L’avete voluta voi

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Non passa giorno senza un appello contro l’avvento di Giorgia Meloni a Palazzo Chigi e di questa bella destra al governo. Appelli sacrosanti, se non fosse che molti firmaioli e indignati speciali han lavorato cinque anni per quest’obiettivo. Nel 2018 il Pd ancora renziano e i giornaloni al seguito, gruppo Espresso-Repubblica e Corriere in testa, alzarono il fuoco di sbarramento contro il governo 5Stelle-Pd: meglio gettare il M5S fra le braccia di Salvini […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

86 replies

  1. L’avete voluta voi

    (di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Non passa giorno senza un appello contro l’avvento di Giorgia Meloni a Palazzo Chigi e di questa bella destra al governo. Appelli sacrosanti, se non fosse che molti firmaioli e indignati speciali han lavorato cinque anni per quest’obiettivo. Nel 2018 il Pd ancora renziano e i giornaloni al seguito, gruppo Espresso-Repubblica e Corriere in testa, alzarono il fuoco di sbarramento contro il governo 5Stelle-Pd: meglio gettare il M5S fra le braccia di Salvini, così avrebbe fallito e i suoi voti sarebbero tornati al Pd. Invece non fallì, anzi. Nel Conte1 fece riforme mai fatte dalla sinistra: dl Dignità, Reddito, quota 100, spazzacorrotti, blocca-prescrizione, voto di scambio, taglio dei parlamentari, revisione di concessioni autostradali e grandi opere inutili. Ma il giochino era ignorarle o demonizzarle: il Pd votava contro e la grande stampa dipingeva M5S e Lega come “due destre” gemelle e “populiste”, pompando il “capitano” Salvini, noto nullafacente (le sceneggiate contro le Ong, i dl Sicurezza e null’altro): sempre con l’astuto calcolo che gli elettori 5S sarebbero tornati all’ovile Pd. Invece quelli in fuga si astennero o votarono per la Lega, che alle Europee 2019 balzò dal 17 al 34% e i 5Stelle crollarono dal 33 al 17.

    In agosto Salvini fece harakiri e nacque il Conte2 (M5S-Pd-Leu), fra gli strali di Repubblica-Espresso, Corriere e intellighenzie varie, che tifavano Salvini. Rep pareva la Padania: “Elezioni subito (ma c’è chi dice no)”. Il vero nemico non erano le destre, ma i 5Stelle. Il Conte2 fece altre cose buone: niente aumento Iva di 21 miliardi, manette agli evasori, cashback, superbonus, Green new deal, più soldi a sanità e scuola, gestione esemplare di Covid e ristori, 209 miliardi di Recovery. Ma la grande stampa inventava ogni giorno pretesti – il Mes, i Dpcm, i ritardi nelle conferenze stampa, la pochette e altre stronzate – per screditare il premier elogiato nel mondo e popolarissimo in Italia, appoggiando i sabotaggi renziani e le manovre dei poteri marci per Draghi. Quando Conte cadde, i sondaggi davano lui e i giallorossi competitivi contro le destre screditate da errori e orrori sulla pandemia. Ma al voto si preferì la geniale opzione Draghi, che riportò al governo e all’onor del mondo gli sputtanatissimi B. e Salvini, regalò 8 punti a FdI unica opposizione e ne levò 5 al M5S. Erano tutti contenti, quelli che ora lanciano l’allarme nero: i Sambuca, le Concite, i Politi, i De Angelis, i Damilani, i Giannini, i Severgnini, De Benedetti (“Pur di liberarci di Conte, ben venga Berlusconi”). Hanno persino plaudito a Letta perché scaricava Conte per assicurarsi quel bocconcino di Calenda senza neppure riuscirci. E adesso non si capisce di che si lamentino. L’avete voluta la Meloni? Pedalate.

    Piace a 10 people

      • Governo Conte 1, M5S presente, e allora?
        Governo Conte 2, M5S presente, e allora?
        Governo Draghi (il Governo della Responsabilitá Nazionale, quello invocato dal doppio Presidente della Repubblica, che se si fossero tirati fuori e avessero fatto i FASCI li avreste crocifissi comunque), M5S presente, e allora?
        Vigneri, MT lascialo a noi, sull’autobus ci sei giá tu. Vai, vai

        "Mi piace"

  2. Ma se stavano tutti felici e contenti nel grande assemblamento dei migliori cosa vuoi che cambi con il nuovo assemblamento con la Melona urlatrice, l’importante è che tutti i big abbiano una poltroncina.

