Dopo la pandemia e la guerra, poteva mancare la carestia?

(Fabio Tonacci – la Repubblica) – Il Granaio d’Europa quest’anno rimarrà mezzo vuoto perché il frumento non arriva al ginocchio di Volodymyr Varbanet. Di solito, ai primi di maggio si inoltra nello sconfinato mare verde ucraino e le piante sono già a metà della gamba, vengono su rigogliose e non ne trova una secca. Quando però sono appena sopra la caviglia, come adesso, è un segnale di sventura.

«Vuol dire che stanno crescendo poco, le spighe saranno piccole e avranno chicchi meno pieni… perderemo il 40 per cento del raccolto e dovremo darne una parte ai maiali e ai polli perché non sarà adatto per la farina. Maledetta sia la guerra di Putin, che ci ha portato via i braccianti, i fertilizzanti e il diesel per i trattori». Il metodo di valutazione di Varbanet, purtroppo, pare essere piuttosto preciso. Affinato in 72 anni vissuti a lavorare la terra.

Il Granaio rimarrà mezzo vuoto ed è una notizia brutta l’Ucraina, pessima per l’Europa, disastrosa per Indonesia, Egitto, Pakistan, Bangladesh e Marocco che per fare il pane dipendono dall’import e a fine estate si aspettano un milione di tonnellate di frumento. «Neanche se dichiarassero oggi il cessate il fuoco potremmo recuperare», sostiene Varbanet, che pure non è un uomo che si scoraggia davanti alla fatica.

È nato qui quando la campagna di Odessa era divisa in 400 kolchoz (le fattorie collettive dell’Unione Sovietica) e i confini erano delimitati da muri di pietra verniciati di bianco. Insieme alle statue giallognole raffiguranti un operaio con la falce e una massaia che guarda un latifondo di colza, sono vestigia di un tempo che non c’è più ancora visibili a Rozkvit, il borgo rurale dove Varbanet ci ha portato per mostrarci la crisi del grano.

«Non è solo colpa della guerra», premette lui, che è contemporaneamente contadino, ingegnere e rappresentante della Associazione degli agricoltori del distretto di Odessa, il cuore cerealicolo dell’Ucraina con 5.200 aziende e una produzione annuale che, solo di grano, supera i 4,5 milioni di tonnellate. In nessun altra regione se ne raccoglie tanto. «Lo abbiamo seminato a settembre con l’orzo, ma in autunno e inverno ha piovuto troppo poco. Il confitto, poi, ha aggravato la situazione. Questo è il momento in cui avremmo dovuto piantare il mais, ma le banche non danno i mutui per comprare semi e fertilizzanti. Oltrettutto non si trova più il carburante».

In effetti i trattori, le motozappe, le sarchiatrici e gli aratri meccanici della fattoria di Volodymyr Bondarets, un 63enne gentile con lo sguardo triste, sono parcheggiati mestamente nell’aia, fermi e a secco. Ai pochi distributori aperti gli automobilisti aspettano due ore per dieci litri di benzina a 32 grivne (1 euro) al litro. L’alternativa è il mercato nero, dove un litro costa 45 grivne ma perlomeno non è contingentato.

«A fine inverno mi era rimasta solo una tonnellata di diesel, l’ho consumata in quattro giorni. Non posso più seminare il granturco, 100 ettari di terreno rimarranno incolti». Grano e orzo occupano 370 ettari e Bondarets per luglio si aspetta un raccolto inferiore del 50 cento rispetto al 2021. «Dopo l’invasione il governo aveva promesso di sostenere il settore agricolo, colpito a ovest dalla siccità, a est e a sud dai bombardamenti che costringono gli operai a zappare col giubbotto antiproiettili. Nelle zone occupate, inoltre, i militari russi rubano le scorte. Il denaro del nostro governo è arrivato solo due settimane fa, troppo tardi per comprare il concime».

Se possibile, Bondarets abbassa ancora di più gli occhi. «Il pensiero mi toglie il sonno. Gestisco una fattoria di mille ettari con venti contadini che si sono arruolati nelle forze di Difesa territoriale, e quando staccano posano il fucile e impugnano la vanga. La terra non è mia e non so più come pagare l’affitto…».

