Ucraina, Bersani: “Se obiettivo è spezzare reni a Putin non ci siamo”

“Non dobbiamo stringere i bulloni tra Europa e Nato. Giornalisti russi in tv? La gente non è cogli…”

(adnkronos.com) – “Noi non siamo entrati in guerra, stiamo aiutando un Paese indipendente aggredito perché possa negoziare un compromesso e quindi per noi l’obiettivo è un cessate il fuoco il prima possibile. A chi mai volesse allungare la guerra per indebolire, sconfiggere o spezzare le reni a Putin, io dico che noi non ci siamo perché questo vorrebbe dire regolare con la guerra delle controversie internazionali. E la Costituzione non lo concede. Quindi gli strateghi tengano conto di questi obiettivi dell’Italia”. Così Pierluigi Bersani (Articolo Uno), ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7.

“Non dobbiamo stringere i bulloni tra Europa e Nato, perché sono cose un po’ diverse… Questa nuova Europa, che vuole dotarsi di un esercito europeo, potrà mica stare nella vecchia Nato, dove sarà assertiva?! Le cose non stanno mica assieme, serve una nuova Nato per una nuova Europa”, dice ancora Bersani. “Il margine che ci siamo sempre tenuti nell’Alleanza atlantica è la storia della diplomazia italiana… Pci, Dc e Vaticano, abbiamo sempre fatto così. Oggi quel margine non possiamo giocarcelo da soli, ma dobbiamo portarlo in Europa. Non possiamo fare da mastice tra l’Europa e la Nato, ma siamo quelli che dobbiamo dare un profilo all’Europa, insieme a Francia, Germania e Spagna”, ha proseguito l’ex segretario del Pd.

“Berlusconi ha detto che è stato deluso da Putin… sai gli ucraini quanto sono stati delusi… non mi è sembrata una dichiarazione così significativa, mi sembra che a Destra volino basso per cercare di dare un colpo al cerchio e uno alla botte. Ma anche la gente vola basso perché ha altri problemi, e infatti la Destra non ha perso neanche una piuma per questa cosa qui (la vicinanza a Putin, ndr)”, ha aggiunto.

E sui giornalisti russi ospiti in tv, spiega: “Pensiero Unico e democrazia sono ossimori! Se si ospita un giornalista russo in televisione, basta ricordare allo spettatore che quello lì è pagato dal governo russo e fare una, due o tre domande in più. Ma la gente non è mica cogliona, scusate! Tant’è vero che anche se durante il Covid abbiamo avuto i no vax sovrarappresentati in televisione, oltre il 90% degli italiani si è vaccinato”.

“Non credo che saremo autonomi dal gas russo nel 2024, mi sembra una previsione molto ottimistica… Ma vorrei far notare – continua Bersani – che quel tubo lì è l’unica cosa che tiene unita l’Europa all’Ucraina e alla Russia. Quel tubo lì era una speranza di pace, non parliamo solo di gas che è un problema enorme. Ma se tagliamo quel tubo lì, non tagliamo solo il gas. Quindi con pazienza cerchiamo di ragionare e semmai guardiamo il prezzo, che non è determinato da Putin perché è una soluzione di mercato che ci ha portato a questo esito”.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

10 replies

  1. La natura che distribuisce arbitrariamente i suoi doni, non ha concesso a Bersani quello della parola.
    Ed è un vero peccato, perchè trattasi di persona seria e non priva d’ingegno…
    Dovrebbe frequentare Di Battista per imparare a dire le cose come stanno, semplicemente. Evitando anacoluti e astruse metafore.

    Piace a 1 persona

    • Evidentemente la natura non ti ha fornito il dono di scrivere cose a proposito.

      Vedasi a conferma non tanto ciò che scrivi di Bersani (l’unico nell’arco parlamentare che parla) quanto quello che credi di sapere sull’anacoluto.