    Piace a 2 people

  3. e i 5Stelle crollarono dal 33 al 17

    L’emorragia non si fermò nemmeno apparentandosi col pd. Oggi siamo sul 10/12.

    Il motivo di questo crollo è uno solo: il M5* ha stretto alleanze.

    Piace a 2 people

    • I giornaloni c’erano anche prima eppure il M5Stelle diventò il primo “partito”. Governare ad ogni costo con Di maio e Grillo che manda a fanculo chi non vuole allearsi col PD e addirittura governare con Berlusconi perché Draghi era un grillino e per Conte che non è mai stato grillino sitrasforma il M5Stelle cancellando le regole fondanti e si fa un partito verticistico con lo scollamento di attivisti e votanti Fine di un sogno.

      Piace a 1 persona

  4. E non è finita qui, vedrai, con questa immonda legge elettorale il 26 settembre rivedremo obbligate alleanze, e il gioco dell’oca ricomincerà…

    Piace a 1 persona

  5. Il dente se duole va tolto.
    Avete paura della Meloni?
    Bene!Fatela governare e tutto poi si risolverà in un governo tecnico dopo poco tempo,ma lei avrà le chiappette bruciate,quindi arriveranno i Responsabili Salvatori della Democrazia e del Paese (sappiamo benissimo chi sono)a imporre sangue e lacrime (nostre)come giusta punizione per averla scelta come male minore tra il conato di vomito,l’attacco improvviso di diarrea e il non voto

    "Mi piace"

      • Esatto… e quando il peggio possibile fino a oggi è già stato fatto, si possono sempre aggiungere nefandezze quali il ponte sullo stretto di Messina e la flat tax.

        Il bello del ponte sullo stretto di Messina è che non c’è nemmeno bisogno di costruirlo davvero per far guadagnare i soliti amichetti del quartiere.

        "Mi piace"

    • In realtà la Meloni si è già bruciata, solo che gli italiani hanno la memoria corta. Lei votò Ruby nipote di Mubarak, tutte le Leggi salva Berlusconi, Legge Fornero, pareggio di bilancio e altre porcate simili. Come può oggi essere considerata la salvatrice della patria? Boh, ai posteri …

      Piace a 1 persona

      • Non ci sono Salvatori della patria tantomeno lo è lei, però magari sotto la “minaccia fascista “si tornerà a discutere di diritti civili elementari,calpestati dal PD (Partito Draghi)…boh

        "Mi piace"

  6. Si dirà che, viste le cose fatte, le alleanze si sono dimostrate utili e dolorosamente necessarie. Vero.
    In quel contesto è innegabile.
    Per come la penso io, i passaggi della attuale legislature forse erano necessari: servivano a dire “noi siamo questi e abbiamo dato prova di come vogliamo cambiare il paese, pur al netto degli errori commessi. Le nostre idee per battere il malaffare, le mafie e il precariato sono state duramente contrastate da potenti gruppi editoriali e dai partiti di riferimento di tali grumi di potere che preferiscono fomentare il caos, attività che peraltro svolgono con ottimi risultati. Noi siamo e rimaniamo questi. E, da oggi in poi, andremo sempre da soli”.

    Piace a 5 people

    • Andare sempre da soli non è la soluzione, a meno che il contributo sia irrilevante. Credo che il pragmatismo deve andare oltre l’ideologia ed i governi Conte ne sono la conferma : il Movimento aveva un programma ben definito ed un obiettivo, rispettare quel programma insieme a chiunque fosse d’accordo.
      Possiamo dire che hanno fallito? No, nonostante tutto, come scrive per l’ennesima volta MT, i governi Conte hanno portato a casa in 2 anni riforme che il paese attendeva da 30, e che disturbavano assai molti dei loro improvvisati compagni di governo, legati a quelle cerchie che hanno di fatto comandato da sempre. Dopo il colpo di stato bianco del Mattarello, l’errore dei 5S è stato assistere inermi alla sopraffazione ed allo smantellamento di quelle benedette riforme. E di questo tragico errore Conte ed il Movimento soffrono le conseguenze. Passeranno decenni prima che si ripresenti = se si ripresenta = una situazione tanto favorevole come quella di Giugno 2018 quando Conte iniziò la sua cavalcata formidabile per cambiare il paese, stroncata dal trio Mattarello Bomba Draghetto. Naturalmente, spero di sbagliarmi, ma ora più che mai i media, in mano ai Gattopardi pubblici e privati, staranno all’erta per bastonare qualsiasi tentativo di azione. Basta vedere il diverso atteggiamento riservato dai lacchè che conducono o intervengono nei fake-shows verso Conte e verso tutti gli altri. Trattano meglio, e lasciano che sputi impunemente le sue balle sentenziose persino Giggino a’pultrona

      Piace a 7 people

      • AlfredoReggiani, la tua analisi è perfetta, spero solo che non debbano passare decenni (come affermi) prima che si possa ripresentare un’altra situazione favorevole poiché se si considera le esponenziali emergenze socio-politiche-climatiche, direi che siamo alle (quasi) ultime chance.

