Letta accoglie Di Maio. Calenda alza il prezzo

Il mercato. All’uninominale ai rossoverdi 20% e 80% ai dem. Luigi Di Maio varca la porta del Nazareno: è l’immagine del giorno. Che permette – a sera – di far annunciare a Enrico Letta che l’accordo c’è anche con “Giggino” e con Bruno Tabacci. In una conferenza stampa alla presenza di entrambi. […]

(DI WANDA MARRA – Il Fatto Quotidiano) – Luigi Di Maio varca la porta del Nazareno: è l’immagine del giorno. Che permette – a sera – di far annunciare a Enrico Letta che l’accordo c’è anche con “Giggino” e con Bruno Tabacci. In una conferenza stampa alla presenza di entrambi.

Cartoline impensabili in un passato neanche troppo remoto. Ma ora il ministro degli Esteri fa parte a pieno titolo della coalizione. Tanto che nel colloquio si è parlato anche del diritto di tribuna: ovvero della possibilità di ospitare lo stesso Di Maio o Tabacci nelle liste dem. Operazione complicata per tutti i soggetti coinvolti. Tanto è vero che resta aperta la forma della candidatura di Di Maio stesso. Anche se sono previsti dei collegi uninoniminali per la sua lista. Quanti? Per chi? È ancora da vedere, dato che peraltro Letta si è impegnato con Calenda a non presentare nei collegi ex M5S.

Per capire la natura dei patti bisogna fare dei complicatissimi conti matematici. Perché nell’accordo stretto con Impegno civico, il Pd cede un potenziale 8% dei collegi uninominali e si tiene il 92%: il calcolo va fatto sui voti in proporzione dei due partiti insieme. Così come il 70% per il Pd e il 30% per Azione, nel patto con Carlo Calenda. E l’80% per i dem e il 20% in quello con Sinistra italiana e Verdi. A sera, al Nazareno hanno chiara, seppur in maniera ufficiosa, la distribuzione dei collegi uninominali: sui 200 complessivi, 120 vanno al Pd (il 60%), 50 ad Azione (il 25%), 30 ai Verdi (15%). Se poi Di Maio chiederà negli uninominali per dei civici, si vedrà. Numeri che in sé sono molto poco significativi: perché i collegi vanno divisi in sicuri, buoni, persi. E dunque, ora parte un’altra partita. Dopo una settimana in cui Enrico Letta ha portato la croce, se ne annuncia un’altra di calvario più o meno simile.

Tra le immagini della giornata, c’è anche quella in cui a metà della conferenza stampa nella quale al Nazareno annuncia l’accordo raggiunto con Verdi e Sinistra italiana, Letta si allontana. Perché per l’ennesima volta in questi giorni di vera passione, le tessere del puzzle non combaciano. Fratoianni e Bonelli hanno appena detto sì, ma Calenda ha ricominciato a minacciare, a chiarire – a chiunque lo cerchi – che “così non va bene”. Dopo aver passato la mattinata a twittare il suo altolà a qualsiasi ripensamento possibile sull’alleanza con M5s.

Parlerà oggi Mezz’ora in più da Lucia Annunziata: al Nazareno si sono chiesti per tutto il giorno se di nuovo rimetterà in discussione i patti. Nel frattempo, la tensione con Matteo Renzi è alle stelle: ieri il segretario del Pd ci ha tenuto a far filtrare la sua irritazione contro di lui che in un’intervista lo aveva accusato di regalare Palazzo Chigi alla Meloni con i suoi veti. Una lettura che ha ispirato a Letta la definizione per il fu Rottamatore di “Guinness dei primati” negativo. Solo un assaggio di quel che accadrà in campagna elettorale.

“Oggi si chiudono queste discussioni complicate, ci abbiamo messo pazienza e determinazione”, ha detto Letta in serata. Più un auspicio che una certezza: già oggi Calenda potrebbe cercare di rimettere in discussione tutto. Un’arma spuntata, però, visto che i Radicali vogliono restare con il Pd e hanno il simbolo. “Non ne possiamo più”: al Nazareno l’insofferenza ormai è comunque al livello massimo. Chissà che Letta non accarezzi l’idea di scendere dalla croce e andare da solo. Minaccia fatta recapitare a tutti in questi giorni.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

18 replies

  1. Rigirate la frittata: di Maio si fa accogliere nel PD di Letta, così è più chiara l’idea di (forse) intersecare le rispettive trame, sempre a danno di investimenti per migliorare questo paese per altre oculate proposte e il fatto che usino soldi pubblici non è etico ne democratico e questi sono solo dei buffoni, dei parvenu alla corte dei cavo’ del pianeta e dei loro possidenti.

