Il monito del Colle sul “ritiro” delle truppe russe

La mozione del 21 giugno. Paure. Il pontiere Di Maio e i 5S in ansia: “È un casino”. Un big del Pd: “Sminiamo, ma se salta tutto niente drammi”. È la Festa della Repubblica e Sergio Mattarella ribadisce una linea, quella atlantista. Prima sbarra le porte del Quirinale agli ambasciatori di Russia e Bielorussia […]

(DI LUCA DE CAROLIS E WANDA MARRA – Il Fatto Quotidiano) – È la Festa della Repubblica e Sergio Mattarella ribadisce una linea, quella atlantista. Prima sbarra le porte del Quirinale agli ambasciatori di Russia e Bielorussia, come prevede una raccomandazione di Bruxelles dello scorso maggio. Poi, di fronte agli altri diplomatici, scandisce: “L’Italia è convintamente impegnata nella ricerca di vie di uscita dal conflitto che portino al ritiro delle truppe occupanti e alla ricostruzione dell’Ucraina”.

Un segnale anche per tutta la maggioranza di governo, che il 21 giugno dovrà discutere e votare su armi e Ucraina, tra dubbi e trappole incrociate. Già ieri il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha dovuto schivare la domanda di Galeazzo Bignami (Fratelli d’Italia) nel question time alla Camera: “Sull’Ucraina lei sta con il suo governo o con il suo partito?”. Una botola che il 5Stelle ha dribblato così: “La posizione del governo sul conflitto è chiara, non cerchiamo l’escalation militare, ma quella diplomatica. La pace è l’obiettivo del governo e di tutte le forze politiche in quest’aula”. Il più draghiano dei 5Stelle deve giocare di non detti, per non ammettere che il M5S e il premier sono lontanissimi tra loro su Ucraina e armi. Abbastanza per rendere una scommessa ad alto rischio la risoluzione di maggioranza che il 21 giugno dovrà seguire le comunicazioni di Draghi al Parlamento, in vista del prossimo Consiglio europeo.

Ci sarà quel voto parlamentare invocato da settimane da Giuseppe Conte. Però quasi tutti gli altri partiti non ne vogliono sapere di una risoluzione come la chiedono i grillini: cioè con dentro il no all’escalation militare, e magari anche con un veto esplicito a un quarto decreto per l’invio di altri armamenti. Di certo consiglia sillabe più sfumate Di Maio, che dopo il question time parla fitto con il dem Francesco Boccia. Da settimane l’ex capo dei 5Stelle prova a tenere assieme gli opposti, Conte e Draghi. “Sosteniamo l’Ucraina anche con il supporto alla resistenza, in una logica di legittima difesa in linea con quanto previsto dall’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite”, sostiene.

Non è un dettaglio, perché il richiamo all’articolo 51 l’ha ripetuto per giorni il presidente dei 5Stelle, proprio su suggerimento di Di Maio. Mentre Draghi non vi ha mai fatto cenno, non volendo usare un argomento di Conte. Logico allora che un big del M5S sospiri: “Giuseppe deve sedersi a un tavolo con Letta e cercare punti di caduta, sulla risoluzione come sull’inceneritore a Roma (previsto dal decreto Aiuti, ndr), altrimenti è un casino”. Serve un accordo. “Ma noi del Pd non facciamo altro che sminare” sbuffa un veterano dem. Non a caso ieri Boccia e Di Maio hanno parlato di Amministrative, perché il rischio di sconfitta nella maggior parte dei Comuni è alto. Il centrodestra governa in 20 dei 26 capoluoghi che vanno al voto, e la riconferma pare più facile.

Tema rilevante, perché il voto in Parlamento su Draghi sarà dopo il primo turno: e si temono schegge. “Noi copriamo il governo, ma se salta tutto, non ci ammazziamo”, dice un big del Pd. Mentre la maggioranza continua a sussultare.