        Piace a 3 people

      • Quel risultato del quasi 33% lo prese andando da soli. Anche allora c’era questa legge elettorale, approvata in fretta e furia da una maggioranza PD e fuorusciti da FI. Il governo Gentilini, sostenuto da quella maggioranza rappresentativa del 25% degli elettori, pur di farla approvare in previsione delle elezioni, pose la questione di fiducia. Le menti criminali che partorirono quella legge avevano l’obiettivo di impedire la vittoria del M5S, anche se l’unica alternativa alla vittoria del movimento era la vittoria del cosiddetto centro destra. L’obiettivo saltò grazie al fatto che il movimento si presentò con un programma a favore dei più deboli e a difesa della legalità. Il grido di battaglia : né di destra, né di sinistra. Votarono per quel programma che non era né di destra, né di sinistra tutti quegli onesti cittadini , comunemente definiti fessi.
        Solo coloro che non sanno analizzare i dati elettorali possono sostenere che il movimento cominciò a perdere consensi alle europee del 2019 e che parte dei voti andò alla lega. Il confronto dei risultati elettorali si fa tra elezioni dello stesso tipo.
        Fra i tanti che non capiscono una mazza dei numeri è ricompreso M T.

        "Mi piace"

  7. giansenio tu saresti stato capace di governare da solo con il 33%? Delle due l’ una o il M5S si rifiutava di governare, mandando gli elettori a votare fino a raggiungere il 41%, e mi pare non fattibile, oppure necessariamente avrebbe dovuto governare insieme a qualcuno, o Lega o PD. ….ha governato bene, almeno per me, nonostante la zavorra maleodorante di entrambi. …dovrebbe essere un merito! I simili che hanno governato con i simili, ed avuto all’ opposizione gli stessi simili hanno distrutto un paese……il M5S avrà fatto certamente errori, ma ha trovato macerie e qualcuna ha almeno provato a spostarla. …..tanto per non saper differenziare e riconoscere meriti e demeriti, stiamo riconsegnando il paese a chi lo ha ridotto in macerie, quelle accumulate prima dell’ arrivo dei 5 stelle! Qualcuno dirà, tanto sono tutti uguali. ….a leggere l’ elenco di Travaglio, a me non pare. ….se poi la pretesa era quella di diventare la Svizzera. …per trasformare gli italiani in svizzeri ci vuole un miracolo. ….e pure impegnativo anche per gli esperti in miracoli!

    Piace a 5 people

  8. Contrariamente a quanto avevo affermato, per ottenere il 65% dei seggi (dicasi premio di maggioranza), a una coalizione basterebbe raggiungere il 40% dei voti (non il 50 come pensavo). Con il 40% dei voti si beccano tutto il banco. E a quel punto riscrivere di sana pianta la Costituzione sarà un gioco da ragazzi, considerando anche che non ci sarebbe l’obbligo di referendum. Per Fini il fascismo era il “male assoluto”, mentre per Donna Giorgia si è trattato solo di una fase storica ormai superata (sono le stesse parole usate da Almirante di cui la Sorella d’Italia celebra continuamente il ricordo nelle riunioni interne a porte chiuse). In effetti il fascismo di cui vediamo le scene nei film o filmati non potrebbe più essere ripristinato. Ma una società autoritaria con accentramento di poteri nelle mani di un presidente eletto dal popolo, e senza contrappesi istituzionali di garanzia, rientra perfettamente nei programmi di Donna Giorgia.