    Piace a 1 persona

  2. “Pd, questa è casa.”
    E Di Maio che entra… “a casa”, furtivo, con l’espressione di chi è stato beccato con le mani nella marmellata…
    Che altro aggiungere a questa immagine?

    Piace a 3 people

    • Cerca di ammantare di nobili intenzioni e far passare da “servizio sociale” il baratto di poltrone sicure nel suo terreno di pastura.
      Manca solo la foto di una bella frittura di pesce con De Luca e siamo a posto.

      Piace a 4 people

    • Chissà se era lui l’importante politico gaio grillino del Sud Italia di cui parlava Dagospia qualche anno fa.

      Di sicuro come metti-e-piglia è un fuoriclasse.

      Il Drago ha probabilmente lo stesso vizietto e questo spiegherebbe molte cose.

      Piace a 1 persona

    • Il guappetto di cartongesso ha parlato di forze civiche dei territori.

      Gli uomini d’onore locali staranno già prendendo appunti su chi far votare.

      Mai visto un attaccamento alla poltrona così feroce.

      E questa serpe ce la siamo allevata per oltre 10 anni in seno ai 5S senza che nessuno se ne rendesse conto?

      "Mi piace"

  3. Sembra il pupazzetto della pubblicità Duracell, giri la chiavetta e va, esegue, recita quei 4 slogan che gli scrivono, non è necessario nemmeno che li capisca

    Piace a 1 persona

  4. Con Di Maio e il PD che lo inserisce nella sua lista lo schifo totale della politica ha raggiunto il massimo. Gigino ‘a poltrona è viscido come una serpe ed è un sacco ripieno di sterco

    Piace a 1 persona

  5. Ma Di Mario che annuisce mentre parla Letta non vi ricorda Silvio che annuisce mentre parla Salvino con Melona accanto?
    Se cominciava a contare con I diti era perfetto!

    Piace a 1 persona

  6. Veramente quando decisi di votare movimento, il 2018, per non ripensarci, ogni volta che lo vedevo in tibbu’ avevo conati di gomito. Infatti avevo bisogno di azionare il gomito per trattenermi: un semianalfabeta, che si vedeva lontano un miglio quanto fosse una serpe, un arrivista, un arrampicatore sociale, il massimo dell’opportunismo, in rappresentanza di un movimento che si presentava come nuovo e fustigatore dei privilegi della casta, da votare, era troppo! Tirando il naso,occhi e bocca l’ho votato. Ma voi che lo avete osannato fino ieri, come potete raccontare la vostra senza guardarvi davanti allo specchio e sputarvi addosso? Addirittura la pippa, che siamo in presenza del più bravo ministro degli esteri che la repubblica abbia mai avuto. E adesso è diventato, anche per lui, gigggino a’ cartelletta. Vergogna infinita. Ora che ho deciso di rivotare il movimento, dopo la scelta di mantenere il limite dei due mandati, ogni volta che sento steaparlare Conte sui meriti del 11O % cambio canale. Di porcherie ne ho viste, ma quelle toccate con mano col 11O% sono inenarrabili. Quando tanti invasati si renderanno, poi, conto delle autentiche ppputtanate di diballista, quello he in 10 minuti avrebbe cancellato i tap, o di quelle della lezzi, che legava il PIL all’afa, sarà sempre troppo tardi. Nel frattempo abbiamo mandato a rappresentarci i più grandi cialtroni e incompetenti, ed il danno è statp fatto. E c’è ancora chi vorrebbe toniNULLA per un terzo mandato. La speranza è che i prossimi abbiano un minimo di onestà intellettuale ed un segno di gratitudine nei confronti di chi, voltandoli, li ha fatto vincere la lotteria.

    "Mi piace"