Gas: appena otto anni e abbiamo svoltato

Manlio Di Stefano, ha dichiarato che “le aziende americane hanno detto di potere incrementare la produzione fino al 15 per cento aggiuntivo rispetto a quello attuale, entro il 2030”. Appena otto anni e abbiamo svoltato. […]

(Antonio Padellaro – Il Fatto Quotidiano) – Avete presente quei film dove c’è un tritacarte che riduce i documenti compromettenti in coriandoli e striscioline prima dell’irruzione della polizia? Ecco, se vi informate sulla grande stampa dopo le prime pagine munitevi di forbici, colla (e lente d’ingrandimento). Quindi, sfogliate, tagliuzzate, mettete in relazione una frase qui e una là, compattate il tutto e alla fine capirete che ci aspetta un futuro, diciamo, di melma. Domanda a caso: nei prossimi mesi riceveremo sufficiente energia per non inceppare la produzione industriale e la vita delle famiglie? Risposta complicata? Tranquilli, abbiamo lavorato per voi. “Il rischio di un blocco totale del gas da parte della Russia è ormai il vero incubo dell’Ue” (Repubblica). Ma niente paura, poiché “Bruxelles risponde con il bando sul petrolio. Scatterà da settembre” (be’, allora siamo a cavallo). “Se venisse a mancare il gas russo, al netto di tutte le contromisure studiate per attutire le conseguenze, nei prossimi mesi il governo sarebbe costretto a razionare le scorte” (Corriere della Sera). “Già dal primo maggio vengono adottate alcune misure. C’è una prima stretta sui termosifoni e condizionatori delle pubbliche amministrazioni e delle scuole”. Ottimo, andiamo verso l’estate e dunque sul riscaldamento possiamo stare tranquilli, tanto più che le scuole saranno chiuse. “Subito più carbone, poi nuovi alleati. Così l’Italia non resterà a secco” (Repubblica).

Infatti, “c’è un piano che arriva a metà dell’anno prossimo, di più largo respiro, perché punta a una situazione strutturale: trovare Paesi produttori in grado di sostituire più della metà del gas al momento garantito da Mosca”. Metà dell’anno prossimo? “Il presidente Biden ha costituito una task force per fornire gas liquido all’Europa” (Repubblica). Anche se “per reggere il ritmo dei nuovi arrivi di gas via nave, l’Italia dovrà dotarsi di due nuovi rigassificatori”. Tempi di realizzazione: un paio d’anni. “Gli Usa all’Europa ‘Vi aiuteremo’” (Repubblica). Infatti, dopo il colloquio con la “Confindustria del gas americano” il sottosegretario agli Esteri, Manlio Di Stefano, ha dichiarato che “le aziende americane hanno detto di potere incrementare la produzione fino al 15 per cento aggiuntivo rispetto a quello attuale, entro il 2030”. Appena otto anni e abbiamo svoltato.

Nel frattempo meglio dotarsi di un ventilatore a pile e, per il prossimo inverno, del vecchio caro camino a legna.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

11 replies

  1. Trovo limitata la visione della reale portata del potenziale ammanco di gas, e conseguentemente di energia elettrica, in un’era umana completamente elettrificata, che fonda i suoi equilibri sul flusso di dati.
    Il punto non sarà solo scaldarsi o raffrescarsi, il punto nodale, oltre a un aumento esponenziale dell’inquinamento ambientale (dovuto a attività estrattive Fracking, ai rigassificatori, al trasporto) sarà un blocco mostruoso su ogni catena produttiva, sul sistema burocratico e bancario, sul sistema sanitario, sulla viabilità e i trasporti, sul sistema carcerario, sul sistema della stessa difesa nazionale….sarà una nuova era…forse transitoria ma devastante, e in armi, massicciamente prodotte e distribuite.
    Sarà chiamata Resistenza, anche quella.

    Piace a 2 people

  2. Da Dragula non mi aspetto niente, ma Di Stefano è veramente il simbolo di come i 5S siano diventati i 5 LEMMINGS.

    E poi cacciano via chi scrive LiberaZione.

    Traditori.

    Piace a 1 persona

  3. Insisto !! Una banda di pazzi sta governando il mondo !! E probabilmente i peggiori stanno seduti nel ns parlamento a fare una beata minchia!! Prima O poi qualcuno smetterà di accoltellarsi tra coetanei e verranno a cercarli nei sontuosi pallazzi , dove no spengono mai riscaldamento e aria condizionata..