    Piace a 1 persona

  9. Gae ho avuto un confronto con Ugo in merito alla legge elettorale, il Rosatellum non prevede premio di maggioranza, è un sistema misto, con assegnazione dei seggi con una quota maggioritaria, cioè l’ uninominale, ed una proporzionale, in base alle percentuali di voto di ciascuna lista. ….dove è prevista una redistribuzione dei seggi…..per avere il 65% dei seggi forse non basta il 40%, perché appunto il sistema è misto. …il M5S con 11 milioni di voti e la vittoria su quasi tutti i collegi uninominali, e una buona quota proporzionale, è arrivato al 33%…. arrivare al 40% ed oltre con questa legge elettorale, non credo sia facile, fu appositamente creata per questo contro il M5S

    Piace a 1 persona

  10. @Alessandra

    In parte ho risposto in un commento di poco precedente il tuo.
    Io ho SEMPRE sostenuto che, visto l’esito del 2018, fosse inevitabile allearsi con qualcuno, dato il bottino in saccoccia. E, turandomi il naso, ho anche sostenuto il Conte 2, pena la schiacciante vittoria del cazzaro verde e compagnia (lega al 34%).
    Il M5* ha compiuto il suicidio perfetto dopo i ricatti politici di renzi e conseguente ingresso nel governo dell’ammucchiata. Dopo due sabotaggi il messaggio doveva essere ben chiaro.
    Il resto è storia: l’obiettivo era smantellare tutte le riforme fatte e dissanguare ulteriormente il movimento, operazione che, per congiunzioni astrali e un pizzico di ritrovato coraggio, è stata interrotta.
    La dirigenza del M5* deve ficcarsi nella capoccia che le alleanze sono totalmente incompatibili per il movimento.

    "Mi piace"

    • Il punto è che quando un’alleanza comincia a essere controproducente, cioè quando il gioco non vale più la candela, SI DEVE USCIRE DAL GOVERNO, così come ha tentato di fare il M5S con il governo Draghi (a mio parere troppo tardi, cioè quando il MOV era già stato dissanguato in termini di consenso e di credibilità). A quel punto il governo lo facciano tutti gli altri ma senza più i 5stelle che, stando all’opposizione, non potranno che crescere.

      Piace a 5 people

    • Il movimento ha perso quando qualcuno a capo del movimento ,vedi Di Maio e altri,non ha pensato più all’Italia ma alle sue natiche.Perdendo di vista il proprio programma e perdendo di conseguenza consensi.Grillo e Cingolani “grillino” poi vi suggerisce altro?

      Piace a 1 persona

    • Il M5S, che non era forza né di destra né di sinistra, prevedeva che solo se un’ altra forza politica avesse accettato di stabilire prima un contratto di governo con i punto irrinunciabili da realizzare si sarebbe andati insieme. Così si fece con la Lega. Con il PD invece ricordo che Di Maio fu letteralmente sbeffeggiato da Beppe Grillo perché proponeva con determinazione i 6 punti di programma. Senza un contratto che sia sotto gli occhi di tutti i cittadini e che dica nero su bianco cosa si farà credo che qualsiasi alleanza sarà sempre un’alleanza come le altre, ovvero con lo scopo occulto ma neanche tanto di non fare toccare palla al M5S e comprometterlo con il suo elettorato. Se non si riesce a fare ciò meglio l’opposizione.

      Piace a 1 persona

  11. La pesciarola l’ha voluta (o la vorra’) l’ammucchiata di coglionazzi comunemente detta poppolo itagliano, che prima voleva Salvoini e prima ancora Berluscone, i giornaloni, giornalini e giornaletti non contano una mazza, i rincoglioniti che li leggono nel loro complesso sono meno di quelli che vedono i post su instagram della Ferragni o del pupone:

    https://www.blitzquotidiano.it/blitz-blog/vendite-giornali-maggio-2022-perso-un-altro-10-copie-digitali-al-palo-2-solo-10-mila-abbonamenti-in-piu-3481101/

    Un poppolo di coglionazzi ha i governanti che si merita.

    Se almeno ci fossero ladri industriali o tecnocrati veri, si potrebbe sperare che andassero al potere loro con qualche manovra di palazzo e pur rubando almeno innovassero l’Itaglia realizzando le opere per la transizione digitale ed energetica.

    Invece i ladri industriali itagliani sono degnamente rappresentati dal pagliaccione Calenda che vuole le centrali nucleari nell’anno 2022, e magari pure le palafitte, i telefoni a gettone e le auto mosse dalla pentola di Papin.

    Obtorto collo tocchera’ votare l’avv. Gonde, pur sapendo che ci si trovera’ in compagnia dei putinari pacifinti e di vari scappati di casa, con la speranza (spes ultima dea) che non ci ri-rifili un Cingolani pure lui.

