Scemi di guerra

(Massimo Gramellini – corriere.it) – Oltre che più cattivi, la guerra rende tutti più stupidi. Fa vedere pericoli e questioni di principio anche dove non ci sono. Il tasso di stupidità è modulabile. Si va dal poliziotto moscovita che multa un passante perché indossa scarpe gialloblù, fino al ministero della cultura ucraino che vieta il «Lago dei cigni» perché scritto da un genio vissuto a San Pietroburgo. Poi ci sono gli organizzatori di Wimbledon che escludono due fra i tennisti più forti al mondo, Medvedev e Rublev, in quanto russi. Pensano di creare un danno di immagine a Putin? Ma cosa volete che importi a Putin del boicottaggio di atleti che manco vivono in Russia: al limite se ne servirà per indossare gli amati panni della vittima. Intendono punire persone vicine al Cremlino? Rappresaglia magari discutibile, ma in questo caso addirittura lunare, dato che Rublev ha contestato la guerra fin dal primo giorno.

Si può condividere il rifiuto di partecipare alle competizioni in Russia. Si può condividere già meno l’esclusione delle squadre russe dalle competizioni in Occidente. Ma chiunque non sia completamente rintronato dal rombo dei cannoni riconoscerà che un divieto esteso agli sport individuali è un passaggio a vuoto della psiche. Un’idiozia che ti fa apparire simile all’aggressore, a quel Putin che vede minacce dappertutto e accorcia o allunga il tavolo a seconda dell’interlocutore. Spero di poter applaudire Medvedev e Rublev agli Internazionali d’Italia. Non lasciamoci peggiorare dalla guerra. Non troppo, almeno.

24 replies

    • Ciao Ed,
      sono d’accordo con te. E il primo articolo un po’ intelligente che gli vedo scrivere. Che si stia riposizionando?
      Max

      "Mi piace"

    • Non c è alcuna cura per un imbecille come Gramellini !! Si sta solo ricalibrando .. poi continuerà a sparare le sue melense puttanate apoena beve il caffe del corriere della serva! Probabilmente il suo cervellino è impegnato a riscrivere ka sua versione capolavoro di ” guerra e pace ” siamo tutti in trepidosa attesa ..

      "Mi piace"

  1. Preferirei non vedere più gli spot commerciali di Gramellini.
    Dubito che lo si possa considerare ancora un giornalista.

    "Mi piace"

  2. Invece io penso che facciano bene a boicottarli in tutti i modi possibili, ci deve essere una forzatura che porta ad un malcontento i russi, un’implosione dall’interno, perché vedendo le loro trasmissioni si deduce che non é solo il governo, ma anche buona parte della popolazione con una mentalità imperialista

    "Mi piace"

    • Questa e’ una logica perversa, ripensaci. Quando l’ONU “scomunica” un criminale come Assad, l’atto e’ rivolto alla persona, non alla Nazione, la Siria. Tempo fa avvertii che l’Ucraina voleva bannare tutti i nuivi dominii Internet con suffisso .ru, e giustamente le risposero picche. Pochi giorni fa successe pure questo: https://www-themoscowtimes-com.translate.goog/2022/04/14/times-new-roman-arial-fonts-blocked-in-russia-vedomosti-a77352?_x_tr_sl=en&_x_tr_tl=it&_x_tr_hl=en&_x_tr_pto=wapp. Se il diritto alla propria opinione e’ davvero universale non puoi pretendere che un/a atleta/musicista/ferrotramviere pronunci un peana di adesione ad un qualunque boicottaggio. E Toscanini allora? Una sberla per nulla?

      "Mi piace"

    • Due mesi fa ti avrei dato ragione, ma ho visto troppi spezzoni di trasmissioni russe dove è solo un glorificare della loro cultura a discapito delle altre, ora se anche gli stati “stan”, Kaz. Kirz. Uzb. ecc. si schierano con Kiev, significa che il “problema Russia” va ben oltre la guerra tra i due stati, c’è proprio un discorso da fare sull’egemonia russa, lo fanno capire chiaramente i paesi attorno

      "Mi piace"

      • X PaolaBLatta:

        perché non implodi tu per dare l’esempio?

