La lectio magistralis di Putin nell’università di Berlusconi saltata a causa della guerra

(Lorenzo De Cicco – la Repubblica) – È solo per uno sciagurato inconveniente della Storia – la guerra – che l’Universitas Libertatis, para- accademia di Silvio Berlusconi, non è riuscita ad ingaggiare il professor Vladimir Putin. Il Cav ci ha provato fino all’ultimo. A gennaio, mentre il presidente russo già muoveva carri armati e truppe ai confini dell’Ucraina, il pool di docenti chiamati a dare forma all’ateneo azzurro discuteva della lectio magistralis che il capo del Cremlino avrebbe dovuto tenere – in video- collegamento o di persona – nella reggia brianzola di Villa Gernetto, proprietà Fininvest, diventata quartier generale del progetto.

Che l’ipotesi di invitare il prof Putin fosse sul tavolo fino a poche settimane dallo scoppio del conflitto lo conferma a Repubblica Giovanni Puoti, pro-rettore dell’università telematica Niccolò Cusano – l’ateneo partner di Berlusconi, che certifica il valore legale di tutti i corsi – e membro del comitato scientifico dell’Universitas.

Puoti è l’uomo che ha gestito direttamente il reclutamento dei docenti, in gran parte pescati dall’organigramma di UniCusano. Ha trattato con le personalità esterne – politici, avvocati, imprenditori – da invitare in villa per le lezioni magistrali, le uniche in presenza, perché il resto dei master si svolge via web. «Sì, abbiamo discusso della possibilità di invitare Putin per una lectio magistralis – spiega Puoti – Se n’è parlato fino al periodo che va da dicembre ai primi di gennaio». A far saltare tutto è stata l’invasione russa. «A quel punto il progetto l’abbiamo dovuto accantonare». Con rammarico. Perché Berlusconi ci teneva.

Quello dell’Università delle libertà è un vecchio pallino del Cav. La tenuta settecentesca nella frazione di Lesmo, ex Villa Mellerio, 24 mila metri quadri, 60 camere da letto, sala cinema da 80 posti, è stata rilevata quindici anni fa con questo scopo: farne il campus delle matricole berlusconiane, i forzisti del futuro.

L’apertura, annunciata mille volte, e mille volte rimangiata per ragioni di cassa, è stata ufficializzata a marzo, dopo un accordo con Stefano Bandecchi, consigliere di Berlusconi e patron dell’università Cusano.

Non si è potuta chiamare Università delle Libertà, come avrebbe voluto Berlusconi, ma Universitas appunto, perché non è proprio un’università vera, ma qualcosa che ci assomiglia. In ogni caso, grazie all’accordo con l’ateneo online, i corsi hanno un valore.

Vera o quasi vera, Berlusconi ha sognato di far sfilare nella sua università i Grandi incontrati in due lustri da premier. Rieccoci al prof Putin, dunque. Un corteggiamento ultra decennale, considerato che già nell’aprile del 2010, quando il progetto dell’ateneo azzurro era più vagheggiato che studiato davvero, le agenzie stampa battevano questo lancio: «Vladimir Putin sarà il primo docente dell’Università del pensiero liberale che sarà aperta a Villa Gernetto.

Lo ha annunciato il premier Silvio Berlusconi». Vista con le lenti di oggi, sembrerebbe solo una boutade invecchiata male. Invece, dodici anni dopo, fino a un mese prima della guerra, il lavorio proseguiva sottotraccia. La speranza restava. Non è chiaro se i contatti col Cremlino fossero andati a buon fine. Puoti non lo sa: la trattativa, precisa, sarebbe stata gestita direttamente dall’ex premier. «Noi come comitato scientifico non ce ne siamo occupati, ovviamente. Credo che i contatti fossero tenuti personalmente dal presidente Berlusconi, che Putin lo conosce bene». Ma la cattedra russa in Brianza è rimasta scoperta.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

2 replies

  1. A che serve Berlusconi, quando qui su Infosannio aleggiano le odi di fedeli discepoli….

    "Mi piace"

  2. Non vedo stranezze. Tutte le Università ormai invitano di tutto
    Il Presidente di un grande Paese sarebbe stato un bel colpo, sarei andata anch’io. Idem fosse stato Biden, Erdogan, Macron, … Certamente Putin, di cui si parlava molto meno, sarebbe stato il più interessante.

    "Mi piace"