“Putiniani”, il dossier scritto al Dis: tavolo di Belloni e ministeri

Il report è basato su notizie raccolte su fonti aperte. Gabrielli: “Nessuna lista di politici, giornalisti o commentatori, né attività di monitoraggio in corso”. Un rapporto del Dis, il Dipartimento delle informazioni per la sicurezza presieduto da Elisabetta Belloni, con notizie raccolte da fonti aperte e redatto nell’ambito di un tavolo aperto […]

(DI VALERIA PACELLI – Il Fatto Quotidiano) – Un rapporto del Dis, il Dipartimento delle informazioni per la sicurezza presieduto da Elisabetta Belloni, con notizie raccolte da fonti aperte e redatto nell’ambito di un tavolo aperto che si riunisce da tempo per discutere di eventuali rischi di quella che ritengono essere disinformazione. È questo il documento sui cosiddetti “putiniani d’Italia”. Sul quale ieri è intervenuto anche il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Franco Gabrielli, che ha escluso l’esistenza di una lista di politici, giornalisti o commentatori, come pure di attività di dossieraggi in corso.

Ma dove nasce il dossier pubblicato domenica dal Corriere della Sera che raccoglierebbe le opinioni sulla guerra di alcuni, come il fotoreporter Giorgio Bianchi, il docente Alessandro Orsini o l’ex presidente della commissione Esteri, Vito Petrocelli? Il documento è stato prodotto nel corso di un tavolo aperto al quale hanno partecipato diversi soggetti: oltre al Dis – ossia l’organo di cui si avvale la Presidenza del Consiglio e che coordina l’attività di informazione per la sicurezza – rappresentanti del ministero dell’Interno, degli Esteri come pure dell’Agcom, l’autorità garante delle comunicazioni.

Una riunione c’è stata anche la scorsa settimana (probabilmente venerdì), al termine della quale il Dis ha creato il rapporto che contiene notizie raccolte su fonti aperte: i canali Telegram, i profili Facebook, le ospitate televisive. Non è un documento che rappresenta un caso isolato: ne vengono prodotti in continuazione anche su altri temi. Ieri Gabrielli, l’autorità delegata per la sicurezza della Repubblica, relativamente alla riunione con il Dis ha spiegato che si tratta di un tavolo “di confronto istituito sin dal 2019 e al quale partecipano le diverse amministrazioni competenti per materia, la cui attività, svolta esclusivamente sulla base di fonti aperte, mira non all’individuazione di singoli soggetti, bensì alla disamina di contenuti riconducibili al fenomeno della disinformazione”. Tema del quale si era discusso anche in altri momenti, come nel pieno dell’emergenza Covid, quando invece a preoccupare erano le campagne No-vax che tanto venivano spinte sui social. “Questi fenomeni – spiega una qualificata fonte al Fatto – non possono essere ignorati: nel caso del vaccino potevano avere conseguenze sociali come quella di creare disordini o anche di indurre molti a non vaccinarsi e a non vaccinare i propri figli, con tutto quello che poteva significare in un momento di pandemia preoccupante”.

Conclusa la pandemia, il tema ora è l’invasione russa dell’Ucraina. Al termine delle ultime riunioni è stato redatto dal Dis il rapporto pubblicato domenica scorsa. E ieri su questo Gabrielli ha assicurato: l’intelligence italiana “non ha mai stilato alcuna lista di politici, giornalisti, opinionisti o commentatori, né ha mai svolto attività di dossieraggio”.

A ogni modo, lunedì scorso quel documento è stato trasmesso dal Dis al Copasir, il comitato parlamentare che si dovrebbe occupare di controllare l’operato dei servizi segreti. Eppure Federica Dieni, esponente del M5S e vicepresidente del Copasir, in un’intervista al Corriere ieri ha spiegato che “sulla disinformazione faremo approfondimenti a 360 gradi”. Nelle scorse settimane il Comitato ha audito il presidente dell’Agcom, Giacomo Lasorella, e l’amministratore delegato della Rai, Carlo Fuortes. Ieri sul caso è intervenuto anche un altro membro del Copasir, il deputato Pd Enrico Borghi, secondo il quale “sono in atto delle attività di ingerenza straniere, come ha peraltro acclarato anche il Parlamento europeo. Attività di manipolazione delle informazione, di disinformazione pianificata che è finalizzata a una falsa rappresentazione dei fatti”. Diversa la posizione del senatore del M5S Primo Di Nicola: “È inaccettabile – ha detto – che in Italia si scateni una caccia alle streghe su chi esprime opinioni sui problemi sollevati dall’inammissibile aggressione russa all’Ucraina”.