        Scarichi odio come una fanatica e per una volta che Gramelot ha detto una cosa giusta pretendi di schiantare Mosca tramite Wimbledon, che tra l’altro è la stessa nazione che sta condannando a vita Assange.

        Non meriti altro che disprezzo e forse è anche la sola cosa che cerchi.

        "Mi piace"

    • bisogna esportare la democrazia ma questo i russi non lo capiscono, come non lo hanno capito i libici, gli iracheni, gli afgani, ecc.. Noi lo facciamo per loro, ma questi hanno la testa dura

      Piace a 2 people

    • Non c è alcuna cura per un imbecille come Gramellini !! Si sta solo ricalibrando .. poi continuerà a sparare le sue melense puttanate apoena beve il caffe del corriere della serva! Probabilmente il suo cervellino è impegnato a riscrivere ka sua versione capolavoro di ” guerra e pace ” siamo tutti in trepidosa attesa ..

      "Mi piace"

  3. Credo che Gramellini, questa volta abbia quasi ragione. Quasi…perché la guerra rende tutti più stupidi, tranne lui. Ridotto così fin dalla nascita da lunghi anni di pace.

    "Mi piace"

  4. La “scimmietta ammaestrata” della NATO spa, colpisce ancora, sempre piu in basso, ma rimangiandosi un po’ di odio e in modalita’ “freno a mano”..

    "Mi piace"

  5. Ma certo gramelluccio…….
    Il problema più grosso della guerra in Ucraina infatti è proprio la mancanza dei giocatori russi ai tornei di tennis vero?
    Ma va va……

    "Mi piace"

  6. “La guerra rende tutti più stupidi” ne abbiamo avuto una lampante dimostrazione dagli articoli di Gramellini……e ci siamo sorpresi da quel più, convinti che il suo massimo fosse stato già raggiunto in tempo di pace. …

    Piace a 2 people

  7. “Oltre che più cattivi, la guerra rende tutti più stupidi”
    Il Gramo non corre il rischio.
    Non ha margini di peggioramento.

    “Ma cosa volete che importi a Putin del boicottaggio di atleti che manco vivono in Russia: al limite se ne servirà per indossare gli amati panni della vittima”
    Ah, era Putin quello che faceva la vittima, “piangendo miseria” in tutte le tv?
    Strano, mi sembrava il guitto cocainomane.

    Piace a 2 people

  8. E’ una costante di tutte le dittature.
    Fino a ieri si indicavano il rogo dei libri, l’ ostracismo dei professori, i divieti di lettura e rappresentazione del fascismo… Tutto da manuale.
    Ma se lo facciamo noi, i buoni, i democratici, i giusti, omnia munda mundis…

    "Mi piace"

  9. Io un’idea ce l’avrei:

    Boicottiamo Wimbledon.

    UK = ASSANGE, giusto?

    Perché loro possono escludere Medleviev e passarla liscia?

    "Mi piace"

    • Perchèp loro ( e quindi “noi”) sono i “buoni”.
      E poi vuoi mettere: cominciamo ad escludere, per varie “inadempienze” tutti i non Occidentali e magari riusciamo a vincere qualcosa.

      "Mi piace"

  10. Non lasciamoci peggiorare dalla guerra. Non troppo, almeno.

    Ecco, appunto: senti chi parla!

    “Si sa che la (gggg)gente dà buoni consigli sentendosi come Gesù nel tempio,
    si sa che la (gggg)gente dà buoni consigli se non può più dare il cattivo esempio.”

    (cit.)

    Tuttavia concordo che QUESTO articolo (?!) del Gramella sia meno idiota dei suoi soliti, (ma comunque costui mi rimane ampiamente sulle palle).

    "Mi piace"