Ieri Franco Gabrielli, sottosegretario con delega ai Servizi, ha sostenuto che devono essere i leader dei partiti a occuparsi del viaggio – cancellato – di Matteo Salvini a Mosca. Tradotto: Palazzo Chigi non vuole dare alibi al leghista per far crollare tutto. Nell’attesa, spiegano che il 21 giugno si partirà dall’informativa di Draghi dello scorso maggio. E starà anche a Enzo Amendola, sottosegretario agli Affari europei, cucire una mediazione. “La legislatura è nelle sue mani”, scherzano. Ma non troppo.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

37 replies

    • A proposito di pace… Visto il generale indignarsi al riguardo della idea, considerata folle, che uno Stato voglia difendersi da una aggressione armata perpetrata da un altro Stato notorio per lo scarso riguardo prestato a varie idee senza le quali la maggior parte di noi starebbe colle chiappe a terra in una pozza di sangue, mi viene a da chiedere ai pacifisti ricuccisti quanta riprovazione debba essere rivolta nei confronti di chi pensava di vincere facile e poi non si perita di mandare all’ammasso soldati di leva e generali, contando sul fatto che alla lunga vincera’ lo stesso. E questo perche’… offeso? Impaurito? Messo in pericolo? Non poteva prendersela con la NATO direttamente? Non poteva spendere vent’anni per cambiare la Russia in un Paese democratico, prospero, funzionale. Non poteva usare il proprio potere per ridurre il clientelarismo, il crimine organizzato, lo sfruttamento?

      "Mi piace"

      • Ho come l’impressione che ti si cachino ZERO qui sul blog ormai… Che brutta fine: sei diventato il COSO! E poi dicono che la legge del contrappasso non varrebbe più dalla nascita di Burioni…

        Piace a 1 persona

      • Te lo ripeto Ripetita: hai l’orologio rotto e il calendario con le pagine strappate.

        Due opzioni per te se vuoi inculcare le tue prospere idee democratiche ai barbari russi: 1) parti con gli Azov nostrani per provare a ripetere le gesta della Campagna di Russia 2) fatti missionario e parti per la steppa col simbolo della Nato.

        "Mi piace"

      • LO SCUDETTO LA HA VINTO IL MILAN
        LA COPPA ITALIA L’INTER

        Il GROSSO PREPOTENTE
        ha chiesto a ZETA fino allo sfinimento e all’ultimo giorno
        di rinunciare all’adesione alla NATO e di rimanere neutrali
        in cambio di numerose concessioni economiche
        però ZETA ha puntato i piedi
        e ora? ZETA ammette che il 20% del territorio è già in mano alla Russia
        dopo TROPPE MORTI SOFFERENZE E DEVASTAZIONI
        non era meglio trattare? e farsi aiutare diplomaticamente?
        alla fine non riuscirà manco ad entrare nella EU

        Piace a 1 persona

      • https://en.wikipedia.org/wiki/Ukraine%E2%80%93NATO_relations

        Sarebbe come dire che in un palazzo pieno di juventini non si accettano bandiere del Milan?

        E poi – ripeto una domanda alla quale mi sembra nessuno di voi abbia risposto – com’e’ che quando possono i limitrofi europei non vedono l’ora di trovare una maniera di tenere a bada Ivan?

        E, se ti piaciono i giochi di parole: https://www-nytimes-com.translate.goog/2022/04/22/magazine/ruscism-ukraine-russia-war.html?_x_tr_sl=en&_x_tr_tl=it&_x_tr_hl=en&_x_tr_pto=wapp

        "Mi piace"

      • PER IL COSO JUVENTINO

        i paesi limitrofi della Russia sono rimasti ad un secolo fa
        credono che ancora ci siano i comunisti
        esempio i POLACCHI pensano ancora alla GRANDE POLONIA degli Jagelloni

        "Mi piace"

    • Adriano non dire coglionate, i paesi baltici credono che esistano ancora i comunisti? E che si sono berlusconizzati? I polacchi sono delle merdacce cattoliche, razziste, omofobe ed antisemite che stanno molto piu’ nell’ “ora” di quanto tu non pensi, o non sappia. Invece, per tua informazione, e’ tutta gente che ha sofferto un fraccaccio a causa di Ivan – e non mi fare la litania, la Storia la conosco molto bene – e non si e’ fidata dal primo momento in cui ha avuto le mani libere. Che Zio Sam ci abbia azzuppato e’ la legge del contrappasso. E poi, giusto per entrare nel merito, 20 anni per ricostruire la gloria della Grande Madre Russia e tu te la meni coi Jagelloni? Non poteva fare come gia’ ho scritto, noooooooooooooooooo eh?