Camminare tra sterminate distese di piante cresciute meno del dovuto, ascoltando i discorsi preoccupati dei due Volodymir, è una passeggiata nel secolo scorso. La fattoria di Bondarets è una delle cinque nate nel 1991 dalla dissoluzione del kolchoz Posmitnoy. Prendeva il nome dal capo, famigerato per i metodi draconiani e proprio per questo insignito per due volte, negli anni Sessanta, del premio di “grande lavoratore socialista”. Era parente alla lontana di Nikita Krusciov.

Posmitnoy obbligava sua moglie a stare nei campi per 15 ore al giorno e aumentava i turni agli altri. «Ripeteva: se la moglie del capo fa 15 ore perché non dovrebbero farlo tutte?», ricorda Varbanet, che lo ha conosciuto. «Odiava chi beveva, se ti beccava ubriaco al villaggio ti metteva su un camion e ti scaricava a 60 chilometri. Organizzava delle partite con il kolchoz rivale di Znamhyanka e pur di vincere faceva venire nascosto i calciatori professionisti di Odessa. Era una vita di disciplina ferrea, a parità di ettari un kolchoz produceva il 30 per cento di più rispetto a oggi». L’altro Volodymir, Bondarets, ne parla con meno enfasi. «Eravamo in una dittatura, eravamo schiavi».

L’analista ed esperta di agricoltura Anna Kovalchuk stima che il terreno non seminato a causa dei missili e delle mine russe ammonta al 20 per cento del totale. «Per il mercato interno abbiamo scorte per due anni, il problema è l’export: se per un europeo significherà avere meno olio di semi di girasole, alcuni paesi africani affronteranno un periodo di fame senza pane».

E anche senza olio vegetale. In mezzo a un campo di fiori gialli di colza, il contadino Volodymir Varbanet applica il suo metodo. E sentenzia: «Dovrebbero sfiorarmi il mento, invece mi arrivano al petto. Pure la colza sta crescendo poco».

7 replies

  1. Buongiorno Repubblica dei dormienti!
    In attesa di veder realizzato il progetto degli illuminati, e di vedere riversati in Europa milioni di profughi, di sollazzarci con le immagini della carestia nel corno d’Africa (memorabili le telecamere puntate in Somalia a riprendere gli spasmi dei morenti per fame, qualche anno fa), di emozionarci per la crisi economica che stiamo accogliendo festanti….mi sento di condividere un video, condensato ma perfettamente aderente si fatti.
    Quando uno lavoro è fatto bene, non c’è molto altro da aggiungere….:

    Piace a 1 persona

    • Queste informazioni non fanno altro che confermare come l’Italia, e soprattutto l’Europa, debbano agire di propria iniziativa con un’azione diplomatica seria, ponendosi come mediatori e garanti di un accordo lungimirante fra USA e Russia, che tanto si è capito che l’Ucraina è solo il terreno di scontro. Quello che speriamo tutti accada insomma, ma che invece ho paura non possa avverarsi per mancanza di zebedei dei nostri governanti.

      "Mi piace"

  2. Segnalo:

    https://www.pressenza.com/it/2022/05/un-futuro-senza-eni/

    Un futuro senza Eni

    06.05.22 – Re: Common

    Due anni fa, la pandemia e la conseguente chiusura di diversi settori economici facevano sprofondare il prezzo del petrolio ai suoi minimi storici, lasciando presagire a molti che il destino dell’industria fossile fosse segnato.

    Oggi ci troviamo in una situazione apparentemente ribaltata. La guerra in Ucraina, a cui si aggiunge la speculazione sui mercati finanziari, stanno spingendo i listini del gas su livelli mai visti prima, gonfiando i profitti delle multinazionali energetiche.