    Piace a 2 people

    • Sperem !! Intanto molti andranno a ca ! Ma credo che resteremo con i peggiori .. seduti da 30 anni senza fare altro che comprarsi case e vitigni .. conto poco sulla giustizia italiana e/ o divina .. sono pieni di parenti e amici voracissimi !

      Piace a 1 persona

  4. Che i politici non capiscono quando non ce da mangiare ,quando ce da lavorare si nascondono tutti.

    1 ripeto tutti i tetti di COMUNI REGIONI PROVINCE con pannelli solari e accumulo di acqua calda

    2 risparmio soldi inquinamento

    3 non si fa perchè ENEL E SOCI SONO I PADRONI DEL SOLE .

    "Mi piace"

    • Basterebbe davvero poco!
      Nazionalizziamo gli impianti installati, li abbiamo pagati noi!
      Si possono fare programmazione e razionalizzazione energetica partendo dall’istituzione delle comunità energetiche, facciamo piazza pulita di tutti gli impianti FER quelli che non producono il potenziale installato e pretendiamo i danni da installatori e tecnici che ci hanno truffato, pannelli e vetri fotovoltaici su tutti i tetti con irraggiamento, stazioni di accumulo, e razionalizzazione della rete energetica nazionale. E poi, sopra ogni cosa, liberiamo i campi produttivi e lavoriamo per indipendenza e sovranità alimentare!
      Quando invece si inizierà a parlare seriamente di bonifica ambientale e riforestazione?
      Quando si provvederà a programmare una decrescita seria della produzione di rifiuti?

      Invece andrà così:
      ministero sviluppo economico e transAzione energetica faranno autorizzare milioni di GW di grandi impianti eolici in terra e in mare, finanziati da noi ma con beneficiari privati degli introiti, GSE e Enel continueranno a ostacolare gli impianti progettati per soddisfare singoli siti energivori, non ci sarà programmazione e razionalizzazione, gli uffici pubblici continueranno a tenere la luce, il riscaldamento e il raffrescamento come non ci fosse un domani, il settore agroalimentare sarà dominato solo da colture e allevamento intensivo ogm e avvelenato, non si riforesterà, continueremo a produrre milioni di tonnellate di imballi e confezioni plastificate, e così fino all’ora della nostra morte, amen.

      Piace a 1 persona

  5. Appena alzata stamattina, ho avuto la sorpresa di non avere energia elettrica, un semplice corto, ma immediatamente accortami, ebbi un pensiero, ovviamente rivolto a ciò che sta accadendo ed al fatto che potrebbe effettivamente accadere che potessimo rimanere, senza fonti energetiche tra non molto.. non è un impossibile evento, basta che quelle 4 teste da consulti, dei cosiddetti governanti, impazziscano definitivamente e ci potremmo trovare senza gas, luce, acqua.. scenario abbastanza apocalittico ma possibile se dovesse scoppiare una guerra globale.. il problema sono sempre gli interessi economici, tutti hanno sempre pensato soltanto ai propri interessi economici, senza lungimiranza ed intelligenza, il qui ed ora è stato interpretato molto male!! non c’è stata volontà di intervenire per salvaguardare il pianeta e di conseguenza avere fonti energetiche rinnovabili ed ecologiche che potessero sostituire le fonti energetiche fossili. ora ci ritroviamo con la possibilità di rimanere al “buio”, al”freddo”, ma con le spedizioni su Marte!! gli esseri umani sono degli idioti, tutti indistintamente, i potenti che si credono i padroni della terra ed i comuni mortali (come me) che sono un ammasso di pecore belanti, intente a sopravvivere passivamente, belare, vivendo una vita insulsa, facendoci manovrare da dementi invasati dal delirio di onnipotenza.. personalmente sono molto stanca di essere passiva spettatrice che aspetta soltanto di passare a miglior vita.. voglio agire, voglio protestare, ribellarmi a questo stato di fatto, non voglio che le generazioni future, debbano subire passivamente le decisioni scriteriate di affaristi senza scrupolo, ci sono menti pensanti comunque tra noi comuni mortali, persone che hanno la possibilità di smuovere le coscienze e le persone incazzate come me!! dobbiamo fare qualcosa!! dobbiamo dimostrare di non essere delle amebe ma di essere degli esseri umani che hanno dignità ed un cervello funzionante!! bisogna avere il coraggio di dire basta a coloro i quali ci manovrano a loro piacimento!! questa volta l’umanità rischia di brutto!!

    "Mi piace"