      "Mi piace"

      • Juventino a te! A te!!!!

        e chi ha messo in dubbio che dall’altra parte la Russia non abbia nostalgia della Grande Madre Russia?
        all’Est nessuno vuole dimenticare o perdonare la storia
        come da questa parte
        forse che noi cerchiamo ancora l’impero?
        i francesi dopo l’Algeria vogliono ricreare l’impero?
        forse che i tedeschi vogliono il Viertes Reich?
        la Spagna o il Portogallo inseguono il loro impero decaduto?
        gli inglesi si crogiolano su un impero ora farlocco
        solo perchè mezzo mondo parla inglese o perchè hanno ancora una famiglia reale
        eccchediavolo
        qualche volta bisogna mandare al macero del dimenticatoio la STORIA
        e ricominciare a vivere

        "Mi piace"

  1. Sta banda di rinco! La disgrazia di avere eletto per ben 2 volte 2 persone che dovevano stare a casa ben prima di essere eletti! Tanto nessuno sceglie piu , si va di default!!

    Piace a 1 persona

    • Hai perfettamente ragione ! Da entrambi i rimbambiti mi sarei aspettata un moto di orgoglio! Ma senza dubbio si sono sacrificati per mantenere la stirpe che sta già solidamente ancorata ! Chissà come mai !?

      "Mi piace"

    • Altro che accettare: era già nei suoi piani sin da quando ha fatto la sceneggiata della ricerca dell’appartamento. Di quanti altri presidenti in passato abbiamo ricevuto la santa grazia di assistere alla contrattazione della residenza?

      "Mi piace"

  2. “L’Italia è convintamente impegnata nella ricerca di vie di uscita dal conflitto che portino al ritiro delle truppe occupanti e alla ricostruzione dell’Ucraina”

    MA CHI TI AUTORIZZA A DIRE CHE NOI ITALIANI SIAMO CON GLI UCRAINI?

    Non vuole gli ambasciatori russi e bielorussi e poi farfuglia di ricerca della pace e di ritiro delle truppe ‘occupanti’.

    Ci vada lui e gli ‘atlantisti’ a sloggiare i russi, qui stiamo facendo la fame tra un pò, inflazione oltre il 6%, PIL a -2% previsto e questi parlano di Ucraina e di legittimità internazionale!

    Quanto a Di Maio, non c’é più modo di definirlo senza insultare la lingua italiana, perché gli aggettivi non sono sufficienti a descriverlo e temo nemmeno i sostantivi. Diciamo che è un guappo di cartone marca DC.

    E Giuseppi, oh Giuseppy, quanti altri penultimatum darai ai tuoi alleati super-atlantisti?

    Piace a 3 people

  3. Siamo una colonia , non c’è niente da fare. Ed a ogni occasione i Governatori di questa colonia ed i loro fiancheggiatori e clientes gridano a gran voce la fedeltà a chi li ha nominati. Prima ce ne renderemo finalmente conto e ci metteremo il cuore in pace e meglio sarà: le cose stanno così e non ci saranno elezioni che terranno.
    Il problema è che il “nominato” ( anche lui…) Biden è lì per destabilizzare il pianeta, e le “c olonie” generalmente devono fornire mezzi e pure uomini, se serve… Senza fiatare. Anzi, con la gioia di “portare la democrazia”.
    Non so se sperare in un nuovo Presidente US . O ci ritoccherà Trump ( a questo punto pare quasi il male minore…) oppure nuovamente qualche guerrafondaio Dem. Che però certamente sarà “la prima Presidente donna, nera, del “popolo LGBT+”. Vuoi mettere la soddisfazione?