27 replies

  1. “Questi fenomeni – spiega una qualificata fonte al Fatto – non possono essere ignorati: nel caso del vaccino potevano avere conseguenze sociali come quella di creare disordini o anche di indurre molti a non vaccinarsi e a non vaccinare i propri figli, con tutto quello che poteva significare in un momento di pandemia preoccupante”.

    ECCERTO, meglio informare la gente come con gli ASTRADAYS, grazie ai quali è morta Camilla Canepa il 10 giugno scorso.

    Maledetti.

    Ah, poi voglio vedere con tutte queste ‘excutatio non petita’ dove si andrà a parare.

    Tanto c’é Adriano58 che ci assicura che si fa polemica sul niente se si sospetta il dossieraggio dei politici.

    Vero Adriano?

    "Mi piace"

    • S.M.
      Continuare ad usare il nome di quella
      povera ragazza per sostenere la tua tesi contro i vaccini non ti fa onore.
      Usa altri argomenti vuoi essere credibile nei tuoi convincimenti.

      L’uso dei poveri morti è operazione molto simile a quella, oggi, della propaganda del comico guerrafondaio per dimostrare che è cattivo solo il suo nemico e, nel contempo, sorvolare sulle proprie colpe.

      "Mi piace"

      • TU parli di ‘onore’?

        Gente come te ha irriso per mesi i casi di reazioni avverse anche mortali.

        Parli di ‘tesi contro i vaccini’?

        Ma quali TESI, l’Astrazeneca l’hanno sbolognato dopo i casi di reazioni avverse!

        E a tutt’oggi il COVID ha più casi ADESSO di quanti ce n’erano un anno fa!

        E con un numero di morti equivalente, dopo 100 milioni di dosi.

        Io rivendico il diritto di parlare della povera Canepa, che il 10 giugno scorso è morta grazie a quella merxa di vaccino che dicevano serviva per sconfiggere la pandemia!

        Ed è morta 2 mesi dopo e nella stessa città di Francesca Tuscano, 32 anni, insegnante, a cui hanno indennizzato 77.000 euro di recente.

        Da un anno a questa parte si segnalano aumenti mostruosi del numero di sportivi morti o con miocarditi o altre patologie, solo in Italia da inizio maggio sono morti almeno 12 sportivi di malori, e te no, hai da ridire sull’uso del nome della ‘povera ragazza’ della quale a TE non è MAI FREGATO UN CAXXO.

        E io invece rivendico il diritto di ricordarla: LEI, la Tuscano, la Battaglia, Paternò, e tanti altri stroncati da quello schifo di sieri sperimentali gabellati persino alle donne incinte SENZA che vi fosse mai stato nemmeno uno straccio di esperimento.

        Una roba MAI vista in tutta la storia recente delle medicine.

        Questa gente NON doveva morire, i responsabili hanno NOMI E COGNOMI e devono rispondere di questa strage.

        E no, questi ragazzi avevano una probabilità bassissima di morire per COVID, quindi sono morti soltanto perché dovevano sbolognare gli Astazeneca in magazzino che non sapevano a chi affibbiare.

        "Mi piace"

      • Sto aspettando che mi tolgano dalla moderazione un commento di quattro righe e senza insulti in una discussione tra Anail e J.D.

        Intanto ti dico che io ho fatto qualche ironia sull’ossessione antivaccini tue e del Gatto.
        Non ho mai irriso i casi di reazioni avverse o mortali.
        Cerca di essere leale quando scrivi.

        "Mi piace"

      • X GSI,

        se dovessi ritornare alle discussioni dei mesi scorsi in cui tu facevi l’ironico e il negazionista sugli effetti della campagna vaccinara, se ne vedrebbero delle balle.

        Meglio tacere, dai retta.

        "Mi piace"

      • Se si vuole capirne un po’ di più, cliccare su “YOUTUBE” in basso a destra nel video e appariranno i commenti: una cosa vergognosa!

        "Mi piace"

      • Si , meglio starsene in silenzio Sparvierio.

        Le dispute tra negazionisti del Covid e sostenitori della sua esistenza e quelle tra gli ultras novax e chi sostiene che il vaccino (senza negare
        casi effetti negativi dello stesso) è stato molto utile per evitare un’ecatombe, è inutile.

        Dialogo tra sordi.

        Al quale rispondo se ne ho voglia, solo con battute in allegria.