    Piace a 1 persona

  12. Sono d’accordo con Marco Travaglio, lo penso anch’io, dalla caduta del Conte 2, governo che stava indigesto a Confindustria e quindi a tutti i giornali venduti.
    A Ginsenio dico che l’emorragia è ripartita col governo Draghi e li è stato il più grande errore dei 5S in 5 anni di buone cose. Errore però fatale si cui hanno colpa solo l’ingenuo Grillo e il venduto Di Maio.
    La verità però l’ha detta qualche commentatore prima di me… É stata una strategia? Io penso di sì così potranno passare i prossimi anni a dire quanto era bravo Draghi e quanto necessario un governo centrista leccaUsa e filoindustriali.. Mentre il M5S cercheranno di farlo sparire dai radar…
    Venduti!!!!

    Piace a 2 people

    • Il più grande errore è stata la sudditanza a Salvini, quando Di Maio aveva il suo primo modello nel cazzaro verde, modello poi sostituito dallo sparviero Draghi. Votare a favore di Salvini in occasione del processo è stato la primissima violazione palese di una delle pietre angolari su cui poggiava il M5S, l’aver accettato un anno di ritardo sulla riforma Bonafede fu l’altra grossa violazione e poi aver aspettato a discutere il TAV quando ormai era troppo tardi perché la lega aveva già avuto tutto ciò che voleva è stato il colpo di grazia.

      Un capo politico che non usa la forza derivante dal numero di parlamentari non è degno di esserlo e Di Maio andava rimosso il giorno dopo le elezioni europee. Allora c’era ancora la possibilità di fare inversione di rotta.

      Alla caduta del Conte 2 poi si sarebbe dovuti restare fuori dal governo, a costo di andare a votare anche se non penso che Draghi avrebbe dato corso alle sue minacce. Purtroppo in quel momento Conte non poteva decidere in piena autonomia. La prima occasione buona per uscire era la riforma Cartabia, ma penso che Conte abbia valutato giusto: quanti l’avrebbero seguito? Forse meno di metà? Non ci è dato di saperlo, ma sono convinto che una persona intelligente come lui abbia valutato tutti i possibili scenari e deciso in base alle reali probabilità di successo. Se avesse provato a uscire allora e non fosse stato seguito, sarebbe stata sicuramente la morte del M5S

      Piace a 1 persona

  13. bene, MT, i giornalettari sono spazzatura, e non ci piove.
    ma se Conte è questa gran roba, bravissimo, amatissimo, popolarissimo, ecc., perché avere paura? al voto prenderà il 60% da solo, no?
    vuoi mai che gli italiani non si rendano conto di avere a che fare con il più grande e onesto politico del mondo e della storia e non lo ricoprano di voti?
    sarà così di sicuro, vedrai.
    altrimenti vorrebbe dire che quella di Conte popolarissimo tra la ggente è solo una favola e che laggente Conte non lo vuole, ripeto: non ne ha nostalgia, non lo ritiene bravo e n-o-n l-o v-u-o-l-e.
    impossibile.

    Piace a 1 persona

    • @Il Mazzuolatore
      La maggior parte degli italiani è fascista e disonesta, pure tanti veramente di sinistra sono “fascisti dentro”. Incredibile!
      L’italiano in massima parte è quello delle raccomandazioni (pratica alla base della cultura mafiosa), delle leggi che valgono solo per gli altri, delle furberie, etc. quindi non mi faccio illusioni. Alla fine le pesciarole e i cazzari verdi prevarranno.

      Piace a 3 people

      • @gatto, la tua predilezione per i libri fantasy ti fa leggere cose non scritte per magia?
        Di sicuro giudizi su chi merita di vivere e su chi non lo merita non li leggerai mai.

        "Mi piace"

      • Senza incoscienza del senso delle proporzioni, è lo stesso tipo di irrecuperabilità che, per usare un’altra iperbole, Nietzsche subì per essere stato fatto oggetto, da parte di persone della tua stessa capacità di compresione e discriminazione, delle accuse di essere stato il precursore e la mente pensante del Nazismo.

        Ribadisco: che ci potrei mai fare?

        "Mi piace"

      • Che presunzione! Complimenti… quindi tu presumi di conoscere la mia capacità di compresione e discriminazione!

        Io quella comunque non la chiamerei iperbole, a meno che davvero tu volessi fare un’iperbole e ti fosse venuta fuori una bella analogia.

        Tra l’altro conosco tante persone che come te amano i libri fantasy, ma nessuno che abbia considerato Nietzscge il precursore e la mente pensante del nazismo.

