A fine carriera «Max» scopre di essere un ingenuo

(Maurizio Belpietro – laverita.info) – Ma quanto è tenero Massimo D’Alema quando chiede, a Tommaso Labate, che lo intervista per il Corriere della Sera, che cosa voglia dire lobbista?

Ora, immaginate un uomo che nella sua vita può vantare un passato da segretario della Federazione giovanile comunista, direttore dell’Unità, segretario dei Democratici di sinistra, presidente della commissione bicamerale per le riforme, presidente del Consiglio, ministro degli Esteri, presidente del Copasir, cioè del comitato che vigila sui servizi segreti, e pure da vicepresidente dell’Internazionale socialista, che è costretto a chiedere a un cronista parlamentare, seppur qualificato come Labate, che cosa voglia dire lobbista. Glielo spieghiamo noi. Basta aprire il dizionario Garzanti per scoprire che il lobbista è colui che fa parte di una lobby, ovvero di qualcuno che appartiene, citiamo senza aggiungere una virgola, a un «gruppo di interesse che, esercitando pressioni anche illecite su uomini politici, ottiene provvedimenti a proprio favore». Ecco, noi dopo aver letto l’intervista al quotidiano di via Solferino, siamo certi che l’ex premier, oggi consulente per aziende che non vuole nemmeno nominare per non metterle nei guai, non abbia esercitato alcuna pressione illecita su uomini politici. Come ammette lui stesso nel colloquio con Labate, è stato semplicemente ingenuo. Sì è fidato di persone che si erano presentate come immacolate, senza guardare il loro curriculum e senza neppure dare un occhio a internet, dove pure avrebbe potuto scoprire che i figuri a cui si accompagnava per «aiutare le aziende italiane» non erano così titolati come sembravano. Sì, ha scambiato un ex paramilitare, condannato a 40 anni di carcere e poi graziato, per un senatore, ma che cosa volete che sia? Sì è fidato di un imprenditore salentino, che conosceva da anni e di cui avrebbe dovuto sapere i trascorsi non proprio intonsi, raccomandandolo all’ambasciatore in Colombia per alcune forniture militari? Beh, ma quello gli aveva detto di
essere già in ottimi rapporti con due consiglieri del ministero degli Esteri e lui ha pensato bene di aggiungere alle conoscenze del conoscente anche il nostro rappresentante a Bogotà. Teme di essere indagato? E perché? risponde il candido D’Alema: «Non ho fatto nulla di illecito o poco trasparente». Anzi, quasi quasi da quel che dice si capisce che si ritiene una vittima. Non è stata una leggerezza fidarsi di certi personaggi, senza controllare chi realmente fossero? Sì, forse il suo è stato un peccato di ingenuità. «In questa vicenda c’è stata una mancanza di cautela». Ma se lui è stato poco accorto, le aziende che intendeva aiutare, ovviamente per puro spirito solidaristico nei confronti del Made in Italy, «hanno agito in modo assolutamente corretto e prudente». E gli 80 milioni di provvigione di cui parla al telefono? «Ho fatto una stima sommaria di quello che poteva valere – in termini di consulenza, promozione commerciale e assistenza legale – una massa di investimenti come quella di cui si parlava». Insomma, niente di concreto, solo una valutazione generica, da uomo che conosce il mondo, la politica e gli affari, sebbene scambi ex paramilitari per senatori. Di certo gli 80 milioni non erano una richiesta. E come mai intendeva affidarsi a uno studio legale di Miami? Semplice conoscenza e stima nei confronti di una società con cui ha già lavorato in passato. E lei che cosa ci avrebbe guadagnato in questa storia? chiede ancora Labate. Niente soldi, per favore. Solo eterna riconoscenza. «Vantaggi nel campo dell’energia, delle infrastrutture, in rapporto alle società private con cui collaboro». Un do tu des da cui sarebbero state escluse le aziende pubbliche. Ma Fincantieri e Leonardo, le due società che con l’interessamento di D’Alema e la fattiva collaborazione di mediatori poco raccomandabili, non sono pubbliche? Sì, ma il povero D’Alema, impegnato in un’arrampicata sugli specchi per giustificare il suo ruolo in una trattativa che preferisce chiamare promozione, dimentica questi dettagli. Alla fine, dopo l’impegnativa scalata, alla domanda se, conoscendo con chi aveva a che fare, si sarebbe infilato in questo pasticcio, l’inesperto Massimino, l’uomo che al telefono cercava di convincere i suoi interlocutori che il BU-SI-NESS (lo disse scandendo bene le parole e le S) valeva 80 milioni da dividersi equamente, risponde: «Non direi».

3 replies

  1. WAR IS BUSINESS- Viviana Vivarelli.

    Il grande D’ALEMA, il più intelligente del Pd (!), viene intercettato mentre chiede 80 milioni per intermediare una vendita di armi alla Colombia. Armi??? Alla Colombia?? Quella dei narcos e delle stragi terroriste? Dei crminali al potere e del popolo affamato?
    Ma D’Alema non vendeva il vino? Vino.. armi.. sempre affari sono.
    In affari con gli emirati è Renzi, sempre bene accolto da Letta.
    A questo si sono ridotti quelli del Pd??? A trafficare armi? Non che Salvini con Savoini facesse meglio!
    Poi si scandalizzarono pure quando Travaglio disse che Palazzo Chigi è una merchant bank che parla inglese. Quanto ci guadagna Draghi a metterci subito dentro la terza guerra mondiale? E tutti quelli che ieri lo applaudivano svisceratamente?
    Là dove noi vediamo morti e desolazione c’è chi ci vede solo affari.

    "Mi piace"

  2. D’Alema con questa sua impresa riesce nel difficile intento di fare sembrare uno come Renzi un poveraccio. Dovrebbe farsi sparare con un razzo su Marte con le mani sporche di marmellata per la vergogna.

    "Mi piace"

  3. Il Barbiere di Gallipoli tale quale a Sciaboletta, tutto a sua insaputa. Ricorda il baffino di [anni ruggenti: mangia te che mangio io] evviva la prescrizione.

    "Mi piace"