        Quella che manca del tutto a voi ossessionati dalle vostre certezze.
        Che spacchereste la faccia perfino a chi fa ironie sulle vostre convinzioni assolute.
        Peggio di Riotta con Orsini sulla guerra in Ucraina.

        "Mi piace"

      • “chi sostiene che il vaccino (senza negare casi effetti negativi dello stesso) è stato molto utile per evitare un’ecatombe…”:

        ahahah! E chi stracazzo lo dice: tu? Infatti adesso con i plurisiringati ci sono più morti di pria! Quindi le ecatombi, ridicola petizione di principio, ci sono state semmai di cervellini che da congestionati non superano in grandezza quello di un acaro!

        Ma il punto ripetuto fino alla nausea, non è mai stato questo, ma quello riferito al fatto che chi disentiva da questa follia, è stato vessato al punto da non poter più disporre del proprio corpo, pena l’essere affamato e messo nelle condizioni di non poter più provvedere alla propria sussistenza, a causa degli squilibrati come il Gran St…o ecc., ecc… Squilibrati ai quali mai nessuno ha osato imporre di non bucherellarsi a piacimento:

        BUFFONI!

        "Mi piace"

      • “Al quale rispondo se ne ho voglia, solo con battute in allegria.“

        Sono sulla sua stessa linea GSI, nel rispetto delle opinioni altrui

        "Mi piace"

      • … laureato a pieni voti e sulla stessa lunghezza d’onda del Gran St…, sono otto mesi che non percepisco lo stipendio e relativi accessori, per merito di voi filantropi salvatori del genere umano…

        "Mi piace"

      • Ancora che parli????
        Un po’ di giorni fa,Caro?????????? zelensky,??????????io mene stavo tranquillo a San Pietroburgo che commentavo sul forum
        Quando tu hai voluto venire a cagarmi il caxxo facendo l’americano.
        Ma io non sono la Moldavia.
        Quindi ti ho denazificato per benino fino al dombass… ora io non ho interesse ad andare avanti nella diatriba,quindi ti invito gentilmente di seguire il consiglio orsini,Santoro e il Papa,di andare a instanbul dove trovi erdogan e lavrov e firmi la pace; quindi ognuno va per la sua strada in modo pacifico.Se Continui a rompere i cojones, io continuo la denazificazione fino a Kiev.scegli tu?

        "Mi piace"

      • Senti un po’ deficient3, io rompo i cojones a chi mi pare e piace. E se a te non piace rivolgiti a Orsini o al Papa che ti diano udienza. Ah, io sarei l’americano, testa di cazz0? E tu il russo?

        Ah ah ah!

        "Mi piace"

  2. ” …approfondimento a 360°…”, ” …ingerenze straniere…” “…falsa rappresentazione dei fatti…” Ecco, mi aspetto un bel rapporto in cui si evidenzino le fonti ( non è difficile: basta farsi un giro su internet dei principali giornali on-line esteri e controllare i più importanti gruppi editoriali internazionali) che hanno dichiarato, oramai da mesi, che i Russi sono stati respinti con ingenti perdite, che gli Ucraini stanno vincendo la guerra, che Putin è malatissimo, che la sua posizione politica è debolissima, che la Russia è sull’orlo del fallimento economico e che i neonazisti inseriti nelle forze armate dell’Ucraina sono dei folcloristici eroi tatuati con svastiche ” antico simbolo indoeuropeo” senza alcun riferimento ai nazisti del secolo XX°.
    Tempo di guerra, più balle che terra.

    Piace a 2 people

  3. Ma niente paura, le previsioni che presto il petrolio ci costerà 150$ al barile si avvereranno, e che l’itagglia, grazie a questo governo di invertebrati e mafiosi sprofonderà in una recessione senza precedenti, chi può si premunisca di una bicicletta e relativo catenaccio.

    "Mi piace"

  4. Questa è meravigliosa. Il problema della disinformazione (qualunque cosa sia) c’è dal 2019. Prima non c’era. Per dire, quando Berlusconi vinceva le elezioni e controllava tutte le tv italiane il problema della disinformazione non c’era, nasce nel 2019.

    E la cosa ancora più incredibile è che nel 2019 al governo c’erano i 5stelle. Cioè la forza politica che ha fatto dell’informazione alternativa la sua arma vincente ha pensato bene di istituire un tavolo permanente contro l’informazione alternativa.

    Mi pare giusto.

    Piace a 2 people

  5. ‘Gabrielli: “Nessuna lista di politici, giornalisti o commentatori, né attività di monitoraggio in corso” ‘

    Come no! Che sia stato @Guido, il bannato fantasma?

    "Mi piace"