        Ti ripeto: non puoi farci nulla. Sei irrecuperabile, torna a leggere di maghi che volano o che camminano sulle acque, che trasformano le pietre in eserciti e l’acqua in vino, che generano esseri viventi da alberi, foglie e vergini adolescenti.

        Piace a 2 people

      • IPERBOLE: “Riferimento metaforico volutamente alterato sul piano della quantità sia per eccesso ( è un secolo che aspetto ) sia per difetto ( berrei un goccio di vino ); estens., esagerazione.”

        ANALOGIA: “Rapporto di somiglianza tra alcuni elementi costitutivi di due fatti od oggetti, tale da far dedurre mentalmente un certo grado di somiglianza tra i fatti o gli oggetti stessi.”.

        Ergo (cit.), è sia l’una che l’altra; l’una perché è stato volutamente esagerato il rapporto; l’altra per il grado somiglianza (non di identità).

        Circa la “presunzione”: se è riferita al fatto di conoscere la tua capacità di compresione e discriminazione, lo era, adesso è una certezza! Se riferita al fatto che mi sarei paragonato a “Nietzscge” (ahahah), oltre all’iperbole già citata, non sai EVIDENTEMENTE (cit.) cosa significhi la frase da me scritta: “Senza incoscienza del senso delle proporzioni”.

        PS: vedo che lo sc3mo del villaggio è venuto a darti man forte: so’ soddisfazioni e segni del destino…

        "Mi piace"

      • Non ci trovavo nulla di esagerato, per cui non ho percepito l’iperbole e continuo a non percepirla. Ottimo esempio, comunque.

        So leggere e quindi “Senza incoscienza del senso delle proporzioni” era chiara come l’acqua di fonte: “Con coscienza del senso delle proporzioni”. Altra prova della tua presunzione: pensi che solo tu sappia capire i testi scritti? No, non ho mai pensato che tu ti potessi paragonare a Nietzsche: non ho mai pensato che la tua presunzione potesse arrivare a tanto! Ho la tendenza a sottostimare i difetti altrui.

        "Mi piace"

      • Vedo che:
        A parte Anail👍🏻,persona intelligente e squisitamente educata,e pochi altri
        La maggior parte delle persone del FORUM/BLOG ti conosce bene e sa come comportarsi con te.
        👌👌👌👌👌

        Piace a 2 people

      • Grazie Ugo g!
        Che vuoi… sono qui per conoscere un po’ di persone, leggere un po’ di notizie, fare chiacchiere in libertà, esprimere liberamente le mie opinioni: a qualcuno interessano, ad altri no e va bene così. Qualcuno è d’accordo e qualcuno no e va bene così. Qualcuno mi contraddice e argomenta, qualche volta mi convince e altre volte no e va bene così. Qualcuno mi insulta e va bene così, non tutti abbiamo le stesse forme di rispetto e di considerazione del prossimo. Anche l’insulto e la bestemmia sono due forme di comunicazione e di espressione e se qualcuno mi dà del bimbominkia non lo denuncerò…

        Piace a 1 persona

      • Vedo che, a differenza del sottoscritto, all’oscuro di chi fosse Gianni Pertacchini (ahah…), il Soggetto conosce molto bene chi è invece lo sc3mo del villaggio… (adeguandoci al livello adolescenziale del Nostro) 😂😂😂😂

        Il resto glielo si perdona solo per il fatto che, almeno a quanto sembra, è un nuovo frequentatore del trivio…

        "Mi piace"

      • Francamente non ti capisco. Alla frase “…Nei libri fantasy esistono anche le iperboli, ras…”, tu hai risposto “Appunto! Poi però arriva qualcuno che ci crede veramente.”

        Un bel modo per far intendere che “Non ci trovavo nulla di esagerato, per cui non ho percepito l’iperbole e continuo a non percepirla”.

        Bene, come comprensione, non c’è male. Adesso ti lascio a incartarti da solo.
        Mi sono stufato: ciao!

        "Mi piace"

      • Stavolta sono io che ti do dell’incartato. La tua iperbole di Nietzsche è arrivata dopo il mio “Appunto! Poi però arriva qualcuno che ci crede veramente.” e quella che non trovo esagerata è l’iperbole su Nietzsche.