    Piace a 2 people

  4. Trump, Trump, Trump… È, forse, uno stravagante… Massacrato dalla grande stampa ( che lo ha accusato delle peggiori nefandezze) ma che oggi la vediamo sostenere i neonazisti e negare l’evidenza ( Putin sta vincendo). Però, Trump non ha iniziato guerre e con il tipo della Corea del Nord e con Xi è andato a parlare.

    "Mi piace"

  5. Altro che referendum sulla giustizia…..
    Se fossero onesti dovrebbero fare un referendum sull’invio delle armi almeno i sondaggi diventerebbero una realtà da cui non potrebbero più nascondersi.
    Però possiamo star tranquilli:
    Un referendum con quel quesito non lo faranno MAI.

    Piace a 1 persona

  6. Accettare tutto così passivamente,lo si può fare con un lavoro garantito,un tetto sopra la testa e il frigo pieno,se cominciano a sgretolarsi a una a una,prima o poi qualcuno che s’incacchia lo trovi,anche se per mio conto la situazione è ancora molto sotto controllo, perché non ci facciamo mancare ancora niente

    "Mi piace"

  7. di maio colui che è diventato più sistema del sistema stesso.. cosa fa la politica sommata ad un’ambizione smisurata!! e pensare che lo stimavo!!🙈🙈🙈

    Piace a 2 people

    • Eh sì……
      1000 anni fa lo stimavo anch’io.
      Ma colui che doveva aprire il parlamento come una scatoletta di tonno è diventato lui stesso una scatoletta di tonno.
      Solo che questa è fatta di acciaio inox e adesso è più blindata del caveau della banca d’Italia.

      Piace a 2 people

  8. Merde? Si Solo merde.
    Se continuano di questo passo possiamo aspettarci qualche zircon e kinzhal di ringraziamento. Spero che il primo sia a camere riunite,

    "Mi piace"

  9. JP Morgan
    È in arrivo la tempesta perfetta, nel giro di qualche mese i risparmi finiranno, dobbiamo prepararci.

    "Mi piace"

  10. 2 giugno festa della Repubblica delle banane, un presidente figlio di tale padre, un parlamento composto da invertebrati e gestito da pupari,
    Si proprio un giorno di cui vergognarsi.

    "Mi piace"

  11. Pensavo che con Napolitiano avessi visto il peggior presidente della Repubblica di sempre ma questo lo supera ed alla grande. Come si dice: “quando pensi di aver toccato il fondo puoi sempre scavare…..”

    Piace a 1 persona

  12. Di Maio. ….che abbaglio, che patacca…. e dovremmo ammetterlo perché gli errori vanno ammessi e riconosciuti. ….anche se io non l’ ho mai votato, poi me lo sono fatto piacere. …….la sensazione che non fosse all’ altezza mi girava in testa come una pallina da flipper. …..e bisogna dare ascolto alle palline che girano in testa prima del loro ruzzolare nelle mutande……perché quelle sono più fastidiose! Ora girano peggio delle pale eoliche!

    Piace a 1 persona

  13. “Sosteniamo l’Ucraina anche con il supporto alla resistenza, in una logica di legittima difesa in linea con quanto previsto dall’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite”, sostiene.”

    Già. Peccato che all’art 51 dell’ONU si richiama pure la Russia per il suo intervento in difesa dei russi del Donbass attaccati dal governo ucraino.

    Perché il mondo è strano. Anzi, è complesso!

    E comunque la cosa più angosciante di questo articolo è il corazziere con la ffp2 che (come ormai sanno pure i muri forse eccetto Speranza e Mattarella) serve per proteggersi dagli altri, ma visto che il corazziere è isolato e così resterà tutto il tempo da chi cacchio si sta proteggendo?

    "Mi piace"

  14. Gravissimo errore quello di Mattarella,inconcepibile!
    Il nostro presidente vuole dare fuoco alle polveri!!!Bel presidente.
    Povera Italia.

    "Mi piace"

  15. @Victor
    E’ stato “riconfermato” proprio per questo!
    Qualcuno forse crede che la mossa di Putin sia stata una sorpresa? Con tutte le spie e i traditori e gli “occhi” che ci sono in giro? E con l’ elezione del comico e il suo ambaradan nazista proprio al momento “giusto”…

    "Mi piace"