      "Mi piace"

  2. Prevedo che a spezzarsi le reni autonomamente saranno l’Europa, e soprattutto l’ Italia, già alla frutta per una pandemia che non passa e strozzata dai debiti ( grano, gaterie prime, gas…). Intendo ovviamente i cittadini italiani, non i “decisori”: per quelli la casa è il mondo, la nostra fa rima con Dombass. Costi/benefici? Da tempo non vengono calcolati, vale solo l’ “eroismo” e la “bontà”.
    Ci sono tonnellate su tonnellate di grano che marciscono nei porti ucraini; ho appena sentito la rappresentante UE trovare la quadra: “Facciamole viaggiare su gomma!” E vai!!!
    Morire per il Dombass e per lo più russofono: questo sì che è da eroi!
    (AH, no, dimenticavo: Putin vuole conquistare l’ intera Europa, abbeverare i cavalli a san Pietro e, da bravo Hitler, bruciare finalmente Parigi…)

    Piace a 1 persona

  3. Il 50% di quel 90% lo avete ricattato e piegato al siero. I no Vax non sono stati rappresentati in tv, sono stati esposti al pubblico ludibrio, e neanche i no Pass, di cui io mi sento parte, hanno avuto dignità e diritti di parola, solo presenze utili alla gogna mediatica, e alle manifestazioni alcuni sono stati fermati, schedati e spesso pure manganellati. E sulla guerra, la maggioranza degli italiani la pensa in maniera opposta al parlamento dell’orgia politica.

    Una domanda: quale catena di comando seguirà il “salvifico” e “risolutivo” esercito Europeo? Quali obblighi di riarmo e interventisti ci dovremo sobbarcare? Si instituirà nuovamente la leva obbligatoria? I militari europei verranno spediti di stanza nei vari paesi? E chi lo deciderà? E come la metteremo con l’intervento militare nei teatri di guerra extra UE? La decisione parlamene quale peso avrebbe? E in caso di manifestazioni e proteste, quale forza militare verrà chiamata a soffocare e sopprimere?
    E vi sembra davvero una buona idea quella di rinunciare anche alla sovranità militare?

    Piace a 1 persona

  4. ”Tant’è vero che anche se durante il Covid abbiamo avuto i no vax sovrarappresentati in televisione, oltre il 90% degli italiani si è vaccinato”’

    COSA?!?!!?!?!?

    A parte che non è vero (i dati Ourworldata parlano di circa l’80%)…

    … con tutta la retorica e il lurido inganno (vedi Astradays) quanti italiani sono convinti di fare questo caxxo di vaccini?

    Le 4e dosi sono attorno a 500.000 in tutto, anche chi ha fatto la 3a è solo una parte di quelli che hanno fatto le prime due.

    E nel frattempo, se crepi, al massimo, SE ti riconoscono il problema, danno 77.000 euro. E altrove fanno anche peggio.

    Lo dicessero i TG; quanti danni hanno scoperto con i vaccini, quanto poca è la protezione, gli italiani se ne sono accorti anche da soli, ma quando metti l’obbligo pena morte sociale per FAME, con che faccia parla Bersanetor?

    Piace a 1 persona

  5. “…Ma la gente non è mica cogliona, scusate! Tant’è vero che anche se durante il Covid abbiamo avuto i no vax sovrarappresentati in televisione, oltre il 90% degli italiani si è vaccinato”:

    a parte che la gente è proprio cogliona anziché no, che senso hanno ancora le parole se dietro a loro c’è il nulla, eh anacoluto? Come si fa tranquillamente a sostenere che i novax siano stati sovrarappresentati? Ma dove vivono questi svaporati?

    Piace a 1 persona

  6. In una “democrazia liberale” ci si dovrebbe chiedere quanti si siano liberamente vaccinati e quanti siano stati costretti a farlo pena la morte per fame.
    Ma non siamo mica in Russia…

    Piace a 1 persona

  7. Credo che la leva obbligatoria ” invenzione ” della rivoluzione francese debba essere ripristinata per ragazzi / ragazze e 3/4/5°
    genere. Le virtù civili sono connesse a quelle militari e viceversa. Non lo dico, io bensì N.Machiavelli che diffidava dei mercenari.
    Anche l’abolizione della leva è stato un passo per la cancellazione dell’identità nazionale/ europea a favore dei soldi. Prima è venuto l’€ e la politica europea MAI.

    "Mi piace"

    • @paolo diamante Roma su questo mi esprimo in dissenso, identità culturale si, identità nazionale no, dovremmo superare il concetto di nazioni e i nazionalismi, e cultura militare no, io sono pacifista, preferirei i ragazzi avessero l’attività di volontariato e l’impegno civico obbligatori. Il “cives” di oggi non può essere quello di ieri. I mercenari e le legioni straniere hanno tutto il mio disprezzo, e profonda ignominia anche ai giornalisti combattenti, e purtroppo ne abbiamo qualcuno anche in Italia che ha imbracciato il fucile per andare a uccidere in Iraq o in Afganistan.

      "Mi piace"