        "Mi piace"

      • Solo una cosa per chiarezza: nel tuo ultimo commento parlavi di non ravvisare un’iperbole, quindi un’esagerazione, nell’esempio con “Nietzscge”, non della prima, giusto? Ebbene, è un’iperbole in riferimento alla portata delle conseguenze sottese al suo caso (che tu neghi, “ma nessuno che abbia considerato Nietzscge [sic] il precursore e la mente pensante del nazismo” e vabbeh: basterebbe andare su wiki, mica tanto lontano…), in rapporto alla portata di quelle del mio caso. Se poi tu non la vedi, fa niente…

        "Mi piace"

      • Come sei contorto… sei tu che hai detto che non capivi e ho cercato di spiegarti, ma mi rendo conto che proprio non ci arrivi. Poi il tuo continuo ritornare sull’errore di battitura per aver toccato la G al posto della vicina H… d’altra parte quando uno non ha argomenti si attacca a qualunque cosa. Peccato perché in passato ho pensato più volte che tu fossi una persona intelligente, oltre che di cultura, nonostante le abissali differenze di idee.
        Adesso il tuo arrampicarsi sui vetri, il fare un’insalata mista di quel che dico, il focalizzarsi su un _typo_ e il travisare le mie parole mi fanno ricredere. Peccato… dovrò rinunciare a un confronto di idee costruttivo.

        Ritornando a Nietzsche: ho detto che non conosco nessuno sostiene quella tesi. Conoscere in senso letterale: persone che conosco e che frequento o che ho frequentato abbastanza a lungo da conoscerle. Non nel senso che ho incontrato una sola volte o di cui so dell’esistenza. Pensavo che fosse chiaro, ma posso capire il fraintendimento.

        "Mi piace"

      • Non vedo nessuna contorsione. Appena mi sono accorto che parlavi della seconda iperbole, mi sono affrettato a rettificare, mentre tu stavi postando la spiegazione e ci siamo quasi sovrapposti: ecco svelato il mistero.

        Sulla storpiatura del nome, ovviamente scherzavo: o credevi seriamente che pensassi non sapessi come si scrive “Nice”?

        Sul resto, ricrediti pure, sopravviverò. D’altra parte “La maggior parte degli italiani è fascista e disonesta…”, giusto? l’importante è che ci sia una minoranza, a cui tu senz’altro apparterrai, che tiene la barra dritta: grazie di esistere!

        Piace a 1 persona

  14. Travaglio dimentica solo che il movimento ha contribuito a tutto questo entrando dentro la indecente arca del governo Draghi (grazie soprattutto a Di Maio e alle supercazzole di Grillo), tradendo la fiducia dei suoi elettori e lasciando la pseudo opposizione alla sola Meloni. Non ci voleva certo Nostradamus per capire che sarebbe finita così. L’unica soddisfazione (si fa per dire) è che i veri padroni dell’Italia hanno già pronto il governo che piace a loro, anche se non votato da nessuno.

    Piace a 1 persona

  15. Prima di rivotare 5 stelle aspetto che mandino a quel paese l’alleanza in sicilia con il pd per le regionali e l’uscita della Lombardi dalla giunta Zingaretti o dal movimento altrimenti mi aggiungero’ al partito astensionista

    "Mi piace"

    • Se persistono nell’alleanza con il PD in Sicilia è la prova provata che tutto il can can che sta facendo il mv5s in campagna elettorale è solo un escamotage per raccogliere voti da portare in dono al pd

      Piace a 1 persona

  16. E una cosa che in molti non capiscono o fanno finta di non capire c’è il fatto che una cosa è fare un programma condiviso com’è stato per il governo gialloverde ma un altra cosa è stato il governo giallorosso dove il mv5s si è chinato a 90° gradi financo a divenirne il servo sciocco e un fervente sostenitore sadomaso del governo draghi
    Non per niente il PD è considerato la peste nera, tutto ciò che toccano si trasforma in catastrofe per gli itaggliani

    Piace a 1 persona

  17. I cinquestelle continuano ad essere il nemico n.1 di tutti (giornalisti ,partiti e potenti vari). Il problema è che sono diventati il nemico da battere anche per il suo fondatore. Il trattamento speciale riservato Dibba ne è la prova. Ma del resto fu lui a fare imparentare le galline con le volpi definendo quest’ultime grillini.

    "Mi piace"

  18. La matematica MT, la matematica…5s aveva il 33% nel 2018, FdI il 5%, Lega 17%, PD 19%.
    5s adesso è accreditato al 10%, con FdI al 25%, Lega al 14% e PD al 22%.
    C’era una grossa porzione fascista che si era accasata coi 5s ed adesso, giudicando l’operato dei 5s insufficiente, è tornata all’ovile.
    Questo è, hai voglia a dire che è sempre colpa degli altri cattivoni.