    L’ennesima fase emergenziale sta inoltre spianando la strada a una serie di narrazioni e manovre che rischiano di allontanare l’orizzonte di una giusta transizione. Governo e industria fossile parlano di sbloccare le trivelle, puntare sul carbone e aumentare le forniture di gas da altri paesi del Sud globale. Noi crediamo che sia invece indispensabile iniziare a immaginare modelli energetici alternativi, che mettano al centro persone e territori, ed interrogarci su come costruirli, a partire da pratiche ed esperienze già esistenti.

    Il prossimo 11 maggio si terrà l’Assemblea Generale di Eni, la più importante multinazionale italiana. Per il terzo anno consecutivo, i lavori si svolgeranno a porte chiuse, così da consentire a management e azionisti di discutere indisturbati su come investire gli enormi profitti generati in questi mesi di guerra. A partire dallo scorso autunno, Eni ha prodotto ricavi per 200 mila euro al minuto: tendenza che sembra destinata a durare nel tempo.

    In un momento come questo, l’ultima cosa di cui sentiamo il bisogno è un raduno di banche e fondi di investimento intenti a ragionare su come sfruttare a loro vantaggio le crisi che stiamo attraversando.

    Sentiamo invece l’esigenza di interrogarci su come mettere un punto definitivo al sistema energetico attuale, e porre le basi per costruire modelli più giusti, sostenibili, democratici, e autonomi.

    Per questo invitiamo tutte le realtà e persone che condividono questa prospettiva, o vogliano portarne delle altre, a un confronto su questi temi, il 14 maggio a Roma, presso il LOA Acrobax.

    Vorremmo che questa sia un’occasione per comprendere quali siano i costi reali e le implicazioni dell’approccio europeo alla “sicurezza energetica” e come la crisi in Ucraina rischi di acuire e produrre nuove ingiustizie legate al controllo delle risorse.

    Crediamo sia importante connettere tra loro pratiche e visioni di chi resiste contro Eni e l’industria fossile, lungo tutta la filiera estrattiva, dalle trivellazioni in Mozambico o in Val d’Agri, ai gasdotti che dall’Azerbaijan e dal Nordafrica arrivano in Puglia e in Sicilia, fino ai poli petrolchimici presenti nel nostro paese. Collegare questi nodi ci sembra cruciale per far emergere una narrazione comune e tessere alleanze in grado di sfidare colossi come Eni.

    Oggi che sempre più persone sono costrette alla scelta impossibile tra pagare le bollette e fare la spesa, pensiamo sia fondamentale concepire modelli energetici radicalmente diversi, che si fondino su assunti di giustizia sociale e ambientale e democraticità. Esperienze come quelle delle comunità e cooperative energetiche e delle realtà che praticano risposte politiche alla povertà energetica sono esempi preziosi di come sia possibile costruire collettivamente modelli più giusti.

    Le domande e i dubbi sono tanti e complessi. Cosa intendiamo per controllo democratico? È possibile sottrarre il controllo delle risorse a multinazionali come Eni? Qual è la nostra idea di sicurezza energetica e i principi di un modello energetico più giusto? È sufficiente sostituire una fonte energetica con un’altra? Quali alleanze vogliamo tessere e di quali strumenti abbiamo bisogno?

    Solo una cosa è certa: il sistema energetico attuale continuerà a produrre ingiustizie e smantellarlo è il primo passo per farne emergere di nuovi.

    EVENTO FB con programma:

    https://www.facebook.com/events/1001286700528895/?ref=newsfeed

    "Mi piace"

  3. Barbara Lezzi
    1 h ·
    Zelensky apre uno spiraglio al negoziato ma la risposta del segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, è: “L’ alleanza impedirà in ogni modo l’annessione della Crimea alla Russia.”
    La Nato non ha alcun interesse a fermare la guerra. Questa certezza rende ancor più intollerabile che il Presidente del Consiglio italiano si stia recando da Biden senza aver condiviso con il Parlamento le sue intenzioni.
    La cantilena che è stato tutto già votato non regge, ci sono cambiamenti sostanziali che devono essere affrontati con trasparenza e rispetto per i cittadini che già pagano le conseguenze di questo drammatico conflitto.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...