Domenico Quirico: “Il nuovo Kgb si è allineato alla dottrina del suo capo Putin”

(Domenico Quirico – la Stampa) – I tempi cambiano. All’inizio degli Anni 80 Iuri Andropov dichiarava con fierezza che il Kgb svolgeva come sempre il suo compito «nel cammino inarrestabile della rivoluzione mondiale». Mancavano dieci anni appena alla fine dell’Unione Sovietica. Ma non del Kgb. Dal debutto del millennio, e dell’era Putin, il concetto di sicurezza nazionale ha fatto una svolta, consistente, in Russia.

Leggiamo i manuali: «Garantire la sicurezza della Federazione russa include la salvaguardia dell’eredità culturale, spirituale morale di tutti i popoli russi (stuzzicante dilatazione…). Difendere la cultura di quei popoli, elaborare una politica di Stato che inglobi la sfera della educazione spirituale e morale del popolo».

Dai tempi della Ceka e dei suoi efficienti liquidatori in cappotto di pelle e nagant nella fondina i Servizi sovietici hanno sempre praticato fervidamente l’ateismo militante.

E invece ora…

Marzo 2002, Mosca: il Ventennio sbocciava appena con i suoi fervori mistici e già l’erede del Kgb traslocato nell’acronimo Fsb incontrava dio. Nessuna immagine potrebbe esser più esplicita. C’è il patriarca Alessio II che consacra una chiesa restaurata nel centro come parrocchia dei servizi segreti, affinché ci fosse un luogo adatto ai bisogni spirituali così trascurati in passato degli agenti.

Osservate bene Nikolai Patrucev, potente direttore dell’Fsb: agita il turibolo e scambia doni con il patriarca a simboleggiare l’unione, ovviamente mistica, tra la Chiesa ortodossa e l’apparato di sicurezza di Stato. Patrucev offre la chiave simbolica della chiesa, in oro massiccio, e una icona di Alessio, santo patrono di Mosca.

Il patriarca ricambia con una icona di san Nicola, patrono personale del super-spione di Stato, e soprattutto una icona della madonna umilenie. Umilenie in russo è vocabolo molto ricco: richiama immediatamente l’idea della compassione. Ma il patriarca, e il fine Patrucev ne ha colto l’allusione, alludeva a un altro significato: il cambiamento morale di una persona brutale e rozza folgorato da uno spettacolo toccante, ad esempio quello di una madre che allatta il suo bimbo. Una splendida metafora dei tempi nuovi. Smascherare e sopprimere, come nel buon tempo antico, ma lo si faccia con spiritualità.

Pensate all’epoca degli svaghi sanguinari di Iagoda e di Beria, che avevano previsto perfino i gulag dei bambini, o a quella più mite della «schizofrenia a lungo decorso». Il cekista devoto alle icone sarebbe stato inghiottito sveltamente in qualche tundra gelata a tener compagnia a Shalamov e alle «mani bianche», i prigionieri politici del mondo a parte, il gulag.

Conversioni pubbliche ostentate ed eccellenti sono seguite in questi anni. Per esempio Nikolai Leonov, che per primo nel Kgb intuì più di mezzo secolo fa il potenziale rivoluzionario di un certo Fidel Castro e regalò agli Usa 50 anni di guai. È lo stesso Fsb a segnalare con soddisfazione questo sbocciare della fede.

Un ex direttore delle relazioni pubbliche del Servizio di spionaggio più micidiale della storia, Vassili Staviski, ha pubblicato volumi di poesie mistiche come la raccolta Segreto dell’anima e un libro, lo dice lui, «spirituale e patriottico» rivolto ai bambini russi: titolo incantevole, Accendi una candela, mamma. Alcuni suoi poemi sono stati incisi su cd.

Il nuovo Kgb dunque si è allineato alla dottrina del suo capo Putin, questo imperialismo misticheggiante che dovrebbe affrontare la prova di cambiare gli equilibri del modo pagano, nuovo nome del capitalismo.

Putin ha conservato i riflessi e la mentalità di quello che si definiva «lo spirito cekista» e il suo fondo criminaloide. Nel suo ripostiglio ideologico ci sono sempre «la spada e la scudo», simboli del Kgb: la prima per colpire all’estero, con spionaggio disinformazione e «operazioni speciali», appunto. Lo scudo per ripulire gli angolini all’interno, controllare a ogni costo della popolazione con il formulario ossessivo con cui marchiare chiunque resista: amico-nemico, fedele-traditore.

Nella sua biografia peraltro piena di omissis e sparizioni si racconta come fosse appassionato da ragazzo dei film di spionaggio. Che non erano però quelli di 007 al servizio di sua maestà, ma con i James Bond russi che trionfavano sui rivali occidentali. Erano i film di propaganda girati su suggerimento di Andropov, il primo capo della polizia segreta a conquistare completamente il potere. Era la Lubianca a dirigere finalmente lo Stato. Questo Beria realizzato è stato il suo modello.