    "Mi piace"

  19. Ai vari commentatori che si arzigogolano senza senso:

    1- pur col 33% le buone cose concrete dei Conte1 e Conte2 si sono potute fare SOLO perchè uniti, forzatamente, col Cazzaro prima e col Bomba dopo.
    Quindi è disonesto accusare Conte ed i 5S per le alleanze di quei due governi: niente alleanze nìente riforme. Chi non lo capisce o è disonesto o è stupido.

    2- l’ammucchiata Draghi che ha massacrato le proiezioni di voto dei 5S è figlia soprattutto di Grillo, ammaliato dal Draghi nonno-banchiere “grillino” e annebbiato nello scambiare Cingolani (!) in un ecologista. Giggino una poltrona voleva e ora se la vuole tenere stretta.
    Conte è stato un presidente dimezzato fino al 15 Giugno 2022. Ha i suoi limiti come tutti, ma per additarli in questo momento bisogna essere persone misere.

    3- alle elezioni la gente vota in base alle proprie opinioni che si costruiscono sulle informazioni ricevute.
    Mai come questa volta i media saranno antigrillini, se ce la fanno li estingueranno. Fingere che le cose non stiano così, dando ai 5S colpe che non hanno è da collusi del sistema corruttore-fascista-mafioso che rovina questo paese.

    4- c’è una montagna di astenuti, i numeri di oggi non contano nulla.

    Piace a 2 people

  20. Cosa pensino realmente i fossili della politica della massa elettorale lo di può dedurre da certe spontanee dichiarazioni, veri flussi di coscienza .

    Esempio tratto dal sito di Rep (e dove altro sennò?): 👇

    Gelmini: “Siamo noi gli eredi politici di Draghi, ruberemo voti a tutti”

    E di seguito l’intervista che merita di essere stampata su rotoli doppio velo, anche se non l’ho letta.

    Ma deve fare riflettere quel “ruberemo voti a tutti” del titolo.
    Cosa poteva dire di diverso questa vestale del berlusconismo , lei e tutti gli altri vecchi politicanti?

    Poteva forse dire “noi, con le nostre istanze innovative trascineremo alle urne milioni di elettori indecisi e riottosi, cioè ridurremo l’astensionismo?”

    Nessun partito sta seriamente pensando a questo problema. E nessuna offerta politica sembra in grado di dare una scossa benefica a milioni di italiani delusi.
    Al massimo puntano a “rubarsi” i voti a vicenda, niente di più.
    Decadenza pura.

    "Mi piace"

    • “Nessun partito sta seriamente pensando a questo problema. E nessuna offerta politica sembra in grado di dare una scossa benefica a milioni di italiani delusi.”

      Tu continua pure a votare, nonostante tutto, i 5S. Intanto, per chi il crudo sa che va sul melone e non su altre parti, esiste questo (ma non solo):

      "Mi piace"

  21. Più ascolto e leggo le roboanti dichiarazioni dei leader politici candidati alla poltrona più mi convinco che razzi ha ragione al 100%

    "Mi piace"

  22. R & C auto

    Salone dell’usato

    Comprereste un’auto usata da Renzi&Calenda?

    Se ti capita il primo, poi ti accompagna alla porta con una pacca sulla spalla e ti dice: ottimo acquisto, con questa auto stai sereno.

    E già lì ti cola una goccia gelata sulla schiena..

    "Mi piace"

  23. Solo una cosa perché cazzo dopo il mojito di Salvini,non si è andati al voto i 5 stelle come minimo il 35 per cento, invece alcune cose vanno bene a tutti ,ma la vera vergogna e trovare di nuovo Berlusconi al comando, perché è palese he non esiste il centrodestra, esiste Berlusconi, punto

    "Mi piace"

  24. Er Tronco pensa: Quirico ha scritto tutto ed il contrario di tutto sulla guerra in Ucraina, anche se negli ultimi tempi ha cambiato registro. Inoltre ha per colleghe “la beneficiaria a sua insaputa del gas russo” Nathalie Tocci, che invece di dimettersi dal consiglio di amminastrazione di ENI che fa affari con la Russia, ne incassa i dividendi, e la equilibrata esperta di poltica internazionale Nona Mikhelidze, sul cui giudizio nutro qualche dubbio essendo Georgiana.
    Invece di scrivere questi piagnistei apocalittici, che purtroppo prefiguarano uno scenario possibile, chieda conto della linea assunta dal suo giornale sulla guerra.

    "Mi piace"