel 2019, il sito web investigativo Bellingcat, in associazione con altri media, aveva rivelato i nomi o gli pseudonimi di undici agenti di questa unità. Le Monde ha rivelato altri cinque nomi. Infine, il New York Times ha rivelato il nome di Andrei Averianov, il leader di un gruppo che era diventato l’obiettivo prioritario dei servizi segreti occidentali. Secondo nuove informazioni raccolte da Le Monde, i servizi occidentali hanno aggiunto altri due agenti alla lista dell’Unità 29155, oltre a Yulia Shifmanovich: Mikhail Smirnov, che si ritiene sia uno pseudonimo, e Ivan Jikarev, la cui vera identità è sconosciuta. Entrambi sarebbero transitati anche in territorio francese.

Nel corso delle loro ricerche, dal 2018, i servizi segreti dei Paesi presi di mira da queste spie russe hanno scoperto che le missioni assegnate a questo gruppo clandestino erano spesso legate all’Ucraina, a partire dall’invasione della Crimea e dalla guerra nel Donbass, nel 2014. Secondo i risultati delle indagini dei servizi di sicurezza cechi, trasmessi ai partner occidentali e citati il 17 aprile 2021 dal capo del governo ceco Andrej Babis, è “altamente probabile” che questa unità del GRU sia dietro la distruzione di due depositi di munizioni a Vlachovice, Vrbetice, il 16 ottobre e il 3 dicembre 2014.

La prima esplosione, che ha ucciso due dipendenti del sito, ha preso di mira un magazzino che ospitava 50 tonnellate di munizioni. La seconda esplosione ha colpito un deposito di quasi 100 tonnellate di munizioni. Questo materiale era, in parte, destinato a sostenere lo sforzo bellico delle forze ucraine. Sulla base di questi risultati, il governo ceco ha espulso diciotto diplomatici russi identificati come agenti russi.

Numerose espulsioni

I servizi cechi sono stati in grado di documentare la presenza sul loro territorio, al momento dell’esplosione, di Anatoli Chepiga e Alexander Mishkin, i due ufficiali che sarebbero stati coinvolti nel caso Skripal. Presentandosi come ispettori della Guardia Nazionale della Repubblica del Tagikistan e di nazionalità tagica e moldava, erano riusciti ad accedere al complesso di Vlachovice a Vrbetice con il pretesto di effettuare verifiche e ricognizioni. In questa azione sarebbero stati coinvolti altri tre agenti di Budapest, in Ungheria, e lo stesso capo dell’Unità 29155, Andrei Averianov, giunto appositamente da Vienna, in Austria.

Senza provarlo formalmente, i servizi di sicurezza cechi hanno collegato questi attacchi ai due tentativi di avvelenamento di un trafficante d’armi bulgaro, Emilian Gebrev, nell’aprile e nel maggio 2015 in Bulgaria. Parte delle scorte distrutte appartenevano alla sua azienda, la Emco, che riforniva regolarmente l’esercito ucraino. Nell’aprile 2021, la procura bulgara ha stabilito una correlazione diretta tra le esplosioni avvenute all’inizio del 2015 di due magazzini della società bulgara VMZ-Sopot, nella città di Iganovo, che ospitavano anche le scorte di armi della Emco, Gebrev, e la permanenza in Bulgaria di sei agenti russi dell’Unità 29155, tra cui Denis Sergeyev, alias Fedotov, e Egor Gordienko, alias Georgi Gorshkov, poi inviato in Svizzera sotto copertura diplomatica.

Gli elementi scoperti dal controspionaggio francese su Yulia Chifmanovich sono stati condivisi con i servizi alleati per arricchire la lunga lista di agenti russi, in viaggio o sotto copertura diplomatica. Le numerose espulsioni di spie russe tra il 2018 e il 2021 e la caccia agli agenti del GRU sembrano aver costretto Mosca a cambiare i suoi metodi e il suo reclutamento.

Categorie:Cronaca, Interno, Mondo, Politica

Tagged as: , , ,

11 replies

  1. se ho capito bene la presunta spia russa moglie di ecc…
    ha chiesto il visto con il suo vero nome?
    non ci sono più le spie di una volta…

    "Mi piace"

    • Per me questi articoli sono ilari in radice, come se fosse stata la Russia a spiare il telefonino della Merkel, per esempio.

      Ad ogni modo, ‘Mi ha detto mio cuggino’ è più credibile di certa carta da incarti.

      "Mi piace"

      • Jollyb
        Sei in permesso per buona condotta?,
        I manicomi non sono più quelli di una volta, lasciano che i matti vadano in giro liberamente,
        Guarda di rientrare puntualmente altrimenti ti ritroverai nuovamente ad indossare la camicia di forza

        "Mi piace"

    • “per me questi articoli sono ilari in radice” ma come? È uguale a quelli che posti tu in maniera compulsiva 😁

      "Mi piace"

    • Jollyb
      Grazie per il tuo selfie inviatomi, non avevo dubbi tu fossi un degno rappresentante delle zucche senza semi riempite di propaganda e spazzatura. Ne terro di conto e la pubblicherò ad ogni tua apparizione sul blog, tanto per rendere omaggio alla tua appartenenza alle cocurbitacee,
      Riguardati è tempo di zuppe di zucca,

      "Mi piace"

      • Risposte inconsistenti, al pari del tuo socio infante Infojato.
        Il messo notificatore di bufale propagandistiche russe è la vostra missione.
        Usare la testa per un pensiero autonomo non è consentito ai figli di un dittatore sanguinario e pluriassassino.

        "Mi piace"

      • Jollyb
        Sta finendo l’effetto degli oppiacei che sei costretto ad assumere per poter usufruire del permesso di libera uscita?
        Dai tuoi commenti strampalati al limite della follia sembrerebbe di sì.
        Riguardati e rientra, potresti perderti. E continua ad informarti sui notiziari msm
        E come già consigliato attento, le zucche sono ricercate per fare delle ottime zucche pertanto ne va della tua integrità.

        "Mi piace"

  2. Ohibò, esistono le spie… Anche russe…
    Corro a prendere la colubrina…
    ( mentre lo scrivo mi accorgo che non è più un eufemismo…)

    "Mi piace"