La sicurezza spirituale non ha fatto cambiare i vecchi, cari metodi: che si chiamasse Ceka, Ghepeu, Nkvd, Kgb è sempre stato il cuore del potere, con il regime di terrore per stroncare ogni opposizione e la gestione diretta del sistema concentrazionario. Le radici sovietiche sono solide, l’oblio di Dzerzinsky dopo il fallito golpe dell’agosto 1991 è stato breve. Ogni anno viene commemorato con enfasi il 20 dicembre, data di fondazione della Ceka, sei settimane appena dopo il colpo di Stato bolscevico.

C’era già bisogno della spada per liquidare eretici e dissidenti. Anche il ramo che si occupa dell’estero, detto Svr, celebra l’anniversario del sua fondazione il 20 dicembre 1920. Qualche anno fa era in corso la stesura di una monumentale opera in più volumi che doveva riepilogare la storia dello spionaggio estero che «ha adempiuto il suo dovere patriottico verso la patria e il suo popolo in maniera onorevole e disinteressata».

E proprio la guerra in Ucraina sembra aver aperto gravi dubbi sulla sua efficienza. Come generali e ammiragli, lo spionaggio ha commesso errori: per esempio illudendo il Cremlino sulla possibilità che il governo ucraino si sfaldasse nelle prime ore dell’invasione o sulla consistenza dell’esercito di Kiev che neppur troppo segretamente americani e inglesi in questi otto anni hanno armato e addestrato. Cadranno teste.

È la regola dell’Egoarca che non perdona. Nella Sede si può immaginare una allegria da obitorio. Ma attenzione: la specialità di vecchi e nuovo Kgb è sopravvivere, è una pedonaglia che vive sempre trapassi da signori. Fu Andropov, sempre lui, a lanciare l’operazione «sopravvivere» quando si accorse, sdraiato su una speciale sedia di dentista adattata perché potesse muovere il corpo cercando di resistere ai dolori che lo stava uccidendo, che il declino dell’Urss era irrimediabile.

Per esempio aprendo false banche e aziende in Paesi dalla legislazione favorevole. Il Kgb vi trasferì miliardi di dollari con il metodo di acquisti in Urss di petrolio, metalli o legname fatturati a un prezzo più basso del valore. I beni venivano poi venduti al prezzo di mercato e il guadagno occultato. In tempi di sanzioni che nella pentola dei conti pubblici fanno bollire lo spettro della bancarotta il nuovo Kgb mistico potrebbe riscattarsi con i suoi vecchi talenti finanziari.

3 replies

  1. Possiamo anche farne a meno della realtà romanzata di Chirico! Si deve essere montato la testa …o il direttore della busiarda a scelta !

    "Mi piace"

  2. Bastava che scriveva “Putin è cattivo” e faceva prima.
    Ora aspettiamo solo che ci dica chi sono i buoni.

    “regalò agli Usa 50 anni di guai”

    Forse sono 50 anni che scrivi fesserie.

    “James Bond russi che trionfavano sui rivali occidentali. Erano i film di propaganda”

    Mica come Rambo 2, 3 e Rocky 4!

    “la spada e la scudo», simboli del Kgb: la prima per colpire all’estero, con spionaggio disinformazione e «operazioni speciali», appunto. Lo scudo per ripulire gli angolini all’interno, controllare a ogni costo della popolazione con il formulario ossessivo con cui marchiare chiunque resista: amico-nemico, fedele-traditore”

    A parte il fatto che uno stemma militare con spada e scudo non è niente di che, ma l’errore è sempre lo stesso: si pretende che la Russia debba giocare pulito ad un tavolo di bari di professione.

    Provate ad immaginare se i Kennedy fossero stati russi: tutta la stampa mondiale avrebbe scritto che sono stati uccisi dal KGB per poi piazzare il Putin di turno.
    Nessuno si sarebbe bevuta la storia del pazzo, che fa tutto da solo, e che poi viene ucciso da un mafioso in una centrale di polizia, il quale dice che lo ha ucciso per far soffrire meno la vedova. E’ di un assurdo totale!
    Poi, oltre al fratello ucciso da un altro presunto pazzo, muore pure il figlio (che avrebbe vinto facile le elezioni se si fosse candidato) in un presunto incidente aereo senza nessun mayday, che normalmente si pronuncia alla radio in caso di avaria. Aereo in pezzi sul mare.
    Altro che polonio!
    Questa è la democrazia occidentale che vuol dar lezioni di “gioco pulito” a Russia e Cina.

    Piace a 1 persona

  3. Non ho capito a chi i Servizi Segreti russi dovrebbero essere “allineati”. A Biden?
    E poi che i Russi mangino i bambini si sa da sempre.
    Qualche anno fa è uscito un bel libro che sottotitola “Mille anni di diffidenza” e parla delle origini storiche, religiose, ideologiche e geopolitiche del pregiudizio occidentale nei riguardi della Russia.

    GUY METTAN, “Russofobia”, Teti editore.
    Molto interessante, consiglio.

    Piace a 1 persona