Quel bacio senza mascherina

(Pietrangelo Buttafuoco) – In un pomeriggio di luce romana, ieri, sull’autobus in transito su via Gregorio VII, un ragazzo e una ragazza – seduti nei sedili dell’ultima fila – si baciano. Col ruggito della primavera addosso, i due fidanzati si baciano, si mangiano con gli occhi e si baciano. I passeggeri si voltano dall’altra parte, complici, per regalare loro l’invisibilità e la gioia di vivere. I viaggiatori, per un momento incuranti di qualunque regola, lasciano tranquilli i due ragazzi che si baciano ma una tipa – con tanto di cerchietto in testa – comincia a latrare. Dice cose tipo “distanziamento”, “mascherina”, “contagi in aumento” e d’improvviso – nella cupezza della più bieca fissazione – tutti quanti, correttamente protetti dalla FfP2, tornano all’emergenza. Spaventati dalla vita.